Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

*Cindy_23

Pusher, tossicodipendenza e droghe

Post raccomandati

Salve a tutti! Per quanto riguarda gli effetti e i tipi di droghe ho raccolto abbastanza dati, ma mi servono delle informazioni piuttosto specifiche su questi punti:

- i pusher: anche in generale, a quanto so ogni pusher ha un suo giro di clienti fissi e difficilmente vende a sconosciuti, preferendo piuttosto, in caso di nuovi clienti, far arrivare indirettamente la droga tramite altre persone. Vorrei capire: questo giro di clienti fa riferimento a una zona o a qualche altro criterio? Se il pusher decide di sposatrsi, per esempio cambiando città, è possibile che lasci in qualche modo il suo giro di clienti "in eredità" a qualcuno di fiducia? Lo spaccio può avvenire anche a domicilio, quindi con il cliente che va a casa dello spacciatore o viceversa? Quali sono altri luoghi di incontro tra il pusher e il cliente? Il pusher gestisce da solo i suoi affari o c'è un'organizzazione più ampia, con una gerarchia? Se uno spacciatore con una clientela ampia decidesse improvvisamente di togliersi dal giro, cosa gli succederebbe? Se qualcuno cercasse di impedirglielo, chi sarebbero queste persone (altri pusher, o altre persone?)

- La riabilitazione: come funzionano i centri specializzati? Quanto dura la fase di riabilitazione/disintossicazione? Viene affettuato anche un reinserimento nella società per aiutare gli ex tossici a riprendere una vita sana senza droghe?

- Se un tossicodipendente commette dei furti per comprarsi la droga (cosa che so essere frequente, se le mie informazioni sono giuste) credo sia probabile che, per ottenere una riduzione della pena, potrebbe fare dei nomi di persone coinvolte nel traffico. Che provvedimenti si prendono in questo caso per garantire la sicurezza del testimone, anche dopo eventuali arresti e processi?

- Lato legale: un minorenne tossicodipendente come viene giudicato nel caso compia un furto e ferisca una persona per avere il denaro necessario a comprare la droga?

- è possibile disintossicarsi dalla dipendenza da cocaina senza ricorrere a un aiuto specialistico?

In particolare tutto questo riferito a cocaina e eroina, e mi sarebbero utili anche eventuali informazioni oltre a quelle di Wiki sullo speedball (mix di coca e eroina), per le questioni legali e un po' per tutto mi riferisco all'Italia.

So che sono informazioni piuttosto specifiche per cui se non sapete voi in prima persona tutte o alcune di queste cose, mi sapreste dire dove potrei reperire questi dati, o anche testimonianze sul tema? Vanno benissimo anche libri, film e simili.

Grazie a tutti^^

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
- i pusher: anche in generale, a quanto so ogni pusher ha un suo giro di clienti fissi e difficilmente vende a sconosciuti, preferendo piuttosto, in caso di nuovi clienti, far arrivare indirettamente la droga tramite altre persone. Vorrei capire: questo giro di clienti fa riferimento a una zona o a qualche altro criterio?

Dipende un po' dal livello di spaccio, c'è una sorta di ingrosso e dettaglio. Chi spaccia grossi quantitativi che poi verranno rivenduti al dettagliopenso sia più selettivo nella sua clientela (altri pusher), mentre lo spacciatore ultimo non si fa troppi problemi. Più che far riferimento a una zona è in riferimento a un giro di persone che bene o male si conoscono, si scambiano il numero del pusher. Ci sono poi delle zone in ogni città dove è possibile acquistare quasi ogni tipo di sostanza pur senza conoscere nessuno. Zone dove comprare cocaina o zone dove comprare e farsi di eroina.

- è possibile disintossicarsi dalla dipendenza da cocaina senza ricorrere a un aiuto specialistico?

Tutto è possibile, anche se ovviamente non è facile. Rispetto all'eroina che porta solitamente il tossico a un degrado che gli impedisce di lavorare o continuare la sua vita, chi usa cocaina si maschera meglio nella società. Ci sono molte persone che ne fanno un uso saltuario, hanno una forma di dipendenza, se gli capitano dei soldi fra le mani è prevedibile come li spenderanno, ma lavorano e vanno avanti così per anni. Sono una sorta di consumatori da weekend. E' sempre importante nelle dipendenze il tipo di persona e la sua inclinazione al diventare dipendente.

Se uno spacciatore con una clientela ampia decidesse improvvisamente di togliersi dal giro, cosa gli succederebbe? Se qualcuno cercasse di impedirglielo, chi sarebbero queste persone (altri pusher, o altre persone?)

