Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Ginseng

L'angelo della morte

Post raccomandati

Risplende il meriggio d'autunno

nel chiostro bianco,

solitaria calce,

e profumo di mosto.

Uno stormo di uccelli neri

si alza impaurito a destra,

un vecchio china la testa

perchè sente il suo arrivo

con passi di umide foglie.

Ha gli occhi azzurri

come il cielo

l'angelo della morte,

non guardarli troppo a lungo

o diventeranno lo specchio

della tua vita

e tu,

aldilà di quello.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Ginseng, bella poesia! Lo stormo di uccelli neri mi ricorda da una parte il Carducci: "uno stormo d'uccelli neri com'esuli pensieri nel vespero migrar": una profonda ma quieta inquietudine la definirei; e dall'altra parte penso agli uccelli neri del famoso quadro coi campi di grano di Van Gogh (quadro di cui purtroppo non ricordo il nome). Ebbene, il riferimento a queste opere (che sia voluto o meno) conferisce grande potenza alla tua espressione, l'immagine è nitida e al contempo nervosa. Bellissima l'immagine del vecchio che di fronte alla morte, con un moto di paura, umiltà e dignità insieme, china la testa. Un'immagine di grande umanità; il vecchio china la testa, ma questo suo così umano gesto non sembra un arrendersi alla morte, quanto invece un virile opporsi ad essa, quasi dicesse: "sono qui, prendimi, tu sei profondamente ingiusta ma io non ti temo". È ciò che mi piace chiamare "bellezza". E poi gli occhi di ghiaccio della morte: il momento estremo è quel freddo, crudelissimo momento in cui - dicono - ti passa davanti tutta la tua vita, e soprattutto ti rendi conto di ciò che sei, quasi con fredda e distaccata lucidità, come guardandoti allo specchio: il momento è reso molto bene dai tuoi versi.

Ora, so bene che molte delle interpretazioni che ho dato in questo commento probabilmente non coincidono con ciò che tu volevi dire, ma i tuoi versi mi hanno indotto a riflessioni che non potevo non esporti: spero tu mi perdoni.

L'unica perplessità che rimane è sui primi versi, l'ambientazione: si parla di un chiostro, del profumo di mosto (cosa che evoca un'ambientazione di campagna) e poi di uno stormo di uccelli: non riesco a visualizzare, qualcosa mi sfugge.

Comunque ottima poesia, complimenti!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Innanzitutto ciao, mi piace la tua poesia, la trovo semplice ed evocativa, come se stessi cercando di dipingere un quadro.

 

Risplende il meriggio d'autunno

nel chiostro bianco,

solitaria calce,

 e profumo di mosto.

Uno stormo di uccelli neri

si alza impaurito a destra,

un vecchio china la testa

 

 

Poni attenzione all'accostamento dei colori e alle sinestesie per costruire un'immagine. Il paesaggio "trasuda" in un certo senso, gli oggetti e gli animali sentono, come gli esseri umani, e anch'essi hanno paura della morte. E' interessante come concetto e lo hai espresso piuttosto bene, soprattutto in questi versi, molto pascoliniano.

 

perché sente il suo arrivo

 

Attento agli accenti, anche se io toglierei il "perché". Spezza il ritmo ed è troppo "solido", da argomentazione scientifica, e stona con la tecnica dell'accostare un'immagine all'altra come hai fatto nei versi precedenti.

 

come il cielo

 

Metafora trita. Ti servirebbe un'immagine più potente e originale.

 

con passi di umide foglie.

 

Io preferirei scrivere "su passi", un po' per mantenere l'allitterazione della esse, un po' perché l'immagine mi piace di più.

 

non guardarli troppo a lungo

o diventeranno lo specchio

della tua vita

e tu,

aldilà di quello.

 

Ottimo il contenuto ma non mi convince il passaggio repentino dall'impersonalità al rivolgerti direttamente al lettore, spezza l'incanto.


In generale la metrica è piuttosto lineare, lenta e musicale, il che è bene. Però cercherei di arricchirla con qualche espediente sintattico che le dia più sale. Ma la prima cosa da prendere con il sale è la mia opinione ignorante, che spero però possa essere stata utile :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×