Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Niko

Staffetta di Natale 2018 - Terza Tappa

Post raccomandati

5 minuti fa, Intro ha detto:

In questa particolare casistica faccio fatica ad applicare quanto detto da Bango. Ho fatto scrivere alla socia il sequel perché continuare un racconto autobiografico con una visione letteraria così diversa dalla mia non lo consideravo opportuno, e ora mi trovo esattamente nello stesso problema

Intro, dai... ho sempre apprezzato come scrivi.

Ora, nel vostro racconto "zero" appaiono diversi personaggi, alcuni molto, molto interessanti. Non devi scrivere necessariamente della protagonista.

Che tu non sia in grado di scrivere la storia di uno di questi personaggi, andando a "finirla" magari proprio su quel treno, be', io non lo credo.

Ma forse, a questo punto, mi viene il dubbio che non vi sia chiaro che non dovete scrivere necessariamente del - della protagonista.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Intro

Quando ho letto del prequel ho pensato subito a voi, conoscendo come sono nati i primi due racconti. 

Il punto è: creare un prequel coerente? Sì. 

Creare un prequel coerente senza per forza andare incontro a ciò che si aspetta il lettore (che, per inciso, può aspettarsi le cose più banali)? Sì. 

Nel concreto, ciò che avviene alla protagonista dei due vostri racconti potrebbe essere il sogno allucinante di un alieno sotto psicofarmaci... se fosse scritto come si deve io lo voterei subito. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Possiamo lavorare anche sulla storia di un oggetto protagonista dei due racconti o devono essere per forza delle persone.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Intro capisco il tuo discorso, però potresti prendere Corrada, che ci ha incuriosito e intenerito tutti e raccontarci come ci arriva a dire le cose che dice in stazione. Zaza ha già detto qualcosa della sua storia, ma dietro c'è molto di più. O la ragazza che si prostituisce? E il senzatetto? E perché non tutti e 3?

A me piace molto l'idea del prequel, io e @AnnaL. dopo i vostri commenti sul primo racconto l'abbiamo studiato e analizzato per capire dov'è che ci eravamo perse, e credo che ci abbia fatto bene perché nel secondo abbiamo applicato proprio quello che ci avete suggerito voi e vi è piaciuto di più. Quindi per me è un buon esercizio, tornare sui racconti precedenti e sui commenti ricevuti e studiare cos'è andato bene e cosa male e poi scrivere il terzo.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
8 minuti fa, Bango Skank ha detto:

Emy cara, è una questione di prospettiva.

Lo so, @Bango Skank. E concordo con le tue ipotesi sul possibile sviluppo del nostro prequel (non faccio citazioni per non appesantire il post). Nonostante le rassicurazioni di Ippolita, il mio terrore (che mi ha portato allo sfogo di prima) derivava dalla paura di rimanere rilegata negli stessi concetti. E quando ho letto 

 

2 ore fa, Niko ha detto:

Che ci siano dei chiari riferimenti a quanto accadrà nel primo racconto

sono andata nel pallone, e non tanto perché non vedo il divertimento nello scrivere il prequel (la scrittura mi diverte a prescindere), ma perché ho paura di scrivere qualcosa  di prevedibile. Le strade da seguire mi sembravano poche e tutte intuibili. Ora vado a meditare sul serio (ho saltato la mia pratica mattutina), per chiarirmi le idee. Grazie per la risposta. Vedrò di uscire dalla crisi, temporanea spero :D 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
4 minuti fa, Pulsar ha detto:

@Bango Skank nulla da dire sulla "giustezza" delle tue osservazioni, ma credo, io come chiunque qui dentro, di avere il diritto di esprimere un'opinione, specie se garbata: nella fattispecie dire che avrei preferito una trama che nulla avesse a che fare con i precedenti due racconti, oltre a rappresentare esattamente il mio pensiero, non è reato.

Mettiamola così, si potevano dire le stesse cose che hai detto senza metterle giù a muso duro (almeno così le ho percepite io). Avremmo mugugnato per un attimo e poi ci saremmo adeguati alle regole.

