Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Arcadia

Guarigione

Post raccomandati

Codardia

 

Dedicata a V.S.

 

Sconquassa il petto

questo bubbone

di nostalgia:

che il nome tuo

poteva essere

quello di dio

mentre ti ergevi

tra me, il mare

la nostra isola

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Un amore non andato bene, @Arcadia?

E' una bella poesia, la tua. Io che sono un "talebano" delle rime, devo dire che l'ho apprezzata. Ci vedo evidente malinconia nel non avere tra le proprie braccia quel qualcuno che, invece, tra le braccia avresti voluto stringere fortemente, se, addirittura, arrivi a definirlo il tuo Dio... Ma ciò che mi da conferma di quanto dico, è il verso finale, "la nostra isola"... Significa davvero che lui, per te, sarebbe stato l'apice della tua vita.

 

Per quanto riguarda il metro stilistico ti rimando ai commenti di utenti ancora più precisi ed esperti di me, ma ti dico che sei stata brava. ;)

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Arcadia, la malinconia di questa tua poesia è molto forte e l'hai resa in pochi, semplici versi, ma molto carichi. Si sente bene questo amaro sentimento, dovuto alla mancanza di coraggio di rischiare... Ho letto di un uomo/una donna che non ha voluto, perché di volere si tratta, provare, rompere la propria quiete per paura di farsi male ed ora rimpiange ciò che mai sarà... Credo che sia un'esperienza comune un po' a tutti, credo che ognuno di noi conosca quell'amarezza pesante che a volte toglie il fiato, quel treno perso...poi c'è chi impara e chi si ripete, ma alla fine ci ritroviamo un po' tutti a guardare fuori da un finestrino o una finestra, a immaginare quello che sarebbe stato.

Una poesia molto bella. 

A rileggerti. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Arcadia,

la tua poesia ha smosso qualcosa in me e mi ha fatto pensare a Penelope e al momento in cui Ulisse riparte per l'ultima volta. Lui lascia Itaca, lei sa che non farà ritorno. Ulisse sfida gli dei, si paragona a loro, vuole sapere tutto, vuole vedere tutto, ma per Penelope lui è già tutto, è lui il suo dio. 

La "nostalgia" che sento è quella delle cose che non potranno mai essere e credo sia una sensazione che tutti abbiamo provato: l'adorazione dell'altro e poi quella straziante consapevolezza della fine.

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 12/9/2018 alle 12:18, Arcadia ha detto:

Codardia

 

Dedicata a V.S.

 

Sconquassa il petto

questo bubbone

di nostalgia:

che il nome tuo

poteva essere

quello di dio

mentre ti ergevi

tra me, il mare

la nostra isola

 

Il 12/9/2018 alle 12:18, Arcadia ha detto:

Codardia

 

Dedicata a V.S.

 

Sconquassa il petto

questo bubbone

di nostalgia:

Ho trovato molto efficace quest'apertura, complimenti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Vi ringrazio infinitamente per gli apprezzamenti e le belle parole spese per "Guarigione". Spiegare a cosa si riferisce di preciso non ha, per me, molto senso quindi non mi dilungherò su quest'argomento; al contrario mi fa piacere che abbia suscitato in voi Emozione e che abbiate potuto godere della sua resa.

 

Grazie ancora

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×