Ma anche qui dipende da cosa ha alle spalle lo spacciatore. Ce ne sono diversi, stranieri, che spacciano qualche anno (non fanno uso delle sostanze che vendono) e mandano soldi in patria e poi se ne tornano anche loro (sicuramente una percentuale del loro lavoro va ad altri). Altri sono indipendenti, ragazzi che si riforniscono in Olanda ingoiando ovuli e vendendo senza avere contatti con la mafia. Immagino poi che ci siano quelli più fortemente immischiati con la mafia (in particolare per la cocaina è la 'ndrangheta) per cui magari liberarsi dal giro non è così facile, ma qui vado a supposizioni mie. Probabilmente dipende dal tipo di persone con cui è stato in contatto e cosa conosce, le informazioni che può fornire il piccolo pusher ultimo anello della catena non credo siano pericolose, se è qualcuno di livello più alto che conosce nomi e movimenti, temo che non sia così facile. Conta che comunque la cocaina in Italia arriva partendo dal sud-centro america, il cartello della droga che ha dichiarato ultimamente di trovarsi molto bene nel lavorare con i clan calabresi. Dall'America passa prima in Africa, poi arriva nei vari porti. Come funzionano le gerarchie dipende, al sud dove i clan mafiosi sono ben radicati credo che operino solo loro, mentre nelle grosse città del nord si innestano le mafie straniere. A Torino, ad esempio, è molto forte la mafia nigeriana che controlla cocaina e anche eroina. Le gerarchie sono quindi quelle mafiose, ci sarà chi è addetto al trasporto, chi allo smistaggio, chi alla rivendita, chi a tenere lontani eventuali concorrenti.

Comunque capita spesso che un pusher finisca fuori dal giro perché è stato arrestato, altri subentrano al suo posto. Presumo siano gruppi di spacciatori che gravitano intorno allo stesso spacciatore all'ingrosso.

Lo spaccio può avvenire anche a domicilio, quindi con il cliente che va a casa dello spacciatore o viceversa? Quali sono altri luoghi di incontro tra il pusher e il cliente?

Può avvenire in casa del pusher, anche se solitamente si evita perché il via vai insospettisce. Solitamente acquirente e pusher si incontrano in strada, spesso nei soliti luoghi. Dove vedi macchine che arrivano e un tizio che si avvicina e dopo una breve contrattazione riparte. E ovviamente intorno o all'interno di determinati locali.

Sullo speedball che vuoi sapere di preciso? Effetti, pericoli, come viene venduto o cosa?

La cocaina spesso viene fumata (mischiata ad ammoniaca o a bicarbonato) nelle bottigliette d'acqua usate come bonghe, l'effetto è più forte che tirarla, così la dipendenza. Ora non ricordo esattamente se è quella con l'ammoniaca o l'altra, ma non si tratta d'altro che di crack. So che viene venduta già pronta da usare e che si sta diffondendo sempre di più.

Sulle questioni legali so proprio poco, se hai domande più specifiche sul resto posso informarmi meglio.

Potrebbe sembrare ma in realtà io non ne faccio uso, sono solo un ricettacolo di scoppiati e ascolto. icon_cheesygrin.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Premetto: condivido alcune conoscenze, tra l'altro molto blande, a scopo informativo per eventuale uso letterario. Spero di non infrangere regole del forum.

Non ti conosco, ma mi sembra doveroso premettere che chi s'infila in certi tunnel poi farà, nella migliore delle ipotesi, una vita di merda. Ho visto troppi amici perdere più della vita per la tossicodipendenza. Ho visto troppi conoscenti rovinare la loro vita e quella dei familiari iniziando solo per prova. I casi di persone che poi ne sono uscite pulite sono più uniche che rare... e comunque portano sempre addosso le conseguenze di azioni sbagliate.

Pusher: Quoto Nerinacodamozza... dipende da moltissimi fattori. Un trafficante non è uno spacciatore, certo, ma al dettaglio i modi e le forme di spaccio sono numerosi. Il pusher di una grande città è diverso da quello di un piccolo comune. Se il pusher spaccia per fare soldi, senza drogarsi a sua volta, lavora in modo diverso rispetto un fattone che spaccia per recuperare una dose. La stessa droga fa differenza. L'eroina è roba da solitari, cocaina e marjuana roba da "festaioli". Alcuni hanno clienti fissi... amici che suonano alle 3 di notte al campanello di casa dello spacciatore, entrano e passano qualche ora a fumare tirare e giocare alla ps. Solitamente questi pusher spacciano maria o coca (nessuno, nemmeno un tossico, vorrebbe in casa un fattone d'eroina). Chi spaccia agli angoli delle città, chiede anche spontaneamente ai passanti se abbisogna qualcosa, gli basta un'occhiata per capire chi potresti essere; ti basta un'occhiata per capire che lui non sta aspettando il tram.