Ah, scusa se ti facciamo perdere del tempo!

Certo, hai tutto il diritto di esprimere le opinioni che vuoi.

Infatti nessuno ha infranto nessuna regola, altrimenti il mio sarebbe stato un intervento ufficiale.

Io, invece, ho il dovere di intervenire se vedo che sotto al topic ufficiale del Contest ci si sta organizzando per "riscriversi le regole".

 

ps: l'ultima frase te la potevi risparmiare, la reputo una frecciatina di cattivo gusto. Nessuno si aspetta ringraziamenti o nulla, ma un minimo di rispetto per chi il suo tempo qui lo impiega (impiega, non perde. questo è il termine che ho usato io. siamo in forum di scrittura. i termini sono importanti.) credo sia dovuto. Detto questo vi saluto, quello che dovevo dire l'ho detto.

 

Buon anno a tutti.

 

  • Mi piace 3
  • Grazie 2
  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mh. Sarà forse che sto schiacciando a tavoletta sul concetto di "prequel" raga'... Fatto è che continuo a guardare il prequel come qualcosa che abbia una continuità di fondo su più livelli. 
Mi ritiro in una caverna in Tibet per riflettere sui possibili sbarellamenti.
(no Intro, niente alieni o cazzate sci-fi! Sono bravi tutti così)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, Niko ha detto:

Cos'è essenziale affinché la traccia sia rispettata:

  1. Che ci sia almeno uno dei personaggi presenti nel racconto della prima tappa.
  2. Che ci siano dei chiari riferimenti a quanto accadrà nel primo racconto e, se volete (facoltativamente) anche nel secondo (seconda tappa).

Genere libero.

Niente, ho trovato la risposta da sola, rileggendo bene quello che aveva scritto Niko. Grazie di tutto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
15 minuti fa, Intro ha detto:

mh. Sarà forse che sto schiacciando a tavoletta sul concetto di "prequel" raga'... Fatto è che continuo a guardare il prequel come qualcosa che abbia una continuità di fondo su più livelli. 
Mi ritiro in una caverna in Tibet per riflettere sui possibili sbarellamenti.
(no Intro, niente alieni o cazzate sci-fi! Sono bravi tutti così)

Intro, rileggi bene, come ho fatto io la traccia. Ti chiede la presenza di uno dei personaggi del primo racconto. Personaggio non deve significare per forza protagonista. Potrebbe essere Corrada, quanto uno dei disperati del treno, oppure la sorella di Corrada, o uno dei nipoti. C'è molto più spazio per lavorare che nella seconda prova dove si chiedeva uno dei protagonisti. Non credi?

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, Bango Skank ha detto:

vedrei questo Contest e il lavoro che "mi costringe a fare" come una grande opportunità di crescita e una grande possibilità di mettermi in gioco.
Non ci riesco? Va bene. Posso però chiedermi "perché non ci riesco"? E provare a migliorare questo aspetto del mio approccio alla scrittura.

 

2 ore fa, Bango Skank ha detto:

E se mi chiedessero di aggiungere un capitolo, prima o dopo quello che ho scritto? Sarei in grado di farlo, o no?

 

1 ora fa, Intro ha detto:

Ma in questo caso sto scrivendo qualcosa che non viene da me e che so già non giungerà ad una direzione che mi appartiene.

 

1 ora fa, Intro ha detto:

Essere costretti a scrivere la roba di un altro secondo me rientra più nella prostituzione che nella scrittura.

 

Mah, sono perplesso da diversi fattori e lo ho tutti evidenziati quotandoli.

Tutto giusto quello che ha scritto Bango, per carità, ma se sono l'autore di un mio racconto. Non su quello di un altro o se scritto a 4 mani. Mi si chiede di riscrivere metà del mio libro? Un capitolo? Bene, ok, del mio. Questa la vedo molto come una forzatura. Sinceramente mi garba molto poco per non dire nulla. Se fossero stati scritti singoli ok , ma non è adatto per le coppie. Poi tutto si può fare certo, prendo uno spunto qualsiasi e ci lavoro sopra. Ma insomma dai... facciamola andare bene, ma così non è. Noi per esempio non potremo uscire dal loop. Vabbè stop.

