Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

qeimada

La mia esperienza con Amazon KDP

Post raccomandati

Sono difficilmente nella posizione di avere lettori che pensino "boia guarda bomba lui, ora lo presto" xD Sto ancora cercando di suscitare la prima parte della proposizione. Poi già è difficile trovare lettori digitali che commentino, figuriamoci che ne parlino agli amici. 

 

Però c'è ed è una sorta di tutela, non verso un lettore che riesca a levarlo (cosa che si fa facile), ma verso un qualcuno che voglia rubare l'idea. Vedila come una sorta bollino ci certificazione. JPK in data tal de tali ha scritto questo e ne detiene i diritti. Se domani qualcuno frega qualcosa ho la mia base di denuncia.

 

Se non lo attivi quello che metti fuori, a meno di non registrarlo, è praticamente di dominio pubblico. 

 

Ripeto che un lettore se lo levi e lo passi non me ne frega nulla. Ma conosco l'Italia e gli italiani, soprattutto chi fa business. E insomma, il DRM mi dà una piccola protezione dall'ambiente "letteratura".

 

Nel mondo il mercato è così vasto, che questi timori non ci sono, e soprattutto nel mondo non ci sono gli italiani. Quindi un indie americano non lo attiva, perché lui sì ha la possibilità che un lettore lo condivida. I nostri lettori nemmeno commentano...

  • Mi piace 1
  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
24 minuti fa, JPK Dike ha detto:

"boia guarda bomba lui, ora lo presto"

Scusa, ma non ho capito cosa intendi. 

In soldoni: attivo il Digital Rights Management (DRM), e il mio libro può solo essere prestato. Viceversa, senza DRM, il mio libro potrebbe girare gratis per tutti gli e-reader italiani?
Diventa realmente un dilemma commerciale: meglio che il primo volume di una saga sia (quasi) gratuito, nella speranza che poi venga acquistato il seguito? Oppure conviene farlo pagare, tanto non gira comunque e in ogni caso è facile da piratare? E' questa alla fine la vera vexata quaestio, giusto?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Vainamoinen Volevo dire che dopo una lettura qualcuno sia portato a consigliarlo e prestarlo xD

 

DRM e gratuità sono due cose differenti. Io attivo il DRM e comunque faccio periodi gratis. Così però chi lo scarica gratis non può manipolarlo o farlo girare, tranne attraverso le opzioni amazon.

 

Mentre i periodi gratuiti, soprattutto del primo libro, mi danno sempre un boost alle vendite (dei libri successivi) per circa tre settimane dopo. Entro nelle prime pagine amazon (non quelle bestsellers che sono inutili tranne la top 100 generale), ma quelle per qualtià attraverso le tag di ricerca.

 

Dividiti i 5 giorni sui 3 mesi. 2/2/1 o 1/2/2 come ti pare, e quando lo fai, assicurati di comprarti più velocemente possibile 70/80 copie, per entrare nella top 10 gratuiti. POi si sostiene da solo.

 

Per comprartelo: una volta scaricato, vai su contenuti e dispositivi del tuo account, e cancella il file. Dopo 8/9 minuti lo puoi ricomprare. Se usi due account in 4 ore ce la fai. Se fai così, il tuo libro ci sta venga scaricato anche 60/70 volte ogni 24 ore. Ma non è detto. Di queste vendite, ci sta, che 1/2 si trasformi in commento o contatto, o fidelizzazione, se il libro è di buona qualità.

 

E' tutta una questione di numeri. Se il libro è buono, più lo fai girare, più qualcosa succede. E la qualità del libro incrementa le possibilità che un lettore poi compri anche quelli successivi.

 

E assicurati di avere un prezzo tra 1 e 2 euro. Non di più. Non ti fidare di chi dice di venderlo anche a 4/5/6 euro, che sono sonore bufale. Il giochino descritto sopra, loro lo fanno a pago, e con l'opzione 70% riprendono buona parte dei soldi spesi e pompano le classifche.