C'è sempre una gerarchia, e il pusher è l'ultima ruota del carro. Se è un dritto spaccia intasca e non si fa. Se si fa, prima o poi finisce nella merda. Se si fa, non farà mai un'accidente di soldi. Se è un dritto s'accontenta di prendere qualcosa. Se fa il furbo o vuole fare il grande passo, gli ordini gerarchici della malavita lo tolgono di mezzo; non è che l'uccidono, ma lo fanno arrestare: diventa mezzo di pagamento tra la malavita e la madama. Gli spacciatori che senti in tv, arrestati in dogana o all'aeroporto con un chilo di coca o qualche panetto di maria, sono solo specchietti per le allodole. Sono i poveracci che, per ingenuità, hanno creduto alla promessa di farla franca: sono merli. Capri espiatori. Durante il loro arresto, segnalato e pianificato, un borsone di 50 chili attraversa indisturbato il blocco. La gerarchia sopra il pusher è sconosciuta a questi. Lui conosce solo il fattorino che gli porta il quantitativo richiesto e incassa il prezzo.

Togliersi dal giro? Dipende ancora. Se non è un drogato lo fa e basta, butta il cellulare taglia i ponti con tutti e va a vivere altrove. Se è un fattone, non si toglie dal giro per propria dipendenza. Nessuno dall'alto ti impedisce niente, almeno che tu non conosca quelli del giro grosso...

Riabilitazione: ho un'idea troppo vaga.

Un tossicodipendente che commetta reati, cerca sempre d'immischiare altri per togliersi dai guai. Sostanzialmente non è mai a conoscenza del giro grosso, alla legge non interessano i pesci piccoli... la legge teme quelli grossi. Fondamentalmente non danno credito ad un tossicodipendente: e fanno bene; questi testimonierebbe che madre teresa di calcutta è una trafficante d'eroina, pur di uscire un mese prima... in galera non c'è molta disponibilità di droga.

La tossicodipendenza da cocaina è variabile, dipende da quanto l'uso è stato prolungato. A mio avviso quando uno raggiunge gli stati psicotici tipici di paranoie e cambio di personalità, non ne può uscire da solo: la coca alimenta le psicosi, e più aumenta l'ansia e la paranoia, più necessitano la coca. Per l'eroina gli effetti e i processi di dipendenza sono simili, ma non uguali. Comunque non se ne esce da soli. Difficile uscirne completamente nei centri di riabilitazione.

Film: Noi, i ragazzi dello zoo di berlino (realista, troppo...) tratto dall'omonimo romanzo

Blow (storia vera di un piccolo spacciatore che fa il grande passo)

Paura e delirio a las vegas (se vuoi conoscere buona parte delle droghe conosciute e i loro effetti... divertendoti!)

Scarface (beh, un classico che ha fatto scuola... anche se resta molto sul genere poliziesco...)

altri film non li menziono perchè trattano storie connesse alla droga senza entrare troppo nell'argomento.

Mi è capitato di vedere spesso puntate delle Iene che parlano di spaccio o droga... magari trovi qualcosa su utube.

Spero d'esserti stato d'aiuto, ciao

Nota: forse lo sai, ma te lo posto ugualmente sempre a fini letterari: drogarsi non è reato in Italia, bensì un'illecito amministrativo ovvero è illegale detenere droghe, ma non farne uso. (almeno era così fino a poco tempo fa...)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io sono cresciuto in quartiere il cui tasso di droga superava quello dell'ossigeno respirabile, il quartiere non è cambiato, ma da allora sono cambiate le cose e non saprei ben bene indicarti il ruolo del pusher (allora chiamato cavallo), comunque erano l'ultima ruota del carro. Erano arruolati, e facevano di tutto per vendere, solitamente erano anche quelli che adoperavano la droga e la limavano aggiungendo mannitolo oppure qualche psicofarmaco per giungere al peso, quando erano persi, anche polvere di mattone rosso per creare colore all'eroina ma anche topicida che mieteva vittime. Dunque, erano, e credo che siano ancora così come hai descritto tu, ma variabili soggetti sui quali fare cauto affidamento per la fornitura al consumatore. Insomma, che vada a casa del cliente o che li ricevi nella sua, per strada, in orari e luoghi convenuti ecc., vanno tutti bene.

