Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Aporema Edizioni

James Biancospino e le sette pietre magiche - Simone Chialchia

Post raccomandati

Oggi mi sento finalmente pronto per affrontare con voi un argomento molto importante per me: la musica.

Condividere le mie emozioni, i miei pensieri al riguardo non è affatto semplice.

Certo, attraverso James possiamo dire che in qualche modo già l’ho fatto, ma non in maniera così esplicita.

La musica è parte integrante della nostra vita, questo è un dato di fatto.

Ce la portiamo in tasca, compone i nostri ricordi e fa da colonna sonora a matrimoni, funerali e primi baci

o a qualsiasi momento che per qualche strana ragione la nostra mentre cataloga come importante.

Ma ha un effetto ancor maggiore di quello che potremmo immaginare.

 

🎤🎧🎼🎹🥁🎷🎺🎸🎻🎤🎧🎼🎹🥁🎷🎺🎸🎻

 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO SUL BLOG QUI

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Quel buco di camera era il suo piccolo angolo di vita disordinata. 
Sui muri erano affissi i poster dei suoi gruppi preferiti e, a lato della scrivania piena di libri, 
giacevano il suo amplificatore e la chitarra. A suonare James non era quello che si dice un portento, 
ma riusciva a trovare nella musica la forza per affrontare gli ostacoli e i limiti con cui doveva scontrarsi ogni giorno.
Isolandosi e viaggiando con la fantasia, riusciva a trovare quella serenità e quella gioia che, 
a detta di molti, avrebbero dovuto caratterizzare il suo essere adolescente. 
Soprattutto di serenità aveva bisogno, James Biancospino, specie in quell’ultimo periodo. 
Non pretendeva pace, felicità, o fortuna: voleva solo imparare a godersi i suoi anni e 
le esperienze della vita senza tanti turbamenti, angosce e paranoie.

 

CONTINUA QUI

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Una grande amicizia ha due ingredienti principali:
il primo è la scoperta di ciò che ci rende simili,
il secondo è il rispetto di ciò che ci fa diversi.

 

(Stephen Littleword)

 

Clicca QUI

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Per chi ha letto il libro la frase che ho scelto per il titolo dell’articolo non ha bisogno di spiegazioni. 
Basili c’ha preso in pieno.
Il tema dell’amicizia ricopre infatti un ruolo importante nella mia storia.
In precedenza abbiamo già trattato alcuni aspetti della personalità di James (se non hai ancora letto recupera pure l’articolo all’interno di questo blog) che giocoforza influenzano anche quelli che sono i legami che instaura con gli altri.
Oltre a Brewal infatti possiamo dire che James non ha un vero e proprio amico, uno di quelli con la a maiuscola.
Aprendo il vocabolario troviamo scritto: l’amicizia è un tipo di relazione interpersonale, accompagnata da un sentimento di fedeltà reciproca tra due o più persone (o esseri viventi aggiungo io), caratterizzata da una carica emotiva.
In quasi tutte le culture, l’amicizia viene percepita come un rapporto basato sul rispetto, la sincerità, la fiducia, la stima e la disponibilità reciproca.

Per voi perché é importante l’amicizia?

Scrivetelo nei commenti ;)

 

Se volete l'articolo prosegue QUI

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

L’amore e l’amicizia hanno tre cose in comune.
Nascono dallo stesso seme: la stima.
Crescono sotto la stessa luce: il rispetto.
E per vivere hanno bisogno della stessa linfa: esserci.

(Giuseppe Donadel)

 

CONTINUA QUI

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Terminato il calvario scolastico, poté infine tornare a casa per riposare. 
Non si reggeva in piedi dalla stanchezza, tanto che il tragitto di ritorno lo fece portando a mano la sua vecchia e malandata bici.
Appena svoltato nella sua via, vide Brewal scodinzolare di gioia, ritto sul portone d’ingresso. 
Era così bello sentirlo felice, sapere che c’era chi non aspettava altro che lui, senza volerlo giudicare o criticare. 
Tutte le preoccupazioni per un attimo sembrarono come svanite.
In fin dei conti è proprio vero che il cane è il miglior amico dell’uomo, pensò.


