Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Ospite

Sulla sessualità, le manipolazioni e le utopie

Post raccomandati

Ospite

Salve a tutti.

Vi parlerò un secondo del mio progetto, per ora ancora in alto mare e pieno solo di scartoffie per metter giù la trama.

L'idea è quella di un futuro dove, per un qualche motivo ( che sarà svelato ), l'essere umano è privo della sessualità, carnalmente intesa.

Esistono uomini e donne, ma non hanno rapporti; questo implica una rivoluzione del mondo e del modo di pensare: si abbatte il romanticismo, non v'è più il problema dell'omosessualità e un maggior amore democratico, dato che l'importanza dell'attrazione fisica crolla drasticamente.

Il romanzo si incentrerebbe sulla città di New Jerusalem, dove è concentrata tutta la nuova umanità in un'utopia di benessere, con la giusta divisione delle risorse e una meritocrazia assoluta.

Ora, ho letto Huxley e 1984. Mi servirebbero quindi libri del genere per cercare di creare una politica e un'utopia verosimili, dopodichè avrei bisogno di qualche saggio facile da masticare sulla sessualità, poichè quello che teorizzo potrebber essere un mucchio di boiate assurde sul piano psicologico.

Evitavo per il momento Freud, cercando possibilmente qualcosa di più moderno e chiaro.

Vi ringrazio in anticipo. icon_cheesygrin.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Seppure si tratti di un consiglio risibile, potresti guardare il film con Sylvester Stallone, "Demolition man". E' una boiata fanta-ironica, ma ti può dare qualche spunto. Io ho trovato il film, piuttosto divertente.

Qui hai descritto l'ambientazione, quindi non so nulla della trama, ma ti suggerisco di pensare bene agli eventi che si susseguiranno nel romanzo che svilupperai; te lo dico perché, quando un autore inventa un'ambientazione piuttosto complessa e anche piacevole, è portato in seguito ad usare più pagine per descrivere il mondo circostante piuttosto che le azioni dei protagonisti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Ti ringrazio Davide.

Per la trama ti dirò che ne ho circa metà.

In mezzo a questo mondo nasceranno due bambini dotati di sesso, e quindi sarà tutto un susseguirsi di problematiche per loro e per i genitori che li dovranno nascondere, finchè non saranno adulti.

Vi sarà poi un pezzo fondamentale riguardo al Signore, ossia colui che ha portato il mondo in quello stato, e scriverò tante pagine dove verrà spiegata la sua vita e gli eventi che diedero origine ad una così deviata visione dell'umanità ( questa è la parte che ho più chiara in testa ).

Oltre alla parte descrittiva dell'ambiente e dei nuovi costumi, spero e cercherò di mettere degli intrecci, possibilmente una sottotrama e devo studiare la cospirazione.

Quel poco che so di psicologia e filosofia sarà presente, poichè ho intenzione di inserire parecchie riflessioni.

Spero solo che, essendo ambientato nel futuro e dovendo far ricorso a qualche invenzione biogenetica per far quadrare il tutto, il tutto non risulti una pappetta già masticata, pericolosamente sull'orlo del ridicolo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Molto intrigante, un libro che senz'altro mi piacerebbe leggere.

I ti dico invece di fare molta attenzione alle sottotrame, nel mio caso ho inserito più vicende di sfondo e farle quadrare e stare bene all'interno di tutto il resto è stata/è tutt'ora una faticaccia.

edit: ops, non siamo in trame e dintorni. Vediamo un pò, consigli in merito alla sessualità non potrei darteli. Certo è che per creare un futuro alternativo la conoscenza di opere utopiche e soprattutto distopiche può essere molto utile.

Vai di 1984 (lì, poi, l'argomento sessualità è presente ed è anche forte, è una fonte di energia che il partito teme e cerca di spegnerla vincolandola alla semplice esigenza di procreare) e farenheit 451.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Sì, anche io ho pensato subito a Demolition Man.

Effettivamente pare molto interessante così come l'hai messo. Son curioso di saperne di più quando avrai una trama più completa.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Quando avrò un pò di materiale e idee più precise sarò felici di farmi consigliare da voi =)

@Leland: Farhenheit non l'avevo mai sentito. Sicuramente dovrò rileggere 1984, poi mi darò a quello.

