Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Niko

Santelli Editore

Post raccomandati

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Intanto posso fornire la mia esperienza. E' una Ce totalmente free, e si è dimostrata molto puntuale e veloce nelle fasi di accettazione del manoscritto, invio del contratto, invio di copertina e prime bozze di impaginato. Per cui posso dirmi molto soddisfatto, in quanto autore, dell'operato, almeno finora, della Santelli

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Pochi giorni fa è uscito il mio libro per i tipi di Santelli. Tabella di marcia rispettata. Con l'editore siamo rimasti d'accordo di cominciare a pubblicizzare il libro a settembre, visto la parentesi agostana. Nel complesso, confermo la mia soddisfazione per aver pubblicato con questa Ce.

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Domando a coloro che hanno pubblicato con questa Casa Editrice: come si è spesa nella distribuzione del proprio libro? Di quali canali/mezzi usufruisce per pubblicizzare un libro?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, realfabry ha detto:

@Niko la casa editrice da quando hai pubblicato il 6 luglio non si è più fatta viva per darci informazioni?

Esatto, non è mai più passata sul Forum.

Specifichiamo che per "pubblicato" intendi il messaggio nel forum! 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao a tutti e grazie @Niko per lo spazio a noi riservato.

 

Come si sa, noi della Santelli operiamo in editoria dagli anni ‘80. Oltre al fattore tempo, fanno di noi un marchio storico sia la serietà che ci contraddistingue da sempre che, soprattutto, i nostri libri e gli autori che ci hanno onorato della propria penna. Tra gli altri ci sentiamo di citare almeno: Pino Nano, capo redattore RAI; Coriolano Martirano, Governatore Rotary; Manlio del Gaudio, generale Arma dei Carabinieri. Non abbiamo alcun limite di genere e i nostri libri spaziano tra saggistica, bambini e ragazzi, manuali, testi scolastici, romanzi. Non è questo lo spazio per parlare di tutta la nostra storia, che si può approfondire su Wikipedia o sul nostro sito www.santellieditore.it

 

Dopo tanti anni, è arrivato anche per noi il momento di darci una ventata d’aria nuova, regalando alla casa editrice un nuovo assetto societario. Di recente è stato Giuseppe Santelli a prendere il timone, l’amministrazione del gruppo, a 25 anni.

 

La nostra proposta, a detta dei nostri legali, è sbilanciata a favore degli autori. Infatti non chiediamo alcun “contributo editoriale” né imponiamo acquisto di copie, bensì copriamo con i nostri fondi aziendali tutte le spese di pubblicazione e di stampa. Chiaramente la selezione è rigorosa, infatti pubblichiamo autori di un certo potenziale, altrimenti il gioco non varrebbe la candela: non che tutti i buoni libri riescano a vendere 2-3mila copie, ma sicuramente il tipo d’autore che ha appena fatto un self-publishing vendendo 15 copie tra i parenti riceverebbe risposta negativa. Quello che chiediamo è un effettivo e massimo impegno da parte dell’autore, di modo che sfrutti al meglio tutti gli strumenti e i mezzi che riusciamo a mettere in campo.

 

Siamo abbastanza rapidi con le valutazioni, riusciamo solitamente a rispondere entro 1-2 mesi. La lavorazione editoriale è completa e di qualità: i nostri consulenti editoriali si occupano della cura degli interni, sotto l’egida della nostra direzione editoriale, mentre i nostri grafici specializzati si occupano del progetto di copertina. La comunicazione e le pubbliche relazioni sono curate dal nostro ufficio stampa, che segue insieme all’autore le varie fasi promozionali della pubblicazione.

 

Abbiamo una distribuzione nazionale completa e una presenta online imponente (http://www.directbook.it/editore.php?id=256). Il nostro distributore, Directbook, è ubicato a Milano cosi come uno dei nostri grossisti di fiducia, FastBook, senza dimenticare Centro Libri di Brescia. I nostri libri sono disponibili nelle Feltrinelli, nelle Mondadori, nelle Giunti, nelle Ub!k (ordinabili anche presso le Coop) e nella maggior parte delle librerie indipendenti, anche moltissime di quelle più piccole. Online siamo presenti su tutti i grandi siti librari, da Amazon a Ibs. Abbiamo anche un servizio di distribuzione estera e stampa su richiesta all’estero. La promozione in libreria è curata da Goodfellas di Firenze nonché da Esse Promo.

 

Per ulteriori info è possibile scriverci su info@santellieditore.it

 

Per invio manoscritti https://www.santellieditore.it/inviare-manoscritto/

 

Viva il sapere, la cultura, l’informazione, la creatività.

