Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Poeta Zaza

Le attese

Post raccomandati

commento d'altrui testo

 

Spoiler

«Si attende sempre qualcosa o qualcuno, ogni giorno 
della nostra vita...»

 

Le attese
hanno tinte di grigio
o di speranza:
promettono il tepore d’ogni nido
e lì sorrido,
o apprestano a quello che mi giova
o a un’altra prova.

 

 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao  cara Zaza,

14 ore fa, Poeta Zaza ha detto:

«Si attende sempre qualcosa o qualcuno, ogni giorno 
della nostra vita...»

già, guai se non fosse così...

 

Molto musicale (e vera) questa poesia,  snella e fresca, la visualizzo tutta colorata tra i toni del grigio chiaro e dell'azzurro.

trovo solo un rallentamento nella "o"  che precede apprestano

15 ore fa, Poeta Zaza ha detto:

e lì sorrido,
o apprestano a quello che mi giova
o a un’altra prova.

forse togliendolo il ritmo fluisce in modo più libero:

"e lì sorrido,

apprestano a quello che mi giova
o a un’altra prova".

 

grazie per la lettura! Alla prossima! ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@ire70

grazie del passaggio e dell'apprezzamento, Irene!

 

La faccenda delle "o" l'ho voluta portare avanti dopo il primo utilizzo, ritenendo che,  avendo cominciato col dire che le attese sono di due tipi,  ossia a un modo o all'altro, quando vado a spiegare i due significati dovessi per forza fare una contrapposizione. :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

 

 

 

Ciao!

La tua poesia mi ha colpito particolarmente: l'inizio mi ha trasmesso una forte immagine, che subito si riferisce alle attese

23 ore fa, Poeta Zaza ha detto:

Le attese
hanno tinte di grigio
o di speranza:

 

ma poi è come se subentrasse la tua dimensione, e in un certo senso rileggendola si percepisce la presenza dell'autore che tuttavia non si impone sulla "visione" ma è come se desse la sua personale reazione all'immagine iniziale, al grigio e alla speranza,

23 ore fa, Poeta Zaza ha detto:

promettono il tepore d’ogni nido
e lì sorrido,

 

a questo contrasto che poi si ritrova alla fine, e crea, a mio parere, un'armonia ricercata e addirittura tranquillizzante, come se il contrasto fosse addolcito dalle parole.

23 ore fa, Poeta Zaza ha detto:

o apprestano a quello che mi giova
o a un’altra prova.

 

Inoltre ho apprezzato anche la ricorrenza delle 'o' e il modo in cui hai gestito i contrapposizioni concettuali con versi di diversa lunghezza che a mio parere rendono ancora più piacevole la lettura.

 

Non so se qualcosa di tutto quello che ho scritto ha senso per te, ho cercato di descrivere cosa mi è arrivato :')

 

Grazie di questa splendida poesia <3

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Che bello poter leggere le sensazioni dei lettori, ne sono commossa perché con questa poesia sono riuscita, più che in altre, ad "entrare in comunicazione" diretta col lettore,

a trasmettere le mie emozioni. Certo che ha senso per me quello che mi dici, @pensatilibero  :) e ti ringrazio di cuore del passaggio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 11/1/2019 alle 19:07, Poeta Zaza ha detto:

Le attese
hanno tinte di grigio
o di speranza:
promettono il tepore d’ogni nido
e lì sorrido,
o apprestano a quello che mi giova
o a un’altra prova.

Versi che parlano di attesa e che lasciano, alla fine, il senso dell'attesa di un altro evento.

Un evento sconvolgente che giovi o che sia, comunque, da vivere.

Da vivere, sempre, per quello che vale e finchè duri il suo intervallo di esistenza.

Poi, tutto finisce, anzi cambia e la vera attesa non è il prossimo evento, ma vivere i cambiamenti che gli eventi (o le persone) ci provocano.

