Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Alessandro Pedretta

Parlando di e-book

Post raccomandati

Buono. I lettori ci sono, e in tanti sono anche disposti ad aiutarti e supportarti. Alla fine della giornata tutto ciò che conta è la qualità del testo. Se c'è quella, presto o tardi, qualcosa arriva.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io ho sempre pubblicato cartaceo. Non sono un soggetto che si presta molto a presentazioni e a un rapporto col pubblico che risulta spesso una problematica nella promozione. Penso che con l'e-book sia diverso. Penso anche che con una pubblicazione digitale si possa arrivare a più persone ma vedo che molti editori hanno prezzi troppo alti per un e-book. Io penso che debba costare non più di due euro. La vostra esperienza? E, se posso, con quale c.e?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Puoi salire anche un pochino, una volta che hai il tuo pubblico. Ho appena fatto passare il primo da 1 euro a 2, e le vendite sono rimaste stabili. Tutto sta nel rapporto prezzo/qualità percepita e poi qualità riscontrata.

 

Fino a 4/5 credo ci si possa arrivare tranquillamente. Certo farli pagare 10 euro, può sembrare tanto anche per una CE grande. Ma se lo fanno, vuol dire che in tanti li comprano comunque.

 

In definitiva nessuno costringe un lettore a comprare, quindi se lo fa, vuol dire che ha valutato tot prezzo, giusto per quello che si aspett di trovarci.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Di e-book ne ho pubblicati 2 e considerata la mia ubicazione tutto sommato mi è andata bene: cioè per quanto pochissimi guadagni sto a zero perdite, avendo pubblicato al 100% gratis. Ma tu sei contrario alle autopubblicazioni, quindi neanche la mia esperienza, temo, ti servirà...  

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io sono, al contrario tuo, favorevole all'autopubblicazione anche se non la metterei sul piano del favorevole/contrario. Semplicemente uno fa, del proprio libro, quel che vuole e che ritiene migliore. Non c'è bello e brutto, c'è giusto per sé o sbagliato per sé in un dato momento (nel senso che si può pubblicare un testo con una CE e scegliere di autopubblicare un altro: le due cose non sono mutuamente esclusive). 
Detto ciò, secondo me, data la quantità enorme di testi, non solo digitali, che vengono pubblicati, e dando per scontata la qualità del prodotto che si intende immettere nel mercato, ritengo che la promozione, non necessariamente svolta in presenza, sia assolutamente necessaria, sia che la si faccia di comunque accordo con una CE, sia che ci si muova in proprio come autore indie. 
Per quanto riguarda il prezzo, è una domanda che mi faccio anch'io e alla quale non so rispondere. Per quello che mi riguarda credo che un ebook non debba costare più di 5 euro. Tuttavia un prezzo troppo basso, anche se attira magari lettori curiosi, potrebbe dare l'idea di un'opera non così valida, almeno come suggestione. La maggior parte delle volte non esiste un rapporto causa-effetto, però penso alla percezione che si può avere. E dunque, non so...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io ho appena lanciato il primo ebook con la C.E. con cui ho pubblicato i cartacei, dovrebbe andare a regime in un paio di giorni. Il prezzo imposto è di 4.99€, che mi sembra in linea con il pensiero espresso dagli altri utenti. L' ebook è in inglese, lo pubblicizzerò (all'inizio) solo negli USA e in Inghilterra. Appena avrò un riscontro sulle vendite vi aggiornerò ;) 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Andrea.Dee

Con Leucotea ebook e cartaceo. L'ebook, costa 5.99, tanto. L'hanno comprato, sono stato anche al sesto posto (quando ti comprano ad esempio più tizi alla volta nello stesso periodo, schizzi su), poi sono sceso. Poi uno dice "bona finita qui", invece sono tornato su, quindi comprano.

 

Personalmente io nella mia vita ho comprato due ebook, un libro di scrittura creativa e un listone di blog e riviste da contattare :asd:

Modificato da Andrea.Dee

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io ho pubblicato con GoWare, unica esperienza in digitale, tutto il resto in cartaceo. Tutto sommato è stata un'esperienza utile, ma con insoddisfacenti riscontri sulle vendite.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Andrea.Dee

C'è anche da dire che gli ebook anche sconosciuti hanno spesso 40 recensioni perché, aldilà delle recensioni delle amiche, sono messi a 0.99. Oppure gratuiti a periodi. Io stesso un ebook di tizio caio a 6 euro non so se lo comprerei.