CONTINUA QUI

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Comunicare sentimenti ed emozioni è da sempre vitale nella comunicazione umana.

Io mi sono reso conto che attraverso la scrittura arrivo ad esternare meglio ciò che ho dentro.

Ed è per questo che non arrivo più a smettere, ho trovato il vettore attraverso il quale sfogarmi liberamente.

Tramite James mi è stato possibile analizzare le varie sfaccettature del mio io profondo.

 

Continua a leggere l'articolo

 

⬇️

 

QUI

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Un grande scrittore disse: «Io sono due: quello che vive e quello che scrive, e il primo vive solo perché l’altro scriva. Senza primo, il secondo non avrebbe materia; senza il secondo, il primo non avrebbe scopo».
(Michele Mari)

 

CONTINUA QUI

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

James annuì, assorto in un pensiero triste.

Il generale se ne accorse e gli chiese: «Anche tu avrai molti amici? Ti mancano?»

«Beh, sì. Ho tanti amici… Non proprio amici, diciamo conoscenti. In realtà ho solo un vero amico…

Un amico che non è una persona vera: è un cane. Non sono tanto bravo a socializzare e non credo di…»

«Vuol dire che non badi alle parole, ma alla qualità dei sentimenti. È un pregio, non ci sono dubbi.

Comunque non preoccuparti: sono sicuro che riuscirai a trovare altre persone di cui fidarti e a cui volere bene.

Sai, spesso le amicizie hanno bisogno del contesto adatto per riuscire a sbocciare.

Tutto sta nel non chiudersi in se stessi e nel non chiedere troppo all’altro. Né a te stesso né all’altra persona...

 

READ MORE

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

"James Biancospino e le sette pietre magiche " è il romanzo d'esordio di Simone Chialchia.
James Biancospino é un ragazzo di diciotto anni, ma con una storia alle spalle già abbastanza pesante e che lo ha segnato nell'animo e nel carattere. Infatti da piccolo fu abbandonato dal padre e si ritrovò a crescere da solo con la mamma, nella piccola città friulana di Cividale. James è un ragazzo timido, inquieto, chiuso in se stesso e questo lo porterá a non avere molti amici e a trascorrere le sue giornate tra videogames e musica, ma avrà sempre al suo fianco, la presenza costante del suo amico a quattro zampe, Brewal. La sua vita cambierá durante una passeggiata nel bosco insieme al suo inseparabile labrador, quando troverá una misteriosa pietra. Grazie al ritrovamento di questa pietra, il protagonista viaggerà nel tempo e si sveglierà nella Cividale del 1503. Qui si troverà suo malgrado a combattere una battaglia contro il Male Oscuro, e si unirà alla Confraternita della luce, una setta che combatte la minaccia oscura di esseri spaventosi chiamati i non-morti, spietati individui che si nutrono dell' anima delle proprie vittime. Ed è così che prenderá avvio la rinascita di James, grazie all' oste Orazio e a suo figlio Elvezio, imparerà a districarsi in quel nuovo mondo, a continuare il suo viaggio lungo tutta l'Italia alla ricerca delle altre pietre magiche che gli permetteranno di trovare un modo per ritornare a casa. É un romanzo per me "reale" ambientato in un fantasy-storico, sarà facile per i lettore rivedersi nella personalità di James. Ho apprezzato tanto l'evoluzione e la crescita interiore del protagonista, oltre a narrare una storia avvincente che ti sa conquistare pagina dopo pagina, il libro é anche un excursus attraverso alcune delle più belle città d'Italia. La narrazione scorre veloce e chiara, i fatti vengono narrati molto bene e in modo accurato. I luoghi e le ambientazioni sono descritti con maestria dall'autore, che lascia poco spazio all'immaginazione del lettore più pigro. La storia è molto originale, diversa dal solito fantasy. Ho adorato James, mi ha fatto molta tenerezza è il classico bravo ragazzo della porta accanto. Carina è anche la storia d'amore, che metterà il nostro beniamino a dura prova, si ritroverà innanzi ad una scelta: da un lato la voglia di ritornare a casa e dall'altro il desiderio di rimanere in un mondo che sentirà più suo. Aspetto con curiosità il prossimo volume !

