Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Ngannafoddi

Inventare un nuovo genere o sottogenere è un bene o un male?

Post raccomandati

Io odio conformarmi a ciò che hanno inventato altri, cerco l'originalità a ogni costo (sono uno di quegli aspiranti scrittori irritanti dei quali si parla in un'altra mia discussione xD). Mi sono creato un mio stile e tutte le mie storie seguono una linea precisa che è la mia, hanno caratteristiche che seguono i miei gusti e le mie decisioni. In pratica mi sono inventato un nuovo genere.

Perché dovrei scrivere un noir/un fantasy/un thriller secondo le regole che ha deciso qualcun altro? Chi ha deciso che si debbano rispettare dei canoni scelti da altri per scrivere un buon romanzo?

Un editore, di recente, mi ha detto che diventa più difficile raggiungere l'obiettivo che mi sono prefissato con questo mio approccio:

Come vuoi proporre questi romanzi agli altri editori? Il genere Fernando non esiste! (Fernando, per chi non lo sapesse è il mio vero nome).

 

Il genere Fernando però esisterebbe se ci fosse un editore aperto che volesse lanciare qualcosa di nuovo. 

 

Cosa consigliereste a chi come me vuole creare (o ha già creato) un nuovo genere? 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
51 minuti fa, Ngannafoddi ha detto:

Cosa consigliereste a chi come me vuole creare (o ha già creato) un nuovo genere?

Di cambiare nome: Fernando non mi suona come genere letterario.

  • Divertente 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
19 minuti fa, Marcello ha detto:

Di cambiare nome: Fernando non mi suona come genere letterario.

 

Quel nome lo ha dato l'editore :asd:.

Io la definirei narrativa ngannafoddica :wow:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Personale opinione: un genere è un grande contenitore in cui si buttano dentro un sacco di cose che magari si somigliano vagamente. Cosa hanno in comune "Neuromante" di Gibbson e il Ciclo della Fondazione di Asimov, per essere categorizzati entrambi come fantascienza? Io penso che uno scrittore si definisca di thriller o di romance o di romanzi storici secondo alcuni spunti particolari, vuoi per la trama, vuoi per l'ambientazione. Si tratta di una "linea di massima". Per esempio, il ciclo delle "Guardie" di Terry Pratchett è un fantasy perché ambientato in un mondo immaginario, ma la trama ha tutti gli elementi del giallo (e lo stile del comico).

Sui sottogeneri ci sarebbe da fare un saggio. Sul aver inventato qualcosa, ci andrei sempre coi piedi di piombo. Ricordo anni fa una tizia che si vantava di aver inventato il genere fairy-noir-steampunk per i suoi racconti e mi suonava abbastanza ridicola, come invenzione... ma ancora una volta, è il mio modo di vedere le cose.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Yaxara io non mi vanto di avere inventato un nuovo genere. Un editore mi ha detto che ciò che scrivo non è catalogabile coi generi che lui conosce. Io pensavo si trattasse di narrativa fantastica, ma chi pubblica fantasy dice che non è fantasy, chi pubblica fantascienza dice che non è fantascienza, chi pubblica bizarro fiction dice che non è bizarro fiction, ecc... 

Per me è un incubo!

 

@Marcello una volta tu mi hai detto di non etichettare un manoscritto quando lo si propone a una casa editrice. E io ho ascoltato il tuo consiglio. Ma sono gli editori che mi chiedono il genere al quale appartiene. In quale collana lo inseriamo? Dobbiamo creare una collana apposta per te? 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
49 minuti fa, Ngannafoddi ha detto:

Io la definirei narrativa ngannafoddica 

Ecco, troverai di sicuro tanti lettori... :sorrisoidiota: 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sì, sì, io sono il più originale di tutti, il miglior scrittore mai esistito! Mettetevelo in testa! :asd::bandiera:

 

Chi è intervenuto finora, a parte Marcello, non ha capito il senso della mia domanda. Siccome io non posso approfondire la cosa, perché sono vincolato e siccome non posso farvi leggere i miei inediti, chiudo qui la discussione.

Se un giorno pubblicherò qualcosa (ho seri dubbi, visto che sono il miglior scrittore incompreso di sempre) tornerò qui e spiegherò meglio tutto.

