Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Rayders

Echi del passato - Cap. 1

Post raccomandati

 

Spesso il ricordo della madre gli faceva ancora visita. Era uno di quelli dolorosi, uno di quelli che ogni uomo preferisce affrontare quando si trova lontano dal mondo intero.
"Un giorno riuscirò ad incontrare quella persona e vi prometto che potremo andarcene da qui" Sdrammatizzava sempre la donna mentre si preparava per il lungo viaggio verso la città marittima di Kronos. Vestita con la tunica blu cobalto delle Guardiane del Profondo sembrava una vera guerriera, come quelle delle ballate. Finiva solitamente la frase con un mezzo sorriso ed un occhiolino affettuoso rivolti ai figli. Nella fanciullesca innocenza lui aveva sempre risposto con un lungo abbraccio, sincero e carico di fiducia. Nel suo settimo anno di vita però non la vide più tornare. 

Troppo grande per non capire, troppo piccolo per capire appieno.

Col tempo quell' avvenimento venne forgiato e trasmutato in una formidabile armatura, la migliore che avesse mai indossato, ma era una corazza di spine. Ineguagliabile nel prevenire ulteriori ferite, ma al contempo inefficace per chi è in cerca di preziosi alleati. A nulla servirono i conforti del fratello e di sua sorella, aveva imparato a contrastare il dolore in quella maniera e nessuno gli avrebbe fatto cambiare idea.

Poi, quando anche l'unico amore della sua vita lo mise di fronte ad una scelta, il fato ebbe pietà di lui e decise di accompagnarlo nel suo difficile cammino. 

Per questo ora alla soglia dei vent'anni percorreva i lunghi sentieri del Bosco di Arlandor, sotto i sigilli dei Ranger Decaduti. Nel disperato tentativo di preservare un equilibrio che ormai da diverso tempo si stava sgretolando come cenere al vento.

 

 

 

Le urla soffocate della donna si fecero sempre più strazianti man mano che il giovane si avvicinava. Correva a più non posso in quel labirinto di alberi secolari cercando di individuare la provenienza delle suppliche.  Poi, all improvviso, cominciò a sentire anche le risate.

Diminuì l andatura solo quando intravide le prime figure tra gli alberi, sfilò l arco finemente decorato dalla spalla destra e si acquattò dietro uno di essi. Aveva il fiato corto, le mani gli tremavano visibilmente e il cuore gli martellava nelle tempie, nonostante questo si obbligò a scrutare oltre la protezione. Solo due uomini vestiti di stenti e brandelli d' armature di cuoio, semplici predoni. Uno era rivolto verso di lui, sguardo poco sveglio e quasi del tutto assente, si reggeva pigramente ad una lunga picca mentre l altro allungava nervosamente il collo in direzione opposta. Da quella posizione non riuscì a scorgere nient altro così ruotò intorno al tronco. Dall' altra parte, ad una quindicina di metri, un ulteriore manigoldo stava esultando agitando la propria lancia in segno di vittoria. Urlava e imprecava sguaiatamente in direzione di una maestosa quercia, come se la ritenesse responsabile di un qualche indicibile adulterio. Aveva un enorme cicatrice sul cranio. Purtroppo il giovane non riuscì ancora a comprendere quanti altri predoni si trovassero nelle vicinanze ne dove fosse tenuta la donna. Ma ne avvertiva il fiato corto e sofferente a ritmi regolari. 

"Ragiona" si disse piano tornando al riparo del solido legno. Cercò di concentrarsi facendo un lungo respiro, chiuse gli occhi per calmarsi ma l ennesimo urlo disperato gli squarciò l anima costringendolo ad agire. Per un attimo l immagine vivida della sorella gli balenò nella mente e questo bastò a farlo uscire dal suo vile nascondiglio incoccando la prima freccia.

Mirò alla gola. Il balordo sonnecchiante ebbe un sussulto di sgomento alla sua comparsa e come d'istinto abbassò la testa, la freccia gli si conficcò tra i denti in una pioggia di calcio marcescente.

Con fredda lucidità il ragazzo caricò il successivo dardo. L adrenalina era subentrata con prepotenza alla paura.

"figlio di una cagna!" ringhiò il secondo razziatore scattando verso di lui. Impugnava l accetta con entrambe le mani sopra la testa quasi fosse stata una grossa vanga da utilizzare nei campi.

Un solo respiro profondo. Il bersaglio inquadrato. "Stock" il colpo penetrò il leggero corpetto di cuoio arrestando la sua avanzata. Il bandito fece ancora pochi passi barcollanti,  poi si accasciò sulle ginocchia e con un rantolo poco dignitoso quanto la sua vita finì faccia a terra.

In pochi istanti i restanti briganti abbandonarono completamene la loro preda e come impazziti si gettarono all'assalto. Il ragazzo ne contò in tutto tre.

"Uno mi sarà addosso" pensò velocemente. 

Il primo a cadere fu quello col pene di fuori. Fece capolino da dietro la grossa quercia con già il tipico fiatone da tenzone ed in viso l'espressione di chi è stato interrotto sul più bello, mirò apposta ai genitali. Il dolore fu devastante, volle che gli altri due udissero. In quei frangenti si trasformava in un sadico bastardo. Lo comprendeva, ma non gli importava.

Quando incoccò la quarta freccia però avvertì un nodo alla gola dovuto allo sbaglio di valutazione, l'uomo con la grossa cicatrice gli si scagliò contro con inaspettata ferocia coprendo velocemente la distanza che li separava. Tendette l arco ma la punta della lancia aprì con voracità il cuoio dei guanti e le carni della mano che impugnavano l arma, facendogli perdere la presa e vanificandone il tiro che oltrepassò l attaccante sparendo nella boscaglia.

"Sei morto." Un sorriso miserabile affiorì sul volto dell'uomo che galvanizzato dalla vista del sangue eseguì un secondo mortale affondo, cercò di trafiggerlo in pieno viso come scherno per il suo affronto. Il giovane replicò puntando gli stivali al terreno riuscendo con un balzo ad indietreggiare quel tanto da essere fuori portata e nel mentre estrasse un corto pugnale lanciandolo in un unico fluido movimento. La lama ricurva non giunse con molto impeto ma l affilatura e l angolazione fecero il loro dovere. L intero intestino poco protetto del malcapitato si riversò al suolo in un ribollire d interiora e carni virulente.

Ferito, disarmato e in ginocchio il ragazzo guardò quella patetica figura accartocciarsi su se stessa mentre alle sue spalle giungeva inesorabile l'ultimo tagliagole. Un lurido ratto di fogna spoglio anche della più semplice umanità, per un istante pensò seriamente che fosse la fine. Erano rimasti solo i pochi centimetri d acciaio del suo avambraccio a proteggerlo da morte certa. 

"Devi deviare quel colpo" Ordinò una voce nella sua testa. 

Poco prima d' essere raggiunto lo Scout scattò d'anticipo entrando di prepotenza nella guardia dell'avversario cogliendolo di sorpresa.

La lama grezza e scheggiata del predone sibilò nell'aria andando a cozzare contro la vitale protezione. Il giovane non ci pensò due volte e si buttò contro di lui con tutta l'energia che gli rimaneva in corpo. I secondi che seguirono furono confusi e concitati, i due caddero a terra e non appena gli fu sopra il ragazzo chiuse le mani intorno al collo stringendo il più forte che poteva. La mano ferita sembrava esplodergli ma non allentò la presa. Di tutta risposta il bandito alzò la spada e con gli occhi fuori dalle orbite provò ad infilzarlo con la punta. Incredibilmente il colpo fu deviato ancora una volta causando solo un grosso squarcio sanguinante lungo tutto il gomito. 

Lo scout si lasciò sfuggire un gemito di dolore, con decisione serrò la presa sul braccio armato inchiodandolo a terra e con l altro premette la testa del bandito contro il suolo come fosse un animale alla gogna. Era sotto l effetto di una sorta di furia cieca e senza preavviso aguzzi canini si fecero strada nella gola scoperta tirando, strappando e lacerando le carni. 

