Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Andrea28

Unpopular opinion

Post raccomandati

1 minuto fa, M.T. ha scritto:

Il brutto è quando dicono "Eh, ma te sei un genio". No, ragazzi, non sono un genio: sono una persona normale che usa la testa. Il che dovrebbe essere la quotidianità, non un'eccezionalità.

Questo dicono anche a me, (non per i calcoli, in matematica non ero molto brava ma uso la calcolatrice con i numeri complessi e per sicurezza) perché tengo le date e le informazioni a memoria e parlo più lingue. Se ho un cervello attivo è perché lo

uso e non lo considero un optional. Da bambina non camminavo, e forse ho investito tanto nel mio cervello, studiando molto ma per il mio piacere non perché mi fosse stato imposto, però attività mentale è importante. Chi non lo capisce è un poveraccio.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
4 minuti fa, Talia ha scritto:

Carino, ma è un film comico

 

Talia 

Comico fino a un certo punto; direi satirico.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, Emy ha scritto:

Se ho un cervello attivo è perché lo uso e non lo considero un optional.

Ecco, il punto è proprio questo. Ma per molti il cervello serve a pensare a cosa scegliere da bere all'happy hour, cosa mettersi per cuccare, dove andare a ballare, come accalappiare qualcuno/a, decidere la destinazione per le ferie. 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
5 minuti fa, Talia ha scritto:

La tecnologia, come ogni altra invenzione umana (ma oserei dire come tutta la realtà) non è solo buona o cattiva ma dipende dall'uso che se me fa. 

 

D'accordo al 100%. La tecnologia non va stigmatizzata, ma l'uso che se ne fa si può criticare. Il problema è che oggi se ne fa un uso francamente stupido.

 

16 minuti fa, Emy ha scritto:

per me avere una cassa che funziona più veloce e dove non devo stare a lungo in piedi in fila (con i dolori che spesso ho diventa faticoso fare la spesa) è un bene.

 

Io la vedo così. Bisognerebbe entrare nell'idea che la tecnologia può aiutare persone con problemi, come disabili, anziani, giovani in situazioni —si spera — momentanee…

Per esempio esistono robottini che aiutano le persone affette da Alzheimer in fase iniziale. Inseguono il malato per casa e gli fanno: «Mario, ricordati che è l'ora di prendere la pillola X per la pressione» e cose simili. :) 

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
40 minuti fa, M.T. ha scritto:

 Comico fino a un certo punto; direi satirico.

Si basa su un assunto tutto da dimostrare: solo gli idioti si riproducono. 

 

Cosa potrebbe insegnarci, se non strapparci una risata? E a me è piaciuto eh! 

 

Talia 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La mia amica, cassiera di ipermercato, mi racconta le stesse cose scritte da @Lauram (una volta un tizio tentò di fregare un elettrodomestico da un centinaio di euro coprendo il codice a barre con un'etichetta dell'ortofrutta). Lei ovviamente si dichiara molto più stressata quando deve seguire le quattro casse self (tutte insieme) piuttosto che la cassa normale, quindi l'introduzione della cassa automatica non ha certo migliorato il suo lavoro...

Però, lavorando anch'io in un piccolo supermercato dove faccio tutto, ne ho viste cose che voi umani... A volte fantastico di sostituire una parte di umanità con i robot di Isaac Asimov, non ne posso veramente più di arroganti, approfittatori e gente aggressiva.

 

La tecnologia riveste sicuramente un ruolo fondamentale, migliora la sicurezza, allevia i lavori più usuranti, a volte è cruciale per la nostra salute. Ultimamente leggevo della robotica applicata nel campo delle disabilità. 

Però non bisogna fare come mio cugggino che si rifiutava di imparare la matematica perché "tanto c'è la calcolatrice". La tecnologia deve accompagnarci, non sostituirci, altrimenti la prima volta che non funziona siamo fritti (come nel caso di quel Boeing 737 dove il sistema automatico prendeva il sopravvento...)