Demolition Man pensavo inizialmente fosse quell'altro con Stallone, Dred, ma poi ho visto che si trattava di cose diverse e sarò felice di visionarlo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
L'idea è quella di un futuro dove, per un qualche motivo ( che sarà svelato ), l'essere umano è privo della sessualità, carnalmente intesa.

L’idea è stata più volte sfruttata da “guerra eterna” di Joe Haldeman ai film Zadoz., Barbarella, il dormiglione e in qualche altro romanzo del quale non ricordo il titolo.

in mezzo a questo mondo nasceranno due bambini dotati di sesso, e quindi sarà tutto un susseguirsi di problematiche per loro e per i genitori che li dovranno nascondere, finchè non saranno adulti.

Come possono esistere dei genitori senza sesso? Uteri artificiali? Ma ovulo e sperma da dove vengono?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Molto bene Bradipo, inserirò anche Guerra Eterna nella documentazione da leggere.

Comunque, i genitori sono privi del sesso carnalmente inteso, ossia:

- v'è ancora la distinzione maschio femmina

- mancano alcuni organi riproduttivi. Detto schietto mancano utero, testicoli, vagina ( ma ovviamente l'uretra non viene toccata ) ovaie. E' il risultato di una manipolazione genetica che mira a togliere la forza dell'eros ricombinando la macchina umana. Dato che si tolgono organi molto importanti come le gonadi, ovviamente si dovrà far in modo che alcune loro funzioni fondamentali siano compiute da altre ghiandole.

E credo che il problema della riproduzione sia la cosa più facile. Ormai anche noi, nella nostra era, ci stiamo avvicinando a non aver più bisogno di sperma e utero originali.

Prendi due corredi aploidi, manipolali con qualche tecnica strana che eviterò di spiegare ( perchè non esistono ancora e non voglio scriver stupidaggini ) e il gioco è fatto.

Huxley proponeva una catena di montaggio, partendo da vari ceppi, e passa direttamente agli embrioni, senza tirare in ballo sperma e ovuli, se non ricordo male. :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Secondo me non dovresti preoccuparti troppo della spiegazione scientifica. Se si tratta di un'allegoria, non hai bisogno di essere credibile; se la sfrutti bene, il lettore soprassederà all'inconsistenza scientifica del racconto concentrandosi invece sul messaggio che vuoi comunicare.

Un racconto del genere si presta molto bene ad essere scritto con un tono molto ironico; se invece vuoi creare qualcosa di "serio", ti imbarchi in un progetto piuttosto difficile. Sicuramente troverai dei "nerd" che ti criticheranno, ma se l'ambientazione diventa semplicemente il pretesto per trattare un argomento preciso, travalicherai il genere fantascientifico e comporrai un romanzo fanta-filosofico :-D.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Non mi convinci: in Huxley ci sono cloni ma manca la famiglia, padre e madre (se non ricordo male) sono parole obsolete e un poco volgari.

Se togli i genitali (testicoli e ovaie e gli ormoni da loro prodotti) quali sono le differenze tra maschi e femmine?

La coppia eterosessuale esiste perchè esiste l'attrazione: uomini e donne sono diversi (vedi in chiave ironica: viewtopic.php?f=36&t=3208&hilit=omen ), se non fosse per il sesso (e la famiglia) in molti preferibbero abitare con esponenti del proprio sesso.

Se non esiste più l'accoppiamento chi sono i genitori?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

La coppia eterosessuale esiste perchè esiste l'attrazione: uomini e donne sono diversi (vedi in chiave ironica: viewtopic.php?f=36&t=3208&hilit=omen ), se non fosse per il sesso (e la famiglia) in molti preferibbero abitare con esponenti del proprio sesso.

Hai centrato uno dei punti fondamentali che saranno trattati.

Però, come può esserci una coppia omosessuale, l'intesa mentale può instaurarsi anche tra una eterosessuale.

Tu fai del mondo normale la base, e ci credo che non ti raccapezzi, come non si raccapezzerebbe uno scienziato moderno, il quale mi riderebbe in faccia per il mio eccesso di fantasia in campo biomedico.

Qua sta il difficile nell'ipotizzare e scrivere il nuovo mondo, perchè serve una visuale che punti un pò più in là, partendo da quello che abbiamo qua.

I genitori esistono perchè biologicamente parlando vanno nell'ospedale, fanno il prelievo, e poi il bambino nasce in provetta.