Finì tutto in pochi secondi, come la sua follia, e quegli ultimi agonizzanti istanti furono tributati da gargantueschi guizzi vermiglio e veementi conati di vomito.

Poi, finalmente, nella foresta tornarono la pace ed il silenzio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Visto che nessun impavido ha voluto ancora prender mano a questa mattanza lo faccio io dai. Almeno per aiutare eventuali anime pie che volessero dare qualche consiglio.

Perdonate l'ulteriore up. Ma i diversi tagli effettuati in precedenza (stare negli 8000 caratteri è un bel problema) hanno reso il tutto piuttosto incomprensibile. 
Nota personale: far passare qualche giorno dall ultima revisione prima di postare. Sarà il pront, sarà l uso del bloc notes che faccio(facevo), ma gia vederlo pubblicato sul forum mi ha permesso di rilevare parecchi errori e dimenticanze.

 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

sotto i sigilli dei Ranger Decaduti.

-Immagino sia più corretto vessilli.

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Le urla soffocate

-Soffocate un pò difficile che si sentano da lontano. meglio disperate

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Correva a più non posso in quel labirinto di alberi secolari cercando di individuare la provenienza delle suppliche.  Poi, all improvviso, cominciò a sentire anche le risate.

-Qui mega taglio che ha gambizzato un po l'intro:

Correva a più non posso in quel labirinto d' alberi secolari cercando di individuare la provenienza delle suppliche.
Gli stivali di cuoio slittavano sul terreno ancora inumidito delle piogge degli ultimi giorni ma nessuna falcata incontrava mai incertezza nel riproporsi, solo quando superò un piccolo dosso cominciò a sentire anche le risate.

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Diminuì l andatura solo quando intravide le prime figure tra gli alberi,

-Diminuì l andatura non appena intravide le prime figure tra gli alberi

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Solo due uomini vestiti di stenti e brandelli d' armature di cuoio, semplici predoni. Uno era rivolto verso di lui, sguardo poco sveglio e quasi del tutto assente, si reggeva pigramente ad una lunga picca mentre l altro allungava nervosamente il collo in direzione opposta.

-Davanti a lui due uomini vestiti di stenti e brandelli d' armature di cuoio, semplici predoni. Uno era rivolto nella sua direzione, sguardo poco sveglio e quasi del tutto assente, si reggeva pigramente ad una lunga picca mentre l altro, uno smilzo tutto ossa, allungava nervosamente il collo in direzione opposta.

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Da quella posizione non riuscì a scorgere nient altro così ruotò intorno al tronco. Dall' altra parte, ad una quindicina di metri, un ulteriore manigoldo stava esultando agitando la propria lancia in segno di vittoria. Urlava e imprecava sguaiatamente in direzione di una maestosa quercia, come se la ritenesse responsabile di un qualche indicibile adulterio. Aveva un enorme cicatrice sul cranio. Purtroppo il giovane non riuscì ancora a comprendere quanti altri predoni si trovassero nelle vicinanze ne dove fosse tenuta la donna. Ma ne avvertiva il fiato corto e sofferente a ritmi regolari.

-Messa giù così sembra veramente stupido, meglio:

"Cosa ci fanno questi miserabili cosi a ovest" si chiese ruotando intorno al tronco per avere un quadro più completo della situazione. 
Dall altra parte, ad una quindicina di metri, un ulteriore manigoldo era intento ad esultare agitando la propria lancia in segno di vittoria. Urlava e imprecava sguaiatamente in direzione di una maestosa quercia come se la ritenesseresponsabile di un qualche indicibile adulterio a madre natura.
Aveva un enorme cicatrice sul cranio, segno di un colpo ben assestato e potenzialmente fatale. Anche da lì non riuscì ad individuare quanti altri predoni si trovassero nelle vicinanze ma capì perfettamente dove fosse tenuta la donna. Ne avvertiva il fiato corto e sofferente a ritmi regolari.

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

una pioggia di calcio marcescente.

- eh si manca giusto il pallone. Era smalto.

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Impugnava l accetta con entrambe le mani sopra la testa quasi fosse stata una grossa vanga da utilizzare nei campi.

-Impugnava un' ascia rubata a chissà chì, troppo ben lavorata e costosa per appartenergli, e la brandiva sopra la testa quasi fosse stata una grossa vanga da utilizzare nei campi.

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

In pochi istanti i restanti briganti abbandonarono completamene la loro preda e come impazziti si gettarono all'assalto. Il ragazzo ne contò in tutto tre.

"Uno mi sarà addosso" pensò velocemente. 

-Lo sfregiato aveva già lanciato un urlo rabbioso interrompendo la sua blasfema ballata, in pochi istanti i restanti briganti abbandonarono la loro preda e come impazziti si gettarono all'assalto. 
"Uno mi sarà addosso" pensò il giovane osservando altre due figure uscire allo scoperto.

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Il giovane replicò puntando gli stivali al terreno riuscendo con un balzo ad indietreggiare quel tanto da essere fuori portata e nel mentre estrasse un corto pugnale lanciandolo in un unico fluido movimento.

-Puntando gli stivali al terreno il ragazzo riuscì con un balzo ad indietreggiare quel tanto da essere fuori portata e nel mentre estrasse un corto pugnale lanciandolo in un unico fluido movimento.

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Un lurido ratto di fogna spoglio anche della più semplice umanità, per un istante pensò seriamente che fosse la fine. Erano rimasti solo i pochi centimetri d acciaio del suo avambraccio a proteggerlo da morte certa. 

-Un lurido ratto di fogna spoglio anche della più semplice umanità,con una lama in più rispetto a lui però. Per un istante il pensiero di una pace eterna non gli sembrò così male, erano rimasti solo i pochi centimetri d’acciao del suo avambraccio a separarlo da una fine ingloriosa e non era sicuro che il lupo impresso nel metallo avesse ancora la volontà di difenderlo.

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Poco prima d' essere raggiunto lo Scout scattò d'anticipo entrando di prepotenza nella guardia dell'avversario cogliendolo di sorpresa.

-Poco prima d' essere raggiunto una forza disperata lo inondò e scattando d'anticipo entrò di prepotenza nella guardia dell'avversario cogliendolo di sorpresa.

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

La lama grezza e scheggiata del predone sibilò nell'aria andando a cozzare contro la vitale protezione. Il giovane non ci pensò due volte e si buttò contro di lui con tutta l'energia che gli rimaneva in corpo. I secondi che seguirono furono confusi e concitati, i due caddero a terra e non appena gli fu sopra il ragazzo chiuse le mani intorno al collo stringendo il più forte che poteva. La mano ferita sembrava esplodergli ma non allentò la presa. Di tutta risposta il bandito alzò la spada e con gli occhi fuori dalle orbite provò ad infilzarlo con la punta. Incredibilmente il colpo fu deviato ancora una volta causando solo un grosso squarcio sanguinante lungo tutto il gomito.

La lama grezza e scheggiata del predone sibilò nell'aria andando a cozzare contro la vitale protezione facendo ululare il metallo, Il giovane non ci pensò due volte e con tutta l'energia che gli rimaneva in corpo sfruttò lo slancio per atterrarlo. I secondi che seguirono furono confusi e concitati, i due caddero e non appena gli fu sopra il ragazzo serrò le mani intorno al collo stringendo con tutta l energia che gli rimaneva in corpo. La mano ferita sembrava esplodergli ma non allentò la presa.
Di tutta risposta il bandito alzò la spada e con gli occhi fuori dalle orbite provò ad infilzarlo con la punta, disperatamente il colpo fu deviato ancora una volta causando un grosso squarcio sanguinante lungo tutto il gomito.

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Lo scout si lasciò sfuggire un gemito di dolore, con decisione serrò la presa sul braccio armato inchiodandolo a terra e con l altro premette la testa del bandito contro il suolo come fosse un animale alla gogna. Era sotto l effetto di una sorta di furia cieca e senza preavviso aguzzi canini si fecero strada nella gola scoperta tirando, strappando e lacerando le carni.