Il fatto che a più della metà dei partecipanti la cosa non sia andata a genio, qualcosa vorrà pur dire, no?

Usare la frase questa è l'officina di Writer dream e non wattpad è davvero autoreferenziale. Brutta! Mai usato wattpad, ma non significa che tutto il resto sia una schifezza. Rispetto tutti, in primis questo forum, ma dissento da questa tendenza. Noto che ultimamente si usano troppo toni da "maestri" e io non mi sento un alunno! Sono qui per imparare certo, questo è il miglior forum di scrittura? Sì ok. Ma eviterei certe prese di posizione che fanno perdere di valore.

Questa idea a mio avviso è sbagliata nelle sue fondamenta, perchè si partecipa a coppie. Comunque, proviamoci!

Buon contest a tutti e buon anno!  ;)

 

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Bango Skank ha detto:

Intro, dai... ho sempre apprezzato come scrivi.

Ora, nel vostro racconto "zero" appaiono diversi personaggi, alcuni molto, molto interessanti. Non devi scrivere necessariamente della protagonista.

Che tu non sia in grado di scrivere la storia di uno di questi personaggi, andando a "finirla" magari proprio su quel treno, be', io non lo credo.

Ma forse, a questo punto, mi viene il dubbio che non vi sia chiaro che non dovete scrivere necessariamente del - della protagonista.

 

Caro @Bango Skank  :). Non che abbia importanza nello specifico (non credo proprio che @Intro scriverà su di me il presequel :Dma faccio cortesemente notare che nel nostro racconto le protagoniste sono due:  la sottoscritta Mariangela e la transessuale Corrada.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
21 minuti fa, nemesis74 ha detto:

 

 

 

 

Mah, sono perplesso da diversi fattori e lo ho tutti evidenziati quotandoli.

Tutto giusto quello che ha scritto Bango, per carità, ma se sono l'autore di un mio racconto. Non su quello di un altro o se scritto a 4 mani. Mi si chiede di riscrivere metà del mio libro? Un capitolo? Bene, ok, del mio. Questa la vedo molto come una forzatura. Sinceramente mi garba molto poco per non dire nulla. Se fossero stati scritti singoli ok , ma non è adatto per le coppie. Poi tutto si può fare certo, prendo uno spunto qualsiasi e ci lavoro sopra. Ma insomma dai... facciamola andare bene, ma così non è. Noi per esempio non potremo uscire dal loop. Vabbè stop.

Il fatto che a più della metà dei partecipanti la cosa non sia andata a genio, qualcosa vorrà pur dire, no?

Usare la frase questa è l'officina di Writer dream e non wattpad è davvero autoreferenziale. Brutta! Mai usato wattpad, ma non significa che tutto il resto sia una schifezza. Rispetto tutti, in primis questo forum, ma dissento da questa tendenza. Noto che ultimamente si usano troppo toni da "maestri" e io non mi sento un alunno! Sono qui per imparare certo, questo è il miglior forum di scrittura? Sì ok. Ma eviterei certe prese di posizione che fanno perdere di valore.

Questa idea a mio avviso è sbagliata nelle sue fondamenta, perchè si partecipa a coppie. Comunque, proviamoci!

Buon contest a tutti e buon anno!  ;)

 

Quoto Nemesis74 perché ha già espresso quella che era gran parte del mio pensiero. Riscrivere e lavorare su temi, personaggi e racconti che alla base non mi appartenevano mi lascia perplessa, ma pace. 

 

Vorrei però dire che io ai contest partecipo soprattutto per divertirmi, a maggior ragione se si chiamano « staffetta di Natale ». Ora credo di aver capito che sbagliavo. Pazienza, vorrà dire che ne tirerò le conseguenze e magari parteciperò meno. 