 

Grazie per l’attenzione e buona editoria a tutti!

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Niko

Il ‎06‎/‎07‎/‎2018 alle 11:44, Niko ha detto:

Modalità di invio dei manoscrittihttps://www.santellieditore.it/invia-la-tua-opera/

"Oops! That page can't be found" (cit.)

Il collegamento che trovo dal menu del sito è questo

https://www.santellieditore.it/inviare-manoscritto/

Segnalo. :)

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 1/11/2018 alle 19:08, don Durito ha detto:

Ho pubblicato da poco con Santelli, e riguardo alla promozione del proprio  libro l'autore deve rimboccarsi le maniche. As usual, of course.

Scusami, in che senso rimboccarsi le maniche? Nel senso che è l'autore stesso che deve organizzare varie presentazioni del proprio libro?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Be', quello che ha possibilità di fare. Trovare qualche recensione o segnalazione su blog e siti, fare presentazioni, come è d'uso con  molte CE, del resto.

  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho pubblicato con questo editore e purtroppo la mia esperienza non è positiva finora.

Quando ho inviato il manoscritto, sono stati molto veloci e mi hanno risposto nel giro di un mese. Avevo avuto altre 6 proposte.

Anche la produzione del libro è stata veloce: ciò è però dovuto al fatto che la mia opera non è stata sottoposta a editing. Nemmeno per la correzione di bozze sono stata affiancata da un collaboratore della CE. Ho dovuto farla da sola.

Si sono limitati a modificare il titolo, informandomi soltanto poco prima della stampa, e dopo che il codice ISBN era stato già richiesto.

Per quanto riguarda la distribuzione, la mia impressione è che l’opera sia stata stampata in un numero esiguo di esemplari e sia disponibile soltanto "On Demand": i maggiori store (a parte Amazon) la indicano come esaurita, non disponibile o disponibile entro 3 settimane. La giacenza presso Directbook è di 5 copie, il che vale anche per molti altri titoli della CE.

Per quanto riguarda le librerie, esse dispongono dell’opera soltanto se la ordinano espressamente (e non in conto vendita), con il risultato che l’opera non è presente in alcuna libreria.

La promozione si è limitata a 1 messaggio sui vari social. Non è stato emanato alcun comunicato stampa.

  • Confuso 2
  • Triste 3
  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, PatriziaV ha detto:

La giacenza presso Directbook è di 5 copie, il che vale anche per molti altri titoli della CE.

Ciao, anche io ho pubblicato con la Santelli, prima di raccontare la mia esperienza volevo chiederti come hai saputo del numero di copie in giacenza presso DirectBook?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@sertorio basta che cerchi su Google le voci Santelli e Directbook. Compare la schermata di Directbook su Santelli, con il catalogo. Alla fine di ogni libro pubblicato (ma non di tutti) compare la sigla FB e un numero. Questo numero indica la giacenza indicativa presso Fastbook

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Anche io ho pubblicato con questa CE a febbraio. Veloci nella valutazione del testo (un mese), contratto lineare e senza nessun contributo richiesto. La correzione di bozze è stato fatta in collaborazione, anche se per fortuna io ho imparato a scovare da sola refusi e/o errori (così almeno sto più tranquilla). L'editing non è stato fatto perché gli editori non hanno ritenuto che fosse necessario. L'immagine della copertina è stata scelta insieme (prima una bozza e poi la versione definitiva, differente rispetto alla prima proposta). Successivamente via mail mi hanno mandato flayer e volantini promozionali con una grafica stuzzicante. Su Pinterest il mio libro è presente ed è disponibile sui canali di vendita on line (amazon, ibs, Feltrinelli, libraccio ecc...). In ultimo, circa il discorso della presenza fisica nelle librerie, hanno un distributore non equiparabile a Messaggerie o Mondadori (RCS). Sicuramente faranno quello che possono, non avendo chiesto contributi ne va anche del loro rendiconto annuale. Comunque il libro è ben fatto: buona rilegatura e carta "giallina" usata per la stampa (che so per certo costare di più di una semplice carta bianca). Io per fortuna il prossimo libro lo pubblico con una casa editrice distribuita da Mondadori... speriamo di essere maggiormente presenti in libreria. 

  • Confuso 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Si parla di copertine, tempi rispettati, tanto entusiasmo... e poi zero librerie, e nessuno ordina un libro di uno sconosciuto che é pressoché un fantasma. I libri si comprano quando sono presenti sugli scaffali. E non parliamo della presenza sugli store on line, dove ogni self publishing é presente 24 ore dopo aver pubblicato qualcosa. 