 

1 ora fa, dyskolos ha scritto:

Mi giunge voce che ci sia uno studio che dimostra come gli uomini di oggi siano mediamente molto meno intelligenti di quelli di duemila anni fa.

Tempo fa avevo letto di questo piccolo studio sul tema; nell'articolo pare però che la tecnologia sia solo una dei fattori, poi c'è il fatto che la scolarità è inversamente proporzionale al numero di figli messi al mondo, e non solo per questioni di età.

Secondo me è anche dovuto al fatto che chi procrea tantissimo si fa meno scrupoli degli altri. Esattamente come in Idiocracy :D (oh, questo è il topic delle opinioni impopolari, giusto? :D

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Antares_ ha scritto:

A volte fantastico di sostituire una parte di umanità con i robot di Isaac Asimov, non ne posso veramente più di arroganti, approfittatori e gente aggressiva.

Sono d'accordo. Queste persone si dimenticano che hanno di fronte dei lavoratori, come loro, solo che fanno mansioni diverse. Queste persone che sono così aggressive e prepotenti, sono poi le stesse che si lamentano e gridano giustizia quando il loro capo si comporta alla stessa maniera con loro. Della serie "non hai imparato nulla dalla tua esperienza".  

 

1 ora fa, Antares_ ha scritto:

La tecnologia deve accompagnarci, non sostituirci, altrimenti la prima volta che non funziona siamo fritti

Esatto!

 

1 ora fa, Talia ha scritto:

Si basa su un assunto tutto da dimostrare: solo gli idioti si riproducono. 

 

Cosa potrebbe insegnarci, se non strapparci una risata?

Quello che scriveva @dyskolos : che l'umanità, nella sua maggior parte, sta involvendo.

 

1 ora fa, Antares_ ha scritto:

Secondo me è anche dovuto al fatto che chi procrea tantissimo si fa meno scrupoli degli altri.

Questo sinceramente non lo so. Forse perché mettendone al mondo tanti, ha meno tempo di seguirli tutti, quindi li segue peggio che averne solo uno? Non lo so. Ho visto coppie che ne aveva solo uno e se ne fregava, dicendo che tanto ci avrebbe pensato la scuola, la società, lo spirito santo... Secondo me è una questione di buon senso e intelligenza personale. Però la questione è troppo grande e si rischia di andare in generalizzazioni poco piacevoli.  Ci sono figli seguiti da genitori che hanno provato in tutti i modi di mettergli un po' di sale in zucca, senza successo, che sono divenuti dei poveri cosi: allora  a chi dare la colpa, al mondo, al diavolo, al Gabibbo?

Penso che tutto contribuisce a influenzare, ma sta poi anche alla persona decidere da cosa farsi influenzare; cosa però tutt'altro che facile. E allora, dove la si va a trovare la consapevolezza? Questa forse è la domanda importante.

 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@M.T. intendevo proprio che si fanno meno scrupoli nel procreare. Nel senso che li mettono al mondo senza chiedersi come faranno a mantenerli e ad educarli, senza consapevolezza. Ho un'amica che fa l'assistente sociale (nella sezione più difficile: quella delle famiglie e del pre-affido) e quasi tutti i suoi clienti hanno un sacco di figli, alcuni messi al mondo durante l'adolescenza. Naturalmente è soltanto statistica, ci sono anche genitori prolifici che però hanno procreato con cognizione di causa (conosco una dottoressa molto intelligente che ha sei figli, anche se non so se tutti suoi). E poi ci sono genitori con un figlio che si comportano come quelli che citi tu.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
24 minuti fa, Antares_ ha scritto:

intendevo proprio che si fanno meno scrupoli nel procreare.

Ecco una cosa che non capisco. Se te ne freghi dei figli, perché li metti al mondo? Ci sono tanti modi per fare sesso senza far rimanere incinta una donna, perché non utilizzarli? E dire che d'informazione ce n'è; a questo punto vuol dire che si vuole essere incoscienti.

