Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Ezbereth

Impaginare un manoscritto

Post raccomandati

Allora,

vorrei condividere con voi il mio incubo attuale (in realtà è  più di un mese che mi assilla):

 

ho scritto un romanzo storico biografico su un personaggio femminile che mi ha affascinato e a cui mi sono sentita subito vicina.

 

Prima di farlo, mi sono guardata intorno per sondare cosa offriva il mercato editoriale italiano a proposito del soggetto in questione.

Quando ho capito che esisteva uno spazio narrativo e che avrei potuto provare, mi sono messa al lavoro.

 

Fra studi, letture, approfondimenti, prima stesura, seconda stesura, prima e seconda revisione, credo siano trascorsi più di due anni e mezzo o forse tre.:S

 

La situazione attuale è la seguente:

 

mi ritrovo con un manoscritto perfettibile e migliorabile (poiché la mia esperienza in campo narrativo è davvero giovane) di circa 640 mila caratteri.

 

Ho cercato di ridurlo il più possibile, ma non sono capace di tagliarlo oltre senza distruggere l'equilibrio della storia.

 

Così mi sono chiesta:

 

 Chi comprerebbe un libro tanto caro (500 e passa  pagine di libro stampato costano) scritto da una sconosciuta?

 

Allora ho pensato di dividerlo in due volumi e l'intreccio così come si dipana lo consentirebbe anche.

 

Ho sistemato e aggiunto alcune cose e ho inviato il primo libro a un'agenzia che stimo davvero molto.

Subito dopo sono andata nel panico: non sarebbe stato forse meglio mandare loro l'intero manoscritto, lasciando all'agenzia, se interessata, la decisione di dividere oppure no il romanzo?

 

Insomma, considerando che è trascorso un solo mese, e quindi sono ancora in attesa, voi che fareste al mio posto?

 

Telefonata e nuovo invio, oppure... ormai è andata?

 

E per i prossimi invii?

 

Insomma questo è il mio incubo peggiore di sempre.

 

:bandiera:  Help!

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
12 minuti fa, Ezbereth ha detto:

Chi comprerebbe un libro tanto caro (500 e passa  pagine di libro stampato costano) scritto da una sconosciuta?

Come sarebbe?  La mia poca esperienza mi dice che il libro dovrebbe venire di 300 pagine o poco più...

Io ho pubblicato tre romanzi con due case editrici diverse: 770.000 car.>312 pagine; 1.000.000 car.>546 pag. e 930.000 car.>458 pag.; perché il tuo risulta così corposo?

  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Mirtillasmile
4 minuti fa, Marcello ha detto:

770.000 car.>312 pagine; 1.000.000 car.>546 pag. e 930.000 car.>458 pag.; perché il tuo risulta così corposo?

ma 770000 car non dovrebbero essere più pagine? Io sapevo che il numero di caratteri si divide per 1800 allora le pagine non dovrebbero essere 427?

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, Mirtillasmile ha detto:

ma 770000 car non dovrebbero essere più pagine? Io sapevo che il numero di caratteri si divide per 1800 allora le pagine non dovrebbero essere 427?

 

Il primo romanzo è stato stampato con un editore diverso dai successivi e aveva un carattere tipografico molto fitto (e anche poco leggibile). 

  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Mirtillasmile

@Marcello però il mio calcolo è giusto, di norma si dividono i caratteri per 1800 (poi ci sono le eccezioni.)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Più o meno dovrebbe essere così, ma non so se tutti gli editori si attengano alla corrispondenza con la cartella editoriale. 