Queste sono le riflessioni che sorgono dai tuoi versi :) 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
6 minuti fa, AzarRudif ha detto:

Versi che parlano di attesa e che lasciano, alla fine, il senso dell'attesa di un altro evento.

Un evento sconvolgente che giovi o che sia, comunque, da vivere.

Da vivere, sempre, per quello che vale e finchè duri il suo intervallo di esistenza.

Poi, tutto finisce, anzi cambia e la vera attesa non è il prossimo evento, ma vivere i cambiamenti che gli eventi (o le persone) ci provocano.

Queste sono le riflessioni che sorgono dai tuoi versi :) 

 

Mi riconosco in queste tue riflessioni, caro Azar.In questo momento della mia vita, sento molto 'attesa che ho evidenziato. (y)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Poeta Zaza  bentrovata.

 

Il 11/1/2019 alle 19:07, Poeta Zaza ha detto:

Le attese
hanno tinte di grigio
o di speranza:

ottimo il parallelo-opposizione tra una percezione cromatica (il grigio) e una emotiva (la speranza). Permette di innescare una doppia intuizione cercando nella speranza un colore che faccia da contrappunto al grigio e un'emozione in quest'ultimo che bilanci la speranza. L'effetto evocativo è interessante.

 

Il 11/1/2019 alle 19:07, Poeta Zaza ha detto:

promettono il tepore d’ogni nido
e lì sorrido,

La linea di fuga diviene una promessa dal contorno preciso: un nido di tepore che ci dona il sorriso. Un appunto: tenere vicina una descrizione sensoriale e il suo effetto può produrre ridondanza o limitare la libertà di sentirla del lettore. A meno che l'effetto non abbia un ruolo straniante o dilati in qualche modo l'emozione. Chiaramente non è una regola assoluta perché a volte una puntualizzazione ha un valore rafforzativo, ma altre toglie spazio al lettore. Così nel secondo verso, trovando un'azione diversa ma che induca a quel senso di felicità che il sorriso vuole evocare, si darebbe ancora più respiro alla strofa.

 

Il 11/1/2019 alle 19:07, Poeta Zaza ha detto:

o apprestano a quello che mi giova
o a un’altra prova.

 

L'aut-aut finale dove si include ciò che rende felici ma anche qualsiasi altra prova, ha un valore inclusivo e chiudendo il cerchio ogni attesa è un'emozione.

L'ho trovata ben costruita e efficace.

A presto.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Adesso, Anglares ha detto:

@Poeta Zaza  bentrovata.

 

ottimo il parallelo-opposizione tra una percezione cromatica (il grigio) e una emotiva (la speranza). Permette di innescare una doppia intuizione cercando nella speranza un colore che faccia da contrappunto al grigio e un'emozione in quest'ultimo che bilanci la speranza. L'effetto evocativo è interessante.

 

La linea di fuga diviene una promessa dal contorno preciso: un nido di tepore che ci dona il sorriso. Un appunto: tenere vicina una descrizione sensoriale e il suo effetto può produrre ridondanza o limitare la libertà di sentirla del lettore. A meno che l'effetto non abbia un ruolo straniante o dilati in qualche modo l'emozione. Chiaramente non è una regola assoluta perché a volte una puntualizzazione ha un valore rafforzativo, ma altre toglie spazio al lettore. Così nel secondo verso, trovando un'azione diversa ma che induca a quel senso di felicità che il sorriso vuole evocare, si darebbe ancora più respiro alla strofa.

 

L'aut-aut finale dove si include ciò che rende felici ma anche qualsiasi altra prova, ha un valore inclusivo e chiudendo il cerchio ogni attesa è un'emozione.

L'ho trovata ben costruita e efficace.

A presto.

 

 

Grazie di cuore, caro @Anglares :love3: Mi hai fatto un commento da incorniciare, in cui ogni parola è una pennellata a un disegno che io ho tratteggiato. :rosa:

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunitày. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×