Esiste un matrimonio, anche se un pò rivoluzionato. Potrebbe essere visto come un vincolo ancora più forte di quanto lo sia ora, cosa che si va ad aggiungere a tutte le riflessioni.

La differenza uomo e donna potrebbe apparire molto sottile, ma c'è un perchè anche per questo. Se non è un mondo di assessuati androgini, e non ci sarà una dittatura opprimente e capillare come nei grandi romanzi del passato, è una scelta mia.

Io voglio creare una rivoluzione tenendo il buono che si può trovare oggigiorno, stravolgendo le basi ma nel contempo cercando di mantenerle. Ci saranno contraddizioni, paradossi e quant'altro. Tutte cose che nella mia testa sto cercando di far combaciare, e l'ambiguità è tutt'altro che un accidente maligno, ma una voluta alleata.

Però credo che siamo off topic, se non sbaglio c'è la sezione trame. Magari limitiamoci alla documentazione. Se vogliamo continuare la discussione apro un topic là.

@Davide: il mio intento è di fare un romanzo serio, anche perchè a scrivere in modo ironico non sono affatto capace. Come dici tu il mio obbiettivo è il fanta-filosofico. Un racconto che pone alcuni problemi dei giorni nostri, ambientato in un mondo che deve essere in un certo modo affinchè possa spiegare il preciso argomento a cui miro.

Quanto conta la sessualità nell'uomo? Romanticherie, coccole, contatti fisici, quanto siamo veri e quanto siamo falsi? Il sesso in giovane età, normale o atto ingenuo? L'omosessualità, non più condannabile perchè viene a mancare il rapporto.

E infine il dramma di due ragazzi, che messi in un mondo che è tutto il contrario di quello che sono, vivranno senza pregiudizi lasciando correre il naturale corso delle cose.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Secondo me ti servirebbe proprio un libro di psicologia sul sesso, in modo che tu abbia bene in mente le cose. L'amore è un sentimento che, scientificamente parlando, nasce a causa degli ormoni sessuali. Se togli quelli non è più "amore", ma diventa un affetto, lo stesso che puoi provare per il tuo migliore amico. Quindi sinceramente, al di là del donare sperma e utero, non vedo bene nella tua società il concetto di matrimonio e di famiglia. Non ha senso, perchè due persone possono essere amiche anche senza dover essere "fedeli" tra loro (che fedeltà dovrebbe esserci, al di là di quella che c'è tra amici?).

Sulla documentazione, ti consiglio anch'io Farenheit451. Non è dettagliatissimo su questa vicenda, però affronta la questione almeno in parte. E poi è uno dei più famosi romanzi di fantascienza, quindi al massimo ti servirà come cultura personale. L'autore è Ray Bradbury.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Non ha senso, perchè due persone possono essere amiche anche senza dover essere "fedeli" tra loro (che fedeltà dovrebbe esserci, al di là di quella che c'è tra amici?).

LA fedeltà di due vite che vogliono prendersi cura di un eventuale figlio.

Come detto prima il matrimonio potrebbe diventare un vincolo forzato, non tanto perchè lo si sente, ma perchè viene quasi imposto dal costume ( o legge ? ).

Che tu non li veda bene è giustissimo, perchè essendo una società deviata nasceranno tutti questi discorsi e verranno messe a nudo le magagne.

Detto sinceramente, le vostre critiche e dubbi mi stanno stimolando sempre di più, perchè vedo già prima di scrivere di aver sollevato parecchie questioni, e la cosa è assai intrigante. bash.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
LA fedeltà di due vite che vogliono prendersi cura di un eventuale figlio.

Come detto prima il matrimonio potrebbe diventare un vincolo forzato, non tanto perchè lo si sente, ma perchè viene quasi imposto dal costume ( o legge ? ).

Ah, beh, se viene imposto è un altro discorso. ;) Quello che volevo sottolineare è che in mancanza di ormoni sessuali il tutto si riduce a un'amicizia profonda. Immagina un mondo senza donne, così magari avrai più chiaro cosa intendo. ^^ Secondo me diventerebbe molto più importante il concetto di "gruppo" o "clan".

Comunque sì, questo discorso è davvero stimolante anche per me. La tua trama mi ispira, sono abbastanza affascinata dalla fantascienza, soprattutto se tocca la sfera dei sentimenti (se poi ci metti i robot umanoidi ecco che mi ci attacco come un parassita XD).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Demolition Man pensavo inizialmente fosse quell'altro con Stallone, Dred, ma poi ho visto che si trattava di cose diverse e sarò felice di visionarlo.