Oltre ai film segnalati però, ti consiglierei di vedere un film del 2004, Never Die Alone, c'è anche un libro con lo stesso titolo ma non ricordo il nome dell'autore se non che è stato ucciso insieme alla moglie da trafficanti per ciò che scriveva, almeno, è una delle cause probabile poiché non sono mai stati rintracciati i colpevoli.

Nel film, tra l'altro bello e descrittivo, lo spacciatore è interpretato da un Dmx da brivido. Tutte le droghe e i loro effetti sono piuttosto reali. La cocaina, tra l'altro ho visto che l'hanno ben descritta Nerina e Soleluna, è molto più subdola dell'eroina e uscirne è ancora più difficile.

Non è un outing il mio, è che ho sempre osservato, valutato e anche provato... non tutto e troncato in breve tempo.

edit, non avevo aggiunto queste risposte alle tue domande.

La riabilitazione: come funzionano i centri specializzati? Quanto dura la fase di riabilitazione/disintossicazione? Viene affettuato anche un reinserimento nella società per aiutare gli ex tossici a riprendere una vita sana senza droghe?

Credo che faccia schifo per chi non ha soldi, per rendertene conto dovresti andare in un centro Sert, quelli preposti alla cura e disintossicazione della persona, troverai qualcuno con cui parlarne. Fossi inte, mi fingerei tossicodipendente scambiando esami delle urine con qualcuno che li frequenta. Potresti fare un servizio sensazionale.

Il pusher gestisce da solo i suoi affari o c'è un'organizzazione più ampia, con una gerarchia? Se uno spacciatore con una clientela ampia decidesse improvvisamente di togliersi dal giro, cosa gli succederebbe? Se qualcuno cercasse di impedirglielo, chi sarebbero queste persone (altri pusher, o altre persone?)

Solitamente, il pusher è costretto a comprare dallo steso fornitore (uno pulito che non si fa in modo eclatante), il resto sono fatti suoi. Vale poco più di una cicca nell'organizzazione e non conosce nessuno se non quello da cui comprare. A sua volta, quest'ultimo, le sue conoscenze finiscono sul luogo dove lasciare i soldi e prelevare la droga senza incontrare nessuno che abbia già incontrato al suo inizio per una sola volta. I luoghi dello scambio cambiano di settimana in settimana. In ogni caso, tutta la catena che si crea è ricattabile e passabile di eliminazione fisica in caso di canto.

Se uno spacciatore con una clientela ampia decidesse improvvisamente di togliersi dal giro, cosa gli succederebbe? Se qualcuno cercasse di impedirglielo, chi sarebbero queste persone (altri pusher, o altre persone?)

Nulla purché resti in silenzio, non è considerato più di nulla e chi l'ha fornito è pericoloso, questo lo sa e tace.

Sui reati credo che la legislazione sia cambiata. Per quello di spaccio si è passabile, nuova legge antimafia, di associazione a delinquere, quindi 24anni. Un tempo, uscivi dopo tre mesi al primo arresto. Se minore, entravi e uscivi.

- è possibile disintossicarsi dalla dipendenza da cocaina senza ricorrere a un aiuto specialistico?

In particolare tutto questo riferito a cocaina e eroina, e mi sarebbero utili anche eventuali informazioni oltre a quelle di Wiki sullo speedball (mix di coca e eroina), per le questioni legali e un po' per tutto mi riferisco all'Italia.

E' possibile, ma solo a certi livelli d'uso. Per lo speedball, potrei dirti che oltre 30anni fa era chiamato "perfettina", della quale, credo sia un leggenda metropolitana, faceva uso l'Avvocato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io ti consiglio di vedere "Requiem for a dream". Uno dei film più belli che ho mai visto, ma ti avviso, è tosto. Parecchio tosto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Se il pusher decide di sposatrsi, per esempio cambiando città, è possibile che lasci in qualche modo il suo giro di clienti "in eredità" a qualcuno di fiducia?

solitamente gli spacciatori sono molto "territoriali", se si spostano lo fanno previa "autorizzazione" di chi gestisce i traffici nella nuova zona. Non è che tu un giorno fai un viaggio in Afghanistan, ti compri una partita di droga e poi te la vai a spacciare come nulla fosse. Alla scuola dove insegna mia madre un ragazzo che si era messo a spacciare è stato in men che non si dica pestato alla grande perchè uno spacciatore designato c'era già. Non è facile essere freelancer.

Poi sicuramente se uno spacciatore va in "pensione" chi gestisce l'intero traffico un sostituto ce lo mette.

Lo spaccio può avvenire anche a domicilio, quindi con il cliente che va a casa dello spacciatore o viceversa?