 

P.S. Nel frattempo insultatemi pure. Invidiosoni! xDxD:P

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Ngannafoddi ha detto:

In quale collana lo inseriamo? Dobbiamo creare una collana apposta per te? 

Se un editore mi ponesse queste domande me ne andrei a gambe levate.  Devo essere io autore a scegliere in quale delle tue collane va pubblicata la mia opera?  Ma per favore! 

 

1 ora fa, Ngannafoddi ha detto:

una volta tu mi hai detto di non etichettare un manoscritto quando lo si propone a una casa editrice

e sono ancora della stessa idea.  Chiedimi una sinossi e io te la invio: dopo ci pensi tu a etichettarlo, se proprio non ne puoi fare a meno.

Il motivo è sempre lo stesso che ti dicevo allora: ci sono certi romanzi che appartengono indubitabilmente a uno specifico genere.  I miei per esempio sono polizieschi: ci sono dei criminali e una squadra di polizia che indaga, punto.  Magari a pag. 38 un personaggio si mette a discutere di religione e a pag. 201 si scopre che un sospettato insegna filosofia o ancora in un altro punto si parla di pedofilia: non è per questo che il romanzo diventa un poliziesco-religios-filosofico-sociale, era e rimane un poliziesco tout-court.  

Ma ci sono romanzi che attraversano più generi letterari e volerli per forza incasellare in un compartimento stagno è sciocco e spesso controproducente.  Ci pensi l'editore a stabilire se è più thriller, o fantastico o storico:  all'autore compete di scrivere bene e di presentare una sinossi chiara che in una o due pagine racconti ciò che succede; il resto sta all'editore.

  • Mi piace 5
  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
4 minuti fa, Kuno ha detto:

I polizieschi di @Marcello hanno per protagonista una donna e sono strasicuro che solo per questo motivo qualcuno nel mondo morirebbe dalla voglia di inventarsi il sottogenere “polizesco femminista”

Ah, però! :D

5 minuti fa, Kuno ha detto:

Per me lo scrittore deve scrivere e basta, poi ad appicicare l’etichetta ci penserà l’editore/recensore/esperto pignolo-maniaco di turno.

(y)

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

I generi e i sottogeneri nascono a posteriori, non a priori. La loro funzione primaria è quella di catalogazione: servono a creare una distinzione fra i romanzi, cosicché gli editori possano puntare a un target ben preciso e di conseguenza organizzare una promozione adatta e i lettori possano riconoscere con più facilità il tipo di romanzi che preferiscono. Lo stesso vale per qualunque metodo d'intrattenimento (film, musica, videogiochi, fumetti ecc...).

Un romanzo, quindi, non deve appartenere a un genere. Sono proprio i romanzi a definire i generi, in realtà, e non il contrario come si pensa spesso. Questo cosa significa? Significa che non bisogna imporsi dei limiti di genere quando si scrive, perché sono gli stessi romanzi a influenzare i generi stessi (si pensi a quanto è cambiata la fantascienza negli anni).

Il problema è che alcune case editrici sanno di vendere forte in un determinato genere e non vogliono rischiare d'introdurre qualcosa di nuovo, di diverso dal loro romanzo tipo. Penso che derivi da questo la risposta della casa editrice nei tuoi confronti, @Ngannafoddi

Cosa ti consiglio, quindi? Scrivi ciò che più ti piace, senza pensare troppo al genere. Se il testo è valido, se la storia funziona, troverai un editore disposto a pubblicarti, magari persino a creare una nuova collana tutta per te. Altrimenti pazienza; magari il tuo romanzo è nato troppo presto e dovrai aspettare ancora un po' prima di trovare un editore disposto a rischiare. :) 

  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Ngannafoddi però ora sono troppo curiosa di sapere qual è quell'elemento che squalifica il tuo romanzo fantastico dal calderone della fantasy e della fantascienza... Non puoi lasciarci così xD

 

Comunque la cosa dell'invenzione di un nuovo genere mi ha sempre strippato, soprattutto in ambito musicale. Mi tengo informata sulle nuove tendenze ansiosa di venire in contatto con qualcosa di nuovo, con la musica del futuro... per poi scoprire che sono tutte l'evoluzione e la commistione dei generi precedenti; e ovviamente vale anche per la letteratura.  (Certo se fai ascoltare musica metal a un tizio degli anni Trenta è un altro discorso).