Quando l'avrai visto sarai molto meno felice... icon_twisted.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Quello che volevo sottolineare è che in mancanza di ormoni sessuali il tutto si riduce a un'amicizia profonda

Non è solo quello il problema...

Gli ormoni sessuali non servono solo a favorire l'attrazione sessuale e quindi l'accoppiamento e la riproduzione.

Servono pure a marcare le differenze fra i sessi, come diceva Bradipo. Quindi il seno nelle donne, la peluria negli uomini, etc...

E in ogni caso un minimo di attrazione ci deve pur essere se c'è una distinzione fra due gruppi (uomini e donne) a meno che tu non intenda creare un mondo di esseri tutti uguali dove chiunque può decidere di accoppiarsi con chiunque, ma a quel punto credo che rischi di complicarti troppo la vita...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
State incuriosendo anche me con questo film. Devo informarmi.

Intendi Demolition Man?

Mi ricordo che quando uscì in videoteca ci fu la corsa all'accaparramento da parte della popolazione femminile della mia classe perché era in versione non censurata e in una scena si vede Stallone tutto nudo con il suo notevole "talentone" di fuori....

Ecco, ora ti ho incuriosita di più... icon_lol.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
E in ogni caso un minimo di attrazione ci deve pur essere se c'è una distinzione fra due gruppi (uomini e donne) a meno che tu non intenda creare un mondo di esseri tutti uguali dove chiunque può decidere di accoppiarsi con chiunque, ma a quel punto credo che rischi di complicarti troppo la vita...

Lui a dire il vero ha detto così, se non ho capito male.

Comunque avete ragione sulla questione degli ormoni. Anche la voce, per esempio, dipende da quelli... ora mi sto immaginando degli uomini con la voce acuta. XD

Sì, è un bel casino: barba, pomo d'adamo, seno, peluria... sarebbe tutto sballato. O_o

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Ragazzi, come ha detto Davide, più che stare sul piano prettamente biologico la mia deve diventare un'allegoria che miri a puntare il faro su tutti quei discorsi che ho elencato.

Tuttavia, per mio amor di scienza, voglio documentarmi per fare una cosa quantomeno verosimile.

Anche perchè potrei chiudere ogni problema tirando in ballo l'onnipotenza della genetica, quindi dire: " l'uomo è stato manipolato così così e così, e funziona così così e cosà "

Parlare di vecchi ormoni ricombinati, scambi ghiandolari, creazioni di nuovi organi (!?!).

Sul come è stato fatto non mi interessa soffermarmi molto, bensì sul perchè e su cosa ha portato.

Inoltre il complicarmi la vita non è un problema, mi piace per natura creare situazioni difficili e cercare di farle quadrare in un qualche modo.

Ho presente l'obbiettivo, e voglio raggiungerlo, per quanto complicato possa essere, ed è per questo che ho bisogno di farmi una certa cultura.

Tornando a Demolition Man, l'ho guardato e l'ho trovato spassosissimo. Adoro il doppiatore di Stallone e le battute XD

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

riguardo alla sessualità leggiti la trilogia di michel foucault, Storia della sessualità: la volontà di sapere, l'uso dei piaceri, la cura di sé. universale economica feltrinelli, te la cavi con pochi euro.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Quanto conta la sessualità nell'uomo? Romanticherie, coccole, contatti fisici, quanto siamo veri e quanto siamo falsi? Il sesso in giovane età, normale o atto ingenuo? L'omosessualità, non più condannabile perchè viene a mancare il rapporto.

E infine il dramma di due ragazzi, che messi in un mondo che è tutto il contrario di quello che sono, vivranno senza pregiudizi lasciando correre il naturale corso delle cose.

Non ho studiato psicologia, ma secondo me se togli la sessualità agli uomini togli una fonte piuttosto importante dello stimolo a vivere. Non dico l'atto pratico del sesso a cui è evidente che si può rinunciare, con più o meno frustrazioni, ma è come se gli portassi via una parte del cervello che sicuramente non si svilupperebbe nello stesso modo. Non so cosa succederebbe, ma molte tappe dello sviluppo verrebbero a mancare (l'adolescenza non ci sarebbe). Mi chiedo addirittura se l'amore per i figli potrebbe esistere (è chiaro che si amano anche i figli non biologici, ma li si ama anche, non del tutto, grazie all'istinto, se togli la sessualità non togli anche il senso materno? Il desiderio di perpetuare la specie? Gli ormoni entrano in gioco nel regolare molte emozioni).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non so niente di psicologia ne di filosofia, quindi non esco dal discorso della trama pura e semplice.