 

Altrimenti c'è chi come il Grandis che aveva una buona community online, e se lo stampava girando l'Italia, e intendo per mesi, a vendere copie e fare presentazioni. Lui c'ha speso soldi, tempo e c'ha messo parecchio talento. Ma se come me non puoi permetterti una promozione del genere, la sola possibilità come indie è questa sopra. Sempre al netto di un buon libro, e pubblicazioni frequenti.

  • Mi piace 2
  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@JPK Dike Chiaro ed esauriente. Ignoravo però la "tattica" di autocomprarsi: è un buon suggerimento.
Invece se volessi copie cartacee da portare alle presentazioni, KDP non fa sconti particolari all'autore o sbaglio? Conviene quasi farsele stampare da un'altra piattaforma?:s

  • Mi piace 1
  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Vainamoinen Amazon ha appena implementato l'opzione per far comprare all'autore il proprio libro al prezzo di stampa, senza ritenuta loro. Quindi 4/5 euro a volume.

 

Ormai i cuoricini rossi anche solo a parlare con me xD

 

Comunque sì, comprarsi il libro, anche a pago, per stare tra la 500 e la 100 posizione, per chi ha soldi, non è male come strumento di marketing. Il problema sorge quando si fa finta che quelle siano vendite vere. Allora lì si scade quasi nella truffa :)

 

E' tipo un marketing co-op. Pagare un tot al mese amazon, per occupare un determinato posto in classifica. Le CE lo fanno, e Amazon dà la possibilità attraverso questo metodo di farlo fare anche agli indie.

  • Mi piace 3
  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@JPK Dike Intanto, grazie mille per la tua disponibilità. Come detto, vorrei anch'io cominciare a sperimentare con Amazon KDP e ogni fonte di informazioni di prima mano risulta utile per me.

 

5 ore fa, JPK Dike ha detto:

Ma conosco l'Italia e gli italiani, soprattutto chi fa business

 

5 ore fa, JPK Dike ha detto:

e soprattutto nel mondo non ci sono gli italiani

 

Si capisce subito che ami alla follia i tuoi connazionali. :asd:

 

5 ore fa, JPK Dike ha detto:

Però c'è ed è una sorta di tutela, non verso un lettore che riesca a levarlo (cosa che si fa facile), ma verso un qualcuno che voglia rubare l'idea. Vedila come una sorta bollino ci certificazione. JPK in data tal de tali ha scritto questo e ne detiene i diritti. Se domani qualcuno frega qualcosa ho la mia base di denuncia.

 

5 ore fa, JPK Dike ha detto:

Se non lo attivi quello che metti fuori, a meno di non registrarlo, è praticamente di dominio pubblico. 

 

So di andare controcorrente su questo punto, ma ti dico esplicitamente che niente di mio uscirà mai in formato elettronico o cartaceo, da self publisher o tramite CE, che non sia stato precedentemente depositato in SIAE. Ho letto di tutto in proposito, ma, sarà per la mia non più freschissima età, non mi fido delle alternative. Qualunque altra soluzione, come l'autoinvio postale (seriously? direbbe un anglosassone) o i vari siti che forniscono questo tipo di servizi a basso costo, non mi convincono quanto la "cara" (in tutti i sensi), vecchia SIAE. Mi rendo conto che si tratta di una spesa non indifferente, a 130 eurini abbondanti, ma preferisco andare sul sicuro. Sempre gli anglosassoni qui direbbero: better safe than sorry.

 

3 ore fa, JPK Dike ha detto:

Amazon ha appena implementato l'opzione per far comprare all'autore il proprio libro al prezzo di stampa, senza ritenuta loro. Quindi 4/5 euro a volume.

 

Questa è davvero un'ottima notizia! :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@L'antipatico Mi sembra un pò esagerata come fobia.