 

 

ALTRE RECENSIONI QUI

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

In onore alle donne

 

⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️

 

Guardò il cielo stellato, come per chiedere quanto ancora sarebbe dovuto rimanere intrappolato in quel segmento di Storia. Che giorno era? Lo chiese a Massimo e venne a sapere che stava per iniziare l’ottavo del mese di marzo. Proprio il giorno in cui nel suo tempo si festeggia la festa delle donne…

James non volle sottrarsi all’abituale dono che si usa porgere in questa ricorrenza. Mentre gli altri stavano preparando tutto il necessario prima di salpare, si allontanò verso un giardino poco distante dal molo. Cercò attentamente ma, alla fine, si dovette accontentare di alcune primule selvatiche. Colti due mazzetti si recò verso le due femmine dell’equipaggio.

«Donne, a voi» disse porgendo i fiori a Scarlet e ad Arseniya. «Oggi nel mio mondo sarebbe la vostra festa e io... sì, beh… ecco, pensavo fosse giusto donarvi lo stesso qualcosa.»

«Oh, grazie, sei molto gentile!» gli rispose gioiosa Arseniya.

«Un vero cavaliere: ci porteranno fortuna! Poi io adoro le primule, sono così profumate e delicate» aggiunse con un sorriso Scarlet, mentre annusava il dono floreale.

 

 

🌼🌼🌼 AUGURI A TUTTE!!! 🌼🌼🌼

 

 

CONTINUA QUI

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

️ ATTENZIONE MESSAGGIO IMPORTANTE 

 

⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️

 

85157931_2763958710391705_60357753985732

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ecco la seconda di copertina

 

⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️

 

Il viaggiatore vide lo stregone oscuro accarezzare la testa del traditore e sorridere: festeggiava il ritorno a casa del figliol prodigo.

Lentamente, poi, il capo dei non-morti si avvicinò a James e si inginocchiò in modo tale da essere alla sua stessa altezza.

«L’offerta è ancora valida, sei un’ottima risorsa: perché sprecare il meraviglioso potere del tuo sguardo di Venere per servire quella setta di ipocriti e ingrati? Passa alle tenebre e vi risparmierò la vita» sussurrò all’orecchio.

 

⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️

 

CONTINUA QUI

 

90621965_2776360749151501_75331319944613

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ecco l'estratto di una delle recensioni più belle che abbia mai ricevuto, grazie mille a Andrea Massone!

 

⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️

 

...Ritengo, inoltre, che sia molto difficile ambientare un libro in un’epoca storica passata e inserire il tutto verosimilmente nella realtà dell’epoca; in questo l’autore fa un lavoro magistrale perché non ho trovato alcuna incongruenza anacronistica...

 

...vorrei dedicare due parole allo stile dell’autore che è super innovativo ed è stato davvero una delle note positive di questo romanzo. Nonostante sia uno stile ricercato e per nulla banale risulta essere piuttosto scorrevole e non pomposo o complesso, ma nemmeno troppo semplice: l’ho trovato un perfetto bilanciamento per questa narrazione...