Se davvero tutta la questione della manipolazione genetica diventa troppo complessa andando a toccare gli organi addetti alla funzione sessuale/riproduttiva, non sarebbe più semplice e "immediato" per qualcuno che ha il desiderio di raggiungere quello scopo trovare il modo, piuttosto che far sparire organi, di azzerare il desiderio erotico partendo dal cervello? Restano organi, ghiandole e ormoni e quindi nulla cambia nella crescita e nella fisionomia degli individui, ma il risultato sarebbe lo stesso, grosso modo.

Visto che Demolition Man me l'hanno già rubato (bellissima la scena in cui lei gli proprone del sesso virtuale a casa sua XD) ti consiglio un altro film su questa falsa riga: Equilibrium, con Cristian Bale del 2002.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Devo dire che la tua soluzione, Dav, mi tenta. La terrò seriamente in considerazione.

Il punto è che lo stravolgeimento del fisico umano mi serviva per creare l' "utopia", e come esempio di azione abominevole sulla propria specie: creare un nuovo genere umano, una nuova specie vera e propria.

Una specie ovviamente che andrebbe all'estinzione se restasse senza tecnologia.

Mi metti in difficoltà perchè ho grosso modo una linea da seguire, però vedrò quanto potrò integrarla nella tua, perchè taglia la testa al toro sotto molti aspetti.

Le scelte sono due: se voglio tenere una società il più verosimile alla nostra, devo fare come dici.

Se invece seguissi la mia idea originaria dovrei creare un mondo di alienati e sarebbe davvero complesso, anche se la sfida non mi spaventa.

Rispondendo a Nerina: ti dò completamente ragione, infatti presupponevo una lenta e graduale degenerazione dell'umanità in uno stato di accidia totale.

Prima di tutto devo provare a scrivere, e vedere cosa ne viene fuori, poi regolarmi di conseguenza.

Vi ringrazio molto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Visto che Demolition Man me l'hanno già rubato (bellissima la scena in cui lei gli proprone del sesso virtuale a casa sua XD) ti consiglio un altro film su questa falsa riga: Equilibrium, con Cristian Bale del 2002.

Come ho fatto a non pensarci! :facepalm: Mi è piaciuto un sacco quel film! thumbup.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
State incuriosendo anche me con questo film. Devo informarmi.

Intendi Demolition Man?

Mi ricordo che quando uscì in videoteca ci fu la corsa all'accaparramento da parte della popolazione femminile della mia classe perché era in versione non censurata e in una scena si vede Stallone tutto nudo con il suo notevole "talentone" di fuori....

Ecco, ora ti ho incuriosita di più... icon_lol.gif

Oddio, Stallone non rientra nei miei gusti, parlando di estetica. XD E se un uomo non rientra nei miei gusti non compensa di certo con il "talentone". XD Anche perchè è dentro a uno schermo, quindi è inutile. XD

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Aurora Mc Lee

Forse è banale, ma ti consiglierei di leggere la Repubblica di Platone.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ahimè, se vuoi parlare di sessualità in termini psicologici, non puoi esimerti dal leggere Freud. Certamente non è una lettura semplice, ma altrettanto non è corretto dire che non sia moderno. Tutti i luoghi comuni sull'identità sessuale, che in termine tecnico vengono chiamati "inconscio collettivo" prendono le mosse dai suoi lavori. Se invece vuoi svincolarti completamente dalle basi scientifiche, ed al contempo creare una metafora che funziona per rappresentare famiglia e rapporti sessuali non fisici, io ti consiglio, se non l'hai già letto, Intervista col Vampiro. Anne Rice tratta il tema dell'omosessualità senza mai nominarla veramente, lo scambio di sangue per "infettarsi" e diventare vampiri è fortemente caratterizzato da componenti erotiche e di piacere fisico pur non avendo nulla a che vedere con gli organi genitali, e la "famiglia" che Lestat e Loius costruiscono con la "bambina vampira" è una rappresentazione geniale della famiglia omosessuale con prole. Non vado oltre, altrimenti esco fuori tema (topic?)

Spero di esserti stata utile

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×