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ma non solo. Tra questi ultraprolifici c'è gente che in realtà non vede l'ora di avere figli... ma per motivi patologici. E più sono, meglio è.

 

(Poi figurati che perfino io conosco uno che non sa manco come si usa il preservativo...)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, M.T. ha scritto:

che l'umanità, nella sua maggior parte, sta involvendo.

 

Oggi si possono curare malattie che un tempo sterminavano la gente, abbiamo praticamente eliminato il vaiolo grazie al l'invenzione del vaccino, ad esempio. La qualità della vita delle persone che hanno degli arti amputati è migliorata grazie alla bioingegneria, le malattie degenetative vengono trattate e ritardate. E potrei andare avanti nel triste, ma credo che no n sia necessario per ammirare i progressi medici dell'ultimo secolo. 

 

L'esplorazione dell'infinitamente piccolo si è spinta ai limiti ultimi della materia, andando a definire un quadro delle particelle elementari e delle forze che le legano molto dettagliata. 

 

La chimica e la fisica permettono di costruire materiali performanti che spingono l'uomo a esplorare fondali marini, cieli, vette, a costruire mezzi di trasporto sempre più efficienti. 

 

L'esplorazione della spazio ha fatto dei progressi incredibili. Abbiamo immagini di molti corpi stellari grazie all'invio di sonde a giro per il cosmo. 

 

Non so, ora su due piedi non mi vengono in mente altre cose, ma faccio fatica a chiamare "involuzione" tutto questo. E non è una divinità extraterrestre che ci passa queste scoperte, bensì uomini intelligenti. 

 

Certo, ogni uomo ha un prezzo, che sia pane e circo o brioche (tanto per citare due famose espressioni) e la politica lo sa benissimo. Un ottimo scienziato non è detto che sia immune da certi condizionamenti sociali, ma questo vale oggi come in ogni epoca passata e varrà sempre. 

Per questo dicevo che l'intelligenza non è una sola e il mito di un uomo dalla mente brillante, dalka morale evoluta e dalla vita integerrima è forse un po' troppo rinascimentale (di Leonardo da vinci ne nascono pochi). Questo non significa che oggi siamo tutti stupidi e domani lo saremo ancora di più. 

 

Faccio fatica a paragonare le scoperte moderne con la scoperta della ruota e dire: allora erano più intelligenti.

Come ho già detto, ogni epoca ha le sue peculiarità e non si può generalizzare né fare un rapporto tra stupidi e intelligenti solo perché a qualcuno, anche menti eccelse magari, può piacere mettere like sui social. 

 

Quindi non sono d'accordo con quelle visioni del mondo per cui tutto ciò che è moderno è deprecabile e che gli uomini si stanno involvendo. 

Anche perché a me non sembra proprio, guardandomi intorno vedo persone di ogni tipo, con vizi e virtù ugualmente distribuiti, senza poter, con grande facilità, riuscire a stabilire chi sia meglio o peggio, intelligente o stupido. Siamo tutti diversi, nessuno perfetto, tutti alla ricerca di qualcosa, fortunato chi sa almeno cosa sta cercando. E non mi sento in grado di giudicare o generalizzare a buon mercato le vite degli altri. 

 

Talia 

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
24 minuti fa, Antares_ ha scritto:

Poi figurati che perfino io conosco uno che non sa manco come si usa il preservativo...

Allora mi sa che deve problemi a infilare anche i guanti per lavare i piatti... se fa fatica a centrare un elemento dritto, figurati cinque :P 

 

27 minuti fa, Antares_ ha scritto:

Tra questi ultraprolifici c'è gente che in realtà non vede l'ora di avere figli... ma per motivi patologici. E più sono, meglio è.

Ho conosciute persone che hanno voluto mettere al mondo figli perché dei loro amici più grandi li avevano avuti e li hanno voluti avere alla stessa età che li hanno avuti gli altri.

 

 

15 minuti fa, Talia ha scritto:

Quindi non sono d'accordo con quelle visioni del mondo per cui tutto ciò che è moderno è deprecabile e che gli uomini si stanno involvendo. 