-Ultimo taglio:
Il ranger si lasciò sfuggire un gemito di dolore e con decisione serrò la presa sul braccio armato dell’avversario inchiodandolo al terreno, con l altro gli prese la testa e gliela premette contro il suolo come fosse un  animale al macello. 
Due occhietti terrorizzati sembrarono chiedere pietà. 
Ma l'effetto di una furia cieca si era già impossessata di lui e senza alcun preavviso aguzzi canini si fecero strada nella gola scoperta tirando, strappando e lacerando le carni.

 

Ok penso d'aver scritto tutto. Lo so è per stomaci duri ma il secondo capitolo è decisamente più riflessivo. Farò passare qualche giorno in più questa volta prima di postare. Saluti

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Cavoli @Rayders , se tu fossi stato un film... avrei cambiato canale, ma sei un racconto... vale comunque la pena di leggerti. :)

Premetto subito che non è il mio genere, questa violenta macelleria non fa al caso mio, io son femmina, sai: sole, cuore, amore, cose così, ma voglio ugualmente cimentarmi con un racconto diverso e con pezzi di carne sparpagliata.

La storia è avvincente, il personaggio è uno di quelli che non si separano dalla corazza che si sono costruiti per non soffrire  e che celano i sentimenti, almeno fino a che non incontrano quella che gli fa crollare tutte le certezze, ma andiamo avanti.

E' chiaro che davanti alle grida della donna, il nostro, fa bene a scoccar frecce,  fa bene a essere violento. Con certi animali bisogna comportarsi di conseguenza.

La sintassi mi pare vada molto bene.

Frasi poco scorrevoli non ne ho trovate affatto, solo, toglierei qui e là per raggiungere l'effetto violento, per non distrarre il lettore con orpelli delicati.

Allora, devo dire che scrivi bene, hai un bel ritmo, ti si legge volentieri. Anzi, scrivi così bene, che fai sentire la fatica, il sudore, perfino l'odore del sangue e del bosco.

Vado con le correzioni, ma solo perché devo partecipare al contest. Io di virgole e punti ci capisco molto poco, per cui non fidarti dei miei consigli, sicuramente penso però che non ti funzioni l'apostrofo. Anche se qualche volta lo hai usato. Mah!

Ci provo eh.

Ah, ho letto che ti sei già autocorretto, ovviamente ho da dire anche su quello e ora vado a cominciare: ;)

 

Alle ‎02‎/‎05‎/‎2018 at 23:24, Rayders ha detto:

 

Spesso il ricordo della madre gli faceva ancora visita. Era uno di quelli dolorosi, uno di quelli che ogni uomo preferisce affrontare quando si trova lontano dal mondo intero.

Ottimo incipit.

Alle ‎02‎/‎05‎/‎2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Col tempo quell' avvenimento

Dopo l'apostrofo non ci va lo spazio.

 

Alle ‎02‎/‎05‎/‎2018 at 23:24, Rayders ha detto:

A nulla servirono i conforti del fratello e di sua sorella

Io scriverei di fratello e sorella.

 

Alle ‎02‎/‎05‎/‎2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Le urla soffocate della donna si fecero sempre più strazianti man mano che il giovane si avvicinava.

Condivido, meglio disperate.

 

Alle ‎02‎/‎05‎/‎2018 at 23:24, Rayders ha detto:

all improvviso,

 

Alle ‎02‎/‎05‎/‎2018 at 23:24, Rayders ha detto:

l andatura

 

Alle ‎02‎/‎05‎/‎2018 at 23:24, Rayders ha detto:

l arco

 

Alle ‎02‎/‎05‎/‎2018 at 23:24, Rayders ha detto:

l altro

 

Alle ‎02‎/‎05‎/‎2018 at 23:24, Rayders ha detto:

nient altro

qui manca sempre l'apostrofo. Non ti segnalo tutte le parole perché penso semplicemente non ti funzionasse il programma di scrittura, non penso tu non ne conosca l'uso, anche perché scrivi bene, per cui... ;)

Alle ‎02‎/‎05‎/‎2018 at 23:24, Rayders ha detto:

come se la ritenesse responsabile di un qualche indicibile adulterio

meglio omettere, non distraiamoci.

 

Alle ‎02‎/‎05‎/‎2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Solo due uomini vestiti di stenti

non sono una stilista, ma due uomini vestiti di stenti io non me li vedo ;)
 
Alle ‎02‎/‎05‎/‎2018 at 23:24, Rayders ha detto:

pioggia di calcio marcescente.

:asd:

 

Alle ‎02‎/‎05‎/‎2018 at 23:24, Rayders ha detto:

"figlio di una cagna!"

Figlio con la maiuscola

 

Alle ‎02‎/‎05‎/‎2018 at 23:24, Rayders ha detto:

quasi fosse stata una grossa vanga da utilizzare nei campi.

lo eliminerei, toglie pathos alla scena che stai molto bene descrivendo. Una scena violenta, dove ci sono due che stanno per uccidersi, se leggo della vanga e del contadino mi distraggo e invece non devo distrarmi, o no? Leggere della vanga mi fa lo stesso effetto di quelli che guardano il film horror e sul più bello nascondono la testa dietro a l cuscino e poi rompono le palle con :"Cosa è successo?"

 

Alle ‎02‎/‎05‎/‎2018 at 23:24, Rayders ha detto:

e con un rantolo poco dignitoso quanto la sua vita finì faccia a terra.

ben fatto! questa mi sembra una frase potente. Bravo!

 

Alle ‎02‎/‎05‎/‎2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Il ragazzo ne contò in tutto tre.

Qui devo dire ci son rimasta male. Tu dici: il ragazzo ne contò tre. Porca miseria, se leggo ne contò devono essere almeno più di cinque, che fino a cinque non serve contare, ci si arriva a occhio. Se vedo tre persone, non le devo contare. Se invece sono dodici allora sì, il colpo d'occhio non mi fa dire il numero esatto, ma tre... tra basta guardare, non serve contare. Io penso.

 

Alle ‎02‎/‎05‎/‎2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Fece capolino da dietro la grossa quercia con già il tipico fiatone

fece capolino lo sostituirei con un banale uscì. ha il pene di fuori, non sta giocando a cucù, non può fare capolino, è un violento! Fece capolino lo direi di cappuccetto rosso che raccoglie fiori nel bosco, non di uno stupratore ignorante, brutto e cattivo.

 

Alle ‎02‎/‎05‎/‎2018 at 23:24, Rayders ha detto:

In quei frangenti si trasformava in un sadico bastardo. Lo comprendeva, ma non gli importava.

ometterei, lascia che sia il lettore a pensarlo, se vuole, non dire così del tuo protagonista.

 

Alle ‎02‎/‎05‎/‎2018 at 23:24, Rayders ha detto:

"Sei morto."

Il punto va fuori dalle virgolette.

 

Alle ‎02‎/‎05‎/‎2018 at 23:24, Rayders ha detto:

intero intestino poco protetto del malcapitato si riversò al suolo in un ribollire d interiora e carni virulente.

non credo mangerò carne questa sera. :P

 

Alle ‎02‎/‎05‎/‎2018 at 23:24, Rayders ha detto:

il più forte che poteva.

più forte che poteva credo si dica. Senza il. 

 

Alle ‎02‎/‎05‎/‎2018 at 23:24, Rayders ha detto:

da gargantueschi guizzi vermiglio e veementi conati di vomito

eeeh? Gargantueschi non lo avevo mai sentito. Sono andata a cercare il significato. Mi sembra un po' pretenzioso per un racconto così, però magari è il suo bello eh, non dico di no. Può essere che il contrasto tra gargantueschi e conati di vomito faccia il suo effetto. Non so. Bisognerebbe chiedere a qualche persona che pradroneggia l'italiano meglio di me.  

 

21 ore fa, Rayders ha detto:

degli ultimi giorni ma nessuna falcata incontrava mai incertezza nel riproporsi, solo quando superò un piccolo dosso cominciò a sentire anche le risate.

questa parte che ho visto hai tagliato e poi ri aggiunto, secondo me, hai fatto bene a tagliarla. Sono una sostenitrice del fatto che non si deve scrivere tutto tutto. Devi lasciar spazio anche al lettore, ma ovviamente ma questo è solo il mio gusto personale.

