Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

mina99

[MI 114] 引きこもり

Post raccomandati

Commento

Tema: entrambi; ufficialmente: mezzogiorno

Chiedo, se possibile, di accompagnare la lettura con questa canzone: http://youtu.be/UJE-0YxPb4g

 

Gli umani si comportano come degli stupidi: tutti dimenticano che un giorno moriranno, quindi nel momento in cui arrivano faccia a faccia con la morte si aggrappano alla vita – Ginti, in Death Parade di Yuzuru Tachikawa

 

Niccolò nasce a Milano il 7 dicembre 1998. A tre anni lo iscrivono all’asilo, a sei alla scuola elementare. Quando ne ha otto i suoi genitori si separano e lui resta con la madre. A undici va alla scuola media e conosce il bullismo, che lo accompagnerà per sempre. I voti calano a picco finché, dopo quattro anni di scuola superiore, si ritira e si chiude in casa, non uscendone mai più. La madre non si preoccupa: il figlio è una spesa sostenibile, chiede solo cibo e di tanto in tanto videogiochi. A diciassette anni, mentre è su Omegle in cerca di ragazze con cui masturbarsi, conosce Amodio, che diventa il suo unico amico. Hanno la stessa età e sono separati da settecento chilometri. Ora hanno diciotto anni.

 

N: hola

A: boi

A: come va?

N: solita merda

N: tu?

A: noice

N: eh

A: che fai?

N: schifo

A: LO SAPEVO xD

N: tu?

A: gioco a borderlands

A: seriamente, tu? v.v

N: scrivo

A: uuuh che stai scrivendo?

N: un racconto per un contest online... vuoi provare?^^

A: nah, sono una frana a scrivere~

N: dici?

A: assolutamente xD

A: btw quando finisci linkamamelo

N: yay come sempre

A: senti

A: hai poi preso in considerazione l’idea di pubblicare?

N: mh

A: so come la pensi

N: amo’, secondo te perché uso nickname e account fake quando pubblico sui forum?

A: uhm

A: hai paura del mondo

N: basta con questa storia

A: ma pensi di risolvere tutti i tuoi problemi scomparendo?

N: sì

N: com’è che finiamo sempre a parlare di me?

N: piuttosto, come va la scuola?

A: bene, grazie

A: ho sotto solo latino

N: non ci credo

N: dimmi qualcosa in latino

A: lo sai che non funziona così ahahah

A: memento mori

N: eh

N: grazie

A: AHAHAHA SCS

A: guarda che calza a pennello

A: è un invito a vivere ogni attimo in pienezza

A: la morte è la possibilità che rende possibili tutte le altre possibilità

N: vita di merda

A: ti comporti in questo modo solo perché hai paura di scommettere

A: certo che è comico che proprio tu abbia scelto yumeko come waifu

N: non toccarmi yumeko jabami

N: e poi non l’ho scelta io, è lei che ha scelto me

A: è una bacchetta di harry potter?

N: ahahahah

A: comuqnue

A: *comunque

A: ho una proposta da farti

A: mi sono un po’ informato sul mining del bitcoin

A: molto, in realtà

A: e sono convinto di potermela cavare

A: c’è solo un piccolo problema...

A: non ho un pc abbastanza potente :(

N: mh

A: se non sbaglio tu hai un pc da gaming mica male, potremmo...

N: capito

A: che ne pensi?

N: che ho scritto abbastanza

N: mi è venuto sonno, mi butto giù

A: come preferisci

A: pensaci^^

A: a dopo

N: ti voglio bene

A: me too

A: riposa in pace

 

N: i’m back bitchez

A: my bruddah

A: quindi?

N: cosa?

A: ma comeeeee

A: il mining

N: ah

N: nah

N: troppo pericoloso

A: aaah ma dai

A: vivi un po’

A: non vuoi provare il brivido della scommessa?

N: magari dopo

N: adesso ho una fame tremenda

A: non ti prendi mai sul serio

A: anche per quanto riguarda la scrittura, sei bravissimo

N: non poi così tanto...