 

Per leggere la recensione completa

 

⬇️⬇️⬇️⬇️

 

CLICCA QUI

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

➡️ E-BOOK IN OFFERTA su AMAZON ⬅️

 

⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️

 

LE 7 PIETRE MAGICHE QUI

 

I GIORNI DELL'ARDESIA QUI

 

92130091_2803955479725361_39556493490142

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

In attesa di ricevere i primi riscontri su I GIORNI DELL'ARDESIA ecco altre incoraggianti parole su LE SETTE PIETRE MAGICHE

 

 

⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️

 

...I personaggi sono ben caratterizzati, tutti restano impressi nella mente e creano una piccola famiglia anche per chi legge.

Ammetto che Gaël mi ha colpita subito, abile lanciatore di coltelli e insegnante meticoloso e a volte anche fin troppo violento.

Eppure, il rapporto che ha sviluppato con James mi è piaciuto.

Poi… beh, è successo che… no, non posso rivelarvelo....

 

 

⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️

 

RECENSIONE COMPLETA QUI

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Questa fantastica RECENSIONE merita davvero di essere letta per intero (link QUI)

 

⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️

 

... James Biancospino e le sette pietre magiche è un romanzo piacevolmente dinamico, si sposta di volta in volta di città in città e non staziona solo a Cividiale del Friuli. Sarà un viaggio costante, dove i richiami storici non mancheranno. È proprio qui che voglio concentrare la mia attenzione: i dettagli storici all’interno del romanzo. Dalla distruzione di una colonna nella Cattedrale di Cividiale del Friuli alla disfida di Barletta tra Francesi e Italiani avvenuta nel 1503.

 

Non solo questa attenzione mi ha stupito davvero tanto, ma ha reso la lettura molto più interessante dal punto di vista storico e realistico, cosa che sinceramente ho apprezzato tantissimo e non finirò mai di fare i complimenti all’autore per tanta ricercatezza.

 

Lo stile di Simone Chialchia è scorrevole ed innovativo, concede la giusta attenzione al periodo storico in cui colloca la sua storia, partendo dall’architettura delle città al parlato dei comuni cittadini, che hanno cadenze dialettali e poca conoscenza della lingua comune.

 

Un altro punto a favore è la questione tempo. In un romanzo in cui è proprio lui uno dei protagonisti, ho apprezzato il fatto che ad ogni cosa venga data il giusto peso. La narrazione si srotola in un arco temporale di diversi mesi che possiamo notare dai festeggiamenti di inizio anno o, come ho citato prima, da accadimenti storici importanti come la disfida di Barletta.

 

Vorrei prendermi qualche altra riga per lodare la capacità di Simone nel narrare una Cividiale del Friuli misteriosa e interessante che ha reso sicuramente giustizia al suo paese. Non dimentichiamo la sua capacità di riportare fatti storici e di piegarli – per così dire – sotto il proprio volere, adattandoli ad un contesto fantastico, che non è una cosa tanto semplice...

 

Beh, che dire... Semplicemente grazie di ❤️

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

100541693_2922772107843697_8456582450233

 

 

La più antica e potente emozione umana è la paura, e la paura più antica e potente è la paura dell’ignoto.

Howard Phillips Lovecraft

 

⬇️⬇️⬇️⬇️

 

CONTINUA QUI

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Nuova recensione del primo libro

 

... La scrittura di Simone è una scrittura leggiadra che si avvicina molto alla lettura semplice che può essere comoda per il lettore oltre tutto il suo fantasy è un fantasy che si avvicina molto alle qualità che vengono ben accettate dai giovani – YA -. È un fantasy leggero, con un’ottima pensata a livello di narrazione, ma anche di svolgimento e di personaggi. La forte caratteristica che ho riscontrato nell’autore è la capacità di non annoiare mai chi legge, e inoltre non mancano momenti di suspense e soprattutto di eventi che portano vibrazioni al lettore stesso ...

 

CONTINUA QUI

 

77380336_2522789601175285_76962777746039

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ecco a voi un'altra fantastica recensione de
"JAMES BIANCOSPINO E LE SETTE PIETRE MAGICHE"

 

...Questo romanzo è stato una sorpresa, perché pur avendo letto la trama, non mi aspettavo una storia così complessa e attuale.