 

A parte seghe mentali di cui sopra, però, non ho un consiglio specifico. Ricordo vagamente case editrici il cui manifesto era proprio l'apertura mentale, la fuoriuscita dagli schemi della scrittura e dei generi letterari, ma ora mi sfuggono i nomi. Altre (tipo la mia) hanno collane di manica molto larga, dove ci sta tuuuutto il fantastico, dalla fantascienza alla fantasy: non penso che avrai più di questi problemi.

 

  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Penso che la questione non riguardi tanto la tecnica narrativa quanto le linee della casa editrice.

La differenza è sottile ma fondamentale: la tecnica narrativa non solo accetta ma anche è avida di novità. non per nulla, non credo esista un autore (di qualsiasi livello) che non vari il modello o non mostri dei tratti suoi peculiari. Come giustamente detto da @Yaxara, tra due autori diversi ci sono grandi differenze. aggiungo un'altro paragone: Ellis Peters e Danila Comastri Montanari sono entrambi scrittrici di gialli storici, ma l'uso che fanno anche solo della ricerca storica è differente: la Comastri spesso compone gialli su singoli tratti della cultura romana, mentre i gialli della Peters sono comprensibili e godibili anche da chi, come me, sa poco o nulla di cultura inglese del medioevo. 

Una casa editrice (e giù una vergata a molte idee) è un'azienda. non facciamoci illusioni, loro cercano prodotti da vendere. E ovviamente non possono vendere qualsiasi cosa, devono porre dei filtri.

Queste sono appunto le linee editoriali. è un po' come un negozio: Zara non vende prosciutti, nè andando alla coop ti aspetti che vendano le console per videogiochi. 

Ogni casa editrice ha una linea editoriale che definisce chiaramente cosa accetta e cosa no: LA linea del "battello a vapore" per esempio raggiunge al massimo i ragazzi di quindici anni (a dirla lunga), quindi se ho scritto un romanzo erotico o un racconto di fantasy è inutile lo proponga a questa casa editrice.

Inoltre anche tra case con la stessa linea editoriale (il mulino e il battello a vapore) ci sono varie  sfumature. ricordo che mentre tempo fa guardicchiavo, un paio di volte ho letto nelle presentazioni che una certa casa editrice accettava "tutti i lavori che ponevano un differente punto di vista della realtà da quello comune", un'altra di testi sulle donne, poi ci sono le edizioni paoline che raccolgono tutti i testi ad argomento cristiano (anche solo di striscio) e via di questo passo. 

è ovvio che apparentemente un testo su Giovanna d'Arco potrebbe andare tecnicamente in tutte e tre queste case editrici. però dipende molto dal tipo di testo: se parliamo di Giovanna d'Arco come una rivoluzionaria la prima casa sarà più propensa ad accettare delle altre, la seconda se parleremo soprattutto della donna Giovanna d'arco e l'ultima se parleremo di Giovanna come guerriera credente.

Infatti una cosa è il prodotto artistico di un'elaborazione mentale, anche detta opera...e una cosa è il prodotto editoriale, che deve essere facilmente descrivibile e riassumibile.

Esempio: io artisticamente non ho un vero genere di riferimento. Sono racconti di vita, racconti di esperienze umane. in certuni predomina l'elemento comico, in altri il romantico e in altri il drammatico, ma non rispettano tutte le convenzioni di questi generi. Il mio racconto drammatico prevede anche una storia d'amore e scene di esoterismo, quindi ha anche tratti romantici e da fantasy. 

Se però dovessi pubblicarli, dovresti stare attento alla linea editoriale delle varie case editrici: una casa editrice basata sull'educazione multiculturale e multireligiosa potrebbe rifiutarlo se questo tema non è presente nel mio racconto, mentre una casa che prova interesse per i conflitti emotivi e le scene di crescita potrebbe accettarlo sebbene di solito non pubblica romanzi drammatici, e magari facendolo passare per un romanzo romantico.

tutto questo però all'unico scopo di offrire al cliente della casa editrice (cioè il lettore) quello che chiede. 

