Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

MiaNonnaFuma

Beretta Mazzotta Agenzia Editoriale

Post raccomandati

OK, rispondo.

intanto ero convinto che la mia scheda di lettura fosse redatta da Chiara Beretta Mazzotta. Invece è stata affidata a un'altra persona. Quando parlate di "persona molto competente, precisa, che sa quel che dice, anche ironica e divertente", a chi vi riferite? Sia chiaro: è lecito per CBM affidare ad altri la lettura del romanzo inviato, ma "altri" deve mostrarsi persona capace e competente. Importante è , invece,  in questa sede non dare l'impressione che sia in sempre CBM a fornire il servizio.

Eccovi alcuni esempi che, secondo me, dimostrano inadeguatezza della persona che mi ha redatto la scheda.

-In una occasione il personaggio usa una macchina da scrivere di 4 chili appoggiata sulle cosce. Mi si dice che è una cosa pressoché assurda. Evidentemente non si conosce l'abitudine di Montanelli ( vedi statua a lui dedicata con l'Olivetti che, guarda caso, pesava proprio 4 chili).

-sottolineature in matita blu di "frasi fatte" come errori da principiante. Principio applicato pedissequamente in quanto tali frasi erano inserite nel dialogo (la gente parla spesso per frasi fatte) e per di più l'uso era proprio caratteristica di quel personaggio.

-idiosincrasia spiccata verso chi osa inserire personaggi grassi e, naturalmente, ne descrive tale caratteristica. Guai a scrivere "la ragazza boteriana", oppure: attaente, ma le gioverebbe perdere qualche chilo". Vi ritrovate questa nota in nero: "Ma è sempre il peso la questione rilevante per le donne?" e ancora: "Ed ecco di nuovo il peso".

Allora mi chiedo se non subentri qualche rilevanza psicologica a storpiare il giudizio.

-interpretazione errata di una situazione: scrivo di un tale che viene buttato sotto il treno. Il tale sta sulla pensilina. Mi scrive: "Leggere gli art. in rete, da vicini basta il risucchio".  Ora, non mi risulta che chi sta su una pensilina di una stazione rischi di venir risucchiato dal treno che passa. Al più, mi si poteva obiettare di non aver descritto la scena con chiarezza.

Va bene, ci sarebbe altro, ma mi fermo. Concludo dicendo che da una agenzia seria non mi aspetto elogi, ma critiche sensate e costruttive. Per questo ho pagato, e non poco.

  • Mi piace 7
  • Grazie 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non spetta a me difendere, ma ritengo che le "frasi fatte" siano accettabili solo nei dialoghi, e con moderazione. Per quanto riguarda il peso della "boteriana", quando viene reiterato il concetto il lettore può infastidirsi: questo me lo hai già detto! O qualcosa del genere.

@muschietto, non ho letto il tuo lavoro e non conosco l'agente Mazzotta. Sospetto che le critiche riguardino la "commerciabilità". Se insisti troppo sulle ciccione, senza che ci sia un motivo valido per la trama, indisponi le lettrici "boteriane". O i loro mariti...  :hihi:

Credo che una scheda accurata, e a pagamento, dovrebbe spiegare in modo molto chiaro le ragioni delle critiche "costruttive".

Modificato da Fraudolente
  • Confuso 1
  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 minuti fa, Fraudolente ha scritto:

Non spetta a me difendere, ma ritengo che le "frasi fatte" siano accettabili solo nei dialoghi, e con moderazione. Per quanto riguarda il peso della "boteriana", quando viene reiterato il concetto il lettore può infastidirsi: questo me lo hai già detto! O qualcosa del genere.

@muschietto, non ho letto il tuo lavoro e non conosco l'agente Mazzotta. Sospetto che le critiche riguardino la "commerciabilità". Se insisti troppo sulle ciccione, senza che ci sia un motivo valido per la trama, indisponi le lettrici "boteriane". O i loro mariti...  :hihi:

Credo che una scheda accurata, e a pagamento, dovrebbe spiegare in modo molto chiaro le ragioni delle critiche "costruttive".