  • Mi piace 1
  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Risposta veloce: dividendo per 1800 ottieni il numero di cartelle editoriali standard (molti le considerano di 2000). Una cartella non corrisponde a una pagina stampata. Inoltre, è possibile variare il numero di pagine finali anche modificando (leggermente) il corpo di carattere (e quindi il loro numero per riga di testo stampato) e l'interlinea (e quindi il numero di righe per pagina), considerando mediamente ininfluenti le altre possibili variazioni di spaziatura (di carattere e di riga, rispettivamente Kerning e Tracking).  Come dirti, se il romanzo è lungo, entro certi limiti, lo si può impaginare "al risparmio", se è corto lo si estende un po e si mette qualche "bianca" in più': questo è lavoro per Miss Ribston: se lo chiedi a Lei ti fa una lezionciona!

ciao ciao

  • Mi piace 2
  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

"Perdere il cervello" sull'impaginazione (oltre un'impaginazione decente e decorosa, intendo) è inutile, se l'obiettivo è la Casa Editrice. Ci penserà lei a quello.

Il discorso cambia se si punta al self (e non mi pare questo il caso). La divisione dei caratteri per 1800 può essere un'indicazione di massima, ma può non essere per niente attendibile secondo alcune impaginazioni che ci sono in giro.

In ogni caso sì, per rispondere alla domanda originale di @Ezbereth avrei inviato il manoscritto per intero, ventilando la possibilità di dividerlo se necessario. Ma avrei lasciato la decisione agli addetti ai lavori, in questo caso all'agenzia letteraria cui hai inviato. Però... ormai è andata. Se si dovessero mostrare interessati, però, farei subito presente la cosa :) 

 

 

  • Mi piace 1
  • Grazie 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
55 minuti fa, Marcello ha detto:

Come sarebbe?  La mia poca esperienza mi dice che il libro dovrebbe venire di 300 pagine o poco più...

Io ho pubblicato tre romanzi con due case editrici diverse: 770.000 car.>312 pagine; 1.000.000 car.>546 pag. e 930.000 car.>458 pag.; perché il tuo risulta così corposo?

Ecco , mi sono ammattita così tanto senza motivo? ;(

 

Pensare che mi sono messa anche a dividere in  libro primo - parte I e II , libro secondo - parte I e II,  etc...

19 minuti fa, Niko ha detto:

 

In ogni caso sì, per rispondere alla domanda originale di @Ezbereth avrei inviato il manoscritto per intero, ventilando la possibilità di dividerlo se necessario. Ma avrei lasciato la decisione agli addetti ai lavori, in questo caso all'agenzia letteraria cui hai inviato. Però... ormai è andata. Se si dovessero mostrare interessati, però, farei subito presente la cosa :) 

 

 

Mi sa che li richiamo e gli mando la versione intera allora, tanto la probabilità che abbiano già iniziato a leggerlo è dello 0,001%.

 

Che ne dite?

Il libro sono 660.000 caratteri tutto compreso. Quindi fra le 330 pagine e le 370?

 

*_*

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
8 minuti fa, Ezbereth ha detto:

 

Il libro sono 660.000 caratteri tutto compreso. Quindi fra le 330 pagine e le 370?

 

*_*

:o il libro è...

 

0 spaccato

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
7 minuti fa, Ezbereth ha detto:

mi sono ammattita così tanto senza motivo?

Penso di sì... :)

 

8 minuti fa, Ezbereth ha detto:

Che ne dite?

Il libro sono 660.000 caratteri tutto compreso. Quindi fra le 330 pagine e le 370?

Più o meno sì.  Dì che ti eri dimenticata di allegare la seconda parte  :D

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Adesso, Marcello ha detto:

Penso di sì... :)

 

Più o meno sì.  Dì che ti eri dimenticata di allegare la seconda parte  :D

eh... non posso. Ho scritto nella sinossi che avevo diviso la storia in due libri =_=

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
30 minuti fa, Ezbereth ha detto:

Il libro sono 660.000 caratteri tutto compreso. Quindi fra le 330 pagine e le 370?

Ripeto, facendo la famosa divisione in cartelle, sì, è una buona stima.

Dipende dall'impaginazione; si possono anche inserire solo 1200 caratteri per pagina, e quindi arrivare a molte più pagine.

Diciamo che per non sacrificare le diottrie della gente 370 dovrebbe essere il minimo :asd:  Ma anche arrivando a 400 o 450, non la vedo come una mole improponibile. Tutto dipende dall'eventuale CE.