Anche perché a me non sembra proprio, guardandomi intorno vedo persone di ogni tipo, con vizi e virtù ugualmente distribuiti, senza poter, con grande facilità, riuscire a stabilire chi sia meglio o peggio, intelligente o stupido. Siamo tutti diversi, nessuno perfetto, tutti alla ricerca di qualcosa, fortunato chi sa almeno cosa sta cercando. E non mi sento in grado di giudicare o generalizzare a buon mercato le vite degli altri. 

Scoperte ne sono state fatte tante e hanno contribuito a rendere certe cose migliori. Ma come vengono usate?

La rete sarebbe una gran cosa, ma tanti la usano per scaricare le proprie repressioni e scatenare odio. A livello di morale ed etica c'è un'involuzione e senza di esse si sfocia nel caos, dove ognuno vuole prevaricare e fare quello che gli pare.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, Antares_ ha scritto:

Esattamente come in Idiocracy :D (oh, questo è il topic delle opinioni impopolari, giusto? :D

 

:asd::asd::asd:

Sì!

 

2 ore fa, Antares_ ha scritto:

Tempo fa avevo letto di questo piccolo studio sul tema; nell'articolo pare però che la tecnologia sia solo una dei fattori

 

Interessante lo studio, ma io volevo porre la questione sotto un altro punto di vista. Sempre sull'intelligenza, però. La butto giù così. Noi ci siamo evoluti e a un certo punto abbiamo inventato / scoperto l'energia elettrica.Ora, io mi chiedo cosa succederebbe alla elevatissima civiltà europea se di punto in bianco finisse l'energia elettrica. Immagina la cosa. Niente luce in casa: andremmo a letto al tramonto e ci sveglieremmo all'alba?  Niente più computer, televisione, orologi, bus, automobili… Niente più autoclavi che ti portano l'acqua fino al centordesimo piano. Ah, già avere una casa come ora sarebbe impossibile. Non ci sarebbe più il WD, pensa!, con tutta Internet. Devi conservare il cibo? Bene, non ci sono frigoriferi. Ti rompi un braccio? C***i tuoi! Altro che ospedale! Vuoi salire al ventesimo piano? Bene, vai a piedi che l'ascensore è guasto. Vuoi pubblicare un libro? Niente CE, ma tanto c'è il self. No, nemmeno quello! Vuoi telefonare a tua zia? Bene, non c'è il telefono! Se le devi dire qualcosa, ci vai e glielo dici. Eh, ma io abito a Milano e mia zia a Palermo? Eh, bella mia, camminare a passo svelto fa bene, il colesterolo scende, la pressione si aggiusta, previeni l'Alzheimer, o ti fai un piatto di pasta. No, un momento, se le fabbriche chiudono, anche la Barilla chiude. Ma al super trovo altre marche, eh! Supermercato? What?! Senza luce e senza frigoriferi per i surgelati o per i gelati?

Vuoi venire a casa mia? :love3: Prendi l'aereo, no? Un momento, quale aereo? Va be', prendi il treno. Prego, treno?! Ehm… vieni in macchina. What?! Ci metti due pieni di benzina, che poi te li pago io appena arrivi. Benzina? Distributori? Ok, vieni a piedi. L'unico vantaggio che avresti sarebbe la scusa pronta per non venire da me :lol: ma per il resto?

Noi Uomini europei, ci sapremo adattare o saremo condannati a un'estinzione di massa? O a migrare verso l'Africa? :hm:

E soprattutto, l'Uomo europeo di oggi saprebbe inventare la ruota? O cercheremmo di fare rotolare uno smartphone?

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
21 minuti fa, Talia ha scritto:

E non è una divinità extraterrestre che ci passa queste scoperte, bensì uomini intelligenti.  