Infatti, ho parlato di frasi fatte nei dialoghi. Potrei citare diversi scrittori di professione che descrivono persone grasse in maniera "reiterata"  (vedi il Mr. Gwin di Baricco). Non è stato il mio caso.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao a tutti e a tutte,

ma qualcuno ha pubblicato tramite questa agenzia? se si, con quale editore?

 

Vorrei far riferimento a loro per il mio romanzo

 

grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@muschietto ti ringrazio per averci raccontato la tua esperienza.

Ora, in generale, non è un'agenzia di rappresentanza, non è un'agente, cosa detta più volte, propone il testo a diverse agenzie cone le quali collabora. E' ovvio che questo comporta un passaggio in più nella filiera, ma ha anche il vantaggio che se l'autore A propone il testo all'agente B, l'agente B è uno, mentre Chiara può proporolo a B C e altri, senza ulteriori costi.

Eccezionalemente, come riporta anche un autore qui sopra, si fa carico di proporre l'opera direttamente a un editore, da quel che so, è accaduto non dico esclusivamente, ma diciamo che può avvenire, proprio con La Corte. Vedi Luna d'inverno di Ilaria Varese. @Giallo_F Non credo sia una buona idea un approccio di questo tipo "Buongiorno, siccome l'autore X ha pubblicato con l'editore Y tramite Lei, vorrei fare lo stesso." Prima si lavora sul manoscritto, è lunga, lo so, può scoraggiare, lo so, e aggiungo che le schede redatte da altri, come lamenta sempre @muschietto possono risultare irritanti, eppure lei ha molta fiducia nel suo operato. Come ho detto più volte come editor per me è super valida, ma non mi ha portata da nessuna parte, nonostante credesse molto nei miei romanzi, alla fine ho dovuto abbandonare questo percorso.

  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Bambola  In che senso lamento sempre che le schede redatte da altri possono risultare irritanti? Io chiedo solo che "altri" sia persona preparata e costruttiva. Mi sembra di aver esposto nel precedente intervento dei punti che dimostrano il contrario.

Tu avrai avuto un'esperienza positiva con questa agenzia, io no.

  • Mi piace 5

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@muschietto sempre non nel senso di "più volte" bensì di "già citato sopra/ancora". Non c'era alcuna polemica, anzi ti ho dato ragione sul fatto che le schede redatte da altri possano risultare irritanti, davvero non avevo quell'intento che tu hai visto, anche perché ognuno porta la propria esperienza, siamo qui per confrontarci e magari dare un consiglio a chi pensa di percorre la nostra stessa strada.

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
23 ore fa, Francesco Wil Grandis ha scritto:

 Perché me e non altri? Non lo so e non gliel'ho chiesto, forse ha ritenuto il mio testo sufficientemente valido, forse ha qualche interesse economico (più che lecito), forse ho avuto fortuna, non saprei.

 

 Grazie per la condivisione della tua esperienza. Se non ricordo male tu hai avuto un'esperienza molto importante sull'autopubblicazione, non sei certo uno sconosciuto. Questa mia affermazione vuole essere sia un complimento, sia una ipotetica linea di lettura sulla  scelta di Chiara. Ovviamente sono anche convinto che il tuo sia un ottimo testo.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
17 ore fa, Bambola ha scritto:

@muschietto ti ringrazio per averci raccontato la tua esperienza.

Ora, in generale, non è un'agenzia di rappresentanza, non è un'agente, cosa detta più volte, propone il testo a diverse agenzie cone le quali collabora. E' ovvio che questo comporta un passaggio in più nella filiera, ma ha anche il vantaggio che se l'autore A propone il testo all'agente B, l'agente B è uno, mentre Chiara può proporolo a B C e altri, senza ulteriori costi.