 

21 ore fa, Rayders ha detto:

Impugnava un' ascia rubata a chissà chì, troppo ben lavorata e costosa per appartenergli, e la brandiva sopra la testa quasi fosse stata una grossa vanga da utilizzare nei campi.

Ora io non so come possa funzionare il cervello in simili circostanze, ma mi sembra un po' strano che uno in una situazione come quella si metta a pensare al prezzo dell'ascia e a fare considerazioni sulla sua provenienza, ma magari lui è un costruttore di asce per cui sa i prezzi a menadito.

21 ore fa, Rayders ha detto:

Due occhietti terrorizzati sembrarono chiedere pietà. 

No! assolutamente no! occhietti terrorizzati no.

 

Alla fine sai cosa ti dico Rayders? Mi piaci di più quando tagli, rispetto a quando aggiungi. Un consiglio: usa gli apostrofi, metti qualche virgola qua e là, nessuna digressione e vai dritto all'obiettivo. i tuoi dardi insanguinati fanno un certo effetto.

Ti rileggerò volentieri, magari lontano dai pasti :P

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao @paolati

Grazie infinite per il passaggio. Non ti nascondo la mia sorpresa nel vedere che il primo commento sia da parte di una donna, immaginavo che una tematica del genere non potesse interessarvi quindi apprezzo doppiamente il tuo apporto.

Prima di analizzare punto per punto faccio un appunto sul tuo disappunto riguardante l'apostrofo. In effetti è una mia grossa dimenticanza. Non per fare il saccente ma sono conscio, tranne qualche rara occasione, di dove vada messo. Ma ho una sorta di blocco mentale nel digitare quella piccola fluttuante virgola. Non ho idea del motivo, ho provveduto a mettermi un post it sullo schermo del pc con scritto: Ricordati l'apostrofo. Che immancabilmente ignoro durante la stesura, spero che l esercizio mi faccia perdere questo brutto vizio.

Ora inizio:

 

7 ore fa, paolati ha detto:

Ottimo incipit.

Ti ringrazio, prima di iniziare a scrivere (una decina di giorni fa) ho provveduto a farmi una decina di "schede" personaggio. Lui era il più dannato, ottimo per costruirci una storia sopra.

 

7 ore fa, paolati ha detto:

Dopo l'apostrofo non ci va lo spazio.

Unica citazione. Vedrò anche di ricordarmi di levare lo spazio, conseguenza dell'aggiunta.

 

7 ore fa, paolati ha detto:

meglio omettere, non distraiamoci.

volevo fornire una sorta di rimando al motivo delle ingiurie. ma se spezza troppo il ritmo leverò. Ci ponderò un poco sopra

 

7 ore fa, paolati ha detto:
Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Solo due uomini vestiti di stenti

non sono una stilista, ma due uomini vestiti di stenti io non me li vedo ;)

ok spiego cosa volessi intendere, vestiti di stenti nel senso equipaggiati con scarti d'armature (che rimarco dopo) ma più importante rendere l'idea di due disperati. Forse devo formulare meglio la frase. Anche qui ci penso su. 

 

7 ore fa, paolati ha detto:
Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

pioggia di calcio marcescente.

:asd:

ahah non commento

 

7 ore fa, paolati ha detto:
Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

quasi fosse stata una grossa vanga da utilizzare nei campi.

lo eliminerei, toglie pathos alla scena che stai molto bene descrivendo. Una scena violenta, dove ci sono due che stanno per uccidersi, se leggo della vanga e del contadino mi distraggo e invece non devo distrarmi, o no? Leggere della vanga mi fa lo stesso effetto di quelli che guardano il film horror e sul più bello nascondono la testa dietro a l cuscino e poi rompono le palle con :"Cosa è successo?"

Qui hai ragione. Rileggendo rallenta troppo l'azione.

 

7 ore fa, paolati ha detto:
Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Il ragazzo ne contò in tutto tre.

Qui devo dire ci son rimasta male. Tu dici: il ragazzo ne contò tre. Porca miseria, se leggo ne contò devono essere almeno più di cinque, che fino a cinque non serve contare, ci si arriva a occhio. Se vedo tre persone, non le devo contare. Se invece sono dodici allora sì, il colpo d'occhio non mi fa dire il numero esatto, ma tre... tra basta guardare, non serve contare. Io penso.

Già provveduto a correggere. Si il pensiero che mi aveva attraversato era per l appunto quello.

 

7 ore fa, paolati ha detto:
Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Fece capolino da dietro la grossa quercia con già il tipico fiatone

fece capolino lo sostituirei con un banale uscì. ha il pene di fuori, non sta giocando a cucù, non può fare capolino, è un violento! Fece capolino lo direi di cappuccetto rosso che raccoglie fiori nel bosco, non di uno stupratore ignorante, brutto e cattivo.

Sono concorde con te, scelta sbagliata. Troppo "puccioso" (passami il termine) data la situazione.

 

7 ore fa, paolati ha detto:
Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

In quei frangenti si trasformava in un sadico bastardo. Lo comprendeva, ma non gli importava.

ometterei, lascia che sia il lettore a pensarlo, se vuole, non dire così del tuo protagonista.

Ok qui sono combattuto se fornire qualche dettaglio psicologico del protagonista o meno, non essendo proprio un paladino della giustizia. Pur rispettando un codice d'onore personale. Ci penserò su

 

7 ore fa, paolati ha detto:
Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

"Sei morto."

Il punto va fuori dalle virgolette.

Ricevuto. ne ero all'oscuro, o non ci ho mai fatto caso.

 

7 ore fa, paolati ha detto:
Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

intero intestino poco protetto del malcapitato si riversò al suolo in un ribollire d interiora e carni virulente.

non credo mangerò carne questa sera. :P

L'intento era quello, mi fa piacere esser riuscito a sconvolgerti un minimo. Non sull'evitare la carne, ma sul disgusto in generale.

 

7 ore fa, paolati ha detto:
Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

l più forte che poteva.

più forte che poteva credo si dica. Senza il. 

Lo penso anche io,  va meglio senza "il".

 

7 ore fa, paolati ha detto:
Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

da gargantueschi guizzi vermiglio e veementi conati di vomito

eeeh? Gargantueschi non lo avevo mai sentito. Sono andata a cercare il significato. Mi sembra un po' pretenzioso per un racconto così, però magari è il suo bello eh, non dico di no. Può essere che il contrasto tra gargantueschi e conati di vomito faccia il suo effetto. Non so. Bisognerebbe chiedere a qualche persona che pradroneggia l'italiano meglio di me.

Ahah si hai ragione è un po desueta come parola. L'avevo letta non mi ricordo dove, mi era rimasta impressa, ed ho voluto usarla. Vedo se qualcun' altro me lo fa notare provvederò a sostituirla.

 

7 ore fa, paolati ha detto:
Alle 5/5/2018 at 19:12, Rayders ha detto:

degli ultimi giorni ma nessuna falcata incontrava mai incertezza nel riproporsi, solo quando superò un piccolo dosso cominciò a sentire anche le risate.

questa parte che ho visto hai tagliato e poi ri aggiunto, secondo me, hai fatto bene a tagliarla. Sono una sostenitrice del fatto che non si deve scrivere tutto tutto. Devi lasciar spazio anche al lettore, ma ovviamente ma questo è solo il mio gusto personale.

Ok qui onestamente non so cosa fare, nel senso. Essendo un semil fantasy ho sempre paura di descrivere poco (non sono ferratissimo a fare lunghe descrizione, preferisco quelle brevi e più immediate) però dovrò trovare un compromesso. Qui l azione non è ancora entrata nel vivo quindi magari ci può anche stare. Ci penserò su

 

7 ore fa, paolati ha detto:
Alle 5/5/2018 at 19:12, Rayders ha detto:

Impugnava un' ascia rubata a chissà chì, troppo ben lavorata e costosa per appartenergli, e la brandiva sopra la testa quasi fosse stata una grossa vanga da utilizzare nei campi.

