Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Andrea28

Unpopular opinion

Post raccomandati

Ho un rapporto difficile con Thomas Bernhard. Tutti a dire che è così bravo. E io solo a sentire il nome mi deprimo. Mi sento come se avessi qualche problema a respirare, mi viene da andare dal medico a farmi controllare, temo subito di avere qualcosa di grave. Il suoi libri mi danno un senso di oppressione. Come se qualcuno mi si fosse seduto sulla cassa toracica e mi impedisse di respirare, istigandomi allo stesso tempo al suicidio in maniera subliminale. La sua casa è un museo ed è considerato tra i massimi autori del Novecento. Evidentemente non l'ho capito, forse non è per tutti, non voletemene voi che l'avete capito, ma ho buttato via tutti e tre i suoi romanzi Adelphi che avevo con grande soddisfazione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ma è un romanzo? Uno in cui lui non e malato e non pensa costantemente al suicidio? Perché per me è una condizione sine qua non. Pensare che sono una fan del lieto fine... certo, in questo caso non mi faccio illusioni. Grazie comunque del suggerimento. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@SeeEmilyPlay è il resoconto dei premi letterari che ha vinto con tanto di descrizioni delle cerimonie e delle vicessitudini per vincerli. Il protagonista è lui quindi ci sono tutti i restroscena dei suoi problemi economici ma è molto divertente e ironico.

  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho spostato la discussione sul Corona virus qui:

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho trovato questi stralci di documenti storici. Ma ce ne sono a josa sulla rete, cioè su vecchi documenti buttati nelle biblioteche e negli archivi, vagamente conosciuti e molto sconosciuti. Saranno bufale? :D Ditemi che sono bufale... :D

Li metto nelle opinioni impopolari perché  condivido, credo in questi pensieri e ho sempre sofferto per la "libertà" e la "civiltà" portata dalla ghigliottina, della quale molti oggi si beano e si fanno vanto come massima conquista umana contro l'inciviltà e la tirannia e perché sono profondamente convinto che queste "conquiste" abbiano determinato al crearsi dell'attuale società, nella quale si sguazza con assassina allegria, fine settimana compresi, per quanto ora minacciati di clausura parziale e cialtrona alla loro giusta maniera "liberale".  Sia mai che ritorni quello schifo di Dio, Patria e famiglia. Perciò sarà impopolare :lol: very unpopular... :D

Ancor di più lo sarà perché molti non sanno nulla di nulla di nulla del passato, non se ne curano e diranno che son bufale... tutte bufale...:lol: e che oggi siamo civili, ma davvero tanto più civili...

È una vecchia storia che ci sono sempre  state categorie di uomini (ma anche donne, quelle che filavano a maglia ai piedi della ghigliottina, mentre  i loro uomini tagliavano le teste di chi non la pensava come loro) che non riescono a capire, proprio non vogliono capire, non ci riescono a capire che ad altre categorie di uomini frega niente della loro idea di "libertà" e che sono disposti a reagire e a morire per non doverla subire, preferendo la loro  di Libertà.

 

Documenti sulle insorgenze antigiacobine in Romagna

 

Proclama delle popolazioni della Romagna ai Cisalpini

I Popoli della Romagna ai Francesi, Cispadani e Traspadani
Chiunque voi siate, che vi dimostriate premurosi di farci pervenire le minacce di una prossima invasione, è necessario che conosciate quei sentimenti di cui è penetrato l’animo nostro. Noi rispettiamo ed amiamo la Religione, il Sovrano, e la Patria. Intimamente persuasi che nel difenderci dalle vostre Armi si tratti della difesa di questi tre oggetti, siamo pronti a spargere fino all’ultima stilla del nostro sangue per opporci e resistere alle vostre ostilità. Non sono queste le voci di pochi, sono quelle delle intiere Popolazioni di questa Provincia. Noi non offendiamo alcuno, noi viviamo tranquilli nel seno delle nostre famiglie. Ma se mai voi per un tratto di quella sublime tirannia, che ardite chiamare Libertà tentate di portar la guerra nelle pacifiche nostre contrade, sappiate che potrete sterminarci, ma non soggiogarci, che ad ogni passo avrete a combattere una popolazione, la quale preferisce la morte alla disgrazia di esser da voi conquistata. Questi, sono i nostri sentimenti, conosceteli, e preparatevi pure a marciare contro di noi. (Ottobre 1796)
(Biblioteca Comunale di Forlì, Fondo Piancastelli).

