Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

dfense

Idrovolante Edizioni

Post raccomandati

Nome: Idrovolante Edizioni

Generi trattati: Poesia, saggistica, narrativa.

Modalità di invio dei manoscritti: http://www.idrovolanteedizioni.it/manoscritti/

Distribuzionehttp://www.idrovolanteedizioni.it/distribuzione/

Sitohttp://www.idrovolanteedizioni.it/

Facebookhttps://www.facebook.com/Idrovolante-edizioni-482981878532751/

 

Dal sito: "L’ambizione di Idrovolante edizioni, con i suoi libri, è quella di innalzarsi in volo per guardare il mondo da un’altra prospettiva, spinta dall’insofferenza di chi non si accontenta di galleggiare nella quotidianità. E per farlo vuole riscoprire la dimensione del sogno, il pathos dell’avventura, il gusto della sfida, a cominciare da quella più dura e forse spietata: quella con noi stessi. Idrovolante edizioni vuol essere un veicolo, piccolo ma affidabile, sempre pronto a decollare verso l’altrove e ammarare, all’occorrenza, sull’attualità".

 

Come di consueto, passo la palla a Niko & co. per i contatti di rito...:)! 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ci ha risposto Daniele Dell'Orco, il responsabile attività editoriale di Idrovolante Edizioni, e cito:

Cita

 

Gentile Writer's Dream,

come avrete potuto vedere dai nomi selezionati nel nostro catalogo abbiamo una vasta scelta di riscoperte di testi ormai fuori diritti d'autore, e che per ovvie ragioni non richiedono interfaccia con autore o eredi dell'autore. Gli scrittori contemporanei, invece, siano essi di narrativa ma, soprattutto, di saggistica, realizzano per noi lavori su commissione.

Da parte loro non è nulla dovuto all'editore in termini di contributi o obblighi di acquisti copie. Allo stesso tempo tutti i lavori della filiera produttiva del prodotto libro sono un onere della casa editrice, che dispone di ghostwriter, editor e grafici freelance. 
La distribuzione è affidata a Libro Co. ma avviene su due canali: quello mainstream e quello alternativo, del quale ci curiamo direttamente scegliendo librerie e associazioni politiche e culturali sparse su tutto il territorio nazionale in cui realizzare presentazioni o accendere conti deposito. 
Per via della linea editoriale piuttosto chiusa, di rado selezioniamo manoscritti di autori esordienti. 

 

 

Sposto in Free, anche se hanno messo in chiaro che è raro che accettino esordienti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Da quello che so io questa casa editrice é dedita alla ripubblicazione di testi del fascismo e neofascismo, e a quanto ho visto presentazioni dei suoi libri vengono organizzate dal movimento politico Casapound, i cosiddetti "fascisti del terzo millennio". Questa informazione puó influenzare le decisioni degli iscritti (e di certo influenza la mia opinione). Per questo penso sia corretto dare questa info a tutti :)

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
9 ore fa, Dale ha detto:

Questa informazione puó influenzare le decisioni degli iscritti (e di certo influenza la mia opinione). Per questo penso sia corretto dare questa info a tutti :)

 

Caspita, dici sul serio? Hai fatto bene a segnalarlo! Se me ne fossi reso conto non l'avrei segnalata! In futuro farò più attenzione. Grazie @Dale

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La casa editrice è di certo ascrivibile a una realtà di destra ma tengo a dire che i testi finora pubblicati non sono caratterizzati dall'apologia nei confronti di una determinata ideologia politica. Ne ho letto alcuni e sono molto interessanti. Lo scrivo da persona non di destra.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve a tutti,

 ringraziando @sergio lynch per l'apprezzamento palesato nei confronti del catalogo di Idrovolante Edizioni, intervengo nella discussione a tutela della professione editoriale che svolgiamo in totale indipendenza. Ciò significa che qualunque presunto legame diretto con questo o quel movimento politico-culturale è del tutto privo di fondamento. La presentazione organizzata presso la sede romana di CasaPound Italia è relativa a un titolo dei 20 in catalogo (peraltro un testo di narrativa), e come editore impegnato (nella risposta via mail è esplicitato) a costruire un circuito di distribuzione e promozione alternativo ai canali mainstream, ogni interlocutore è da parte nostra da considerare degno. @Dale
Che l'attività di Idrovolante sia "dedita alla ripubblicazione di testi del fascismo e neofascismo" è un commento di pura ignoranza letteraria (Marinetti? Corridoni? Berto Ricci?) che tende a voler etichettare in modo semplicistico e poco serio un editore indipendente. Che il catalogo di Idrovolante possa non piacere ai più ne siamo consapevoli, ma la tendenza a dover ghettizzare un editore per via delle scelte di catalogo è pratica censoria tanto in voga in tempi moderni. 
Detto ciò, da soggetto impegnato a trovare spazio nel settore commerciale, rimandiamo ai lettori il giudizio sul nostro operato, purché venga da subito stroncata qualsiasi  manipolazione e strumentalizzazione della realtà.
Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie a @Dale, @sergio lynch e @Daniele Dell'Orco per essere intervenuti.