Eccezionalemente, come riporta anche un autore qui sopra, si fa carico di proporre l'opera direttamente a un editore, da quel che so, è accaduto non dico esclusivamente, ma diciamo che può avvenire, proprio con La Corte. Vedi Luna d'inverno di Ilaria Varese. @Giallo_F Non credo sia una buona idea un approccio di questo tipo "Buongiorno, siccome l'autore X ha pubblicato con l'editore Y tramite Lei, vorrei fare lo stesso." Prima si lavora sul manoscritto, è lunga, lo so, può scoraggiare, lo so, e aggiungo che le schede redatte da altri, come lamenta sempre @muschietto possono risultare irritanti, eppure lei ha molta fiducia nel suo operato. Come ho detto più volte come editor per me è super valida, ma non mi ha portata da nessuna parte, nonostante credesse molto nei miei romanzi, alla fine ho dovuto abbandonare questo percorso.

Ciao, in merito alla mia citazione credo ci sia stato una piccola incomprensione: io ho chiesto se qualcuno avesse pubblicato tramite questa agenzia ed eventualmente con quale editore. Sono perfettamente d'accordo che prima si debba lavorare sul manoscritto, io intendevo post accettazione del contratto da parte loro e a lavori ultimati. E concordo pienamente anche sul fatto che l'approccio "Buongiorno, siccome l'autore X ha pubblicato con l'editore Y tramite Lei, vorrei fare lo stesso." sia errato ma io non ho mai inteso quando da te scritto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
43 minuti fa, Giallo_F ha scritto:

ho chiesto se qualcuno avesse pubblicato tramite questa agenzia ed eventualmente con quale editore

Ciao @Giallo_F :)

Da quanto leggo sul sito web dell'agenzia Beretta Mazzotta, e rispetto anche alle testimonianze che puoi trovare in queste pagine, io ho recepito che quest'agenzia non rappresenta gli autori presso le case editrici (non si trova traccia, sul sito, di questo servizio), se non in casi davvero eccezionali e indirizzando gli autori a La Corte Editore (queste le informazioni ricavate da esperienze dirette di eccezione).

 

L'agenzia è più che altro un'agenzia di servizi editoriali e promuove l'autore presso gli agenti letterari, quando ritiene che abbiano per le mani un testo valido. Questo è quanto è riportato sul suo sito:

 

Quota

Scouting

Riuscire a contattare le agenzie letterarie oggi è però sempre più difficile, come non è scontato sapersi orientare tra le tante realtà e incontrare la persona, non solo etica e competente, ma adatta a rappresentare e promuovere il proprio testo.

Sosteniamo l’autore anche in questa ricerca consigliandolo, per evitargli passi falsi (vedi valutazione testi), e mettendolo in contatto con le agenzie con le quali collaboriamo.

Gli agenti letterari lavorano a percentuale, incassano quindi una provvigione – che oscilla tra il 15% e il 20% – sui diritti dell’autore, dalla firma del contratto con la casa editrice. Non vi è alcun costo preliminare per la rappresentanza.

L’obiettivo della valutazione e della nostra consulenza non è quindi soltanto un buon testo, ma un buon testo affidato a un agente letterario serio che avrà il compito di trovare un editore interessato a pubblicarlo.

[https://www.berettamazzotta.it/servizi-agenzia-editoriale/agenzie-letterarie/]

 

Di fatto, a parte esperienze singolari, l'agenzia di Beretta Mazzotta rappresenta gli autori presso gli agenti letterari, i quali, a loro volta, penseranno a rappresentare gli autori presso le case editrici.