 

 

Elenco de’ partigiani della Francia

Scismatici, Appellanti, Giansenisti,
Perfidi Ebrei, Cattolici mentiti,
Apostati rubelli, e Fuorusciti,
Luterani, Ugonotti, Calvinisti,
Politici malnati, e rei Statisti,
Ciurmatori, Buffoni, Parassiti,
Ruffiani, Sanguinarj non puniti,
Miscredenti, Mastini, ed Ateisti,
Preti ignoranti, e Frati malcontenti,
Giovani scapestrati, e Vecchi insani,
Teste sventate, e spiriti insolenti,
Torbidi ingegni, e cervellacci strani
Or dati alle rapine, e ai tradimenti,
Questi son della Francia i Partigiani.

(Biblioteca Gambalunga di Rimini, Fondo Gambetti Stampe Riminesi).

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 11/3/2020 alle 13:20, Alberto Tosciri ha scritto:

, non ci riescono a capire che ad altre categorie di uomini frega niente della loro idea di "libertà" e che sono disposti a reagire e a morire per non doverla subire, preferendo la loro  di Libertà.

Ciao :) In parole povere: "Non si può esportare libertà e democrazia con le bombe".

Molto attuale e mi trovo d'accordo.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, camparino ha scritto:

Ciao :) In parole povere: "Non si può esportare libertà e democrazia con le bombe".

Molto attuale e mi trovo d'accordo.

Ciao. Sì, proprio quello che intendevo. :)

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non so se è un'unpopular opinion, ma mi serviva uno spazio in cui urlare virtualmente per non spaventare famiglia e vicini facendolo fisicamente.

Ma gli ebook che costano più del cartaceo rilegato, ne vogliamo parlare? Perché? Già come principio generale, non so cosa possa giustificare la cosa, ma adesso, che si dovrebbero limitare i movimenti dei corrieri e postini, è possibile che un ebook mi debba costare una volta e mezzo il broché? :angry::censura::bash:

Okay, ho finito, torno a fare le mie cose. Ciao a tutti, scusate.

  • Mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
52 minuti fa, Befana Profana ha scritto:

Okay, ho finito, torno a fare le mie cose. Ciao a tutti, scusate.

 

Resta, che mi unisco a te nell'urlo virtuale. Urliamo insieme anche senza luna :)

  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Befana Profana ha scritto:

Ma gli ebook che costano più del cartaceo rilegato, ne vogliamo parlare? Perché? Già come principio generale, non so cosa possa giustificare la cosa, ma adesso, che si dovrebbero limitare i movimenti dei corrieri e postini, è possibile che un ebook mi debba costare una volta e mezzo il broché? :angry::censura::bash:

Sai com'è, l'approfittare della situazione... (leggasi, speculazione).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, M.T. ha scritto:

l'approfittare della situazione... (l

No, vabbè, non è contingente, era già così prima per i romanzi bankable, credo. Però è proprio una cosa inspiegabile, secondo me. Capisco gli audiolibri, in cui bisogna pagare anche il narratore, ma un EPUB che costa più d’un libro in brossura, boh! 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 minuti fa, Befana Profana ha scritto:

Però è proprio una cosa inspiegabile, secondo me.

Invece è spiegabile: si tratta di approfittarsi della situazione. Non ne sono sorpreso, visto a che prezzi venivano vendute le mascherine (e non vorrei che cominciassero a lievitare anche i prezzi di cose come frutta, verdura, pasta, ecc...)

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
9 minuti fa, M.T. ha scritto:

Invece è spiegabile: si tratta di approfittarsi della situazione. Non ne sono sorpreso, visto a che prezzi venivano vendute le mascherine (e non vorrei che cominciassero a lievitare anche i prezzi di cose come frutta, verdura, pasta, ecc...)

Questa è una cosa in cui dovrebbe entrare lo Stato, ed essere inflessibile. Gli avvoltoi capaci di speculare su una tragedia mondiale dovrebbero andare direttamente in galera, senza se e senza ma. Altro che le persone - che pure vanno sanzionate, se non altro per la loro imbecillità - beccate a spostarsi senza giustificato motivo. 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
16 minuti fa, M.T. ha scritto:

nvece è spiegabile: si tratta di approfittarsi della situazione.