Aggiungo solo una cosa, senza acrimonia e senza voler aprire polemiche, e se invece ce le vedete comunque mi darete punti negativi o che so io e pace. Trovo spiacevole che ogni volta che si muove un'osservazione, pur con il sorriso come inizialmente in questo topic, dallo staff arrivi sempre la recriminazione « con il tempo che impiego qui per voi... ». Sia chiaro: apprezzo moltissimo il vostro impegno, lavoro e il forum tutto; però lo fate con convinzione e per passione, immagino, non mi sembra corretto rinfacciare il vostro sforzo per mettere a tacere ogni obiezione, anche la più pacifica. Se io offro il mio aiuto volontariamente a qualcuno, non gli dico « zitto, perché ti sto dando il mio tempo », qualora esprima dei dubbi su quello che stiamo facendo. Scusate, ho cercato di trattenermi, ma mi prudeva troppo. 

Saluti e buon prequel a tutti.

  • Mi piace 2
  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io, da utente non amante delle regole (anarchico mi pareva troppo) davvero non capisco.

Questo a cui stiamo partecipando è un contest. Vado su google traduttore e mi conferma che la traduzione di contest è gara, concorso. La gara, o concorso, ha bisogno di regole per poter essere svolto. O no?

Abbiamo voglia di scrivere altro per diletto? Avanti coi fuori concorso... se no, perché lamentarsi?

24 minuti fa, nemesis74 ha detto:

Il fatto che a più della metà dei partecipanti la cosa non sia andata a genio, qualcosa vorrà pur dire, no?

Se accettiamo il fatto che stiamo partecipando a un contest/gara/concorso, no. Non vuole dire nulla.

Io sono stufo dei personaggi a cui vado dietro da settimane, li odio (chiedete a @Joyopi quanto li ho insultati :lol: ). Ma c'è un regolamento, nessuno mi obbliga a continuare e nessuno mi ha obbligato a partecipare, fermo restando che spero vivamente che nessuno si ritiri.

Scrivere per divertimento è troppo semplice per chi ama scrivere come noi; scrivere mettendosi alla prova, misurandosi con delle difficoltà che dovremmo ingegnarci per superare, e non contestare, dovrebbe essere uno stimolo.

 

P.s. degli staffer paraculi e disinteressati a cui non interessava per niente complicarsi le feste ci avrebbero dato carta bianca. Qualcuno può negare questa cosa?

  • Mi piace 11
  • Grazie 3
  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Ezbereth ha detto:

Intro, rileggi bene, come ho fatto io la traccia. Ti chiede la presenza di uno dei personaggi del primo racconto. Personaggio non deve significare per forza protagonista. Potrebbe essere Corrada, quanto uno dei disperati del treno, oppure la sorella di Corrada, o uno dei nipoti. C'è molto più spazio per lavorare che nella seconda prova dove si chiedeva uno dei protagonisti. Non credi?

 

@Ezbereth  :) lo dico anche a te:

Le protagoniste del nostro racconto sono due: la transessuale Corrada e la sottoscritta Mariangela. Chissà perché si tende a dimenticare la voce narrante in prima persona... Mah!

(Non che abbia importanza, per carità, e nessuna nello specifico problema del prequel, ma è curiosa 'sta cosa...):P

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, Niko ha detto:

Che ci siano dei chiari riferimenti a quanto accadrà nel primo racconto e

Scusate se continuo a girare su questa cosa. Meditando mi è venuta in mente una idea, ma non so se è fattibile. Se uno volesse scrivere una storia che ha per protagonista un personaggio nuovo, una storia che ha qualcosa in comune con la prima (un personaggio) ma è distinta, come può sapere quello che accadrà in un lasso di tempo post-periodo attuale? Potrebbe essere solo un accenno a un episodio? Grazie!  

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, Bango Skank ha detto:

il tuo obiettivo da scrittrice è quello di scrivere un intero romanzo dove lo stesso personaggio o gli stessi personaggi non stanchino il lettore.