 

per rispondere alla tua domanda: te sei libero di rompere tutte le regole che ti aggradano e creare il nuovo genere Fernando, a tuo piacere. ma se vuoi pubblicare devi cercare una casa editrice che potrebbe gradire il nuovo genere Fernando. 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Penso che non ci sia nulla di male a voler innovare creando un "nuovo genere" (impresa alquanto impossibile) o creare un nuovo aspetto di un genere già esistente.

L'esempio delle Guardie del Mondo-disco fatto da @Yaxara è ottimo: così Pratchett (buonanima) ha scritto una bella trilogia che mischia fantasy, humour, giallo (e anche paradossi temporali), ottenendo una delle colonne portanti (o dovrei dire elefanti portanti) del suo universo!

In ogni caso, la vita è in sé un "mélange de genres": una persona potrà conoscere momenti felici o addirittura divertenti (commedia), vivere anni difficili o momenti tristi (dramma), potrebbe arruolarsi o vedere un conflitto (guerra o addirittura horror), essere poliziotto o delinquente (giallo)...  e così via includendo quasi tutti i generi o sottogeneri (tranne fantascienza o fantasy...). Quindi, se vuoi intrecciare vari generi, fallo! Ma se il tuo editore non vuole, sarà perché ha paura di non trovare lettori, forse sei all'avanguardia...

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Andrea.Dee

Ovviamente ciò che scrivi non ha genere. E auto etichettarsi è un po' triste.

Però la gente ti chiede cos'hai scritto, tu non puoi spiegare su due piedi un romanzo e magari neanche ti interessa, quindi dici "romanzo drammatico con spunti autobiografici" e fine. Così attiri l'interesse e non perdi tempo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non ne posso più di sentirmi chiedere a che genere appartiene il mio libro. Una volta mi hanno pure riso in faccia quando ho risposto “narrativa”: e che significa?

Esiste da secoli una cosa chiamata letteratura. Guerra e pace che è? Un romanzo di guerra? Storico? O d'amore?

Il genere è utile in biblioteca per trovare un libro, ma metterlo prima della scrittura è un nonsenso.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 18/5/2018 alle 17:00, Ngannafoddi ha scritto:

@Yaxara                    Un editore mi ha detto che ciò che scrivo non è catalogabile coi generi che lui conosce.

 

Ti capisco benissimo. La stessa cosa è successa a me quando ho chiesto una scheda di lettura a una nota agenzia. Non sapevano come catalogarlo. Hanno proprio scritto così, difficilmente catalogabile, e in fondo mi ha fatto piacere. Sono andati in confusione anche mentre lo leggevano, come ho avuto occasione di dire. Ma questo perchè non sono stati attenti, ed è un'altra storia.

Pensavo di aver scritto un semplice giallo, e mi è uscito un fantasy noir e non solo. Ma pensa te. Per una che dipinge è il massimo.

Continuando a scrivere, la cosa si è aggravata. Ma non è un male, anzi, trovo sia una cosa meravigliosa, divertentissima.

Tu non ti diverti un casino quando scrivi? E anche dopo, a ripensarci.  Certo, alcuni passaggi sono impegnativi. Ma dopo non hai la sensazione di un film che si crea mano a mano che lo guardi? E quando esci dalla sala quello che hai visto è sempre lì, in cartellone.   Comunque quello che per uno non è catalogabile per qualcun altro è semplicemente non banale. Punti di vista. Fai conto di essere al centro di un cerchio, circondato da tanti punti .. di vista.   :ninja:

  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 18/5/2018 alle 14:57, Ngannafoddi ha scritto:

Mi sono creato un mio stile

 

Ognuno ha il proprio stile.

 

 

Il 18/5/2018 alle 14:57, Ngannafoddi ha scritto:

In pratica mi sono inventato un nuovo genere.