Lo fanno tutti. A mio padre hanno venduto al tabacchino una minuscola boccetta di gel mani (sconosciuto tra l'altro ma gli serviva) a 10 euro. Gli serviva purtroppo, è sempre in giro con il camion, e ha dovuto accettare. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
18 minuti fa, Emy ha scritto:

Lo fanno tutti. A mio padre hanno venduto al tabacchino una minuscola boccetta di gel mani (sconosciuto tra l'altro ma gli serviva) a 10 euro. Gli serviva purtroppo, è sempre in giro con il camion, e ha dovuto accettare. 

Una cosa del genere andrebbe segnalata.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

No, vabbè, che ci siano gli speculatori e sciacalli in tutte le occasioni è appurato, ma il formato elettronico allo stesso prezzo o più alto del cartaceo non è una cosa di adesso, è sempre così e non me ne capacito. Il fatto che ora comprare un libro fisico sia più complicato rende la cosa ancora meno accettabile, ma bon. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

È giusto ridere di coloro che credono nella Terra piatta...:lol::yahoo:

Ma immaginate per una manciata di vergognosi secondi,  :facepalm:essendo scrittori, che quella teoria sia vera, che cioè oltre i ghiacci di Antardide che cingono la Terra ci siano dei passaggi oltre i quali si aprono altri immensi oceani con altre immense terre... all'infinito. Immaginate come sarebbe comoda oggi una via di fuga del genere...

Ma immaginate anche il caos che sorgerebbe su tutta l'umanità per cercare di fuggire. È inimmaginabile la ressa.

Per questo, dalla metà degli  anni Quaranta del secolo scorso la teoria della Terra Piatta è giustamente ridicolizzata. E per ridicolizzarla meglio ci hanno messo navi militari a sorvegliare Antardide... :grat: Chiunque non autorizzato ci vada... viene fermato.  Troppo tardi si erano accorti che dopo  la fine della seconda Guerra Mondiale erano scomparsi  dalla faccia della terra un centinaio di sottomarini tedeschi U-Boot con centinaia di gerarchi e le loro famiglie. Sottomarini che bazzicavano da quelle parti fin dagli anni Trenta essendo i nazisti, notoriamente, amanti dello studio dei pinguini...:D  :yahoo:Chissà dove sono finiti. Non li hanno mai  più trovati, da nessuna parte del mondo, nonostante decine di anni di ricerche. Ma non ne hanno trovato nemmeno uno che sia uno...:grat:

Fantascemenza dai... :yahoo:

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La situazione mi impone una riflessione e una domanda, che giro ai partecipanti a questa discussione: questa bufera un giorno passerà, ma quando sarà finalmente passata, come starà il pianeta, l'unica casa a disposizione del genere umano, almeno fino a quando non saremo riusciti, tramite fantascientifici viaggi interplanetari o addirittura interstellari,  ad inguaiare qualche altro mondo? Mi spiego meglio: pare che, grazie alla chiusura delle fabbriche e al contingentamento della circolazione di auto e trasporti, sia riscontrabile una qualche diminuzione nell'emissione di CO2 nell'atmosfera, a beneficio dell'emergenza climatica. Contestualmente convergono nei rifiuti milioni, miliardi di mascherine e guanti usa e getta, tutti a base di materie plastiche che prima o poi, direttamente o indirettamente, finiranno in mare e, di conseguenza, come microplastiche, nella nostra catena  alimentare. Non so se i governi delle varie nazioni e gli scienziati ci abbiano pensato, ma credo che la vita del pianeta sia importante almeno quanto quella di ogni singolo abitante. O no? Attendo opinioni.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

 

  • La crema "Pan di stelle" è meglio della Nutella, soprattutto nelle crepes.
  • Will Smith secondo me non è un grande attore.
  • Secondo me può esistere un mondo invisibile ai nostri occhi, come quello delle fate o della magia. Nonostante questo sono un grande sostenitore della scienza e in particolare della fisica quantistica
  • La coca-cola zero è più buona di quella normale.
  • I funghi sono disgustosi, si nutrono della ninfa degli alberi.
  • Sword Art Online è un'ottima serie anime.