 

Intervengo solo per sottolineare che il Writer's Dream è un luogo di confronto pubblico, nel quale non vengono prese posizioni di sorta da parte dell'amministrazione nei confronti degli editori o autori in genere; gli utenti sono sempre liberi di lasciare la propria opinione in relazione alle rispettive conoscenze ed esperienze, purché nel rispetto reciproco e con toni adeguati a un confronto civile.

Lo stesso, ovviamente, vale per gli Editori.

 

Proprio come suggerito da @Daniele Dell'Orco , è rimandato ai lettori e agli aspiranti scrittori il giudizio sull'operato dell'Idrovolante.

Grazie e buon proseguimento. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Niko Grazie per la precisazione.
Tuttavia, il mio appunto tendeva a sottolineare che, per quanto le opinioni di tutti siano sempre degne d'attenzione, lo stesso non si possa dire per delle false informazioni. Dietro l'attività di una casa editrice come sapete bene tutti c'è lavoro, tempo, denaro e sacrifici di chi tenta in tempi come questi di fare letteratura. Non credo sia lecito, allora, rischiare di pregiudicare attività del genere con quelle che anziché opinioni suonano come delle accuse. @Dale scrive: "é dedita alla ripubblicazione di testi del fascismo e neofascismo, e a quanto ho visto presentazioni dei suoi libri vengono organizzate dal movimento politico Casapound, i cosiddetti "fascisti del terzo millennio". Questa informazione puó influenzare le decisioni degli iscritti".
Ora, il catalogo di Idrovolante è consultabile da chiunque all'indirizzo che è stato giustamente citato in calce a questa discussione. Se qualcuno riuscisse a dirmi quali dei titoli presenti possa corrispondere alla descrizione fatta da @Dale allora potremmo tornare sul campo delle "opinioni".
Marinetti è un futurista che non certo la sola Idrovolante inserisce in catalogo, Corridoni è addirittura perito in trincea durante la Prima Guerra Mondiale. Drieu La Rochelle lo editano una ventina di editori, tra cui SE, Bietti, persino Mondadori. Italo Balbo è solo in Italia accostato esclusivamente al fascismo, dacché noi pubblichiamo (i soli dal 1930) il diario di una trasvolata atlantica realizzata a bordo di Idrovolanti (non serve un genio per capire l'attinenza commerciale col nome della casa editrice), impresa che mezzo mondo ancora ricorda. A prescindere dal fascismo.
Quasi tutti gli autori che riscopriamo, tra l'altro, sono proprio accomunati dalla damnatio memoriae a cui sono stati sottoposti per via di accostamenti infelici col fascismo, a discapito della loro produzione letteraria.
Tra i saggisti contemporanei, invece, ci sono indiscutibilmente penne provenienti dal mondo tradizionalista e conservatore, perché (questo sì a discrezione dei lettori) è quello il target di riferimento. Piaccia o non piaccia. 
Se poi alcuni di loro dovessero avere il busto del Duce sulla scrivania non è affar mio, né di Idrovolante, né di @Dale e né di altri. Semmai, Fiano permettendo, della magistratura.
Il punto, dunque, è che utilizzare informazioni fuorvianti può essere estremamente dannoso per un piccolo editore. Un nostro libro, "Il sole dell'Impero" è stato presentato a CasaPound. Anzi, a dirla tutta "La via del Sol Levante" è stato presentato in 2 o 3 circoli legati a CasaPound. Non è un reato né un mistero, visto che è stato presentato anche presso il Circolo del Ministero degli Esteri e in almeno altre 20 sedi e fiere del libro in tutta Italia. Se CasaPound dovesse invitarci ancora in futuro e lo dovessimo ritenere opportuno parteciperemmo di nuovo, come parteciperemmo agli inviti di qualsiasi altro movimento politico e culturale che si mostrasse interessato ai nostri testi. 
L'attività di Idrovolante, e chiudo, si svolge in una redazione co-working all'interno della Libreria Cultora di Roma, che invito tutti a visitare, dove sono esposti libri di editori esclusivamente indipendenti di qualsiasi genere e orientamento, e nel corso degli anni sono stati ospitati eventi di varia natura. Venerdì ci sarà un deputato del M5S, sabato un libro dedicato al molto LGTB, per dire. 
Connotare un'attività con un'etichetta come "fascismo e neofascismo" è ingiusto e insensato, visto che dal mondo delle informazioni si scade, ripeto, in quello delle accuse. Se poi il tono delle conversazioni accettato sul forum dovesse essere abitualmente questo, con la stessa cortesia con cui ho risposto alle informazioni che mi avete richiesto provvederei a congedarmi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