A: puoi asfaltare tutti gli altri esordienti

A: fargli il culo proprio

A: ma no, non vuoi pubblicare

A: come preferisci

N: che carino che sei <3

A: ti prego aiutami

A: almeno in questo

A: si tratta solo di usare il tuo pc come miner, niente di che

A: smettila di lasciarti vivere e vivi

A: scommetti

A: gioca d’azzardo come la tua yumeko

A: mettiti in gioco

A: buttati!

A: mal che vada, ci portiamo a casa qualche spiccio in bitcoin senza fare nulla

A: non ti sembra bellissimo?

N: in effetti...

A: sì!

A: quindi ti ho convinto?

A: sei dei miei?

N: i tuoi?

A: io e te, my friend~

N: mh...

N: massì

N: proviamo, cazzo

A: YAY! lo sapevo!!

N: però se mi si incasina il pc me lo ripaghi tu

A: ahahah yay

N: cosa devo fare?

A: è semplicissimo

A: segui le mie istruzioni e tutto andrà bene

A: gli spicci che guadagniamo li terrò io all’inizio, right?

A: così ordino i processori pro e te li faccio arrivare a casa

A: e quando/se iniziamo a guadagnare sul serio ci smezziamo i money

A: gestirò tutto io, tu devi solo mettere a disposizione il computer

A: che dici?

N: mh...

N: facciamolo.

 

N: ciao amo’

N: inizio a pensare che questa idea di usare il deep web non sia così buona

N: sei sicuro di avere le competenze?

N: siamo ai limiti della legalità, non vorrei trovarmi gli sbirri in casa...

A: boi

A: stai tranquillo! fidati del me che si fida di te ;)

N: ah, queste citazioni a caso

N: ti voglio bene ahahaha

A: me too, bruddah

A: seriamente, stai tranquillo

A: nel senso, siamo ben oltre la legalità

A: ma hai un pool immenso in camera

A: sarebbe un peccato non usarlo per tutto il ben di dio che c’è nel deep web

A: sto riciclando soldi a meraviglia

A: nessuno sbirro ci starà dietro

A: ora anche elliot è dei nostri

A: è un super hacker

N: ecco, a proposito di elliot

N: non mi fido molto di lui

N: non sappiamo niente di lui se non quel nickname preso da una serie tv

A: vedi

A: lo stesso vale per lui

A: qui nessuno vuole fregarci

A: anzi, a proposito di elliot...

N: ahahah dejavu

A: ha detto che deve potersi fidare di noi

N: ma allora ahahah

A: vuole vederci

A: però lui è di milano

A: come te...

N: cosa

N: ehi ehi ehi

N: fermo

N: aspetta, amo’

N: non stai per dire quello che penso

N: vero?

A: mi dispiace, ma...

N: ma che cazzo!

A: vuole solo una conferma

N: vieni tu a milano

A: se mai verrò a milano sarà per prenderti a calci in culo

A: e poi abbracciarti, baka

N: ma...

A: vuole incontrarti ‘sta notte.

N: non se ne parla

N: io...

N: mi dispiace, non uscirò mai di casa

N: non ci penso neanche

A: ah, andiamo! stiamo guadagnando un bel po’, no?

N: io non esco di casa.

A: ora basta, devo dirtelo

A: hai rotto

A: lo sai quanto ci tengo a te

A: non puoi continuare a comportarti così

A: cosa pensi di ottenere scappando?

A: devi affrontare la tua vita!

A: prendi le redini della tua cazzo di vita e veleggia verso l’orizzonte

A: il cielo splende, il mare è tranquillo

A: il mondo è là fuori che aspetta di essere conquistato da te

A: sei una delle persone migliori che io conosca

A: sei intelligente, gentile, riflessivo e hai un sacco di capacità

A: nessuno ti può fermare

A: a volte penso a te e mi viene una gran rabbia...

