Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

paolati

Cjan e Ligrie

Post raccomandati

commento

 

Riassunto delle puntate precedenti:

Cjan è un cane.

Paron è il balordo proprietario di Cjan.

La Vecjate è la vicina di casa di Paron. Attualmente morta.

I racconti si svolgono in Friuli.

 

 

«Cjan, viôt, e je rivade Ligrìe».

- Cjan, guarda, è arrivata Allegria.

Corro subito ad annusarla, puzza di varechina. Veste di scuro, sta inclinata tutta da una parte ed è immobile come una statua. Alza le braccia e io penso voglia giocare, perciò le saltello un po’ intorno.

Urla.

Si avvicina Paron: «Cjan ven ca!»

- Cjan, vieni qua!

Io lo raggiungo.

«Scusi signore, ho paura dei cani e temo le infezioni» dice Ligrie.

«Cjan nol a infesiôns, al è dome un cjan!» risponde Paron.

- Cjan non ha infezioni, è solo un cane!

«Non la capisco, potrebbe parlare in italiano, per favore?»

«Ma di dulà venie fûr che ca?» chiede Paron, rivolgendosi a me.

- Ma da dove esce questa?

Arriva l’assistente sociale: «Buongiorno signor Bertoldi, Angelica è la sua nuova vicina. Ma vedo che avete già fatto conoscenza. Non la disturberà, abita da sola, è molto silenziosa e solitaria».

«Par fuarse! Cun che muse lì…»

- Per forza! Con quella faccia lì…

«Signor Bertoldi, non sia impertinente! Vieni Angelica, andiamo che ti faccio vedere la casa!»

«O sarai ancje impertinent, ma une normal no jere?»

- Sarò anche impertinente, ma una normale non c’era?

Da ieri, quindi, abbiamo una nuova vicina. Abita nella casa al piano di sopra, quella della Vecjate.

In effetti, da lassù, non proviene alcun rumore. Solo una specie di soffio, come se qualcuno sciasse sulla neve.

Scif, scif, scif, scif. Bello!

Mi appisolo, ma sento bussare alla porta: toc toc toc. Mi sveglio. Paron apre: è Ligrie: «Scusi signore, lei ha la patente?» chiede.

«Sì».

«Allora mi può portare all’ospedale?»

«No, non ho la macchina».

«Ma io le pagherei la benzina, il disturbo» insiste Ligrie.

«Sì, ma non ho la macchina, non ce l’ho l’automobile, capisci?»

«Ok, tanto non mi serve adesso, era per sapere, nel caso avessi bisogno...»

Ligrie se ne sta sull’uscio, tutta storta, con le braccia lungo i fianchi, non sembra sana. Paron, contrariato, chiude la porta, ma un attimo prima Ligrie infila un piede e crac! La porta non si chiude.

«Ahi ahi ahi, il mio piede. È rotto! Si sarà rotto?» si lamenta Ligrie.

«Speriamo! Almeno dovrai andare all’ospedale veramente! Dai, vieni dentro che vediamo. Appoggiati a me».

«Permesso… ma che sporco! Ma che puzza! Ma che schifo!» urla Ligrie.

Paron si innervosisce, io mi avvicino, Ligrie intercetta la mia presenza, guarisce all’improvviso e scappa fuori zoppicando.

Paron stappa una bottiglia di vino.

Mi appisolo sotto il tavolo, trovo la posizione e quando sto finalmente per addormentarmi sento: toc toc toc. Di nuovo?

Paron apre: ancora lei, Ligrie.

«Scusi signore, che acqua beve?»

«Quella del rubinetto».

«E quanto fa di sodio?»

«Ma che ne so? Senti Ligr… Angelica, non puoi venire a bussare ogni momento. Se hai bisogno di qualcosa, chiami l’assistente sociale, un parente, il medico, l’altro vicino, il pronto soccorso, chi vuoi tu, ma non me. Devi bussare a questa porta solo, e dico SOLO, come ultima spiaggia, solo se stai per morire. Questa è l’ultima spiaggia, hai capito? Altrimenti… Cjan ti morde. Non venire più qui che noi abbiamo già i nostri problemi!»

Chissà che problemi abbiamo noi. Guardo Paron per capire se sono incluso nei problemi. Non mi bada, forse io non c’entro.

Ligrie se ne va storta più del solito e Paron, sfinito, si butta sul divano accanto a me.

«Nus manciave une sunade. Ma nol are mior se rivave… une balerine di night?»