Ora io non so come possa funzionare il cervello in simili circostanze, ma mi sembra un po' strano che uno in una situazione come quella si metta a pensare al prezzo dell'ascia e a fare considerazioni sulla sua provenienza, ma magari lui è un costruttore di asce per cui sa i prezzi a menadito.

Provo a spiegare cosa intendessi, per esempio se uno mi sfodera una spada di legno mi sento tranquillo della vittoria. Se uno sfodera la stessa spada ma di acciaio temprato, magari con delle rune sopra mi sento un po più in soggezione. Il discorso che volevo dare era quello. E per la vanga si, la lascio tranquilla dal contadino.

 

7 ore fa, paolati ha detto:
Alle 5/5/2018 at 19:12, Rayders ha detto:

Due occhietti terrorizzati sembrarono chiedere pietà. 

No! assolutamente no! occhietti terrorizzati no.

Provo a spiegare anche qui. l idea che volevo dare era tipo: ho provato ad ucciderti fino ad un secondo fa ma ora sei in vantaggio e tento la carta della compassione. Cercando di accentuare il disprezzo verso il bandito da parte del lettore. Vedrò di rimetterci mano visto che il messaggio non è passato.

 

Allora ti ringrazio per i preziosi consigli, fanno sempre comodo. Cercherò di essere più "professionale" e di aggiustare il possibile. Spero di non aver fatto troppi strafalcioni nelle risposte ma non sto a correggermi pure in queste. Ti auguro buona scrittura. Ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buongiorno @Rayders:sss: è la prima volta che ti leggo. Ti dò il mio benvenuto nel Writer's Dream:hug:Prima di leggere, ti dico di non fare il mio stesso errore, non lametarti se nessuno ti legge, potresti irritare molti. Non pretendere mai ma aspetta, il lettore se è curioso, legge! E ora io lo sono:asd:  leggo!

 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Era uno di quelli dolorosi, uno di quelli che ogni uomo preferisce affrontare quando si trova lontano dal mondo intero.

Non ripetere quelli. Che significa: preferisce affrontare quando si trova lontano dal mondo intero?

 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

"Un giorno riuscirò ad incontrare quella persona e vi prometto che potremo andarcene da qui" Sdrammatizzava sempre la donna Meglio dire la madre mentre si preparava per il lungo viaggio verso la città marittima di Kronos. Vestita con la tunica blu cobalto delle Guardiane del Profondo sembrava una vera guerriera, come quelle delle ballate. Finiva solitamente la frase con un mezzo sorriso ed un occhiolino affettuoso rivolti ai figli. Nella fanciullesca innocenza Inserirei una virgola lui aveva sempre risposto con un lungo abbraccio, sincero e carico di fiducia. Nel suo settimo anno di vita però non la vide più tornare. 

 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Troppo grande per non capire, troppo piccolo per capire appieno.

Questa frase mi manda in crisi

 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Col tempo quell' avvenimento venne forgiato e trasmutato in una formidabile armatura, la migliore che avesse mai indossato, ma era una corazza di spine. Ineguagliabile nel prevenire ulteriori ferite, ma al contempo inefficace per chi è in cerca di preziosi alleati. A nulla servirono i conforti del fratello e di sua sorella, aveva imparato a contrastare il dolore in quella maniera e nessuno gli avrebbe fatto cambiare idea.

Pensiero troppo pesante. Lo riscriverei

 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Poi, quando anche l'unico amore della sua vita lo mise di fronte ad una scelta, il fato ebbe pietà di lui e decise di accompagnarlo nel suo difficile cammino. 

Cioè?

Si è sposato?

 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Per questo ora Inserirei una virgola alla soglia dei vent'anni percorreva i lunghi sentieri del Bosco di Arlandor, sotto i sigilli dei Ranger Decaduti. Nel disperato tentativo di preservare un equilibrio che ormai da diverso tempo si stava sgretolando come cenere al vento.

 

 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Scriverei. D'improvviso,Le urla soffocate della donna si fecero sempre più strazianti man mano che il giovane si avvicinava. Correva a più non posso in quel labirinto di alberi secolari cercando di individuare la provenienza delle suppliche.  Poi, all improvviso, cominciò a sentire anche le risate.

Ritmo un pò veloce

 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Diminuì l Refuso l'andatura solo quando intravide le prime figure tra gli alberi, sfilò l Refuso l'arco finemente decorato dalla spalla destra e si acquattò dietro uno di essi. Aveva il fiato corto, le mani gli tremavano Cancellerei: visibilmente e il cuore gli martellava nelle tempie, nonostante questo si obbligò a scrutare oltre la protezione di cosa?. Solo due uomini vestiti di stenti e brandelli d' armature di cuoio, semplici predoni. Uno era rivolto verso di lui, sguardo poco sveglio e Cancellerei quasi del tutto assente, si reggeva pigramente ad una lunga picca mentre l Refuso l'altro allungava nervosamente il collo in direzione opposta. Da quella posizione non riuscì a scorgere nient Refuso 'altro Innserirei una virgola così ruotò intorno al tronco. Dall' altra parte, ad una quindicina di metri, un ulteriore manigoldo Innserirei una virgola stava esultando agitando la propria lancia in segno di vittoria. Urlava e imprecava sguaiatamente in direzione di una maestosa quercia, come se la ritenesse responsabile di un qualche indicibile adulterio. Aveva un enorme cicatrice sul cranio. Purtroppo il giovane non riuscì ancora a comprendere quanti altri predoni si trovassero nelle vicinanze Innserirei una virgols ne Aggiungerei tanto meno dove fosse tenuta la donna.

 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Ma ne avvertiva il fiato corto e sofferente a ritmi regolari. 

Già detto. Cancellerei questa frase.

 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

ma l ennesimo urlo disperato gli squarciò l anima costringendolo ad agire. Per un attimo l immagine vivida della sorella gli balenò nella mente e questo bastò a farlo uscire dal suo vile nascondiglio incoccando la prima freccia.

Refusi: l'

è brutto: Gli balenò.

 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

 L adrenalina era subentrata con prepotenza alla paura.

Refuso l'

 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Un solo respiro profondo. Il bersaglio inquadrato. "Stock" il colpo penetrò il leggero corpetto di cuoio arrestando la sua avanzata. Il bandito fece ancora pochi passi barcollanti,  poi si accasciò sulle ginocchia e con un rantolo poco dignitoso quanto la sua vita finì faccia a terra.

Non mi piace come termini il pensiero: quanto la sua vita finì faccia a terra.

 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

In quei frangenti si Direi: si stava trasformando in un sadico bastardo. Lo comprendeva, ma non gli importava.

 

 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Quando incoccò la quarta freccia però avvertì un nodo alla gola dovuto allo sbaglio di valutazione, l'uomo con la grossa cicatrice gli si scagliò contro con inaspettata ferocia coprendo velocemente la distanza che li separava. Tendette Refuso l'arco l arco ma la punta della lancia aprì con voracità il cuoio dei guanti e le carni della mano che impugnavano Refuso l'arma l arma, facendogli perdere la presa e vanificandone il tiro che oltrepassò l attaccante sparendo nella boscaglia.

:facepalm:Perchè non  metti l'?

 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

"Sei morto." Un sorriso miserabile affiorì sul volto dell'uomo che galvanizzato dalla vista del sangue Aggiungerei una virgola eseguì un secondo mortale affondo che traffisse in pieno viso come scherno per il suo affronto.

 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Il giovane replicò puntando gli stivali Cancellerei: al terreno riuscendo con un balzo ad indietreggiare quel tanto da essere fuori portata e da qui non si capisce più nulla nel mentre estrasse un corto pugnale lanciandolo in un unico fluido movimento.

 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

La lama ricurva non giunse con molto impeto ma l affilatura e l angolazione fecero il loro dovere. L intero intestino poco protetto del malcapitato si riversò al suolo in un ribollire d interiora e carni virulente.