Lavorando da due anni al mio manoscritto, ho inviato tante lettere digitali ad amici e parenti, che difficilmente qualcuno potrebbe appropriarsi della mia opera e poi sperare di farla franca in tribunale, fra e-mail (pur non PEC) e testimoni a mio favore.
L'unico riserva era se pubblicare con uno pseudonimo, poi avendo scelto il mio vero nome, non penso esistano problemi di plagio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@L'antipatico Beh se vai con la Siae vai sul sicuro. Quindi te ne puoi fregare. Conosco gli italiani perché sono uno di loro! :)

 

Comunque son ben lieto di dare tutte queste informazioni anche per un motivo egoista. Nel momento che più persone cominciassero a produrre in self lavori di qualità, il lettore prenderebbe l'abitudine a leggere self, andando oltre il pregiudizio, e ci sarebbe più mercato per tutti.

 

La competitività tra scrittori vale solo sulla scrittura. Il mercato esiste, e i lettori hanno soldi e tempo, in un anno, di leggere, e quindi comprare, il mio, il tuo, e quello di molti altri. Quindi la sotria delle vendite rovinate dall'affollamento è solo una bufala.

  • Mi piace 2
  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

 

4 ore fa, JPK Dike ha detto:

@L'antipatico Beh se vai con la Siae vai sul sicuro.

 

Se si intende sicuro che paghi di più per avere neno dei servizi alternativi, è certamente vero

 

https://www.patamu.com/index.php/it/it-servizi/tutela-dal-plagio/tipi-account

 

Tutto ciò che occorre è una marca temporale elettronica che ha validità giuridica nel determinare la data di preesistenza di un'opera e Patamu la offre con molti altri servizi e vantaggi che uno se li sogna con la SIAE che prima fallisce e va in malora e prima la smettete di pagare di più supporti di memorizzazione (hard, disk, schede sd, cellulari...) per la stramaledetta tassa sui dispositivi per il salvataggio dei dati

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Vorrei fare un aggiornamento al post e andare avanti a raccontare la mia esperienza ad un settimana dalla pubblicazione. Vado per punti.

1) Qualità di stampa Amazon. Perfetta. Anzi, al tatto, la copertina e la carta mi sembrano migliori di quelle dei libri in commercio. Il libro viene stampato in Polonia e ci impiega circa una settimana ad essere consegnato all'acquirente.

2) Durante il Black Friday ho messo l'ebook a prezzo di zero euro e ci sono stati circa 300 download. Questo per me significa che la gente ama leggere gratis e scarica tutto. Però il libro è stabilmente nella prima pagina della classifica Amazon, che era il mio obiettivo. Bisogna rimanere lì per farsi notare dalle CE, inutile mandare manoscritti e non dormirci la notte. O meglio, bisogna farlo, ma dopo essersi autopubblicati. Questa è la mia opinione. E' facile e alla portata di tutti. Sopratutto su Amazon. Ed è meglio presentarsi con un libro in posizioni alte di classifica.

3) Io avevo messo il mio libro, 455 pagine (costo di stampa 6 euro) a 13,90 al pubblico. Amazon ha abbassato il prezzo a 12.19. Cosa positiva perché le royalties sono invariate e Amazon decide di guadagnare meno. 

4) Ho fatto una campagna Facebook, al momento in perdita e ho avuto circa 30 acquisti. Sto cercando di ottimizzare i costi e fare in modo di migliorare il target. Questa è un'operazione che va nel tempo. E' fatta di prove ed investimenti.

5) Ho cominciato a contattare blog. Ovviamente gli influencer più quotati hanno costi che sfiorano 100€ a post su facebook. Ne sceglierò uno  vendiamo quanto rende.

6) Col libro di carta in mano mi sono accorto di ulteriori refusi. Mi spiace per quelli che l'hanno comprato, ma non posso farci nulla. Ho corretto, uploadato i file corretti senza problemi. Si può modificare tutto in corso d'opera, tranne i dati principali del libro.