 

Uhm… stile o genere? Il primo esiste certamente, il secondo tende a non esistere, se non per ragioni commerciali o di comodità. Piuttosto che di genere, io parlerei di temi. Trovare sempre temi originali, e non troppo sciatti, è sempre un bene, anche se non ti pubblicano. Veni a diri ca lu ciriveddu ti camina:)

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@dyskolos e @Sunday Times, state rispondendo a una mia discussione di due anni e mezzo fa. :P

Le cose sono cambiate dopo tutto questo tempo. Molto cambiate. Ho deciso di non proporre a nessuno il romanzo che avevo scritto a quel tempo, resterà inedito fino alla mia morte :lol:. Lo considero però un buon allenamento per la mia crescita come scrittore. Ora scrivo weird. Il mio genere è il weird. A volte sarà weird/horror, altre volte weird/comico. In alcuni casi mi spingerò nella bizarro fiction. L'importante è che nei miei scritti siano presenti uno o più elementi "strani". 

 

15 ore fa, Sunday Times ha scritto:

Non sapevano come catalogarlo.

Purtroppo questo non sarà un punto a tuo favore. Tutti gli editori che ho contattato negli ultimi tempi hanno sempre richiesto che fosse specificato il genere esatto dei manoscritti. Se un genere solo non basta, al massimo se ne può aggiungere un secondo (es. thriller cyberpunk). 

 

15 ore fa, Sunday Times ha scritto:

Pensavo di aver scritto un semplice giallo, e mi è uscito un fantasy noir e non solo.

Ecco. Secondo me (il me di adesso), è meglio avere ben chiaro cosa si sta scrivendo. Se il genere ti si modifica strada facendo, forse allora la storia non è stata progettata bene. 

 

15 ore fa, Sunday Times ha scritto:

Tu non ti diverti un casino quando scrivi?

Sì, certo che mi diverto. Ma mi diverto di più adesso che prima, quando ancora la mia penna andava per i fatti suoi. Ora progetto tutto nei minimi dettagli prima di mettermi a scrivere. Trascorro forse più tempo a progettare che a scrivere. E il mio genere è chiaro dall'inizio alla fine. Senza sorprese. E mi diverto soprattutto perché vedo che gli editori (almeno quelli che contatto) apprezzano le mie storie, le mie trame e il mio stile.

 

15 ore fa, Sunday Times ha scritto:

Comunque quello che per uno non è catalogabile per qualcun altro è semplicemente non banale. Punti di vista. Fai conto di essere al centro di un cerchio, circondato da tanti punti .. di vista.

Non sono sicuro che sia così. Ma tu sei libero (o libera? Non ho ancora capito quale sia il tuo genere xD) di pensarla come preferisci.

 

2 ore fa, dyskolos ha scritto:

Ognuno ha il proprio stile.

Non sono d'accordo su questo. Non da quando ho deciso di leggere libri solo di autori italiani poco conosciuti (esordienti e non). Molti infatti scopiazzano lo stile di scrittori famosi. Scopiazzare, secondo me, è triste. Quasi sempre porta a opere disastrose. Ho letto imitatori di Stephen King, Lovecraft, ecc... Ci può stare ispirarsi a un autore, ma io lettore non devo avere l'impressione di leggere un romanzo di King o Lovecraft quando leggo te, voglio trovare uno stile personale, unico. Che poi si capisce subito che è l'imitazione scadente di King o Lovecraft... è uno schifo di cui non ci si può certo vantare. :tutticolori:

 

2 ore fa, dyskolos ha scritto:

Piuttosto che di genere, io parlerei di temi. Trovare sempre temi originali, e non troppo sciatti, è sempre un bene, anche se non ti pubblicano.

Di recente ho scoperto un autore italiano che scrive "da paura". Questo autore frequenta anche il WD ogni tanto, ma non dirò chi è nemmeno sotto tortura. Riesco a capire da poche frasi se un testo è stato scritto da lui. È riconoscibile. Non sempre è così. Con gli esordienti raramente è così.

 

2 ore fa, dyskolos ha scritto:

Piuttosto che di genere, io parlerei di temi. Trovare sempre temi originali, e non troppo sciatti, è sempre un bene, anche se non ti pubblicano.