A: vorrei avere la metà del talento che hai tu

A: nella scrittura ad esempio

A: o quando videogiochiamo assieme

A: ci metti tre secondi a imparare le dinamiche di un gioco

A: non conosco nessuno con una logica come la tua

A: perciò

A: cazzo, hai aspettato abbastanza

A: devi agire

A: alzati in piedi e grida al mondo: io esisto, e ho due palle così!

A: quello che penso lo sai

A: ‘notte

 

N: ... ehi, amo’? stai dormendo? è tardi, lo so, ma volevo dirti una cosa

A: dormire? muahaha, e chi ha bisogno di dormire? con chi credi di avere a che fare? io sono lo scienziato pazzo kyouma hououin!

N: sei proprio un cretino

A: anch’io ti voglio bene

A: che devi dirmi?

N: ecco...

N: per tutto quello che hai fatto per me

N: per essermi stato vicino tutto questo tempo

N: per avere la pazienza di ascoltare i miei problemi

N: per essere il mio unico amico

N: grazie.

A: ehi... non voglio che mi ringrazi

A: te l’ho detto, se sono amico tuo è perché mi piace parlare con te

A: è perché mi piaci come persone

A: ^^

N: lo farò

N: sono ancora in tempo?

A: certo

A: è tra quattro ore

A: ti ho mandato l’indirizzo per mail

A: senti...

A: non farlo, se non sei sicuro

A: intesi?

N: tranquillo

N: ti voglio bene :)

A: anche io :3

N: a dopo, allora

 

Niccolò muore a Milano, in un edificio abbandonato, il 20 maggio 2018. Gli organi producono enzimi che divorano le cellule. I capillari si rompono, il cadavere è viola. Due ore e l’ossigeno si esaurisce, i muscoli si irrigidiscono. I batteri banchettano e producono gas, la pancia si gonfia e i liquidi vengono espulsi dagli orifizi. Il profumo attira insetti, le mosche vanno in ogni passaggio disponibile: non fanno eccezione la bocca spalancata, gli occhi sgranati e il foro nel cranio. Depongono i bigattini, che si rifocillano: dopo pochi giorni si impupano e diventano mosche. Una femmina spicca il volo e si allontana. Deve trovare altro cibo, per poi farsi mettere in cinta e deporre le larve. Per far proseguire la vita.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Porc.. Ho la mascella abbastanza dislocata ma la riaggiusterò più tardi.  Ricompongo un attimo i pensieri che, anche se il finale lo si vede arrivare abbastanza facilmente, la maniera con cui è eseguito equivale ad un camion che ti arriva in pieno petto dall'autostrada.
Allora, dunque, due cosine veloci:
1) Mina, ma tu non hai mai la sensazioni che le frasi di certi anime giapponesi siano terribilmente scontate, ma in qualche modo il tono di voce con cui le esprimono in giappone le faccia sembrare più semanticamente ricche di quanto non siano? Io ogni tanto un po' si. Quindi non mi è piaciuta troppo quella citazione iniziale. Anche perché non riesco a incastrarla con roba restante. Nel protagonista non esiste alcun tentativo di "aggrapparsi alla vita". Probabilmente non ne ha il tempo, la narrazione stessa non glie ne da il tempo

2)Il dialogo chat è una roba allucinante. Una conversazione così realistica non la leggevo da un bel po'. Persino le correzioni stesse ai messaggi.WOW. Mi viene da sospettare che sia una conversazione vera. E non me lo auguro per niente

3) Il finale è una roba micidiale. Ti consiglierei di incorniciarlo. Bellissimo, tragico, cinico e distaccato. Stigmatizza i fronzoli della morte stessa per ricondurla all'ordinario con una lucidità amarissima. Ti faccio i miei complimenti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao @mina99 mi hai proprio spiazzata. Mi è piaciuto molto, l'hai costruito benissimo, tanto che sembra un pezzo di vita vera, reale. Mi piace molto l'inizio nascita e la fine morte, c'era da aspettarselo, certo, ma l'hai condotto proprio bene. Uno schiaffo di dettagli e di fatti, sia all'inizio che alla fine, tutti i sentimenti sono condensati nel mezzo, il resto è solo un elenco. Ho un appunto da farti sul finale