Che lo spacciatore faccia consegne a domicilio dubito fortemente, comunque c'è sia chi spaccia in casa che chi "si sa dove trovarli". Di solito gli spacciatori che stanno in strada stazionano in vie non in bella vista. Una volta nel mio stesso condominio cì ha abitato una famiglia di spacciatori, e in quel caso te ne accorgi per via del via vai di gente sempre diversa e perchè a volte c'è chi lascia ricordini tipo siringhe sulle scale.

Non è frequente che chi spaccia in casa lo faccia in condomini in pieno centro, ma succede anche quello.

Quali sono altri luoghi di incontro tra il pusher e il cliente?

come detto su, se è per la strada di solito vie buie o comunque non centrali, se non si tratta di posti particolari; invece la sera in discoteche o piazze di grandi città succede che si spacci "alla luce del sole" se si tratta di zone ad alta frequentazione giovanile.

Poi nelle scuole ci sono gli spacciatori "interni", c'è chi spaccia in casa propria (indipendente o condominio).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Due voci bibliografiche:

http://www.informa-azione.info/files/eB ... _Droga.pdf

Splendido libro, il migliore che abbia mai letto sulla droga

Freakonomics. Il calcolo dell'incalcolabile di Steven D. Levitt e Stephen J. Dubner

offre un'analisi economica degli spacciatori

La droga è la merce perfetta: non devi fare pubblicità, i compratori sono disposti a grossi disagi pur di averla.

L'unico problema è la concerrenza.

Chi sono gli spacciatori più insospettabili?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Consiglio anche la visione di Trainspotting, se non l'hai già visto, sempre sull'eroina.

BRADIPINO

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Consiglio anche la visione di Trainspotting, se non l'hai già visto, sempre sull'eroina.

Ewan McGregor è il protagonista indimenticabile di questo film: quando l'ho visto in adolescenza mi piaceva un sacco... alcune macchiette sono riscontrabili nei tipi di qualsiasi compagnia d'amici. Ora, fan sfegatato di Star Wars, mi spacco dalle risate nel vedere Obi wan kenobi, l'incorruttibile moralista portatore di sani principi e gesta eroiche cavaliere jedi, maestro di Skywalker, interpretato dallo stesso Ewan Mcgregor... che salto di qualità!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Consiglio anche la visione di Trainspotting, se non l'hai già visto, sempre sull'eroina.

BRADIPINO

L'ho visto diverse volte infatti ne ho ricavato anche un po' di informazioni.

Mi è spuntato ancora un dubbietto, tra cocaina e eroina, per un ragazzo di sedici, diciassette anni, in quale è più facile imbattersi in una grande città come Roma?

Di nuovo grazie a tutti^^

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Secondo me la coca tira molto di più, fa più IN.

L'eroina è quasi scomparsa dalle notizie(sento solo notizie di overdose da cocaina al TG, e non credo siano per tranquillizzare sulla pericolosità dell'eroina.)

BRADIPINO

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

In realtà l'eroina è in forte crescita, fra i giovani. I nuovi consumatori è più raro che si buchino, la fumano principalmente, ma il consumo è molto cresciuto. La cocaina invece pare assestarsi dopo il megaboom degli ultimi anni, negli anni '90 era la droga dei ricchi ed effettivamente c'era l'immagine del professionista in carriera cocainomane. Adesso gli scracchini sono un po' i vecchi tossici nell'immaginario (i comportamenti sono in effetti simili).

Ma fra i giovani l'eroina è tornata a circolare, quindi sarebbe credibile in entrambi i casi.

Una comunque non esclude l'altra, anzi la tendenza è di usare un po' di tutto, a quell'età. Pastiglie, speed, alcool, fumo, eccetera.

Negli anni ottanta si diceva che l'enorme quantità di eroina che girava fosse una strategia dello stato. Io credo che in parte i consumi si attestino su quello che c'è un po' la legge del mercato no? Evidentemente qualche anno fa i canali per importare coca devono essersi "sbloccati", ne arrivava tanta, si vendeva a meno e i clienti si fidelizzano in fretta. Ora deve essere miglioratoanche il mercato dell'eroina e di nuovo i clienti si fidelizzano in fretta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Consiglio anche la visione di Trainspotting, se non l'hai già visto, sempre sull'eroina.

BRADIPINO

L'ho visto diverse volte infatti ne ho ricavato anche un po' di informazioni.

Mi è spuntato ancora un dubbietto, tra cocaina e eroina, per un ragazzo di sedici, diciassette anni, in quale è più facile imbattersi in una grande città come Roma?

Di nuovo grazie a tutti^^

Sicuramente cocaina. Ormai la coca a Roma la trovi a 50 euro al grammo, e va decisamente più di moda dell'eroina.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×