Non sono d'accordo nemmeno su quest'altro punto. Il genere è una cosa, il tema è un'altra cosa, se per tema intendi l'idea di fondo. Molti editori chiedono infatti sia di specificare il genere, sia di riassumere il tema o l'idea in un'unica frase. Sono due cose distinte. E sì, l'idea è importantissima, deve essere originale e unica proprio come lo stile.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
9 minuti fa, Ngannafoddi ha scritto:

Molti infatti scopiazzano lo stile di scrittori famosi

 

Scopiazzare non è mai una bella cosa. Davo per scontato che nessuno lo facesse, ma siccome lo fanno, hai ragione a non essere d'accordo. Pensa che neanch'io sono d'accordo con me stesso :)

 

14 minuti fa, Ngannafoddi ha scritto:

Il genere è una cosa, il tema è un'altra cosa, se per tema intendi l'idea di fondo. Molti editori chiedono infatti sia di specificare il genere, sia di riassumere il tema o l'idea in un'unica frase. Sono due cose distinte

 

Sì, certo. Intendevo dire che il tema dà più informazioni del genere, visto che lo stesso tema può essere trattato con generi diversi. Se fossi un editore, mi interesserei al tema (o ai temi) molto più che al genere, nel caso in cui dovessi valutare l'aderenza alla mia linea editoriale.

 

20 minuti fa, Ngannafoddi ha scritto:

state rispondendo a una mia discussione di due anni e mezzo fa. :P

Le cose sono cambiate dopo tutto questo tempo. Molto cambiate

 

Hai ragione. È passato troppo tempo. Prendilo come un pourparler ;) 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
30 minuti fa, Ngannafoddi ha scritto:

@dyskolos e @Sunday Times, state rispondendo a una mia discussione di due anni e mezzo fa. :P

Le cose sono cambiate dopo tutto questo tempo. Molto cambiate. Ho deciso di non proporre a nessuno il romanzo che avevo scritto a quel tempo, resterà inedito fino alla mia morte :lol:. Lo considero però un buon allenamento per la mia crescita come scrittore. Ora scrivo weird. Il mio genere è il weird. A volte sarà weird/horror, altre volte weird/comico. In alcuni casi mi spingerò nella bizarro fiction. L'importante è che nei miei scritti siano presenti uno o più elementi "strani". 

 

Sono nuova e non posso sapere tutto quello che hai fatto fin qua.

30 minuti fa, Ngannafoddi ha scritto:

Purtroppo questo non sarà un punto a tuo favore. Tutti gli editori che ho contattato negli ultimi tempi hanno sempre richiesto che fosse specificato il genere esatto dei manoscritti. Se un genere solo non basta, al massimo se ne può aggiungere un secondo (es. thriller cyberpunk). 

 

Ecco. Secondo me (il me di adesso), è meglio avere ben chiaro cosa si sta scrivendo. Se il genere ti si modifica strada facendo, forse allora la storia non è stata progettata bene. 

 

Veramente la storia era chiara, non si è modificata. Ero io che avevo ( e continuo ad avere ) una diversa definizione di noir. Per me non basta una morte di striscio a rendere un testo noir. Perchè pensi che avessero difficoltà perchè mi era sfuggita di mano? Era nata così, contenente due generi.

30 minuti fa, Ngannafoddi ha scritto:

Non sono sicuro che sia così. Ma tu sei libero (o libera? Non ho ancora capito quale sia il tuo genere xD) di pensarla come preferisci.

Libera, ho usato sempre aggettivi al femminile. Questa libertà si basa sui riscontri a quello che ho scritto successivamente.

30 minuti fa, Ngannafoddi ha scritto:

 

Non sono d'accordo nemmeno su quest'altro punto. Il genere è una cosa, il tema è un'altra cosa, se per tema intendi l'idea di fondo. Molti editori chiedono infatti sia di specificare il genere, sia di riassumere il tema o l'idea in un'unica frase. Sono due cose distinte. E sì, l'idea è importantissima, deve essere originale e unica proprio come lo stile.

Saranno distinti, ma dal tema, risali al genere. Sono come la trama e l'ordito di uno stesso tessuto. La trama rispecchia il genere e quando è "anomala", difatti, contiene più generi.