8 ore fa, mina99 ha detto:

le mosche vanno in ogni passaggio disponibile

questo vanno mi disturba, è così fuori registro per me. Userei s'infilano, o anche solo entrano, comunque qualcosa con più carattere

 

8 ore fa, mina99 ha detto:

Depongono i bigattini,

anche i bigattini mi stonano, mi sa tanto di pesca. Potresti usare le larve in alternativa

Complimenti, bel lavoro! 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
17 ore fa, mina99 ha detto:

è perché mi piaci come persone

persona

 

17 ore fa, mina99 ha detto:

... ehi, amo’?

hai voluto mettere amo' appositamente minuscolo o è un refuso? Se è un refuso, si capisce che si tratta del diminutivo di Amodio; altrimenti sembra l'abbreviativo di "amore" e può far intendere un tipo di rapporto che va oltre l'amicizia.

 

Non è il tipo di narrazione che mi piace, ma il racconto ha ritmo, si legge d'un fiato, anche se s'intuisce verso che fine Nicolò va incontro (ormai ci sono troppo episodi di cronaca del genere per stupirsi). Bel lavoro.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@mina99

Ciao :)

Ho letto il tuo brano con la musica che hai consigliato, una cosa per me inusuale e non facile, ma l'ho fatto...

Fondamentalmente, leggendoti, penso che in fondo abbiamo qualcosa in comune, anche se apparteniamo a epoche diverse e sicuramente differenti piani quantici degli infiniti piani della Flat Earth che talvolta, per buchi temporali dovuti al caso, al caos o a chi fa le veci di Dio, si interconnettono... In questi passaggi temporali ognuno parla del suo mondo. Ritengo che anche tu, come la maggior parte dell'umanità, discenda dall'Eden, in quanto istintivamente intuisco la tua anima che grida la sua disperazione nell'universo. Fidati. I discendenti delle scimmie di Darwin non hanno anima, al limite sono miliardari che governano il mondo, altrimenti non parlerei con te... :)

Conosco il tuo mondo, ma non oso entrarci, non oso giudicare. Penso che tutto possa andare bene sotto il cielo, quando non si fa del male agli altri...

Perchè abbiamo qualcosa in comune? Stesse storie a scuola, i tempi cambiano, ma la stupidità di alcuni personaggi è sempre stata quella. Si può andare avanti guardando dentro noi stessi, alla ricerca di qualcosa di più grande di quello che ci circonda. E ti assicuro che c'è.

Anche io mi isolai dal mondo. Altro punto in comune. Mi misi a studiare cosa era successo al mondo, perchè fosse così stupido. Non posso dire di averlo scoperto, ma sono riuscito a piangere per il genocidio della Vandea durante la rivoluzione francese e successive rivoluzioni e guerre nel mondo e le lacrime per eventi in cui forse io non c'ero ma il mio DNA sì, mi hanno convinto che facevo parte, temporaneamente, di questo piano della Flat Earth e potevo cominciare a immaginare come porvi rimedio, quantisticamente parlando, affinchè queste cose non si potessero ripetere su altri piani temporali, per non fare soffrire all'infinito la razza umana. Cosa non facile, ma possibile. Basta essere disponibili. Verrà il turno.

OK, questo non è un commento, lo so. Penso che analizzato da uno psicologo potrebbe essere il primo passo di un TSO nei miei confronti. Naturalmente prima devono prendermi e farmi tante altre domande... :)

Mi andava di dire due cose, ti conosco, anche se solo sul forum, da un pochino di tempo...

Ah, se già non ti ho fatto leggere questa massima, di uno scrittore che non leggerai mai, prova a leggere o rileggere questa sua frase di uno dei suoi tanti dozzinali libri che in verità non hanno avuto molto successo, ma che io ho letto tutti, perchè scritti bene.