Spero di averti chiarito meglio la situazione :)

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie! Si, tanto

6 minuti fa, Miss Ribston ha scritto:

Ciao @Giallo_F :)

Da quanto leggo sul sito web dell'agenzia Beretta Mazzotta, e rispetto anche alle testimonianze che puoi trovare in queste pagine, io ho recepito che quest'agenzia non rappresenta gli autori presso le case editrici (non si trova traccia, sul sito, di questo servizio), se non in casi davvero eccezionali e indirizzando gli autori a La Corte Editore (queste le informazioni ricavate da esperienze dirette di eccezione).

 

L'agenzia è più che altro un'agenzia di servizi editoriali e promuove l'autore presso gli agenti letterari, quando ritiene che abbiano per le mani un testo valido. Questo è quanto è riportato sul suo sito:

 

 

Di fatto, a parte esperienze singolari, l'agenzia di Beretta Mazzotta rappresenta gli autori presso gli agenti letterari, i quali, a loro volta, penseranno a rappresentare gli autori presso le case editrici.

Spero di averti chiarito meglio la situazione :)

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, Lemmy Caution ha scritto:

 Grazie per la condivisione della tua esperienza. Se non ricordo male tu hai avuto un'esperienza molto importante sull'autopubblicazione, non sei certo uno sconosciuto. Questa mia affermazione vuole essere sia un complimento, sia una ipotetica linea di lettura sulla  scelta di Chiara. Ovviamente sono anche convinto che il tuo sia un ottimo testo.

 

Sì, ho autopubblicato con un discreto successo (10k copie) e ripubblicato con Rizzoli (più o meno stesse cifre). Il che fa di me sempre uno sconosciuto nel mondo editoriale, ma non totalmente sconosciuto. Qualche agente o editore potrebbe quindi sperare di vendere almeno qualche centinaio di copie di un altro libro solo perché il primo ha avuto già un certo numero di lettori, mentre uno sconosciuto totale partirebbe proprio da zero.

Sono conti che farebbe qualunque operatore del settore, credo, ma devo dire che questo mi ha aperto molte meno porte di quelle che speravo. Evidentemente servono numeri più alti, o forse in generi diversi: ricordo che il mio era un autobiografico/di viaggio. 

In ogni caso, il nuovo testo non era ottimo prima di rivolgermi a Chiara: spero lo sia adesso! Solo per cominciare, ho tagliato 200 cartelle (su un testo di 600!) 

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, Miss Ribston ha scritto:

L'agenzia è più che altro un'agenzia di servizi editoriali e promuove l'autore presso gli agenti letterari, quando ritiene che abbiano per le mani un testo valido.

Mi pare sia il modo di aggiungere un anello alla catena delle sofferenze dell'aspirante scrittore. Chissà perché, mi è venuto in mente il Monti, definito, non ricordo più da chi, "il traduttor dei traduttor d'Omero".

  • Mi piace 4

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, cheguevara ha scritto:

"il traduttor dei traduttor d'Omero".

Siamo fuori come balconi, ma fui il Foscolo a scrivere questi è Monti poeta e cavaliero, gran traduttor dei traduttor d'Omero. Il Monti, che non conosceva il greco, aveva tradotto in italiano una versione latina dell'Iliade. Off topic, scusate.

  • Mi piace 2
  • Divertente 1
  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 3/12/2020 alle 12:07, muschietto ha scritto:

OK, rispondo.

intanto ero convinto che la mia scheda di lettura fosse redatta da Chiara Beretta Mazzotta. Invece è stata affidata a un'altra persona. Quando parlate di "persona molto competente, precisa, che sa quel che dice, anche ironica e divertente", a chi vi riferite? Sia chiaro: è lecito per CBM affidare ad altri la lettura del romanzo inviato, ma "altri" deve mostrarsi persona capace e competente. Importante è , invece,  in questa sede non dare l'impressione che sia in sempre CBM a fornire il servizio.

Eccovi alcuni esempi che, secondo me, dimostrano inadeguatezza della persona che mi ha redatto la scheda.