  • Mi piace 5
  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao, sono "in trattative" con questa CE. Ci ho parlato anche per telefono, sono stati molto chiari, onesti e lineari riguardo l'investimento che vanno a fare per un esordiente (sono totalmente free) con un potenziale di base relativamente basso, a livello di mercato. Ci può quindi stare che l'autore debba mettersi in gioco per promozione, presentazioni e quant'altro. Io sono tendenzialmente un pò disturbato dalla figura tutta moderna dell'artista, scrittore, musicista o qualsiasi altra cosa, parlo dell'artista che si fa il marketing di se stesso, ma questo è un parere assolutamente personale e motivo per cui sto cercando vie alternative per elaborare strategie di promozione del mio romanzo senza mettermi a spammare su Instagram ad minchiam. E' chiaro che nel momento in cui si è esordienti non bisogna salire su nessun piedistallo e remare nella stessa direzione con chi decide di pubblicarti, sperando che anch'essi facciano lo stesso, del resto sono case editrici e non stamperie. Piuttosto, ciò che leggo qui riguardo la distribuzione, più nello specifico riguardo le zero librerie, mi lascia un pò perplesso e mi preoccupa anche leggermente. Qualcuno ha aggiornamenti e/o chiarimenti in merito?

  • Confuso 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
11 minuti fa, Danny Nedelko ha scritto:

Ciao, sono "in trattative" con questa CE. Ci ho parlato anche per telefono, sono stati molto chiari, onesti e lineari riguardo l'investimento che vanno a fare per un esordiente (sono totalmente free) con un potenziale di base relativamente basso, a livello di mercato. Ci può quindi stare che l'autore debba mettersi in gioco per promozione, presentazioni e quant'altro. Io sono tendenzialmente un pò disturbato dalla figura tutta moderna dell'artista, scrittore, musicista o qualsiasi altra cosa, parlo dell'artista che si fa il marketing di se stesso, ma questo è un parere assolutamente personale e motivo per cui sto cercando vie alternative per elaborare strategie di promozione del mio romanzo senza mettermi a spammare su Instagram ad minchiam. E' chiaro che nel momento in cui si è esordienti non bisogna salire su nessun piedistallo e remare nella stessa direzione con chi decide di pubblicarti, sperando che anch'essi facciano lo stesso, del resto sono case editrici e non stamperie. Piuttosto, ciò che leggo qui riguardo la distribuzione, più nello specifico riguardo le zero librerie, mi lascia un pò perplesso e mi preoccupa anche leggermente. Qualcuno ha aggiornamenti e/o chiarimenti in merito?

 

Ciao, Danny. Posso dirti che l'assenza di un distributore grande è un limite, ma avere un distributore grande non significa avere la certezza di avere il libro sugli scaffali. Certo, nel caso di una grande distribuzione è possibile che il romanzo venga proposto ovunque, ma poi sono i librai a determinare se prendere il tuo o quello di un editore più importante. Le case editrici, pur scommettendo su distribuzioni importanti, non risolvono i loro problemi, tant'è che i contratti con gli autori prevedono talvolta condizioni meno vantaggiose a copertura del rischio. Qual è la soluzione? La ricetta non c'è. Per mia esperienza con due piccoli e onesti editori è che la cosa più importante è che nel tuo territorio i librai ti conoscano e vogliano tenere il tuo libro, da una parte; dall'altra che i librai volenterosi trovino nell'editore un interlocutore disponibile a comprendere lo sforzo che possono fare, scommettendo insieme, agevolando tutte le fasi del processo, dal sostegno alle presentazioni con un ufficio stampa alla facilità nelle procedure di rendicontazione. Cari saluti e in bocca al lupo.

A. 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non è cambiato niente. Guarda bene il contratto e vedrai che non è specificata la tiratura iniziale, col che la CE può anche stampare inizialmente anche soltanto 10 copie del tuo libro. E poiché non inviano copie in omaggio, sarai invogliato ad acquistare copie, cosa che ti consiglio di non fare, insistendo invece per le copie in omaggio.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La mia esperienza con Santelli non è dissimile da molte altre già descritte. Però mi trovo ancora al principio del mio cammino editoriale, pertanto potrò esprimere un parere verosimile più avanti quando avrò avuto modo di testare il post-pubblicazione e le relative problematiche.