 

Però il lavoro di una casa editrice va pagato, e con dieci ebook a prezzo medio alto si guadagna di più che con 40 a prezzo nullo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Alle 18/12/2017 at 10:20, Andrea.Dee ha detto:

Con Leucotea ebook e cartaceo. L'ebook, costa 5.99, tanto. L'hanno comprato, sono stato anche al sesto posto (quando ti comprano ad esempio più tizi alla volta nello stesso periodo, schizzi su), poi sono sceso. Poi uno dice "bona finita qui", invece sono tornato su, quindi comprano.

 

Personalmente io nella mia vita ho comprato due ebook, un libro di scrittura creativa e un listone di blog e riviste da contattare :asd:

Certo, se è la casa editrice a scegliere, è giusto adeguarsi. Quando dicevo del prezzo non superiore ai 5 euro, parlavo in generale, di quello che faccio io come acquirente (mediamente, intendo, perché poi ci sono eccezioni). Probabilmente un ebook a circa 6 euro va comunque bene, se ben promosso, e il tuo riscontro positivo ne è in parte testimonianza. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Alle 18/12/2017 at 05:46, Alessandro Pedretta ha detto:

@Pouzinha, con che tipo di autopubblicazione lo hai fatto? e genere del libro? mi piacerebbe sapere anche come lo hai promosso e a che numero circa si attestano le vendite,

Grazie!

 

Ho utilizzato Streetlib per entrambi gli e-book e mi sono trovata da favola. Assistenza sollecita, personale sempre pronto e gentilissimo. Il primo e-book è un giallo investigativo con toni rosati, ambientato tra 500 anni. L'altro è la storia di una famiglia di gatti, dedicato ai bimbi piccoli. Mi sono occupata di tutto: edizioni, copertine e illustrazioni (e-book per bimbi, in cui le illustrazioni sono imprescindibili). Questo grazie all'hobby del disegno su pc che avevo ai tempi della mia prima laurea. Ma quando avevo pubblicato il giallo stavo per partire per il Brasile e sapevo che la pubblicità sarebbe stata scarsissima. Sapevo anche di vivere, allora, in una regione dove tutto quel che non è commestibile è considerato pressochè inutile e i libri purtroppo non lo sono (neanche quelli in formato elettronico:gokulol:). Consideravo anche il fatto che quella dove vivevo è una zona troppo "patrizia" e se non sei un vip al massimo puoi aspirare alle pulizie in nero (brutta realtà, ma tant'è, ho visto amici artisti snobbati nel corso del tempo, uno dopo l'altro).

A dispetto di quanto sopra non avevo però rinunciato a pubblicare perchè gli e-book erano comunque pronti (al secondo mancavano solo le ultime elaborazioni) e potevo farlo gratis al 100%.

La pochissima pubblicità (ridotta oramai allo zero, complice i miei nuovi impegni e i miei studenti che devono avere la priorità) si era basata sul passaparola. Il secondo e-book l'avevo poi pubblicato che ero già in Brasile, figuriamoci. Tra i due sono arrivata a una quindicina di copie vendute o poco più, finora. Ma date le premesse, specie la mancanza di una regolare presentazione (oltreoceano la vedo dura:gokulol:), il bilancio è comunque positivo, cioè solo guadagni a fronte di zero spese da coprire. Forse dirai che di positivo non c'è nulla a causa della mancanza di notorietà, ma se non ti puoi permettere di lavorare gratis o  accollarti il benchè minimo rischio finisci con il valorizzare anche solo quel poco che ti ritrovi in mano.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve a tutti.

La diatriba fra pubblicazione cartacea e in e-book in Italia è annosa e un po' stantia. Mentre nel resto d'Europa i ragazzi vanno a scuola con lo zainetto occupato da ereader, tablet (forniti dal sistema scolastico pubblico) e testi in digitale, da noi si vedono ancora studenti carichi di libri con carrucole al seguito e scoliosi imperante!