 

Spoiler

Quando l'inferno è nell'anima, può essere bello vivere accanto a un fraterno burlone sotto l'occulto potere di Dio; puoi ancora aprire i divini cancelli del cielo con le chiavi pesanti del tuo stesso tormento...

Sven Hassel

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Intro grazie mille :rosa: in effetti hai ragione, la citazione non è molto azzeccata col tema del racconto quanto più con il tono, che avevo già in mente all'inizio (quando ho scelto la citazione). Avrei dovuto ragionarci anche a posteriori^^

La chat è ispirata a una conversazione vera solo in parte, nelle parti più tranquille :asd:

Grazie mille** mi lusinghi~

@Kikki grazie del commento** hai ragione sugli appunti che mi hai fatto, correggerò :) grazie :rosa:

@camparino grazie delle belle parole*-* mi accresci l'autostima <3

@M.T. grazie infinite del passaggio^^ il refuso persona/persone, uhm, hai ragione, non era voluto... Ma facciamo che è stato un errore di battitura di Amodio, non mio xD

Il dubbio sulla parola amo' è voluto^^ di base è l'abbreviazione di Amodio, ma leggilo come vuoi~

@Unius ciao^^ grazie del commento~

Senza dubbio abbiamo molto in comune. Non ho capito molto bene alcune cose - piani quantici? Flat Earth? - anche se, per quanto riguarda il tempo, credo con abbastanza sicurezza alla teoria secondo cui esso sia solo la quarta dimensione di una serie innumerevole di dimensioni e che il multiverso contenga innumerevoli universi con le loro dimensioni... Quindi forse ho capito^^

Comunque, i discendenti delle scimmie di Darwin penso siano scimmie :) io penso di essere discendente di alcuni primati a loro volta discendenti alla fine da esseri monocellulari acquatici^^ di certo non ho nulla da spartire con miliardari e capitalisti, economicamente faccio riferimento al pensiero di Marx ~

Per quanto riguarda l'anima, non è una cosa in cui credo... Ma nella disperazione sì :) la cosa che più mi turba è, come per te, la ricerca del senso della vita... Anche questo è in comune. Ma non credo nell'esistenza di qualcosa oltre il multiverso, oltre la "natura", né di un senso alla vita. La domanda sul senso dell'esistenza è, secondo me, sbagliata alle basi, perché non ha senso neanche porsela. È questo che mi genera inquietudine ed è questo che ho voluto rappresentare con questo racconto: l'insensatezza della vita. Nichilismo assoluto :)

Nella nostra inquietudine, comunque, posso dire che siamo vicini. A livello umano. E a livello umano condivido la tua sofferenza per le ingiustizie che la nostra specie - e le altre senzienti - hanno patito e patiscono. Nichilismo e/o relativismo non significa ignorare le sofferenze altrui... È sempre un piacere parlare con te, comunque, e anche le citazioni che mi porti sono sempre interessanti. Grazie infinite^^ trovo profondamente fruttuoso conversare con te, sei una persona molto acuta e intelligente. Grazie... A presto :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Hikikomori. Quando ne ho sentito parlare ho pensato subito che ne avresti scritto. Che poi pure io lo sono.

Se la vita non ha senso non ha senso nemmeno viverla, se l'anima non esiste non soffriremmo e non avremmo la necessità di capire...

So le 2 di notte.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Adelaide J. Pellitteri ciao^^ grazie del commento e degli apprezzamenti :) i dialoghi sono in chat, per questo sono spezzati^^

@simone volponi ciao simo' <3 penso che su questo forum siamo quasi tutti bestie solitarie :asd: ma l'hikikomori è un caso clinico... Spero che tu almeno esca di tanto in tanto di casa xD

Comunque è questo il punto, non c'è uno scopo alla vita ma la si vive perché non c'è alternativa, se non il nulla della morte, che è anche peggio. Riguardo al soffrire, penso che sia la triste ironia del cervello, una macchina così complessa da poter persino pensare e provare emozioni.

So le 8 di mattina.

