Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Post raccomandati

( il commento è diviso in due parti, sto col cellulare...)

 

Ok, è un sogno premonitore. Quando sogno con questa intensità, e mi sembra di sentire suoni, odori, provo emozioni, e so che da sveglia ricorderò tutto, è perché è un sogno lucido premonitore. Non sono mai belli ma devo viverlo. Ecco. Stavolta riguarda me. Mi vedo dall'esterno, sono io. Sta' calma.
Un paio d'anni e si avverano. Come quando ho predetto la morte di... calma. E si è avverato tutto. Calmati, cerca di memorizzare più che puoi. Domattina sarò stanchissima, mi succhiano la vita...

Sono io. Sono più magra, un po' più vecchia, ho gli occhi più piccoli, sembro venir fuori da una grossa fatica. Sono vestita col Parka. Sì ma io ho paura, ho paura di fare questi sogni quando riguardano me, cazzo!  
Eccomi. Stringo un bambino, un neonato, allora è vero che sono incinta, i miei sospetti della vita vera sono fondati. 
Questo piccolo fagotto color verde militare, sbuca il suo visetto rotondo, ha una cuffietta deliziosa, pure lei verde. Il bambino è la cosa più bella che io abbia mai visto. Lo stringo a me e sento profumo di latte e di rose. Lo guardo e lui mi guarda con grossi occhi marroni. Sento amore, lo amo, mio dio lo amo, lo amo, ti amo, lo bacio, ti amo non voglio uscire da questo sogno. So che è un sogno, ma sei tu, noi ci incontreremo davvero, non nato, capito, nascerai da me. Come ti chiami?
E lui mi guarda e fa le bolle con la bocca.
Devo trovarglielo io il nome, sono la madre. E se lo chiamassi come il nonno defunto, o non è forse un tristo presagio?
Lo proteggo sotto il Parka. Sto in una villa bella, ci sono i miei parenti, sono un po' malinconici e un po' festanti. Cercano di andare avanti.
Ma chi è il padre? Ma il mio fidanzato attuale è il padre? Ma lui lo sa?
Oddio che pace che sento nel cuore, come si fa a buttarti via, io ti voglio stringere al petto, ti voglio dare il latte,  voglio una casa e chiamarla col tuo nome. Sai di casa. Eccolo l'amore di una madre, quello che da sveglia non riesco a capire. La mia vita è intatta.
Me stessa fa il numero del mio attuale fidanzato, ah ma allora è lui il padre. Ok, quindi non ci lasciamo a breve. E perché non sa della gravidanza? Non la voleva accettare e io mi sono intestardita e l'ho portata a termine? Ho fatto bene!
Il bambino tossisce. Mi avvicino al suo petto, sento il suo cuore che rimbomba nelle mie orecchie. È vivo. Eppure inizio ad avvertire una brutta sensazione. No. No, no, no. È un bambino con problemi, allora. Stacco l'orecchio e torno a guardarlo, il bambino si è trasformato in un pupazzo di gomma, ha una faccia brutta, demoniaca, non respira. Se premo il petto emette "popi popi". Lo lascio andare come se avessi una nidiata di biforcole in mano.

Cazzo, cazzo, avrò una gravidanza con problemi allora. Svegliati, svegliati, non voglio sapere oltre, si sta trasformando in un incubo, apri gli occhi e interrompi tutto.
Ma devo sapere... di sogni così ne faccio uno ogni due anni, di media.
Io non la voglio leggere questa pagina! Non la voglio così la mia storia!
Apro gli occhi. 
Cazzo di ore sono? Saranno le cinque.
Tra due ore in piedi, mi conviene riaddormentarmi? Nah, caffè su caffè e via... oggi nove ore di lavoro ho.
Ne devo parlare col mio ragazzo? Ma da quant'è che non lo sento?
Ho l'angoscia che mi formicola nel petto, la mando giù col Lavazza rosso niente zucchero.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Letiziadilorenzo Ciao Letizia!

Sei riuscita a trascinarmi nella storia :rosa:

C'è ancora da lavorare sul testo. la frase 

3 ore fa, Letiziadilorenzo ha detto:

Quando sogno con questa intensità, e mi sembra di sentire suoni, odori, provo emozioni, e so che da sveglia ricorderò tutto, è perché è un sogno lucido premonitore.

mi sembra un po' ingarbugliata, messa così, all'inizio. Sei perfettamente capace di iniziare un brano in modo più interessante.