  • Confuso 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
45 minuti fa, dyskolos ha scritto:

Pensa che neanch'io sono d'accordo con me stesso :)

:D

 

12 minuti fa, Sunday Times ha scritto:

Sono nuova e non posso sapere tutto quello che hai fatto fin qua.

Nessuno poteva saperlo, ma ora l'ho detto. Adesso lo sanno tutti :).

 

14 minuti fa, Sunday Times ha scritto:

Veramente la storia era chiara, non si è modificata. Ero io che avevo ( e continuo ad avere ) una diversa definizione di noir. Per me non basta una morte di striscio a rendere un testo noir. Perchè pensi che avessero difficoltà perchè mi era sfuggita di mano? Era nata così, contenente due generi.

Allora ho capito male io :hm:. Dicevi che: 

 

17 ore fa, Sunday Times ha scritto:

Pensavo di aver scritto un semplice giallo, e mi è uscito un fantasy noir e non solo

Se pensi di aver scritto una cosa e te ne esce un'altra... O_o Spiegami questo punto, per favore.

 

17 minuti fa, Sunday Times ha scritto:

Libera, ho usato sempre aggettivi al femminile.

Non mi ero reso conto. Scusami :sss:.

 

18 minuti fa, Sunday Times ha scritto:

Saranno distinti, ma dal tema, risali al genere. Sono come la trama e l'ordito di uno stesso tessuto. La trama rispecchia il genere e quando è "anomala", difatti, contiene più generi.

Qui continuo a non essere d'accordo. Io penso che si possano scrivere diversi generi utilizzando lo stesso tema.

Come dicevo prima, molti editori chiedono di riassumere l'intero romanzo in una frase. Da quella frase raramente si può risalire al genere. E infatti gli stessi editori chiedono di specificare il genere a parte. E di essere precisi! ;) 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

"Pensavo di aver scritto un semplice giallo, e mi è uscito un fantasy noir e non solo"

Hai ragione, mi sono espressa troppo sinteticamente. Mi è uscito nel senso del responso scritto nella "scheda di (s)lettura". Ma per me di noir lì c'è poco, a parte il colore del testo.

 

"continuo a non essere d'accordo. Io penso che si possano scrivere diversi generi utilizzando lo stesso tema."

Può darsi, bisognerebbe fare delle prove, però non sempre è possibile. Perchè se metti delle astronavi difficilmente avrai un romanzo storico, più facilmente sarà fantascienza.

Se cè una dinamica familiare è diverso, quella si può tingere di tutto, è come una tela bianca. Non tutti i temi sono uguali, alcuni sono più caratterizzati.

 

"Come dicevo prima, molti editori chiedono di riassumere l'intero romanzo in una frase. Da quella frase raramente si può risalire al genere. E infatti gli stessi editori chiedono di specificare il genere a parte. E di essere precisi!"

Non si può riassumere sempre tutto in una frase, semplificare è impoverire. Cosa hai risolto quando hai saputo di che genere è? Ben poco se tanto non lo leggi. E come fai ad essere preciso se non hai spazio per la definizione? Capisco non essere prolissi, ma se togli troppo alla fine cosa rimane? Spero di aver chiarito tutto, compresa la mia filosofia.

Non tutto si può riassumere o semplificare ( parola terribile in quanto sa di livellare allo stesso piano cose per loro natura diverse ) allo stesso modo opere tra loro tanto diverse.

Questo non vuol dire che riassumere non mi riesca, solo che non mi fido delle generalizzazioni, rimano con banalizzazoni.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Personalmente in passato ho scritto un romanzo tutto sbagliato, come fa welsh. Però non ho copiato welsh; non copio mai perché quando scrivo sono sotto flusso di pensiero e quindi mi esce quello che penso. Il romanzo è piaciuto ma nessuno l'ha capito (hai sbagliato la virgola, il tempo verbale, l'eclissi solare), complice anche il cattivo lavoro della casa editrice, e quindi ora mi limito a scrivere cose corrette. Il libro che deve uscire tratta diversi generi e infatti ha avuto difficoltà a trovare un editore, ma non ci penso neanche a ficcarci della sperimentazione linguistica.

 

Al momento mi sto dedicando al crime rosso di stampo terroristico e sto bene così.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×