 

Magari è proprio così. Loro ce le passano e l'umanità non sa mettere a frutto le innovazioni e le cose che ci suggeriscono.:D

No scherzo, ma quelli intelligenti, che studiano e scoprono alternative, invenzioni sono in minoranza netta confronto ai numerosi coglioni che governano il Mondo.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
17 minuti fa, M.T. ha scritto:

livello di morale ed etica c'è un'involuzione e senza di esse si sfocia nel caos, dove ognuno vuole prevaricare e fare quello che gli pare.

Ma siamo davvero sicuri? Cioè secondo me questo nostro sole non ha mai visto niente di nuovo. Prevaricazione, aggressività, opportunismo, egoismo sono tratti umani e sono sempre esistiti. Perché nel medioevo non c'erano i furbetti? Ai tempi dei romani non c'erano i farabutti? Ai tempi degli egizi non c'erano gli stupratori? E l'uomo delle caverne non viveva srcondo la legge bruta del più forte e aggressivo? 

 

Talia 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
10 minuti fa, Talia ha scritto:

Prevaricazione, aggressività, opportunismo, egoismo sono tratti umani e sono sempre esistiti. Perché nel medioevo non c'erano i furbetti? Ai tempi dei romani non c'erano i farabutti? Ai tempi degli egizi non c'erano gli stupratori? E l'uomo delle caverne non viveva srcondo la legge bruta del più forte e aggressivo? 

Certo. Ma la storia avrebbe dovuto insegnare a non commettere più certe cose.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, M.T. ha scritto:

Certo. Ma la storia avrebbe dovuto insegnare a non commettere più certe cose.

Se dopo duemila anni stiamo ancora come gli Egiziani antichi... non sarà involuzione ma nemmeno ci siamo evoluti. Se vede che come dimo a Roma stamo bene così.

A che è servita tutta sta scienza? o no!

  • Divertente 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

E quindi a conti fatti nel duemiladiciannove ci ritroviamo così: non siamo altro che cavernicoli e mediovali caratterialmente, però abbiamo la rete! i telefonini, la moda, il calcio... per sfogare l'istinto inciso nel nostro DNA e non saremo mai in grado di elevarci?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
6 minuti fa, Alba360 ha scritto:

non siamo altro che cavernicoli e mediovali caratterialmente, però abbiamo la rete! i telefonini, la moda, il calcio... per sfogare l'istinto inciso nel nostro DNA e non saremo mai in grado di elevarci?

Ma allora non è una questione di intelligenza, come era iniziata la discussione, ma un problema etico/morale o spirituale. 

 

Anche su questo non riesco vedere una generalizzazione mondiale dell'umanità né come possibile(come si fa a fare una media del grado di eticità del mondo intero?) né indicativa di qualcosa. 

 

 

Talia 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sì sì @dyskolos, avevo capito :D Noi ormai siamo adattati all'ambiente che ci siamo creati, non avremmo l'ingegno necessario per sopravvivere in situazioni estreme o nella foresta. Dai, magari vengo lì via zattera con tappa in Corsica e in Sardegna :asd:

46 minuti fa, M.T. ha scritto:

Allora mi sa che deve problemi a infilare anche i guanti per lavare i piatti... se fa fatica a centrare un elemento dritto, figurati cinque :P 

Eh, ma sai, è difficile capire il verso giusto, e poi... ehm... a che servirà mai quel cosino in cima....? :asd: Troppo complicato...

47 minuti fa, M.T. ha scritto:

Ho conosciute persone che hanno voluto mettere al mondo figli perché dei loro amici più grandi li avevano avuti e li hanno voluti avere alla stessa età che li hanno avuti gli altri.

 

Eh sì, e sono tante le motivazioni... C'è chi li vuole per scappare di casa, per lenire le proprie sofferenze, per scaricargliele addosso, per...

 

Comunque in linea di massima sono d'accordo con @Talia quando dice che, in generale, il benessere è migliorata e abbiamo beneficiato di un progressivo aumento della tecnologia. Anche a livello culturale (emancipazione femminile, etica del lavoro, rapporti intrafamiliari ecc.)