Ci sono poi le ripetizioni. Alcune, è vero, sono volute, ma sono un po' troppe.

Per il resto, mi è piaciuto e mi ha coinvolto.

Un abbraccio!

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao, il tuo racconto mi è piaciuto molto. Devo confessarti che stavo leggendo con molta calma il racconto  ma, al momento della telefonata e ciò che accade dopo, mi sono avvicinato allo schermo leggendo sempre più rapidamente.

Solo alla fine ho realizzato, il tema del racconto, nonostante avessi notato la tua esca.

Complimenti, davvero.

 

MI permetto di fare alcune osservazioni

3 ore fa, Letiziadilorenzo ha detto:

i miei sospetti della vita vera sono fondati.

 

 

Qui, con vita vera, ti riferisci ovviamente al periodo della veglia. Quella preposizione, forse, confonde un po' se anteposta a vita vera. Scriverei "nella vita vera" oppure "da sveglia". O, ancora, forse meglio, "I miei sospetti allora sono fondati".

 

 

3 ore fa, Letiziadilorenzo ha detto:

Oddio che pace che sento nel cuore, come si fa a buttarti via, io ti voglio stringere al petto, ti voglio dare il latte,  voglio una casa e chiamarla col tuo nome. Sai di casa. Eccolo l'amore di una madre, quello che da sveglia non riesco a capire. La mia vita è intatta.

 

Eccola, l'esca. L'avevo notata, ma non mi aspettavo il modo in cui sarebbe proseguito il racconto. Complimenti.

Invece ho trovato di difficile interpretazione "La mia vita è intatta". Non ti sto suggerendo di eliminare la frase, anche perché, mentre scrivo, mi rendo conto che probabilmente la frase della ragazza è la constatazione, incredula, che nonostante quello che sta pensando in quel periodo (aborto, paura della gravidanza, paura della vita che avrà con la nascita del bimbo), la sua vita sarà bella, diversa da come la stava immaginando. Se così, ben fatto. Altrimenti... mi sa che non ho capito :D

 

3 ore fa, Letiziadilorenzo ha detto:

Cazzo, cazzo, avrò una gravidanza con problemi allora. Svegliati, svegliati, non voglio sapere oltre, si sta trasformando in un incubo, apri gli occhi e interrompi tutto.
Ma devo sapere... di sogni così ne faccio uno ogni due anni, di media.
Io non la voglio leggere questa pagina! Non la voglio così la mia storia!

 

Ecco, mi piace l'accelerazione del di questa parte. Ma quella frase che ho evidenziato, a mio avviso, rallenta di colpo la narrazione. In più, lei dice che vuole sapere ma subito dopo dice di non volerla vedere quella parte. Se la eliminassi, probabilmente il testo scorrerebbe meglio e il senso rimarrebbe inalterato.

 

3 ore fa, Letiziadilorenzo ha detto:

Cazzo di ore sono? Saranno le cinque.
Tra due ore in piedi, mi conviene riaddormentarmi? Nah, caffè su caffè e via... oggi nove ore di lavoro ho.
Ne devo parlare col mio ragazzo? Ma da quant'è che non lo sento?
Ho l'angoscia che mi formicola nel petto, la mando giù col Lavazza rosso niente zucchero.

 

Personalmente avrei messo l'accento sul senso di malinconia, di angoscia, gli strascichi del sogno-incubo che riecheggiano dentro di lei mentre riprende coscienza. Avrei provato a chiudere con maggiore inquietudine, mentre qui mi sembra che lei torni a una sorta di normalità. Pur non volendosi riaddormentare, chiaro.

Forse, essendo abituata a quelle premonizioni, reagisce con più calma e meno inquietudine rispetto a chiunque altro. E, in questo caso, la chiusura ci starebbe.

Credo dipenda dal gusto personale e dalla sensazione che vuoi trasmettere al termine del racconto.

 

A presto!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buongiorno @Letiziadilorenzo :flower: il tuo titolo mi ha incuriosito molto, è davvero originale.:angelo: Mi ha fatto venir la voglia di leggerlo.