7) Ho avuto bisogno di assistenza per un problema sulla copertina, hanno risposto in poche ore e il problema si è risolto.

Quindi il mio giudizio su Amazon KDP è estremamente positivo e non passerei mai a YCP o altre. Ora il lavoro da fare è fare pubblicità ed investire.

  • Mi piace 2
  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, JPK Dike ha detto:

@tom_bombadillo Di certe cose non me ne intendo. So solo che la SIAE non è proprio un ente trasparente.

Eh, purtroppo se la conosci la eviti, ritardi sui pagamenti delle royalties agli autori, scandali vari, rapporti di parentela dei dipendenti assunti, cifre folli per gli stipendi ecc...)

 

http://aldomigliorisi.blogspot.it/2015/04/il-favoloso-mondo-della-siae.html

 

E poiché anche sulle schede sd e hard disk c'è il balzello siae, meglio comprare all'estero per non darle nemmeno un centesimo

 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, qeimada ha detto:

Vorrei fare un aggiornamento al post e andare avanti a raccontare la mia esperienza ad un settimana dalla pubblicazione. Vado per punti.

1) Qualità di stampa Amazon. Perfetta. Anzi, al tatto, la copertina e la carta mi sembrano migliori di quelle dei libri in commercio.

La carta è ruvidina e porosa? Bianca o avorista/crema?

2 ore fa, qeimada ha detto:

Il libro viene stampato in Polonia e ci impiega circa una settimana ad essere consegnato all'acquirente.

E la peppa! Meglio di lulu e createspace!

2 ore fa, qeimada ha detto:

6) Col libro di carta in mano mi sono accorto di ulteriori refusi. Mi spiace per quelli che l'hanno comprato, ma non posso farci nulla. Ho corretto, uploadato i file corretti senza problemi. Si può modificare tutto in corso d'opera, tranne i dati principali del libro.

Io ottengo libri con zero sbagli con questo sistema:

 

Li trasformo in audiolibri (ci sono tanti servizi on line come fromtexttospeech.com) e ascoltandoli già tolgo il 79% degli errori, poi ascoltandoli col testo davanti tolgo tutti gli altri. 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
45 minuti fa, tom_bombadillo ha detto:

Eh, purtroppo se la conosci la eviti, ritardi sui pagamenti delle royalties agli autori, scandali vari, rapporti di parentela dei dipendenti assunti, cifre folli per gli stipendi ecc...)

 

Però tutti questi problemi non hanno rilevanza per uno scrittore. Non c'è mica bisogno di associarsi per depositare la propria opera. In pratica la SIAE mi fa da notaio, a un costo inferiore.

 

1 ora fa, qeimada ha detto:

3) Io avevo messo il mio libro, 455 pagine (costo di stampa 6 euro) a 13,90 al pubblico. Amazon ha abbassato il prezzo a 12.19. Cosa positiva perché le royalties sono invariate e Amazon decide di guadagnare meno.

 

Questa non l'ho capita. Tu avevi scelto un prezzo e Amazon te l'ha abbassato d'ufficio? Ti hanno dato spiegazioni? E come fai a guadagnare lo stesso importo per copia venduta? Significa che ti hanno concesso una percentuale maggiore del 35% previsto per quel tipo di prezzi?

 

1 ora fa, qeimada ha detto:

1) Qualità di stampa Amazon. Perfetta. Anzi, al tatto, la copertina e la carta mi sembrano migliori di quelle dei libri in commercio. Il libro viene stampato in Polonia e ci impiega circa una settimana ad essere consegnato all'acquirente.