Un giorno, guardando un affresco raffigurante una scena di guerra, mi è venuto in mente che nell'antichità si tendeva a fare tutto il più presto possibile: da adolescenti ci si sposava e si avevano figli, oppure si entrava nelle alte cariche con potere decisionale. È vero che non è sempre l'età a rendere maturi (ognuno di noi avrà l'amico quarantenne/cinquantenne ancora adolescente:D ) però, a grandi linee...

Però mi sono sempre stupita di come, in una società evoluta come la nostra, potessero ancora essere così tanto diffuse certe dinamiche... È che sono connaturate nell'Homo sapiens sapiens e non possiamo farci niente? È perché i più problematici si riproducono di più, come dice lo studio che ho linkato? 

Va be', vado a guardare qualche video di gattini che è meglio ;)

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il genere umano e la nostra civiltà non sono tanto male, io un sei e mezzo glielo darei, forse anche un sette meno meno. 

 

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
7 minuti fa, massimopud ha scritto:

Il genere umano e la nostra civiltà non sono tanto male, io un sei e mezzo glielo darei, forse anche un sette meno meno. 

 

 

Però teniamo in allerta uno tra Ranieri e Sonetti, che un bel catenaccio torna utile...

  • Divertente 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
6 minuti fa, simone volponi ha scritto:

Però teniamo in allerta uno tra Ranieri e Sonetti, che un bel catenaccio torna utile...

 

Lei è Peter Handke, confessi! O forse è Olga Kotar... Katorc..., insomma quell'altra?

  • Divertente 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 minuti fa, massimopud ha scritto:

Katorc

 

Katorc di sicuro, Olga solo per certi amici... mhmh...

  • Divertente 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Antares_ ha scritto:
2 ore fa, M.T. ha scritto:

Allora mi sa che deve problemi a infilare anche i guanti per lavare i piatti... se fa fatica a centrare un elemento dritto, figurati cinque :P 

Eh, ma sai, è difficile capire il verso giusto, e poi... ehm... a che servirà mai quel cosino in cima....? :asd: Troppo complicato...

xD

 

1 ora fa, Antares_ ha scritto:
2 ore fa, M.T. ha scritto:

Ho conosciute persone che hanno voluto mettere al mondo figli perché dei loro amici più grandi li avevano avuti e li hanno voluti avere alla stessa età che li hanno avuti gli altri.

 

Eh sì, e sono tante le motivazioni... C'è chi li vuole per scappare di casa, per lenire le proprie sofferenze, per scaricargliele addosso, per...

Quelle che si vogliono far mettere incinta dal tipo ricco così poi le mantiene... (l'ho sentita di persona: storia vecchia come il mondo, ma fa sempre schifo usare un figlio come mezzo per ottenere qualcosa).

 

Questa sera per curiosità passo a dare un'occhiata a Eurogames, la nuova versione dei vecchi Giochi senza Frontiere. Arrivo nel momento in cui i due conduttori urlano "La patata è inzuppata! La patata è inzuppata!"  riferendosi al gioco in questione, ma dando adito anche a un certo doppio senso. Se poi continuano a dire "dai ragazzi, va bagnata di più", beh, non meravigliamoci se poi si pensano certe cose ;) . D'accordo che è un gioco, d'accordo che è Mediaset, però evitare certe battute sarebbe meglio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Antares_ ha scritto:

:appoggio:

 

Forza Rocco! Sei tutti noi! Un grande davvero :rolleyes: 

Porta in alto il nostro nome! Noi TVB anche se ora fai la pubbli delle patatine! ^^

:bash::bash::bash:

  • Divertente 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, dyskolos ha scritto:

Porta in alto il nostro nome! Noi TVB anche se ora fai la pubbli delle patatine! ^^

è tornato a farla? Io ero rimasto a quella di tanti anni fa

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, M.T. ha scritto:

è tornato a farla? Io ero rimasto a quella di tanti anni fa

 

Sì, e comincia dicendo (più o meno): «Sono ancora quello di una volta». Una specie di "riassunto delle puntate precedenti", nel caso che qualcuno se le fosse perse ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×