Fatto salvo l'indiscusso fascino del cartaceo, noi di Babylon Café ci auspichiamo per i libri lo stesso destino riservato ai vinili: splendide confezioni regalo con cui omaggiare amici e parenti, mentre per le letture quotidiane (come per gli ascolti musicali costanti e giornalieri) un moderno supporto smart a portata di dito in modo da poter leggere, ascoltare buona musica e vedere ottimi film ovunque. 

Per un autore residente su suolo italico la scelta di pubblicare in ebook è conveniente (specialmente nell'ottica self, ma anche in quella con casa editrice alle spalle) perché permette una certa agilità di promozione, diffusione e presentazione, ma deve fare i conti con le resistenze degli affezionati cartofili che non riescono a rinunciare all'odore delle pagine. Se si opta per una pubblicazione self in digitale, possiamo consigliarvi di: curare con estrema attenzione la realizzazione tecnica dell'ebook (non sempre le piattaforme disponibili in rete sono di facile utilizzo, con il pericolo di realizzare libri elettronici con pessime impaginazioni, spaziatura approssimativa, formati non compatibili, etc.), creare copertine originali che non sembrino assemblate con i software gratuiti di fotomontaggio messi a disposizione da FaceBook (è vero che non si giudica mai un libro dalla copertina, ma è altrettanto vero che una veste grafica squallida dissuade i lettori che non conoscono ancora il vostro valore),  realizzare degli estratti significativi del libro da postare con petulante insistenza su tutti i vostri profili social in maniera da spingere nuovi lettori fra le braccia dei vostri scritti, sfruttare al massimo il passaparola, realizzare Booktrailer accattivanti e quanto più professionali possibile, immettere l'ebook  sulle principali piattaforme di vendita (prima fra tutte Amazon), procurarsi recensioni di lettori, di blogger, di youtubers, di giornalisti, intrattenere stretti rapporti con i propri affezionati lettori e affiancare alle pagine social (orami indispensabili) un sito personale - un blog va benissimo - dove intrecciare frequentazioni virtuali con altri scrittori e con artisti in genere in maniera da creare un efficace effetto alone. E... ovviamente... aver anche scritto un testo valido ha un ruolo chiave! :)

Sperando di essere stati di una qualche utilità, vi auguriamo buone feste e alla prossima!

 

  • Confuso 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
9 ore fa, Babylon Café ha detto:

Salve a tutti.

La diatriba fra pubblicazione cartacea e in e-book in Italia è annosa e un po' stantia. Mentre nel resto d'Europa i ragazzi vanno a scuola con lo zainetto occupato da ereader, tablet (forniti dal sistema scolastico pubblico) e testi in digitale, da noi si vedono ancora studenti carichi di libri con carrucole al seguito e scoliosi imperante!

 

 

Figuriamoci che per anni e anni mi sono portata (e forse porto ancora) i postumi da colonna cervicale non esattamente al top:bandiera:. Per me l'e-libro significa meno peso, meno ingombro, meno da spolverare e molte spese in meno (specie durante i traslochi:lol:).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 18/12/2017 alle 10:30, Lemmy Caution ha detto:

Io ho pubblicato con GoWare, unica esperienza in digitale, tutto il resto in cartaceo. Tutto sommato è stata un'esperienza utile, ma con insoddisfacenti riscontri sulle vendite.

Anch'io ho pubblicato con loro. Seri sono seri, nulla da dire ed hai l'accesso alle tue vendite  aggiornate settimanalmente- oppure mensilmente o semestralmente, dipende dai canali-. Però, il problema è proprio, trattandosi di un saggio scritto da una professionista del settore, l'esiguità delle vendite. A fine anno- contando i dati senza gli aggiornamenti semestrali_ poche decine di copie. Il mio precedente manuale, in cartaceo, era andato decisamente meglio. per me, non un grosso problema, dal momento che la pubblicazione è funzionale al mio CV professionale, ma certo mi aspettavo qualcosa di meglio.

Prezzo? 4,99 e-book- print on demand 8,49

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×