Mi rimane sempre complicato trovare fantasy storici non banali e che rispettino veramente la storia. In James Biancospino e le sette Pietre magiche, la trama si fonde alla perfezione con il secolo e l’anno trattato, riportando eventi storici grandi e piccoli in modo preciso e ben integrati con la parte magica del racconto. Voglio inoltre puntualizzare che in questo romanzo la storia non è solo uno “sfondo” come accade in tanti romanzi fantasy-storici, ma è parte integrante del racconto, vissuta spesso in prima persona dai personaggi. Non è certo una cosa così facile da fare!

Molto bello il fatto che vengono indicati i luoghi in cui si svolgono le varie scene, tutti luoghi reali (in Italia e all’estero), che danno ancora più veridicità al racconto.

La storia di lotta tra bene e male non è così innovativa, è stata già ampiamente utilizzata nell’ambito fantasy, ma qui il lato oscuro è inteso come una sorta di “oscurità primordiale” derivata dalle debolezze umane, quindi a me personalmente piace. Interessante anche come la Confraternita della Luce, pur essendo la parte del bene, non sia presentata come totalmente positiva, sia in fatto di azioni che nella sua gestione interna...

 

Leggi la recensione completa QUI

 

⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️

 

Grazie a Claus Green's Art Space anche per il magnifico disegno!

123659680_3379197518867818_3993744556158

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

L’autore ha uno stile asciutto e funzionale, usa periodi brevi e costruiti in maniera solida. Non disdegna neanche l’uso di termini ricercati, un po’ insoliti peraltro in un fantasy per ragazzi.

 

L’intreccio regge molto bene e i colpi di scena sono dosati al punto giusto. Si percepisce che la penna di Chialchia sa quando deve accelerare e quando rallentare. Le scene di battaglia e l’allenamento a monte sono descritti con perizia e naturalezza.

 

"In lontananza si udì il lento e pesante marciare di una rigida moltitudine. […] Bagliori esiziali esplodevano a intermittenza nel buio della notte, turbini, schianti e saette vorticavano e si ramificavano tra terra e cielo come scariche elettriche."

 

Il risultato è un romanzo avvincente e fresco.

 

L’ambientazione storica è assolutamente coerente, caratteristica che non è facile riscontrare nei fantasy “storici” dello stesso filone.

 

Il worldbuilding è interessante, anche se non del tutto originale. Funziona l’attribuzione di varie proprietà alle pietre e il fatto che le stesse condizionino l’animo umano, a seconda del loro impiego.

 

Grazie di cuore a Storie a Catinelle

 

CONTINUA A LEGGERE LA RECENSIONE QUI

 

⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️

 

123959792_3393560334098203_1853791460888

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

S’io fossi il mago del Natale farei spuntare un albero di Natale in ogni casa, in ogni appartamento dalle piastrelle del pavimento! 

Gianni Rodari


Buon Natale e buone feste a tutti voi! Vi auguro il meglio e tante buone letture ;)

132395160_3507821549338747_2326204227808

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Quale regalo migliore di un'altra fantastica recensione?

 

Il male ha diverse origini, spesso deriva purtroppo dall’idea di fare del bene, solo in modo errato. Da questo sbaglio giunge la presunzione, la superbia e infine la brama del potere; una capacità attraente e al tempo stesso pericolosa, quando si usa senza coscienza. Facile cadere in tentazione, soprattutto se non si è dotati di animo puro, una virtù per pochi. Uno tra questi è senz’altro James, protagonista di questo particolare romanzo fantastico ambientato in Italia tra i giorni nostri e il sedicesimo secolo, epoca per lui semi-sconosciuta e ricca di insidie, in mezzo a creature delle tenebre e cavalieri impavidi, lontano dai suoi affetti. Ma andiamo con ordine e presentiamolo al meglio.

Davvero da non perdere!

 

LEGGI QUI

 

arimg.jpg

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×