L'

 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Ferito, disarmato e in ginocchio Virgola il ragazzo guardò quella patetica figura accartocciarsi su se stessa mentre alle sue spalle giungeva inesorabile l'ultimo tagliagole. Un lurido ratto di fogna spoglio anche della più semplice umanitàPunto Per un istante pensò seriamente che fosse la fine. Erano rimasti solo i pochi centimetri d acciaio del suo avambraccio a proteggerlo da morte certa. 

 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Poco prima alleiuia d' essere raggiunto lo Scout scattò d'anticipo entrando di prepotenza nella guardia dell'avversario cogliendolo di sorpresa.

 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

La lama grezza e scheggiata del predone sibilò nell'aria andando a cozzare contro la vitale protezione. Il giovane non ci pensò due volte e si buttò contro di lui con tutta l'energia che gli rimaneva in corpo. I secondi che seguirono furono confusi e concitati, i due caddero a terra e non appena gli fu sopra il ragazzo che si aggrappò al collo stringendo il più forte che poteva. La mano ferita sembrava esplodergli cioè? ma non allentò la presa. Di tutta risposta il bandito alzò la spada e con gli occhi fuori dalle orbite provò ad infilzarlo con la punta. Incredibilmente il colpo fu deviato ancora una volta causando solo un grosso squarcio sanguinante lungo tutto il gomito. 

Scene troppo veloci

 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Lo scout si lasciò sfuggire un gemito di dolore, con decisione serrò la presa sul braccio armato inchiodandolo a terra e con Refuso l'altro premette la testa del bandito contro il suolo come fosse un animale alla gogna. Era sotto Refuso l' effetto di una sorta di furia cieca e senza preavviso Aggiungerei gli aguzzi canini si fecero strada nella gola scoperta tirando, strappando e lacerando le carni. 

 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Finì tutto in pochi secondi, come la sua follia, e quegli ultimi agonizzanti istanti furono tributati da gargantueschi guizzi vermiglio e veementi conati di vomito.

Frase pesante. Cambierei: da gargantueschi guizzi vermiglio e veementi conati di vomito.

 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Poi, finalmente, nella foresta tornarono la pace ed il silenzio.

Finale troppo scontato.

 

Conclusione: testo distratto da troppi refusi,  si vede che ti serve  l'esercitazione. Non mollare, hai ancora molta strada. Certe volte sei scorrevole. Quando pensi usa i caporali, quando scrivi fai attenzione all'apostrofo e la punteggiatura. La trama è accettabile ma secondo me troppo veloce.

A rileggerti

Floriana

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

 

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve @Floriana.

Innanzitutto la ringrazio per il passaggio, è un piacere vedere un altro rappresentante del sesso femminile commentare il mio racconto.

Mi dispiace aver dato la sua stessa impressione ma non era stizzito il mio tono. Come sul lavoro cerco sempre di avere una reazione nelle persone che sto seguendo o allenando, quindi era giusto un modo giocoso per invogliare i lettori a commentare, sia in positivo che in negativo. Deformazione professionale diciamo.

Ho notato che ha fatto un lavoro accurato ed impeccabile nell'analizzare e correggere il brano.

Purtroppo quasi del tutto superfluo per via di:

Alle 7/5/2018 at 00:36, Rayders ha detto:

Prima di analizzare punto per punto faccio un appunto sul tuo disappunto riguardante l'apostrofo. In effetti è una mia grossa dimenticanza. Non per fare il saccente ma sono conscio, tranne qualche rara occasione, di dove vada messo. Ma ho una sorta di blocco mentale nel digitare quella piccola fluttuante virgola. Non ho idea del motivo, ho provveduto a mettermi un post it sullo schermo del pc con scritto: Ricordati l'apostrofo. Che immancabilmente ignoro durante la stesura, spero che l esercizio mi faccia perdere questo brutto vizio.

 

Con questo comunque la ringrazio, al momento della correzione finale verrò Sicuramente ad utilizzare le sue segnalazioni. Quantomeno per non vanificare totalmente i suoi sforzi.

E ora veniamo alle restanti annotazioni:

 

11 ore fa, Floriana ha detto:
Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Era uno di quelli dolorosi, uno di quelli che ogni uomo preferisce affrontare quando si trova lontano dal mondo intero.

Non ripetere quelli. Che significa: preferisce affrontare quando si trova lontano dal mondo intero?

Mi scusi ma non la riesco a capire.

 

11 ore fa, Floriana ha detto:
Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

"Un giorno riuscirò ad incontrare quella persona e vi prometto che potremo andarcene da qui" Sdrammatizzava sempre la donna Meglio dire la madre mentre si preparava per il lungo viaggio verso la città marittima di Kronos. Vestita con la tunica blu cobalto delle Guardiane del Profondo sembrava una vera guerriera, come quelle delle ballate. Finiva solitamente la frase con un mezzo sorriso ed un occhiolino affettuoso rivolti ai figli. Nella fanciullesca innocenza Inserirei una virgola lui aveva sempre risposto con un lungo abbraccio, sincero e carico di fiducia. Nel suo settimo anno di vita però non la vide più tornare.

Madre viene già utilizzata nella frase d'apertura.

La virgola non credo sia necessaria. Ma lo prendo in considerazione.

 

11 ore fa, Floriana ha detto:
Cita

Troppo grande per non capire, troppo piccolo per capire appieno.

Questa frase mi manda in crisi

Eh......

 

11 ore fa, Floriana ha detto:
Cita

Col tempo quell' avvenimento venne forgiato e trasmutato in una formidabile armatura, la migliore che avesse mai indossato, ma era una corazza di spine. Ineguagliabile nel prevenire ulteriori ferite, ma al contempo inefficace per chi è in cerca di preziosi alleati. A nulla servirono i conforti del fratello e di sua sorella, aveva imparato a contrastare il dolore in quella maniera e nessuno gli avrebbe fatto cambiare idea.

Pensiero troppo pesante. Lo riscriverei

Accetto consigli...

 

11 ore fa, Floriana ha detto:
Cita

Poi, quando anche l'unico amore della sua vita lo mise di fronte ad una scelta, il fato ebbe pietà di lui e decise di accompagnarlo nel suo difficile cammino. 

Cioè?

Si è sposato?

Alla prossima puntata...

 

11 ore fa, Floriana ha detto:
Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Per questo ora Inserirei una virgola alla soglia dei vent'anni percorreva i lunghi sentieri del Bosco di Arlandor, sotto i sigilli dei Ranger Decaduti. Nel disperato tentativo di preservare un equilibrio che ormai da diverso tempo si stava sgretolando come cenere al vento.

Non ho le conoscenze ma nella mia testa suona meglio senza. Prendo comunque in considerazione.

 

11 ore fa, Floriana ha detto:
Cita

Scriverei. D'improvviso,Le urla soffocate della donna si fecero sempre più strazianti man mano che il giovane si avvicinava. Correva a più non posso in quel labirinto di alberi secolari cercando di individuare la provenienza delle suppliche.  Poi, all improvviso, cominciò a sentire anche le risate.

Ritmo un pò veloce

Avevo letto che non si dovrebbe iniziare una frase con un avverbio, ma forse mi sto sbagliando. 

Il ritmo con la seconda versione dovrebbe rallentare il necessario.

 

11 ore fa, Floriana ha detto:
Cita

Ma ne avvertiva il fiato corto e sofferente a ritmi regolari. 

Già detto. Cancellerei questa frase.

Intende le urla iniziali?

 

11 ore fa, Floriana ha detto:
Cita

ma l ennesimo urlo disperato gli squarciò l anima costringendolo ad agire. Per un attimo l immagine vivida della sorella gli balenò nella mente e questo bastò a farlo uscire dal suo vile nascondiglio incoccando la prima freccia.

Refusi: l'

è brutto: Gli balenò.

Disposto ad un cambio del balenò, alternative? 

