Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Rocco Lassandro

Un po' d'amore

Post raccomandati

Voglio comprare un po' d'amore.

Ho faticato come un mulo,

senza un grammo di cervello

e tonnellate di dolore.

 

Ho un cuore grande come un pozzo

d'acqua stagnante e di larve di zanzare,

di zanzare e del mio sangue

che nessuno ha mai bevuto.

 

Non da chi tende una mano

con già l'impronta dei denari: trenta

e, dietro, labbra strette e uno sguardo ostile.

 

Cerco in un cespuglio di capelli

o nelle fossette agli angoli di un sorriso

di smarrirmi o se ce n'è un po' da barattare.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buongiorno @RoccoLassandro :) benvenuto nel Writer'sDream!

 

^^Debutto poetico molto interessante. Lo stile mi è famigliare:asd: riconosco me stessa. In questi quattro versi dai ottimi spunti per riflettere.

 

21 ore fa, RoccoLassandro ha detto:

Voglio comprare un po' d'amore.

Ho faticato come un mulo,

senza un grammo di cervello

e tonnellate di dolore.

Questa strofa mi fa impazzire:

senza un grammo di cervello

e tonnellate di dolore.

 

21 ore fa, RoccoLassandro ha detto:

Ho un cuore grande come un pozzo

d'acqua stagnante e di larve di zanzare,

di zanzare e del mio sangue

che nessuno ha mai bevuto.

Qui sei poco chiaro. Rivedrei la parte in mezzo. Troppe d secondo me:

d'acqua stagnante e di larve di zanzare,

di zanzare e del mio sangue

 

21 ore fa, RoccoLassandro ha detto:

Non da chi tende una mano

con già l'impronta dei denari: trenta

e, dietro, labbra strette e uno sguardo ostile.

La mia interpretazione mi porta a dire che l'amore non ha prezzo.

Anche se "paghi" per ricevere amore, non sarà mai vero amore.

 

21 ore fa, RoccoLassandro ha detto:

Cerco in un cespuglio di capelli

o nelle fossette agli angoli di un sorriso

di smarrirmi o se ce n'è un po' da barattare.

Questo verso è il mio preferito. Dà speranza.Forse in giro c'è ancora qualcuno disposto a dare amore anche senza barattare.

 

Conclusione: testo poetico scorrevole, scritto bene con parole semplici. Sei stato molto bravo, con semplicità trasmetti tanto.

:rosa:Ti auguro una buona giornata

Floriana

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Questa poesia ha di certo immagini in grado di colpirvi davvero positivamente. Specie l'immagine della prima terzina è molto, molto suggestiva, non che le altre siano di meno, come nella seconda quartina. Sembra quasi giocosa nella sua disperata ricerca, ma non mi spingerei a definirla tragicomica, perché c'è ben poco di comico qui. Semmai c'è un'ironia di fondo nel guardarsi attorno senza trovare dove mandare quell'amore. La semplicità del linguaggio per esprimere qualcosa di così profondo è anche azzeccatissima, rende molto bene.

A livello formale invece alle volte si incaglia nella lettura: la seconda quartina, come giustamente fatto notare prima di me, ha un po' troppi "di", capisco l'intenzione di creare allitterazione, ma usando una sola parola è un po' pesante, mentre, nella prima terzina, mi ha un po' messo in dubbio quel due punti tra "denari" e "trenta", sicuro si può rendere scorrevole senza abbandonare l'immagine.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Il 14/1/2019 alle 12:56, Rocco Lassandro ha detto:

Voglio comprare un po' d'amore.

Ho faticato come un mulo,

senza un grammo di cervello

e tonnellate di dolore.

 
L'inizio è davvero bellissimo. Brutale, un po' sgraziato ma potente. Mi piace questo riferirsi al concetto di "peso" in più sensi.

 

 

Il 14/1/2019 alle 12:56, Rocco Lassandro ha detto:

Ho un cuore grande come un pozzo

d'acqua stagnante e di larve di zanzare,

di zanzare e del mio sangue

che nessuno ha mai bevuto.


L'immagine sostiene un senso che si può sentire più che capire, almeno nell'immediato. Ho dovuto rileggerla per afferrarla.
Alla fine del secondo rigo inserirei un punto e virgola, al luogo della virgola. Credo che lì abbia bisogno di una "pausa" un po' più lunga, che ne migliorerebbe la leggibilità e il ritmo.

 

Il 14/1/2019 alle 12:56, Rocco Lassandro ha detto:

Non da chi tende una mano

con già l'impronta dei denari: trenta

e, dietro, labbra strette e uno sguardo ostile.


Leggendo questi versi ho l'impressione che la parte precedente sia quasi una parentesi perché ti riferisci al primo vero "voglio comprare un po' d'amore" e quindi continui "Non da chi tenge una mano...". Ecco, qui farei una piccola variazione, senza toccare le tue parole:

Non da chi tende una mano
Con già l'impronta dei denari: trenta
e dietro, labbra strette

ed uno sguardo ostile.

 

Il 14/1/2019 alle 12:56, Rocco Lassandro ha detto:

Cerco in un cespuglio di capelli

o nelle fossette agli angoli di un sorriso

di smarrirmi o se ce n'è un po' da barattare. 


Mi piace come chiudi la composizione. L'immagine del "cespuglio di capelli" non è originale ma è decisamente accordata con il tono iniziale, con certa brutalità. E' un'immagine di qualcosa di selvatico. Anche in questo caso ti propongo una variazione, senza toccare una parola:

Cerco in un cespuglio di capelli
o nelle fossette agli angoli di un sorriso
di smarrirmi
o se ce n'è un po', da barattare.

Per me è una composizione spontanea, imperfetta ma che dimostra come tu abbia una certa forza nelle parole.
Sono perplesso dalla seconda parte perché "rompe il senso" (almeno secondo me) e potresti lavorarci sopra. Mi piace, comunque.
E' esattamente il contrario di quello che detesto ossia quelle composizioni lezione, rimate, sentimentali e infiocchettate che qualcuno si ostina a chiamare "poesie".

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×