Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

wyjkz31

La zattera in Duomo - Chiara Giudici [Comitato di lettura]

Post raccomandati

 


Titolo: La zattera in Duomo

Autore:  Chiara Giudici
Editore:0111 Edizioni

Pagine: 172

ISBN: 978-88-9370-178-5

Genere: grottesco, distopico, horror
Formato: cartaceo e digitale

Prezzo: € 14,50 cartaceo, € 5,99 digitale

 


Trama
Sofia, single irritabile e disoccupata cronica, sopravvive come può in una Milano popolata da personaggi strambi e da zombi. Gli zombi, dopo aver aggredito e divorato la maggior parte delle persone dotate di buona intelligenza, adesso “convivono” con i sopravvissuti. Le aggressioni sono diventate sporadiche, gli umani si sono “adattati” ai nuovi ospiti e la vita ha ripreso un andamento quasi normale.

I problemi di Sofia sono perciò molto ordinari: la mancanza di entrate stabili e, malgrado fatichi ad ammetterlo, la mancanza di un compagno. Nel corso del libro cercherà entrambi con esiti a volte scontati e a volte grotteschi fino a quando il problema zombi tornerà a toccarla da vicino e dovrà progettare una fuga in cerca della salvezza.

 

Contenuti
Di zombi ne abbiamo visto e letto a iosa e questi non morti formato famiglia si distinguono dalla norma per la particolarità di divorare solo le persone intelligenti; la società descritta dall’autrice è perciò composta quasi unicamente da persone mediocri: la somiglianza nelle descrizione con la società attuale è evidente e ogni lettore potrà fare le proprie considerazioni in merito.

Il romanzo non è però centrato sulla critica sociale ma sul personaggio della  protagonista, Sofia, sulle sue debolezze - prima fra tutte il considerarsi “stupida” per non essere stata oggetto degli attacchi zombi - sulla sua tendenza a lasciarsi travolgere dagli eventi e a reagire con aggressività alle frustrazioni.

 

Ambientazione e personaggi
La Milano del romanzo rispecchia l’immaginario nebbioso e piovoso ma per il resto rimane poco definita; quello che invece emerge bene dalle descrizioni dei luoghi e degli ambienti è un’atmosfera di decadimento in linea con la storia narrata.

Il personaggio di Sofia è ben caratterizzato e altrettanto lo sono i numerosi personaggi che le ruotano attorno, strani quanto basta per risultare interessanti e rimanere impressi nella memoria; accanto a episodi in cui l’autrice gestisce con naturalezza i personaggi ce ne sono però altri in cui le reazioni appaiono stereotipate.


 

Stile e forma
La scrittura è a mio avviso il lato più debole del romanzo; il linguaggio è molto semplice, a volte colloquiale, la costruzione dei periodi spesso è contorta e ci sono numerosi refusi che potevano essere evitati con un po’ di attenzione. Buona invece la capacità di creare aspettativa e incuriosire il lettore.

 

Giudizio finale 

Il libro è un mix di generi: grottesco, distopico, horror (quelli dichiarati) con l’aggiunta di alcuni episodi da romanzo rosa. I lettori che si aspettano una perfetta rispondenza la genere rimarranno delusi ma chi ama il fantastico in generale, come la sottoscritta, troverà piacevole questa miscellanea. Ho amato meno il finale - molto -aperto, ma anche in questo caso è una questione di gusti. Lo sconsiglio, invece, a chi cerca una scrittura curata.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×