- Ci mancava una suonata. Ma non era meglio se arrivava… una ballerina di night?

Una ballerina di night? Direi proprio di no! Già mi immagino la ballerina… tutto il giorno lì a provare i passi di night. E ti tic, ti tic e ti tic. No! Meglio Ligrie, questa che par che scii quando cammina. Certo, bussa troppe volte, ma tanto… cosa abbiamo da fare? Esco e trovo Ligrie seduta sulle scale che si massaggia la caviglia. Mi avvicino e lei urla: «Aiuto, mi morde, il cane mi morde».

Non la mordo! Voglio solo fare amicizia, ma questa qui non capisce niente! Meglio la ballerina di night!

Mi allontano e vado a spasso. Incontro Betty, un cane femmina che proprio non sopporto, quella che profuma di ambra e di inverno si mette il cappotto. Lo vedo da come mi guarda che l’antipatia è reciproca.

Passo davanti al cancello di una villa: due cagnoni enormi si precipitano verso di me, solo la cancellata ci divide: ho paura. Ringhiano, abbaiano, mostrano denti aguzzi; sono cani feroci, loro, ma io sono un cane libero, nessun cancello a trattenermi.

Corro a casa pieno di riconoscenza nei confronti di Paron che se ne sta sul divano a guardare la tv. Gli salto addosso e lo lecco sulla faccia. Scodinzolo, gli mordicchio un dito. Lui dice «che schifo», ma intanto ride e mi accarezza.

Siam lì che ce la spassiamo, quando sentiamo ancora: toc toc toc.

Ci fermiamo di colpo, Paron mi fa segno con il dito di fare silenzio, io nascondo il muso sotto la zampa, siamo fermi immobili. Passa un altro po’ di tempo e di nuovo quell’orribile: toc toc toc. Noi sempre immobili.

Alla fine i passi sciano lontano. Ci sistemiamo meglio sul divano, io e Paron, vicini vicini e dormiamo fino a domani.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Due errori gravissimi: 1) Cjan non è un cane. Lui è un essere divino.

2) Paron non è un balordo. Lui è l'amico fedele e mai deludente dell'essere divino.

La Vecjade è morta e su questo sono d'accordo.

Per la cronaca, prima volta che rido leggendo un semplice riassunto (semplice per modo di dire perché riassume, a mio parere, i canoni del motto di spirito).

Paolati? sei un Genio!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Carissima @Lillibet<3

2 ore fa, Lillibet ha detto:

Due errori gravissimi: 

Vero! :lol:

2 ore fa, Lillibet ha detto:

La Vecjade è morta 

Vero! ^^

2 ore fa, Lillibet ha detto:

sei un Genio!

Falso! :nono:

Non ci vado neanche lontanamente vicino, però... scodinzolo ;)

Grazie infinite per essere passata anche questa volta.

Tanti baci.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buongiorno @paolati :) mi sa che sta volta commento mentre leggo o finisce in niente come coi castori mangia pastelli...

 

10 ore fa, paolati ha detto:

- Sarò anche impertinente, ma una normale non c’era?

Da ieri, quindi, abbiamo una nuova vicina. Abita nella casa al piano di sopra, quella della Vecjate.

metterei uno stacco tra queste due righe. Il racconto fino alla fine del dialogo è ambientato nel giorno precedente, no?

10 ore fa, paolati ha detto:

come se qualcuno sciasse sulla neve.

questo lo dice Cjan? Gli troverei da usare un'altra metafora oppure fagli pensare alla volta che ha visto un tizio sciare che poi per lui dovrebbe essere qualcosa tipo scivolare sulla neve con i piedi attaccati a due legni colorati

10 ore fa, paolati ha detto:

Paron si innervosisce, io mi avvicino, Ligrie intercetta la mia presenza, guarisce all’improvviso e scappa fuori zoppicando.

Paron stappa una bottiglia di vino.

:ola: gran sintesi, bellissima!

10 ore fa, paolati ha detto:

Ligrie se ne va storta più del solito

sostituirei più del solito con più di prima. In fondo si sono visti due volte, quanto solito si crea in due volte da mezzo minuto? Scusa, ma ci stavo ripensando. Il racconto si apre proprio con il suo arrivo: Paron la chiama con un nomignolo che fa capire che almeno lui la conosce tanto da metterle un soprannome, invece Cjan si comporta come se la vedesse per la prima volta.