 

11 ore fa, Floriana ha detto:
Cita

Un solo respiro profondo. Il bersaglio inquadrato. "Stock" il colpo penetrò il leggero corpetto di cuoio arrestando la sua avanzata. Il bandito fece ancora pochi passi barcollanti,  poi si accasciò sulle ginocchia e con un rantolo poco dignitoso quanto la sua vita finì faccia a terra.

Non mi piace come termini il pensiero: quanto la sua vita finì faccia a terra.

è da leggere così...

"e con un rantolo poco dignitoso quanto la sua vita finì faccia a terra"

 

11 ore fa, Floriana ha detto:
  Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

In quei frangenti si Direi: si stava trasformando in un sadico bastardo. Lo comprendeva, ma non gli importava.

Quello che intendevo è che Solo in quei frangenti diventa violento. Non che si sta disumanizzando completamente.

 

11 ore fa, Floriana ha detto:
  Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

"Sei morto." Un sorriso miserabile affiorì sul volto dell'uomo che galvanizzato dalla vista del sangue Aggiungerei una virgola eseguì un secondo mortale affondo che traffisse in pieno viso come scherno per il suo affronto

Qui giuro non capisco cosa abbia letto.

 

11 ore fa, Floriana ha detto:
  Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Il giovane replicò puntando gli stivali Cancellerei: al terreno riuscendo con un balzo ad indietreggiare quel tanto da essere fuori portata e da qui non si capisce più nulla nel mentre estrasse un corto pugnale lanciandolo in un unico fluido movimento.

umh... fa un salto e lancia un coltello.

 

11 ore fa, Floriana ha detto:

Ferito, disarmato e in ginocchio Virgola il ragazzo guardò quella patetica figura accartocciarsi su se stessa mentre alle sue spalle giungeva inesorabile l'ultimo tagliagole. Un lurido ratto di fogna spoglio anche della più semplice umanitàPunto Per un istante pensò seriamente che fosse la fine. Erano rimasti solo i pochi centimetri d acciaio del suo avambraccio a proteggerlo da morte certa. 

Queste due segnalazioni invece le prendo in considerazione. Grazie

 

11 ore fa, Floriana ha detto:
  Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Poco prima alleiuia d' essere raggiunto lo Scout scattò d'anticipo entrando di prepotenza nella guardia dell'avversario cogliendolo di sorpresa.

Eh, si fanno desiderare questi apostrofi.

 

11 ore fa, Floriana ha detto:
Cita

La lama grezza e scheggiata del predone sibilò nell'aria andando a cozzare contro la vitale protezione. Il giovane non ci pensò due volte e si buttò contro di lui con tutta l'energia che gli rimaneva in corpo. I secondi che seguirono furono confusi e concitati, i due caddero a terra e non appena gli fu sopra il ragazzo che si aggrappò al collo stringendo il più forte che poteva. La mano ferita sembrava esplodergli cioè? ma non allentò la presa. Di tutta risposta il bandito alzò la spada e con gli occhi fuori dalle orbite provò ad infilzarlo con la punta. Incredibilmente il colpo fu deviato ancora una volta causando solo un grosso squarcio sanguinante lungo tutto il gomito. 

Scene troppo veloci

"che si aggrappò" non ho capito mi scusi.

Cioè? Boom, parliamo della mano ferita in precedenza...

Le scene dovrebbero essere apposta veloci. Il tutto si svolge in pochi secondi.

 

11 ore fa, Floriana ha detto:
Cita

Finì tutto in pochi secondi, come la sua follia, e quegli ultimi agonizzanti istanti furono tributati da gargantueschi guizzi vermiglio e veementi conati di vomito.

Frase pesante. Cambierei: da gargantueschi guizzi vermiglio e veementi conati di vomito.

Accetto suggerimenti.

 

11 ore fa, Floriana ha detto:
Cita

Poi, finalmente, nella foresta tornarono la pace ed il silenzio.

Finale troppo scontato.

Accetto la critica.

 

11 ore fa, Floriana ha detto:

Conclusione: testo distratto da troppi refusi,  si vede che ti serve  l'esercitazione. Non mollare, hai ancora molta strada. Certe volte sei scorrevole. Quando pensi usa i caporali, quando scrivi fai attenzione all'apostrofo e la punteggiatura. La trama è accettabile ma secondo me troppo veloce.

A rileggerti

Floriana

Sono qui per questo. Primo vero racconto che provo a scrivere, sono soddisfatto già che venga letto e commentato.

Detto questo spero di essere stato esaustivo nelle risposte.

La prego di ignorare altri miei eventuali refusi in questa mia risposta poichè il tempo per rispondere è sempre poco e non ho le competenze per una stesura perfetta alla prima battuta.

Le auguro buona lettura e spero di leggere qualcosa di suo in futuro per ricambiare il favore.

Cordialmente

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ciao @Rayders

 

sarò sbrigativo... perché stamattina ho letto e commentato (senza poi postare) tutta la seconda parte di questa storia credendo che fosse la prima e infatti fin troppe cose non mi tornavano... :facepalm:

 

Ora, mi è molto più chiaro... la storia è secondo me interessante, come l'ambientazione e il mondo che stai costruendo... magari cose più specifiche te le ridico nella seconda parte (che ho già letto-commentato)...

 

In questa parte... susa se te le dico francamente, ma questo viziaccio dell'apostrofo, a mio avviso te lo devi proprio, proprio togliere:

Alle 7/5/2018 at 00:36, Rayders ha detto:

Prima di analizzare punto per punto faccio un appunto sul tuo disappunto riguardante l'apostrofo. In effetti è una mia grossa dimenticanza. Non per fare il saccente ma sono conscio, tranne qualche rara occasione, di dove vada messo. Ma ho una sorta di blocco mentale nel digitare quella piccola fluttuante virgola. Non ho idea del motivo, ho provveduto a mettermi un post it sullo schermo del pc con scritto: Ricordati l'apostrofo. Che immancabilmente ignoro durante la stesura, spero che l esercizio mi faccia perdere questo brutto vizio.

 

Anche nel racconto precedente che ho letto, anche nella seconda parte... o non ce li metti, o metti uno spazio di troppo... questa volta sono davvero tanti, troppi i casi... ti prego... evitali!

Aggiungerei anche un paio di virgole segnalate:

 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Diminuì l andatura solo quando intravide le prime figure tra gli alberi, sfilò l arco finemente decorato dalla spalla destra e si acquattò dietro uno di essi.

 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

e brandelli d' armature di cuoio, semplici predoni.

 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

mentre l altro allungava nervosamente il collo in direzione opposta.

 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Dall' altra parte, ad una quindicina di metri, un ulteriore manigoldo stava esultando agitando la propria lancia in segno di vittoria.

"esultando e agitando"

 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Col tempo (virgola) quell' avvenimento venne forgiato e trasmutato in una formidabile armatura,

 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Per un attimo (virgola)  l immagine vivida della sorella gli balenò nella mente e questo bastò a farlo uscire dal suo vile nascondiglio incoccando la prima freccia.

 

 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Con fredda lucidità (virgola) il ragazzo caricò il successivo dardo. L adrenalina era subentrata con prepotenza alla paura.

 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

figlio di una cagna!" ringhiò il secondo razziatore scattando verso di lui. Impugnava l accetta

 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

In pochi istanti (virgola) i restanti briganti abbandonarono completamene la loro preda e come impazziti si gettarono all'assalto.

 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

ece capolino da dietro la grossa quercia con già il tipico fiatone da tenzone ed in viso l'espressione di chi è stato interrotto sul più bello, mirò apposta ai genitali

Prima di "mirò", ribadirei il soggetto differente della frase...

 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

. Tendette l arco ma la punta della lancia aprì con voracità il cuoio dei guanti e le carni della mano che impugnavano l arma, facendogli perdere la presa e vanificandone il tiro che oltrepassò l attaccante sparendo nella boscaglia.

 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

La lama ricurva non giunse con molto impeto ma l affilatura e l angolazione fecero il loro dovere. L intero intestino poco protetto del malcapitato si riversò al suolo in un ribollire d interiora e carni virulente.

 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

i pochi centimetri d acciaio del suo avambraccio a proteggerlo da morte certa. 