E' sempre positivo quando un editore interviene in prima persona per chiarire la propria politica editoriale (e non, visto il caso specifico), specie quando lo fa in maniera chiara, esaustiva e civile, quindi grazie a @Daniele Dell'Orco .

A prescindere dal proprio "credo", penso che la cosa sia apprezzata da tutti. 

Ci auguriamo, come sempre, un confronto aperto e costruttivo... di certo non verrà a mancare, anche se la vostra parziale chiusura nei confronti degli esordienti probabilmente limiterà la portata del dialogo. Benvenuti, comunque, nel forum.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non sono Free, mi hanno fatto una proposta editoriale che prevede come condizione cruciale l'acquisto di "almeno" 70 copie da parte mia.

Ci tenevo a riportare la mia esperienza, ora vado a presentarmi prima di essere sgridato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 29/7/2019 alle 20:10, Jinbe90 ha scritto:

Non sono Free, mi hanno fatto una proposta editoriale che prevede come condizione cruciale l'acquisto di "almeno" 70 copie da parte mia.

Ci tenevo a riportare la mia esperienza, ora vado a presentarmi prima di essere sgridato.

Confermo, "- Impegno da parte dell'autore ad acquistare a titolo personale almeno n.70 copie del libro a prezzo scontato del 30% da poter rivendere in autonomia;"

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Posso confermare anche io, proposta inviata il 10, contratto ricevuto 18 giorni dopo, medesima clausola con 70 copie sottoposte allo stesso sconto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi hanno proposto un contratto, tiratura 300 copie, distribuzione Libro CO, invio cartelle stampa, presenza alle principali fiere, ma anche l'impegno ad acquistare 100 copie al 30% di sconto (dicono causa Covid). I libri sono molto belli (anche la parte grafica) e hanno un costo importante a mio parere. I libri che vorrò avere per me non devono essere però condizione necessaria alla pubblicazione, quindi per me è un no.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Purtroppo ultimamente, per vari motivi, non riusciamo sempre a stare appresso a tutto. 

Sposto in Da Testare in attesa di qualche altra testimonianza che ci confermi l'essere divenuti EAP. 

Se poi, come in passato, l'editore ha la possibilità di intervenire con spiegazioni dirette, queste sono ovviamente sperabili e apprezzate. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 25/10/2020 alle 02:23, ElleryQ ha scritto:

Purtroppo ultimamente, per vari motivi, non riusciamo sempre a stare appresso a tutto. 

Sposto in Da Testare in attesa di qualche altra testimonianza che ci confermi l'essere divenuti EAP. 

Se poi, come in passato, l'editore ha la possibilità di intervenire con spiegazioni dirette, queste sono ovviamente sperabili e apprezzate. 

Non sono una casa editrice a pagamento. Ho da poco firmato un contratto con loro che non prevede l’acquisto di nessuna copia.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie per la testimonianza, @EdoAl , ma come avrai letto il forum sta per chiudere, per cui non avrebbe senso spostare la discussione. Inoltre le testimonianze che parlano di editore non free sono maggiori. Al limite potrebbero essere DB.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 20/1/2021 alle 13:15, ElleryQ ha scritto:

Grazie per la testimonianza, @EdoAl , ma come avrai letto il forum sta per chiudere, per cui non avrebbe senso spostare la discussione. Inoltre le testimonianze che parlano di editore non free sono maggiori. Al limite potrebbero essere DB.

Capisco, ci tenevo però a precisarlo, così che anche altri scrittori esordienti come il sottoscritto non escludano la possibilità di pubblicare con loro pensando che sia una EAP.

Mi dispiace molto per la chiusura del forum, vi auguro buona fortuna per il proseguimento.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×