  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
19 minuti fa, Ezbereth ha detto:

eh... non posso. Ho scritto nella sinossi che avevo diviso la storia in due libr

Ci ho provato...

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Ezbereth Tutto quello che hanno detto Niko e Marcello  è giusto. L'impaginazione  è compito della casa editrice. Il  libro potrebbe raggiungere un numero di pagine  massimo o minimo a seconda del formato: 15x21 oppure 15x23 (i due più comuni). Di solito se il contenuto è scarso e si vuole un libro un po' più corposo, si tende ad aumentare (di mezzo pt  o al massimo di 1pt) la grandezza del carattere, si aumentano anche i margini di tutti e quattro i lati del foglio, e magari anche un poco l'interlinea (c'è anche chi usa una carta più spessa). Nel tuo caso per ridurre il numero di pagine, potresti fare l'inverso di quanto ho appena detto. Ad esempio, per diminuire le pagine del mio libro, la casa editrice che lo ha pubblicato, ha usato carattere 11 invece che 12, ha messo l'interlinea su "proporzionale" a 90, invece che su 100 e ha diminuito i margini. Si sono risparmiate moltissime pagine, riuscendo a stare al di sotto delle 400 pagine (quando il manoscritto iniziale era di 480 pagine).

Quindi non ci sono regole fisse: ogni casa editrice ha le proprie.

A questo punto, se la casa editrice cui hai inviato il manoscritto è interessata alla tua storia, ti chiederà di mandare anche la seconda ( visto che hai già avvisato di aver suddiviso il romanzo in due parti).

Ti auguro in bocca al lupo per il tuo manoscritto.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi associo ai commenti precedenti: l'impaginazione, self publishing a parte, è compito dell'editore, che sceglierà il corpo del carattere più idoneo. Suddividere un libro in due parti per un esordiente è molto controproducente, soprattutto se non si tratta di parti autoconclusive e alla fine della prima tutto resta in sospeso.

  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
12 ore fa, Melanie ha detto:

@Ezbereth Tutto quello che hanno detto Niko e Marcello  è giusto. L'impaginazione  è compito della casa editrice. Il  libro potrebbe raggiungere un numero di pagine  massimo o minimo a seconda del formato: 15x21 oppure 15x23 (i due più comuni). Di solito se il contenuto è scarso e si vuole un libro un po' più corposo, si tende ad aumentare (di mezzo pt  o al massimo di 1pt) la grandezza del carattere, si aumentano anche i margini di tutti e quattro i lati del foglio, e magari anche un poco l'interlinea (c'è anche chi usa una carta più spessa). Nel tuo caso per ridurre il numero di pagine, potresti fare l'inverso di quanto ho appena detto. Ad esempio, per diminuire le pagine del mio libro, la casa editrice che lo ha pubblicato, ha usato carattere 11 invece che 12, ha messo l'interlinea su "proporzionale" a 90, invece che su 100 e ha diminuito i margini. Si sono risparmiate moltissime pagine, riuscendo a stare al di sotto delle 400 pagine (quando il manoscritto iniziale era di 480 pagine).

Quindi non ci sono regole fisse: ogni casa editrice ha le proprie.

A questo punto, se la casa editrice cui hai inviato il manoscritto è interessata alla tua storia, ti chiederà di mandare anche la seconda ( visto che hai già avvisato di aver suddiviso il romanzo in due parti).

Ti auguro in bocca al lupo per il tuo manoscritto.

 

9 ore fa, Alexmusic ha detto:

Mi associo ai commenti precedenti: l'impaginazione, self publishing a parte, è compito dell'editore, che sceglierà il corpo del carattere più idoneo. Suddividere un libro in due parti per un esordiente è molto controproducente, soprattutto se non si tratta di parti autoconclusive e alla fine della prima tutto resta in sospeso.

Grazie a entrambi, scriverò all'Agenzia per chiedere di sostituire il manoscritto.

Alla fine sono esperienze. Un caro saluto a entrambi. :rosa:

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×