"Devi deviare quel colpo" Ordinò una voce nella sua testa. 

Se dopo le virgolette è maiuscolo, metti prima un punto.

 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Poco prima d' essere raggiunto (virgola) lo Scout scattò d'anticipo entrando di prepotenza nella guardia dell'avversario cogliendolo di sorpresa.

 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Lo scout si lasciò sfuggire un gemito di dolore, con decisione serrò la presa sul braccio armato inchiodandolo a terra e con l altro premette la testa del bandito contro il suolo come fosse un animale alla gogna. Era sotto l effetto di una sorta di furia ciec

"Scout" maiuscolo o minuscolo?

 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

"Un giorno riuscirò ad incontrare quella persona e vi prometto che potremo andarcene da qui" Sdrammatizzava

Metterei un punto alla fine virgolette se poi c'è maiuscolo...

 

 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

nelle vicinanze ne dove fosse tenuta la donna.

Accento su "né"... aggiungerei "tenuta prigioniera" o simili...

 

Tutto l'incipit, mi convince relativamente... sembra troppo distante-distaccato dall'azione presente, che invece è buona e coinvolge...

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Spesso il ricordo della madre gli faceva ancora visita. Era uno di quelli dolorosi, uno di quelli che ogni uomo preferisce affrontare quando si trova lontano dal mondo intero.
"Un giorno riuscirò ad incontrare quella persona e vi prometto che potremo andarcene da qui" Sdrammatizzava sempre la donna mentre si preparava per il lungo viaggio verso la città marittima di Kronos. Vestita con la tunica blu cobalto delle Guardiane del Profondo sembrava una vera guerriera, come quelle delle ballate. Finiva solitamente la frase con un mezzo sorriso ed un occhiolino affettuoso rivolti ai figli. Nella fanciullesca innocenza lui aveva sempre risposto con un lungo abbraccio, sincero e carico di fiducia. Nel suo settimo anno di vita però non la vide più tornare. 

Troppo grande per non capire, troppo piccolo per capire appieno.

Col tempo quell' avvenimento venne forgiato e trasmutato in una formidabile armatura, la migliore che avesse mai indossato, ma era una corazza di spine. Ineguagliabile nel prevenire ulteriori ferite, ma al contempo inefficace per chi è in cerca di preziosi alleati. A nulla servirono i conforti del fratello e di sua sorella, aveva imparato a contrastare il dolore in quella maniera e nessuno gli avrebbe fatto cambiare idea.

Poi, quando anche l'unico amore della sua vita lo mise di fronte ad una scelta, il fato ebbe pietà di lui e decise di accompagnarlo nel suo difficile cammino. 

Per questo ora alla soglia dei vent'anni percorreva i lunghi sentieri del Bosco di Arlandor, sotto i sigilli dei Ranger Decaduti. Nel disperato tentativo di preservare un equilibrio che ormai da diverso tempo si stava sgretolando come cenere al vento.

 

Per ora è tutta... scusa la fretta... spero di poter commentare o ricommentare con più calma... a presto!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve, il titolo mi ha incuriosita molto, ed eccomi a commentare, spero di esserti utile :D

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Le urla soffocate della donna, si fecero sempre più strazianti man mano che il giovane si avvicinava

Una bella virgola ci sta :)

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Diminuì l'andatura solo quando intravide le prime figure tra gli alberi

Ci va l'apostrofo, nel testo ne mancano parecchi.

 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Correva a più non posso, in quel labirinto di alberi secolari, cercando di individuare la provenienza delle suppliche, all'improvviso, cominciò a sentire anche delle risate.

Perché interrompere il discorso sul più bello? 

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

se la ritenesse responsabile di un qualche indicibile adulterio

Se indendi quella donna che grida, penso che in questo contesto il soggetto serva

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Purtroppo il giovane non riuscì ancora a comprendere quanti altri predoni si trovassero nelle vicinanze, ne dove fosse tenuta la donna. Ma ne avvertiva il fiato corto, a ritmi regolari, unito ad un pianto sommesso, pieno/carico di sofferenza.

Mio dio :S  non vai tanto per il sottile, comunque passando al testo, potresti far comprendere meglio al lettore che questa poveretta è terrorizzata e sta patendo le pene d'inferno

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:
Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

.

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Mirò alla gola. Alla sua comparsa, Il balordo sonnecchiante ebbe un sussulto e d'istinto abbassò la testa,

 

Per me, meglio invertire.

Per il resto un po' da rivedere, più virgole e apostrofi. Mi piace il tuo stile, nelle scene d'azione tutto avviene velocemente senza che ti perdi in dettagli.

 

 

 

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao @_Alba_Chiara_. Scusa se ti rispondo solo ora ma avevo perso completamente il tuo commento dopo quello di Andc.

Passo subito ad esaminare ciò che mi hai segnalato:

 

Alle 16/5/2018 at 21:11, _Alba_Chiara_ ha detto:
Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Le urla soffocate della donna, si fecero sempre più strazianti man mano che il giovane si avvicinava

Una bella virgola ci sta :)

Leggendolo mi sembra più scorrevole senza l'apostrofo, ma vado sempre ad orecchio per le virgole quindi ci penserò.

 

Alle 16/5/2018 at 21:11, _Alba_Chiara_ ha detto:
Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Correva a più non posso, in quel labirinto di alberi secolari, cercando di individuare la provenienza delle suppliche, all'improvviso, cominciò a sentire anche delle risate.

Perché interrompere il discorso sul più bello? 

Qui non ho capito a cosa ti riferisci, vuoi più particolari sull'abuso o in generale sulla scena?

 

Alle 16/5/2018 at 21:11, _Alba_Chiara_ ha detto:
Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

se la ritenesse responsabile di un qualche indicibile adulterio

Se indendi quella donna che grida, penso che in questo contesto il soggetto serva

Non sei la prima che me lo fa notare. Dovrebbe essere letto dal punto di vista del ragazzo, che vede il bandito schernire l'albero senza alcun senso logico. Ma sapendo cosa sta avvenendo  dovrebbe essere chiaro che non si sta rivolgendo alla pianta.

 

Alle 16/5/2018 at 21:11, _Alba_Chiara_ ha detto:
Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Purtroppo il giovane non riuscì ancora a comprendere quanti altri predoni si trovassero nelle vicinanze, ne dove fosse tenuta la donna. Ma ne avvertiva il fiato corto, a ritmi regolari, unito ad un pianto sommesso, pieno/carico di sofferenza.

Mio dio :S  non vai tanto per il sottile, comunque passando al testo, potresti far comprendere meglio al lettore che questa poveretta è terrorizzata e sta patendo le pene d'inferno

Lo so, potrei. Però è un argomento che già mi urta parecchio così. Se vedo che è motivo di tanto interesse provvederò. Comunque hai scelto l'espressione giusta "le pene dell'inferno"

 

Alle 16/5/2018 at 21:11, _Alba_Chiara_ ha detto:
Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:
Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

.

Alle 2/5/2018 at 23:24, Rayders ha detto:

Mirò alla gola. Alla sua comparsa, Il balordo sonnecchiante ebbe un sussulto e d'istinto abbassò la testa,

 

Per me, meglio invertire.

Se inverto perde un po il senso della frase. Mira apposta alla gola aspettandosi una reazione del genere.

 

Alle 16/5/2018 at 21:11, _Alba_Chiara_ ha detto:

Per il resto un po' da rivedere, più virgole e apostrofi. Mi piace il tuo stile, nelle scene d'azione tutto avviene velocemente senza che ti perdi in dettagli.

Si hai ragione specialmente sugli apostrofi, per questo cercherò d'essere più accurato nelle prossime pubblicazioni.

Ti ringrazio per l'apprezzamento finale. 

Buona scrittura. Ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
9 ore fa, Rayders ha detto:

Correva a più non posso, in quel labirinto di alberi secolari, cercando di individuare la provenienza delle suppliche, all'improvviso, cominciò a sentire anche delle risate.

Chiedo scusa, intendevo la scena in generale a me suona come una frase interrotta

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×