Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Drago96

Qualità dell'opera in declino?

Post raccomandati

Ho provato a cercare un'altra discussione su quest'argomento, ma non ne ho trovata neanche mezza. Quindi ne apro una io.

 

Mentre scrivevate un racconto o un libro passato (o in quello che state scrivendo adesso) vi è mai capitato di pensare che la qualità della vostra opera, per un motivo o per l'altro, stesse calando visibilmente rispetto a quando avete iniziato a scrivere l'opera?

Questa è una cosa che mi ha spaventato (se così possiamo dire) diverse volte, in passato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sinceramente non mi è mai capitato. 

Cosa intendi esattamente con "qualità dell'opera"?  Sembra d'intuire che ti riferisci alla qualità della scrittura, ma non capisco perché dovrebbe calare.  

6 minuti fa, Drago96 ha detto:

per un motivo o per l'altro

Secondo me devi chiarirli, questi motivi.  

Se il problema è la trama, significa probabilmente che il romanzo è stato progettato male, a partire dalla scaletta.  Oppure non è stato progettato affatto e si è iniziato a scrivere sulla scorta di un'onda emotiva o di una suggestione, senza avere un'idea precisa di dove andare a parare.  Allora più che calare la qualità, il rischio molto consistente è che il romanzo crolli, come una casa senza fondamenta.

Se il problema invece fosse lo stile si dovrebbe ipotizzare una crisi o un improvviso blocco creativo, perché diversamente non ne intravedo i motivi. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
7 minuti fa, Marcello ha detto:

Se il problema è la trama, significa probabilmente che il romanzo è stato progettato male, a partire dalla scaletta.  Oppure non è stato progettato affatto e si è iniziato a scrivere sulla scorta di un'onda emotiva o di una suggestione, senza avere un'idea precisa di dove andare a parare.  Allora più che calare la qualità, il rischio molto consistente è che il romanzo crolli, come una casa senza fondamenta.

Per quanto mi riguarda, con l'eccezione dell'unico libro che ho iniziato e che ho portato avanti fino in fondo e di quello a cui sto lavorando ora, tutto ciò che ho scritto non è stato progettato prima (niente trama ideata in precedenza, niente "tema di fondo"...).

Inoltre, molti miei racconti li ho scritti su un sito di, appunto, racconti la cui particolarità è che i lettori, in un certo senso, "decidono" la trama assieme all'autore. E questa cosa, sommata alla mia "non progettazione" del racconto, mi ha portato a pensare che alcuni episodi non fossero all'altezza dei precedenti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, Drago96 ha detto:

tutto ciò che ho scritto non è stato progettato prima (niente trama ideata in precedenza, niente "tema di fondo"...

Allora sì, capisco che possa succedere; ma ovviamente non è detto che debba capitare per forza.

Ti sono poco d'aiuto, perché io non sarei mai capace di scrivere un romanzo (e già mi è quasi impossibile anche per un raccontino di ottomila caratteri come quelli che pubblichiamo qui) senza avere già un'idea chiara della trama, finale compreso.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×