 

Posso dire, fin qui,  che la CE è fatta di persone schiette e dirette, niente fronzoli e dritti al punto. È una CE che esiste da lungo tempo, ha una storia e un suo radicamento (dettaglio non trascurabile). La loro esperienza con la narrativa è però relativamente giovane (sono affermati nel campo delle pubblicazioni di testi scolastici), ma pare ce la mettano tutta per migliorarsi e crescere. 

Ad oggi ho lavorato molto bene con loro in tutte le fasi precedenti alla pubblicazione, il mio romanzo uscirà a fine settembre e inizierò a lavorare con il loro ufficio marketing a fine agosto, già in quella fase potrò rendermi conto di parecchie cose.

Ho avuto diversi confronti telefonici con l'editore in persona e sono fiducioso che il manoscritto possa fare un buon cammino, ma staremo a vedere. È senz'altro vero che parte del lavoro di promozione è in mano all'autore (come per molte altre piccole CE) che deve metterci del suo, ma l'editore affianca l'autore ad ogni passo concordando tutte le scelte e le strategie e sostenendolo. 

 

Prima di decidermi a firmare con loro sono stato contattato da una buona dozzina di editori, metà dei quali erano a pagamento, le restanti proposte mi lasciavano pieno di dubbi. Nella mia esperienza ho potuto notare fin qui che molte piccole CE, tra quelle totalmente free, utilizzino delle politiche alquanto subdole, volte a trasformare l'autore in un venditore. In sostanza stampano un numero di copie davvero esiguo e inducono l'autore a occuparsi completamente della vendita, tramite le presentazioni. Una volta rientrati del loro investimento e avendo lucrato quel tanto che basta finisce lì. Ottengono i loro profitti adottando questo metodo su larga scala, pubblicando davvero qualsiasi cosa, molte tra queste CE sfornano decine di pubblicazioni al mese. 

Non posso dire che Santelli rientri in questa categoria. Hanno un ufficio marketing ed elaborano le loro strategie in accordo con l'autore. Il loro approccio non è di quel genere mordi e fuggi, lo dimostra anche il contratto che propongono (quinquennale), la maggior parte delle CE che operano nel modo descritto offrono invece quasi sempre contratti annuali o al massimo biennali. 

 

La mia impressione ad oggi è che la CE si stia facendo le ossa in questo campo dell'editoria forse anche con qualche piccolo inciampo dovuto all'inesperienza ma con il desiderio di crescere. Lavorano insieme all'autore, a stretto contatto, per raggiungere dei risultati i cui orizzonti non sono affatto striminziti. Non hanno l'obiettivo minimo delle copie che coprano i loro costi, ma l'intenzione di spingere il manoscritto affinché possa fare una buona performance. 

In ultimo hanno ottimi e consolidati contatti con la stampa nazionale e in Rai, cosa che di certo non guasta. Il loro limite maggiore è probabilmente la distribuzione come qualcuno ha evidenziato, ma è qualcosa alla quale si può porre rimedio con le giuste strategie come ha ben scritto @Antonio Sofia

 

 

 

 

 

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Attualmente la distribuzione della Santelli è tramite Directbook. Sembra che passeranno a Messaggerie Libri a partire dal 1° gennaio 2020.
Confermo comunque l'esperienza con questa CE: hanno fatto un copia-incolla del mio manoscritto, senza cambiare neppure la spaziatura. Non si sono occupati nemmeno della correzione di bozze professionale, lasciandola fare a me.  Nel loro contratto non è specificata la tiratura iniziale. Non forniscono copie in omaggio, il che induce l'autore ad acquistare copie per proprio conto. L'attività di promozione e marketing è stata nel mio caso completamente assente (a parte 1 post su Facebook, 1 su Twitter, 1 su Pinterest). L'uscita del libro non è stata accompagnata da alcun comunicato stampa.

  • Mi piace 1
  • Triste 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
40 minuti fa, Erika G. ha scritto:

ho una domanda: è normale che chiedono di inviare il manoscritto PRIMA di inviarti il contratto?

Beh è una prassi piuttosto comune:

 

se non leggono il racconto, come sanno se ha senso inviarti il contratto?

  • Mi piace 1
  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Intendi probabilmente questo: hanno letto il tuo manoscritto, ti hanno fatto una proposta di pubblicazione ed adesso vogliono il manoscritto definito da impaginare, ma non ti hanno ancora inviato il contrato. Attenzione: consegna il manoscritto definitivo soltanto dopo avere firmato il contratto (se sei d'accordo con le clausole dello stesso) e avere ricevuto il contratto firmato dalla controparte, 

  • Mi piace 1
  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×