Bravo, Bang, sottoscrivo in pieno. A dire la verità io un po' mi aspettavo questa faccenda del prequel. Seppur come tutti ritenga di aver qualche difficoltà nel tirar fuori qualcosa di buono dal racconto zero (e col socio Platuzzo abbia bestemmiato non poco all'uscita della traccia), capisco perfettamente la logica che c'è dietro questa traccia (e quella precedente). Mi sono accorto, scrivendo per il sequel, che sto/stiamo facendo un utilissimo esercizio che, personalmente, mi aiuterà non poco in futuro per l'eventuale stesura di un romanzo (magari la prossima vita, chissà...). Certo che scriviamo per divertirci, ci mancherebbe, ma se partecipiamo a queste iniziative lo facciamo anche per imparare. Per questo vi ringrazio, sinceramente.

  • Mi piace 4
  • Grazie 2
  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 minuti fa, Joyopi ha detto:

Certo che scriviamo per divertirci, ci mancherebbe, ma se partecipiamo a queste iniziative lo facciamo anche per imparare. Per questo vi ringrazio, sinceramente.

:rosa:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
35 minuti fa, Joyopi ha detto:

erto che scriviamo per divertirci, ci mancherebbe, ma se partecipiamo a queste iniziative lo facciamo anche per imparare. Per questo vi ringrazio, sinceramente.

Sì certo. Qui sfugge il punto che impari partendo da scritti non tuoi. Mi risulta complicato. È questo il punto, ma ok. Non siamo tutti d'accordo.

36 minuti fa, Joyopi ha detto:

mi aiuterà non poco in futuro per l'eventuale stesura di un romanzo

Partendo da un'idea non tua magari? Mah... O_O

 

1 ora fa, Plata ha detto:

Se accettiamo il fatto che stiamo partecipando a un contest/gara/concorso, no. Non vuole dire nulla.

@Plata amico mio, sai quanto ti voglio bene :D ma questo è come dire "Obbedivo agli ordini! "

Non perchè partecipo a un contest allora mi deve andare bene tutto. Sennò, se la regola dice di scrivere una gara di insulti... tutti d'accordo? Ma dai! ;) 

Questa scelta è e rimane sbagliata, perchè non parte da uno scritto dell'autore ( in molti casi) sarebbe un lavoro da editor, non da autore.

Mi può aiutare? Sì certo. tante cose possono. Interessante? Forse. Personalmente ho meditato se abbandonare, lo ammetto. Tre testi e su nessuno posso usare mie idee. O devo comunque fare riferimento a temi che non avrei mai usato. Perdo tempo, giusto per divertimento.  Ma su tutte non è piaciuta la presa di posizione e i toni usati. Ma proprio per niente.

In ogni caso continuo il contest e la chiudo qui. ( al massimo uso l'off topic :P )

Auguri a tutti

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ragazzi, mi dispiace che l'idea del filone unico dei racconti non sia piaciuta a parecchi partecipanti. 

È stata una mia idea appoggiata dagli altri Staffer, proprio per mettervi un po' alla prova, che è lo spirito dei nostri contest.

Divertirsi migliorando e cercando di raggiungere i propri limiti, anche in una situazione di "disagio" scrittevole.

Scusatemi, pensavo potesse essere stimolante.

 

Mi dispiace sinceramente e faremo tesoro dei consigli e delle critiche costruttive. 

Ora consiglio a tutti di godersi l'ultimo dell'anno e il primo, cercando di farsi venire qualche idea per il prequel. 

 

Vi chiedo, ora, visto che avete tutti dato un'opinione, di limitarvi a domande specifiche sulla traccia e non andare più off-topic. 

Grazie a tutti e auguri <3

  • Mi piace 3
  • Grazie 4

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
3 minuti fa, nemesis74 ha detto:

Sì certo. Qui sfugge il punto che impari partendo da scritti non tuoi. Mi risulta complicato. È questo il punto, ma ok. Non siamo tutti d'accordo.