 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
36 minuti fa, cheguevara ha scritto:

La situazione mi impone una riflessione e una domanda, che giro ai partecipanti a questa discussione: questa bufera un giorno passerà, ma quando sarà finalmente passata, come starà il pianeta, l'unica casa a disposizione del genere umano, almeno fino a quando non saremo riusciti, tramite fantascientifici viaggi interplanetari o addirittura interstellari,  ad inguaiare qualche altro mondo? Mi spiego meglio: pare che, grazie alla chiusura delle fabbriche e al contingentamento della circolazione di auto e trasporti, sia riscontrabile una qualche diminuzione nell'emissione di CO2 nell'atmosfera, a beneficio dell'emergenza climatica. Contestualmente convergono nei rifiuti milioni, miliardi di mascherine e guanti usa e getta, tutti a base di materie plastiche che prima o poi, direttamente o indirettamente, finiranno in mare e, di conseguenza, come microplastiche, nella nostra catena  alimentare. Non so se i governi delle varie nazioni e gli scienziati ci abbiano pensato, ma credo che la vita del pianeta sia importante almeno quanto quella di ogni singolo abitante. O no? Attendo opinioni.

 

Secondo me, dopo questa emergenza possono succedere due cose: o capiremo tutti cosa sono le cose veramente essenziali e cominceremo ad evitare gli sprechi oppure tutte le persone cominceranno a sprecare di più per cercare di recuperare il tempo perso. Per quanto riguarda l'uso delle mascherine e dei guanti, soprattutto per certe categorie, è purtroppo necessario. Il problema non è che siano fatte di plastiche, bisognerebbe semplicemente pensare al corretto riciclo della plastica e di queste attrezzature. Poi sono d'accordo con te la vita del pianeta è importante quanto quella degli umani e secondo me di più perché, noi siamo solo di passaggio.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Aurelio C.P. Mandraffino ha scritto:

bisognerebbe semplicemente pensare al corretto riciclo della plastica e di queste attrezzature. Poi sono d'accordo con te la vita del pianeta è importante quanto quella degli umani e secondo me di più perché, noi siamo solo di passaggio.

Non solo: tra di noi esiste un'elevata percentuale di teste di cavolo. Qui, nella civilissima Emilia-Romagna, esiste una rigorosa raccolta differenziata. Infatti, nei cassonetti dell'indifferenziata vedo finire di tutto, tra cui cartone e plastiche varie, che andrebbero invece in quelli di rispettiva competenza. Per non parlare dei fazzolettini usati, in genere, per soffiarsi il naso o scatarrarci dentro, disseminati in giro, tanto per non diffondere il virus. Però poi ti guardano storto, quando non hanno apertamente da ridire, se, in coda per entrare al supermercato, non indossi la mascherina, che non è obbligatoria perché inutile. Speriamo bene.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
8 ore fa, cheguevara ha scritto:

La situazione mi impone una riflessione e una domanda, che giro ai partecipanti a questa discussione: questa bufera un giorno passerà, ma quando sarà finalmente passata, come starà il pianeta, l'unica casa a disposizione del genere umano, almeno fino a quando non saremo riusciti, tramite fantascientifici viaggi interplanetari o addirittura interstellari,  ad inguaiare qualche altro mondo?

Non lo so, temo che si tenterà di recuperare il denaro perso dandoci dentro con le attività industriali, e tutto tornerà come l'abbiamo lasciato, soprattutto nei Paesi emergenti che non riescono ad adottare i nostri standard ecologici/energetici (che pure non sono ancora al top). Leggevo anche di un prevedibile effetto negativo sulla ricerca relativa all'efficienza energetica, che comunque ha bisogno di investimenti.

Sorry per il pessimismo (di cui faremmo volentieri a meno)...

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Purtroppo immagino solamente cambiamenti negativi, per esempio la crisi economica causata dal tracollo industriale, produttivo, turistico, ecc. Mi auguro di sbagliare, ovviamente. 

  • Mi piace 1
  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Posso fare outing? Una cosa che mi sono sempre tenuta dentro?

Detesto la nutella!

Dolciastra, nauseante, e fa venire anche i brufoli.

Bisous.

  • Mi piace 2
  • Triste 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 8/4/2020 alle 19:47, cynthia collu ha scritto:

Detesto la nutella!

Dolciastra, nauseante, e fa venire anche i brufoli.

E lascia anche la bocca impastata... :si:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

e visto che qui tanti detestano la Nutella, chi più impopolare di me che la adora :P ?

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×