10 ore fa, paolati ha detto:

Già mi immagino la ballerina… tutto il giorno lì a provare i passi di night.

ti faccio una proposta: Già me la immagino la ballerina..., tutto il giorno lì, a provare i passi da night.

10 ore fa, paolati ha detto:

Ringhiano, abbaiano, mostrano denti aguzzi;

questo avrebbe potuto vederlo Paron, sei sicura che pure Cjan colga questo dei due cagnoni dietro al cancello? Sicuro che Cjan capisce qualcosa in più di un ringhio e un'abbaiata

10 ore fa, paolati ha detto:

nessun cancello a trattenermi.

metterei: nessun cancello mi trattiene

10 ore fa, paolati ha detto:

e lo lecco sulla faccia.

metterei: e gli lecco la faccia

10 ore fa, paolati ha detto:

siamo fermi immobili.

metterei stiamo o rimaniamo fermi immobili

10 ore fa, paolati ha detto:

vicini vicini e dormiamo fino a domani.

metterei fino al mattino perché domani è un riferimento cronologico molto preciso. Prima di tutto Cjan è un cane (per quanto ne dica @Lillibet) che ne sa di giorni e passare del tempo? Immagino che la percezione del tempo dei cani sia un po' come quella dei bambini. Me lo immagino solo, però, in realtà non ne ho la più pallida idea. In più, dire fino a domani presuppone che Cjan abbia arti divinatorie, perché non può sapere che non si sveglieranno e se ne andranno a letto, lo può supporre, ma non affermare con tanta sicurezza. 

 

Questa parte, per me, manca di pathos e di immagini vivide. La sfida da affrontare è solo il toc toc di Ligrie, su cui avrei spinto di più. Paron è l'ombra di se stesso, è malato? In questo momento non ricordo dov'è finita Ucraina. L'ultima volta che l'abbiamo vista non era Halloween? Mi sono persa una puntata? Se non l'ho persa direi due parole per far sapere al lettore che è andata via, se invece mi sono persa un pezzo, posso avere il link? Un abbraccio Paoletta, buona giornata... p.s. darei un ricostituente a Paron

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Bello, mi piace, e mi piace come scrivi il punto di vista del cane.

Unica cosa che mi viene un po' pesante e' (lo so, non se ne puo' fare a meno) l'alternarsi friulano/italiano.

Paron mi fa sorridere...da vecio alpin ne ho conosciuti di miti cosi'...xD

Sei una piacevole scoperta. Ora corro a leggermi anche il resto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Finalmente una nuova avventura di Cjan e Paron!! Ti dirò che la morte della Vecijade mi ha un po' rattristata, alla fine era una vecja brontolona ma dava del filo da torcere e metteva pepe in tutta la faccenda. Penso però che anche Ligrie non sarà da meno: ipocondriaca, disfattista, sola e alla ricerca di attenzioni. Le cose sono due: o lei e Paron si innamoreranno oppure si ammazzeranno. Resto in attesa di sviluppi :super:

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
17 ore fa, paolati ha detto:

Chissà che problemi abbiamo noi. Guardo Paron per capire se sono incluso nei problemi.

Allora, @paolati, quando scrivi hai ogni tanto guizzi di genio (concordo con @Lillibet) come questo qui su, che sono solo tuoi, riconoscibili e personali. Ora, non vorrei mai che incominciassi ad avere la puzza sotto al naso, ma incominciare a considerare la possibilità di essere davvero brava quando qualcuno te lo dice, questo sì.

 

Rispetto ad altri racconti di Cjan lo trovo meno autoconvclusivo, ma non per questo meno brillante. Ti serviva per introdurre questo nuovo personaggio, evidentemente, e hai disseminato una serie di particolari che già lo rendono interessantissimo. Va da sè che uno ora si aspetta di rincontrare Ligrie nei prossimi racconti, altrimenti il racconto, in sè e per sè, lascerebbe un senso di non compiutezza.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao meravigliosa @Kikki e Cjan sitter per eccellenza  <3

prendo, come sempre, tutti i tuoi consigli e ne faccio tesoro. Rispondo solo a quelli per i quali ho cose da aggiungere :)

7 ore fa, Kikki ha detto:

Paron la chiama con un nomignolo che fa capire che almeno lui la conosce tanto da metterle un soprannome

No, non la conosce, la vede lì per la prima volta. Le attribuisce quel nomigliolo perchè la tizia è depressissima, per cui per la legge degli opposti, la chiama Ligrie. Ma ho capito dove sta l'errore. Non devo cominciare con il dialogo. Devo prima spiegare il fatto.