 

Pensa che l'unico libro autopubblicato da me acquistato arriva da Lipsia, Germania. Si vede che in Italia non se ne parla proprio di stampare libri, nemmeno su commissione! Carta e stampa mi piacciono molto (carta crema, liscia al tatto), mentre la copertina non mi fa impazzire. Il problema con le copertine prive di alette è sempre lo stesso: gli angoli si rovinano molto in fretta. Però in compenso non è così rigida da bloccarsi in posizione semi-aperta, come capita a volte con edizioni troppo economiche.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@tom_bombadillo La carta è color avorio, liscia, ma la copertina (opaca) al tatto mi piace molto, mi ricorda il cuoio, non so come spiegare. Ottimo il tuo consiglio, ne farò tesoro.

@L'antipatico Amazon ha messo il costo del cartaceo a 12.19 d'ufficio, ma la mia commissione è invariata. Semplicemente guadagna di meno. Non c'è bisogno di spiegazioni, il libro costa meno ed è tutto a mio vantaggio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
22 ore fa, JPK Dike ha detto:

@Vainamoinen Amazon ha appena implementato l'opzione per far comprare all'autore il proprio libro al prezzo di stampa, senza ritenuta loro. Quindi 4/5 euro a volume.

Tale opzione non riesco a visualizzarla... dove la trovo?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Vainamoinen E non so. Ci sta che al momento non sia attivata. Avevo letto da qualche parte, in inglese quindi appunto ci sta che sia ancora da implementare, tipo da gennaio, che amazon avrebbe dato la possibilità di far comprare copie a prezzo di stampa all'autore, e copie di prova per per rivedere l'impaginazione e la copertina prima di metterlo fuori.

 

Comunque se ritrovo l'articolo, o vedo come fare, ti faccio sapere. Al momento non lavoro sul cartaceo, quindi non c'ho fatto troppo caso.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Peccato. Una decina, al modico prezzo di stampa di 9,76€, li avrei comprati volentieri...
Quasi quasi li faccio stampare da un'altra piattaforma POD...xD

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Vainamoinen Va beh, quando feci il cartaceo, lo misi a 6 euro e praticamente pagavo solo il prezzo di stampa e la commissione ad amazon. Però non so quante te ne servano a te. Io credo di non aver superato le 10 copie personali.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Comunque Amazon mi ha attivato ora la beta del programma copie autore e copie di prova, appena ho modo di usarlo ti faccio sapere.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non credo che comprerò più di 10 copie cartacee. Gli altri devono muovere il ditino ed andare su Amazon. Non ho intenzione di andare per librerie o fare da distributore. Investo in pubblicità non in copie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Diciamo che una ventina di copie personali sarebbero gradite. Ma non a 18€ l'una... E purtroppo, come dicevo sopra, il costo di stampa di 718 pagine è decisamente alto... 

Poi nemmeno io andrò a vendere di porta in porta il libro, ma un omaggio alla biblioteca cittadina piuttosto che all'università della terza età mi pare un utile promo... 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Vainamoinen scusa ma non capisco il problema...tu puoi usare amazon KDP e poi andare in una qualsiasi tipografia online od offline e stamparlo ad un prezzo più basso, se lo trovi. Si tratta di formati (pdf) universali che bene o male verranno sempre uguali dovunque li stampi e comunque nessuno se ne accorgerebbe.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Piattaforme POD mi sparano prezzi assurdi. E alcuni si appoggiano proprio ad amazon per la stampa. Nel caso KDP non implementi il programma copie autore, finirò col rivolgermi a qualche tipografia fisica.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
7 ore fa, Vainamoinen ha detto:

Piattaforme POD mi sparano prezzi assurdi. E alcuni si appoggiano proprio ad amazon per la stampa. Nel caso KDP non implementi il programma copie autore, finirò col rivolgermi a qualche tipografia fisica.

Perché sbagli candeggio.

 

Prova iloveprint e vedrsi che prezzi bassi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@tom_bombadillo Grazie per la dritta! Purtroppo non stampa il formato del mio romanzo: dovrei reimpaginare, e quel che è peggio, avrei copie con formati diversi. Inoltre l'ordine minimo, 50 copie, è un pò troppo... Ma grazie comunque per la segnalazione!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×