Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Respirodicarta

Perchè gli scrittori dicono di fare altro?

Post raccomandati

ma scrivere solo per sè stessi non è... tipo... masturbazione letteraria?

Perchè?? Forse non ho capito. Per esempio spesso mi capita di ritrovarmi a scrivere cose che servono soltanto a me in determinati momenti, che non ho la minima voglia di far leggere ad altri. Perchè sono momenti in cui magari devo sfogarmi, provo emozioni così forti che ho il bisogno di urlarle a qualcuno e, invece di apparire una psicopatica, mi limito a rovesciare sul foglio la valanga di pensieri che mi attanagliano. Poi vabbè scrivere per me è anche mettermi alla prova per far leggere i miei lavori agli altri, essere criticata, giudicata per poi miglorare sempre di più.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ma scrivere solo per sè stessi non è... tipo... masturbazione letteraria?

Perchè?? Forse non ho capito. Per esempio spesso mi capita di ritrovarmi a scrivere cose che servono soltanto a me in determinati momenti, che non ho la minima voglia di far leggere ad altri. Perchè sono momenti in cui magari devo sfogarmi, provo emozioni così forti che ho il bisogno di urlarle a qualcuno e, invece di apparire una psicopatica, mi limito a rovesciare sul foglio la valanga di pensieri che mi attanagliano. Poi vabbè scrivere per me è anche mettermi alla prova per far leggere i miei lavori agli altri, essere criticata, giudicata per poi miglorare sempre di più.

sarà che in quei casi io parlo da solo... blink1.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Perché gli scrittori dicono di fare altro?

Forse perché per il 95% delle persone, scrivere, non è un lavoro. Quindi, alla loro domanda: "Che lavoro fai?", e tu rispondi "Scrivere", ecco che scatta il sorrisetto ironico che, tra le righe, ti sfotte dicendoti: "Ah bé, allora non fai niente". Insomma, se non ti spacchi la schiena, non fatichi, non hai orari precisi, non lavori in fabbrica, e compagnia bella, il mestiere dello scrittore (a meno che non sei Dan Brown) non viene proprio calcolato come "lavoro".

Ed ecco che, a questo punto, ci sentiamo ridicoli e inventiamo qualsiasi altra cosa. E sbagliamo. Sì, perché dovremmo essere fieri di dire "Io scrivo", dato che è la cosa più bella del mondo... almeno per me love1.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Se tu chiedi a uno scrittore cosa fa nella vita, se guadagna dalla sua attività full-time di scrittore, ti risponderà "sono scrittore".

Se tu chiedi a uno studente (come me) cosa fa nella vita, e questo qui non ha mai pubblicato, ti risponderà "studio" di sicuro non vado in giro dicendo come occupo il mio tempo libero (e non).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Siccome al momento non ne ho altra, la mia occupazione la considero di "scrittore" anche se sono un'esordiente. Non provo nessuan vergogna a dirlo. Scrivere un romanzo per esempio, richiede molto oltre a creatività, e soprattutto pazienza.

Non ci si spaccherà la schiena sulle impalcature di un cantiere, ma richiede pur sempre qualità che non tutti hanno. (Se ce l'avessero, sarebbero tutti scrittori no? xD)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×