Ciao Nem. Si fa per discutere in amicizia, lo chiarisco subito, il rispetto per l'idea altrui è sacrosanto, ma lo è anche l'utilità del confronto e del dibattito tra persone intelligenti. Secondo me si può imparare benissimo anche scrivendo un prequel o un sequel non tuo. Forse ancora di più. Uno degli esercizi che mi fecero fare all'esame d'università per un corso di scrittura era proprio quello di proseguire un brano seguendo lo stesso stile dell'autore (mi sembra che mi capitò Calvino, pensa tu :)). 

 

3 minuti fa, nemesis74 ha detto:
54 minuti fa, Joyopi ha detto:

mi aiuterà non poco in futuro per l'eventuale stesura di un romanzo

Partendo da un'idea non tua magari? Mah... O_O

Ma è ovvio che quando scriverò un romanzo lo farò a partire da una mia idea. Qui l'utilità sta nell'esercizio in sé, nello sforzo creativo, no? E poi scusami, ma mica nelle regole c'era di non progettare il primo racconto insieme? 

  • Mi piace 3
  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Intro cogli questa occasione come una sfida per scrivere al di fuori del tuo stile. L'officina è ancora più interessante se si accetta di sperimentare scrivendo cose sfidanti. Puoi prender un personaggio secondario della prima tappa, ad esempio, la ragazza che dichiara di essersi prostituita e costruire la sua storia, usando il tuo stil di scrittura e il tuo linguaggio, ma restando dentro ai canoni del racconto realistico. Certo non sarà magari il racconto che avresti scritto di tua iniziativa, ma sono proprio i limiti che obbligano a tirar fuori il meglio.

Da  osservatore esterno, se c'è un "difetto" che vedo nel contest a coppie è quello di lasciare libera scelta se lavorare davvero in coppia oppure alternarsi. Nell'alternanza non vedo una gran differenza dallo scrivere dei racconti individuali, ritengo che i racconti dovrebbero essere almeno pensati in coppia, anche se poi possono essere scritti alternandosi.

Certo, pretendere che i giudici vadano a osservare le coppie mentre producono è forse pretendere un po' troppo. :D

In un caso come questo direi che chi ha effettivamente lavorato in coppia è avvantaggiato rispetto a chi ha scelto l'alternanza.

Buon Anno a tutti.

  • Mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
10 minuti fa, nemesis74 ha detto:

@Plata amico mio, sai quanto ti voglio bene :D ma questo è come dire "Obbedivo agli ordini! "

l'affetto è ricambiato, lo sai. Però voglio risponderti, sapendo che forse farò arrabbiare chi ha già chiesto di rientrare nei ranghi.

La differenza tra un ordine e una regola è sostanziale, non starò qui a spiegarla, anche perché sai benissimo qual'è.

A parte il semplice fatto che qui, se non "obbedisci" (usando il tuo lessico), nessuno ti fucila. O ti mette in galera. O ti manda al confine... al massimo prendi un punto o due di penalità.

Cito @Bango Skank : siamo (o vorremmo essere) scrittori, cerchiamo di usare un lessico adeguato.

 

 

  • Mi piace 2
  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Niko

domanda tecnica (mentre aspetto il cenone, non ho un ca... da fare!):

6 ore fa, Niko ha detto:
  • Che ci sia almeno uno dei personaggi presenti nel racconto della prima tappa.
  • Che ci siano dei chiari riferimenti a quanto accadrà nel primo racconto e, se volete (facoltativamente) anche nel secondo (seconda tappa).

Il primo punto è chiarissimo. Un personaggio, non necessariamente un protagonista. Può essere anche un personaggio solo citato nel racconto "alpha"?

Il secondo punto mi necessita un piccolo chiarimento. Cosa si intende precisamente per chiari riferimenti? 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
50 minuti fa, Joyopi ha detto:
3 ore fa, Bango Skank ha detto:

il tuo obiettivo da scrittrice è quello di scrivere un intero romanzo dove lo stesso personaggio o gli stessi personaggi non stanchino il lettore.