Ciao^^

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@mina99, i dialoghi successivi, riferiti alla stessa persona, saranno anche realistici nella messaggistica, ma sono faticosi da leggere. O guardi a sinistra se scrive "A" o "N" a, e allora tutto si rallenta, o te ne freghi, e allora tutto scorre in fretta, ma con qualche esitazione interpretativa. Personalmente avrei evitato lo spezzettamento.

Alle 22/5/2018 at 20:19, mina99 ha detto:

questo che ho voluto rappresentare con questo racconto: l'insensatezza della vita. Nichilismo assoluto

d'accordo, ci sei riuscito, anche se la parte finale non mi ha entusiasmato, né impressionato. Forse ho visto troppe stagioni di "Bones".

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Mina.

Lo stile è il tuo: sempre folle e sopra le righe. Stavolta, anche la forma - intesa come strutturazione del brano -  lo accompagna e l'amalgama è ben riuscita. Trovo che questo tipo di narrazione riesca a conferire alla storia un realismo e una crudezza, altrimenti ben difficile da ottenere. Quindi bravo ;) . 

Per quanto riguarda la tematica - ossia quella degli Hikikomori - trovo che sia ben trattata, sopratutto nella prima parte. La svolta "thriller" della seconda, invece, non mi ha convinto appieno, forse perché avrei preferito (o mi sarei aspettato) altro, magari un diverso e maggiore approfondimento della condizione di reclusione del protagonista, un altro tipo di sviluppo...non lo so bene manco io cosa, perdonami xd .

Capisco però la necessità di rispettare la boa, con l'azzardo andato male e comunque non posso negare che il finale sia veramente riuscito e di impatto.

Comunque, mi è piaciuto, non poco.

Un saluto.  

 

Modificato da AndreaSilver

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Macleo grazie del commento e dei consigli^^ ho pensato di tenere le battute spezzate nella speranza di caratterizzare i personaggi abbastanza bene da far capire chi dice cosa senza bisogno di riferimenti, ma... non sono ancora abbastanza bravo xD

@AndreaSilver grazie mille** non era mia intenzione rendere "thriller" la seconda parte, è che avevo bisogno di un motore per muovere il personaggio e ho preso questo, ma volevo restasse più in secondo piano... Forse avrei dovuto ragionarci di più :grat: grazie**

grazie ancora~

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Alle 20/5/2018 at 23:11, mina99 ha detto:

N: dimmi qualcosa in latino

A: lo sai che non funziona così ahahah

Mamma mia quanto li odio quelli che dicono ste cose.

”Se andiamo in Grecia parli tu che sai la lingua.”

 

Cita

引きこもり

All you can eat?

 

Alle 20/5/2018 at 23:11, mina99 ha detto:

A: ho una proposta da farti

A: mi sono un po’ informato sul mining del bitcoin

A: molto, in realtà

A: e sono convinto di potermela cavare

Le ultime parole famose.

 

Alle 20/5/2018 at 23:11, mina99 ha detto:

Niccolò muore a Milano, in un edificio abbandonato, il 20 maggio 2018.

Lo ha ucciso il tipo sconosciuto? 

 

Mesi fa ho scoperto che anche io sono sulla buona strada per diventare un hikikomori.

Cioè, esco di casa per far cagare il cane (ma il mio è un quartiere dove non si incontra nessuno, molto silenzioso) e a volte per fare la spesa... però appena muore il cane e trovo un modo per farmi portare la spesa a casa è fatta: non esco più. Già non frequento le lezioni e non esco la sera. Ah, devo trovare il modo di guadagnare soldi da casa, ma si può fare.

 

Vabbè, tornando al racconto, un consiglio: a volte è difficile capire chi sta parlando, nonostante le iniziali A e N.

Io proverei così, per imitare la chat di whatsapp o quello che è:

Cita

 

A: hai paura del mondo

    N: basta con questa storia

A: ma pensi di risolvere tutti i tuoi problemi scomparendo?

   

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunitày. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×