Grazie per avermelo segnalato. :)

7 ore fa, Kikki ha detto:

i passi da night.

Capito, ma i passi DI night lo lascio. Mi fa troppo ridere che Cjan pensi che i passi siano come quelle di valzer, di tango, di night...

Mi fa ridere immaginare il mio cane, ad esempio, che fa tutto il figo e finge di capire ogni cosa, che invece comprende una cosa per un'altra (un po' come me ;)). 

7 ore fa, Kikki ha detto:

Sicuro che Cjan capisce qualcosa in più di un ringhio e un'abbaiata

Sì! Il mio Cjan capisce :). Ah, ma forse adesso ho capito cosa intendi, al posto di cancello forse dovrei dire inferriata. Io intendevo inferriata in effetti.

7 ore fa, Kikki ha detto:

sia un po' come quella dei bambini. Me lo immagino solo, però, in realtà non ne ho la più pallida idea. In più, dire fino a domani presuppone che Cjan abbia arti divinatorie, perché non può sapere che non si sveglieranno e se ne andranno a letto, lo può supporre, ma non affermare con tanta sicurezza. 

Giustissimo, ma era proprio con quel intento lì che l'ho scritto: domani... alla maniera dei bambini. Senza connotazioni temporali, un po' come: ti voglio bene come tutto l'universo ;). ...Ho capito, cambio!

7 ore fa, Kikki ha detto:

è l'ombra di se stesso, è malato? In questo momento non ricordo dov'è finita Ucraina. L'ultima volta che l'abbiamo vista non era Halloween?

Sì sì, tutto vero, ma siccome pago la scelta dei racconti a capitoli (meno letture, meno commenti, meno tutto), in cambio... sfrutto la possibilità di scrivere un po' per volta. Nella prossima puntata, la storia continuerà e ci saranno le risposte a tutte le tue domande e anche qualcosa in più :)

 

7 ore fa, Kikki ha detto:

p.s. darei un ricostituente a Paron

per questo, Paron, andrà dal dotôr ;)

 

Grazie mille per i tuoi sempre ottimi e indispensabili consigli. Un abbraccio grande e... alla prossima puntata. :love:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@paolati da un po' non leggevo di Cjan, non delude mai! Né lui né tu. Sempre più simpatico, ci si affeziona, fa tenerezza, piaciuta molto la scena dei cagnoni "dietro le sbarre", mentre lui è libero e felice. (non so che fine abbia fatto la badante della veccia, mi sono persa qualche passaggio). I mieli soliti complimenti per la "solita" brava.  Il nuovo personaggio è già incasellato, come rompi balle ne avrà da rompere tante. Povero Peron. 

Ciao e alla prossima

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao @OMST6912280

come mai hai messo il numero di telefono nel tuo nome? :lol:

8 ore fa, OMST6912280 ha detto:

da vecio alpin ne ho conosciuti di miti cosi'...xD

pensa che nella prossima puntata, o al massimo in quella dopo, ci saranno proprio gli alpini. ;)

 

8 ore fa, OMST6912280 ha detto:

Ora corro a leggermi anche il resto.

No, piano piano che se no ti verrò a noia; mi hai appena scoperta... perchè rovinare subito questo idillio? ;)

 

Grazie per la tua visita e il tuo commento.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao @Darkmiryam grazie per essere passata e per avermi dato non una, ma due ottime idee:

7 ore fa, Darkmiryam ha detto:

o lei e Paron si innamoreranno oppure si ammazzeranno.

Grazie davvero. :rosa:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
20 ore fa, paolati ha detto:

Attualmente morta.

Nel senso che in futuro potrebbe non esserlo?

La serie potrebbe prendere una piega assai inquietante :D

Bello, solo un piccolo appunto

20 ore fa, paolati ha detto:

«Ma che ne so? Senti Ligr… Angelica, non puoi venire a bussare ogni momento. Se hai bisogno di qualcosa, chiami l’assistente sociale, un parente, il medico, l’altro vicino, il pronto soccorso, chi vuoi tu, ma non me. Devi bussare a questa porta solo, e dico SOLO, come ultima spiaggia, solo se stai per morire. Questa è l’ultima spiaggia, hai capito? Altrimenti… Cjan ti morde. Non venire più qui che noi abbiamo già i nostri problemi!»