Bravo, Bang, sottoscrivo in pieno. A dire la verità io un po' mi aspettavo questa faccenda del prequel. Seppur come tutti ritenga di aver qualche difficoltà nel tirar fuori qualcosa di buono dal racconto zero (e col socio Platuzzo abbia bestemmiato non poco all'uscita della traccia), capisco perfettamente la logica che c'è dietro questa traccia (e quella precedente)

Lo sottoscrivo pure io, quello che @Bango Skank mi ha scritto e non ho mai pensato di contestarlo. E non ho alcun problema con il sequel in sé. Me lo aspettavo, come tutti credo. Come non metto in dubbio l'utilità dell'esercizio in sé. E nemmeno credo che non si possa tirare nulla di buono dal nostro primo racconto. Anzi. Quando ho scritto nel pomeriggio che volevo sopprimere la piccola fiammiferaia, l'ho fatto con il sorriso sulle labbra. Ho sempre paura di essere ingabbiata in un certo personaggio e mi piace variare, ma è un limite mio che non mi ha mai portato a mollare uno dei nostri contest che amo alla follia visto che in tre anni non ho saltato nemmeno uno. La mia crisi, lo ripeto, non era dettata dal dover scrivere una storia antecedente al nostro primo racconto, ma perché non capivo, seguendo la mia logica (si è capito dal mio precedente commento che sono confusa ancora), come in un prequel i personaggi possono essere al corrente dei fatti che succederanno dopo. Tutto qui. I contest mi hanno fatto crescere e imparare molto, e mi sono sempre divertita ad andare oltre le mie paure creative. La terza tappa mi mette alla prova maggiore, ma si può uscire da tutto, anche dai loop natalizi. :super:E con questa chiudo l'argomento. Buon prequel a tutti e buon anno!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

esattamente come le tombe etrusche.

Modificato da Plata
  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Joyopi

Sì, personaggi anche solo citati. Che abbiano avuto un qualche grado di importanza nella storia del primo racconto, però. 

Voi, ad esempio, potreste usare anche la mamma di lei (e la sua storia) oppure il collega di lui (e la sua storia). 

 

Per chiari riferimenti si intende riferimenti agli accadimenti e ai personaggi del primo racconto. 

Voi, ad esempio, potreste narrare la storia della mamma e conseguente nascita di lei, con un ciclo che ricondurrebbe perfino al secondo racconto. 

Oppure della storia del collega di lui, e un cameo con un dialogo avvenuto nel primo racconto con PDV sul collega e non sul protagonista. 

 

Le opzioni sono infinite :)

Per tutti. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Niko ha detto:

@Joyopi

Sì, personaggi anche solo citati. Che abbiano avuto un qualche grado di importanza nella storia del primo racconto, però. 

Voi, ad esempio, potreste usare anche la mamma di lei (e la sua storia) oppure il collega di lui (e la sua storia). 

 

Per chiari riferimenti si intende riferimenti agli accadimenti e ai personaggi del primo racconto. 

Voi, ad esempio, potreste narrare la storia della mamma e conseguente nascita di lei, con un ciclo che ricondurrebbe perfino al secondo racconto. 

Oppure della storia del collega di lui, e un cameo con un dialogo avvenuto nel primo racconto con PDV sul collega e non sul protagonista. 

 

Le opzioni sono infinite :)

Per tutti. 

Okay, chiarissimo, ti ringrazio moltissimo. Meno chi mi ha dato il punto negativo su una semplice risposta, senza offese ne nulla che lo giustificasse. Ma tant'è... 

  • Mi piace 1
  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho letto con attenzione la risposta di @Niko a @Joyopi (anch’io avevo il dubbio su quel chiari riferimenti) e vediamo se ho capito (scusate e grazie per la pazienza , ci ho bevuto su ma troppo cibo blocca il cervello :D ): basta un accenno a una cosa accaduta? Un personaggio esterno alla storia iniziale non può conoscere i dettagli, giusto? A me preoccupa molto questo aspetto perché la nostra storia è incentrata sulla cena di Natale e se si anticipano eventi, mi sembra illogico che uno sappia quello che succederà in futuro. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×