-In una occasione il personaggio usa una macchina da scrivere di 4 chili appoggiata sulle cosce. Mi si dice che è una cosa pressoché assurda. Evidentemente non si conosce l'abitudine di Montanelli ( vedi statua a lui dedicata con l'Olivetti che, guarda caso, pesava proprio 4 chili).

-sottolineature in matita blu di "frasi fatte" come errori da principiante. Principio applicato pedissequamente in quanto tali frasi erano inserite nel dialogo (la gente parla spesso per frasi fatte) e per di più l'uso era proprio caratteristica di quel personaggio.

-idiosincrasia spiccata verso chi osa inserire personaggi grassi e, naturalmente, ne descrive tale caratteristica. Guai a scrivere "la ragazza boteriana", oppure: attaente, ma le gioverebbe perdere qualche chilo". Vi ritrovate questa nota in nero: "Ma è sempre il peso la questione rilevante per le donne?" e ancora: "Ed ecco di nuovo il peso".

Allora mi chiedo se non subentri qualche rilevanza psicologica a storpiare il giudizio.

-interpretazione errata di una situazione: scrivo di un tale che viene buttato sotto il treno. Il tale sta sulla pensilina. Mi scrive: "Leggere gli art. in rete, da vicini basta il risucchio".  Ora, non mi risulta che chi sta su una pensilina di una stazione rischi di venir risucchiato dal treno che passa. Al più, mi si poteva obiettare di non aver descritto la scena con chiarezza.

Va bene, ci sarebbe altro, ma mi fermo. Concludo dicendo che da una agenzia seria non mi aspetto elogi, ma critiche sensate e costruttive. Per questo ho pagato, e non poco.

 

Provo a immaginare a chi sia stata affidata la scheda di lettura: Chiara Deiana. Mi sbaglio?

  • Mi piace 1
  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@acherusa

non so, sono solo venuto a conoscenza che esisteva un'altra Chiara oltre alla CBM. Del resto, come ho già riferito, mi è stato impossibile contattare  per telefono qualcuno dell'agenzia. Anche la scheda mi è stata inviata dopo parecchi solleciti per via email.

  • Mi piace 2
  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao a tutti!

post prima lettura gratuita del mio manoscritto ho ricevuto la mail dove mi viene fissato un appuntamento telefonico, speriamo bene!

 

 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
6 ore fa, Giallo_F ha scritto:

Ciao a tutti!

post prima lettura gratuita del mio manoscritto ho ricevuto la mail dove mi viene fissato un appuntamento telefonico, speriamo bene!

 

 

Scusami, non ho capito, adesso fa letture gratuite?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Perdonami, ammetto di essere stato poco esaustivo.

Solo lettura preliminare é gratuita, come da specifiche sul suo sito, dopodiché se ritiene valida o interessante il manoscritto approfondisce anche chiamando l'autore. Questo ha un costo che più o meno é stato in linea con quanto già riportato da alcuni nel presente dialogo.

Ora sono nella fase del colloquio telefonico.

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
12 ore fa, Giallo_F ha scritto:

Perdonami, ammetto di essere stato poco esaustivo.

Solo lettura preliminare é gratuita, come da specifiche sul suo sito, dopodiché se ritiene valida o interessante il manoscritto approfondisce anche chiamando l'autore. Questo ha un costo che più o meno é stato in linea con quanto già riportato da alcuni nel presente dialogo.

Ora sono nella fase del colloquio telefonico.

Quando arrivi alla fase dell'esborso, faccelo sapere: ci interessa il quantum.

  • Divertente 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, cheguevara ha scritto:

Quando arrivi alla fase dell'esborso, faccelo sapere: ci interessa il quantum.

Saputo oggi, 360 euri e mi sentirò telefonicamente a breve: ho preso l'appuntamento con la Editor

 

Troppo? Giusto? Sbagliato? non lo so. Ho tentato, mi fido della loro professionalità e gentilezza.

  • Mi piace 2
  • Triste 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×