Questo discorso mi sembra fuori stile, è vero che lui cerca di esprimesi in Italiano, ma forse proprio per quello il risultato dovrebbe essere più sconclusionato delle frasi in dialetto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, Edu ha detto:

quando scrivi hai ogni tanto guizzi di genio

:), tutte le cose del mondo hanno, ogni tanto, guizzi di genio. Io vorrei trasformare quel "ogni tanto" in "spesso" :P e allora sì che inizierei

3 ore fa, Edu ha detto:

ad avere la puzza sotto al naso,

ma... direi che possiamo stare tutti tranquilli: niente puzza!

 

3 ore fa, Edu ha detto:

Rispetto ad altri racconti di Cjan lo trovo meno autoconvclusivo

Vero, ma visto che sto nel girone infernale dei racconti a puntate... mi permetto di fregarmene dell'autoconclusività e punto al divertissement punto e basta. ;)

 

3 ore fa, Edu ha detto:

uno ora si aspetta di rincontrare Ligrie nei prossimi racconti,

sicuro! Ci sarà :)

 

Grazie Edu. A presto. :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Cara @Adelaide J. Pellitteri 

2 ore fa, Adelaide J. Pellitteri ha detto:

mi sono persa qualche passaggio

no. Tu non ti sei persa niente, son io che ho saltato un passaggio, ma poi ci torno. Ucraina c'è ancora, prossimamente torna. Sto solo cercando di assemblare il tutto, pasticciando un po'. :)

2 ore fa, Adelaide J. Pellitteri ha detto:

non delude mai! Né lui né tu.

Ma che bello, grazie :rosa:

e grazie anche per essere passata di qui. Un bacio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao @libero_s, bello e prestante :)

41 minuti fa, libero_s ha detto:

La serie potrebbe prendere una piega assai inquietante :D

Sì, sto gettando i semini per il prossimo contest di Halloween ;)

 

42 minuti fa, libero_s ha detto:

il risultato dovrebbe essere più sconclusionato delle frasi in dialetto.

Bravissimo! Che ideona, in realtà ci avevo pensato anche io tempo fa, ma poi, me ne ero scordata. Grazie per avermelo ricordato e grazie per essere passato di qua.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
6 ore fa, paolati ha detto:

tutte le cose del mondo hanno, ogni tanto, guizzi di genio. Io vorrei trasformare quel "ogni tanto" in "spesso" :P

e no no no, è proprio questo il punto! Non si può farcire il racconto di continue trovate di genio,diventerebbe insostenibile. Bisogna narrare, e di tanto in tanto,con la giusta misura, dare la zampata di genio. Ecco cos'hai, mentre lo scrivo lo realizzo: hai la misura di quando dare la zampata! Da questo punto di vista,a mio avviso,non devi modificare alcunché

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Edu, ecco il titolo per noi: la sostenibile zampata del siilo ;).

 

13 minuti fa, Edu ha detto:

hai la misura di quando dare la zampata! D

Perché sono un orso. :D

Senti carino, vuoi che per Natale ti regali una barra spaziatrice? :rosa:

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@paolatiNon sto a commentare approfonditamente visto che, come sempre, sei già giustamente  pluricommentata da tutti i fan che ti porti sempre dietro.

 

E dico giustamente perché te li meriti proprio, i tuoi fan: con Cjan hai creato davvero qualcosa di unico, simpaticossimo e originale, il che non è affatto facile!

 

I dialoghi mi paiono un po' forzati (ma quanto fa di sodio?) ma forse è dovuto tutto al fatto che Ligrie ha qualche problema mentale... In ogni caso, ti consiglierei forse di rilassarti un attimo e di non sforzarti a inserire una battuta che faccia ridere ogni due righe di dialogo... Quello che hai inventato è simpaticissimo: rilassati, lo leggiamo anche senza tutti quegli sforzi per strapparci quante più risate possibili.

 

(Sempre opinioni personali, eh! :))

 

Il friulano ci sta benissimo, comunque!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao @gmela

1 ora fa, gmela ha detto:

Sempre opinioni personali, eh! :))

Le tue opinioni mi sembrano molto sensate e di conseguenza... ottimi consigli. Ne farò tesoro.

Grazie per essere passato di qua, per avermi commentata con semplicità, e per avermi lasciato il tuo punto di vista, che tra l'altro, apprezzo particolarmente. Grazie. :rosa:

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunitày. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×