 

13 ore fa, Letiziadilorenzo ha detto:

Ok, è un sogno premonitore. Quando sogno con questa intensità, e mi sembra di sentire suoni, odori, provo emozioni, e so che da sveglia ricorderò tutto, è perché è un sogno lucido premonitore.

Stanotte, caso vuole, ho fatto un sogno così:asd:

 

14 ore fa, Letiziadilorenzo ha detto:

i miei sospetti della vita vera sono fondati

Toglierei: della vita vera.

 

14 ore fa, Letiziadilorenzo ha detto:

Questo piccolo fagotto color verde militare,

Perchè verde militare?

 

14 ore fa, Letiziadilorenzo ha detto:

come si fa a buttarti via,

Che cosa? la pace?

 

14 ore fa, Letiziadilorenzo ha detto:

Se premo il petto emette "popi popi".

Inverosimile. E' un robot?

 

14 ore fa, Letiziadilorenzo ha detto:

oggi nove ore di lavoro ho.

Suona male! Meglio: oggi ho nove ore

 

Conclusione: racconto molto breve che potrebbe essere preso come un monologo soddisfaciente. Ci vedo tanta ansia e m'immagino una donna che pur calma, asima. Scorrevole ma secondo me imperfetto. E' un figlio di un militare? Per il messaggio che vuoi lasciare, bhè nè possiamo parlare in privato. Non amo fare polemiche se una polemica è la mia, non lo so. Comunque mi ha turbata non poco.

 

Buona giornata.

Floriana

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao @Letiziadilorenzo,

ho letto volentieri il racconto incuriosita dal titolo e dal sogno premonitore.

Per quanto riguarda lo stile, il testo è pieno di ripetizioni e parolacce che avrei evitato, ma forse sono state inserite volontariamente per renderlo ansiogeno e pulp.

Provo lo stesso a fare qualche revisione sul testo:

On 8/11/2017 at 21:10, Letiziadilorenzo ha detto:

Sono io. Sono più magra, un po' più vecchia, ho gli occhi più piccoli, sembro venir fuori da una grossa fatica. Sono vestita col Parka. Sì ma io ho paura, ho paura di fare questi sogni quando riguardano me, cazzo!

avrei scritto: Sono io, più magra e un pò più vecchia. Ho gli occhi piccoli e sembro venir fuori da una grossa fatica. Indosso il Parka. Ho paura di fare questi sogni quando riguardano me!

On 8/11/2017 at 21:10, Letiziadilorenzo ha detto:

Questo piccolo fagotto color verde militare, sbuca il suo visetto rotondo, ... .

On 8/11/2017 at 21:10, Letiziadilorenzo ha detto:

Ma chi è il padre? Ma il mio fidanzato attuale è il padre? Ma lui lo sa

avrei scritto: Da questo piccolo fagotto color verde militare, sbuca il suo visetto rotondo ...

Ma chi è il padre? il mio fidanzato attuale? lui lo sa?

 

On 8/11/2017 at 21:10, Letiziadilorenzo ha detto:

Me stessa fa il numero del mio attuale fidanzato, ah ma allora è lui il padre. Ok, quindi non ci lasciamo a breve.

avrei scritto: Vedo me stessa digitare il numero del mio fidanzato attuale. Ah ma allora è lui il padre! Ok, quindi non ci lasciamo a breve.

 

Il contenuto è forte e macabro, un pò breve per essere un racconto ma abbastanza da rimanere impresso. Mi sembra quasi un monologo scritto per essere recitato in teatro. Il personaggio ha le caratteristiche per inserito in un romanzo noir fra i sospettati di un crimine.

Nel complesso lo giudico un testo particolare.

 

Saluti e a rileggersi!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Alle 8/11/2017 at 21:10, Letiziadilorenzo ha detto:

Ok, è un sogno premonitore. Quando sogno con questa intensità, e mi sembra di sentire suoni, odori,

 

Alle 8/11/2017 at 21:10, Letiziadilorenzo ha detto:

Se premo il petto emette "popi popi".

Mi hai fatto ribaltare:D

 

Mi ha incuriosito la biscottata con marmellata, così sono passato al latte. Una colazione fuori orario, una bella colazione.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Letiziadilorenzo, il tema del sogno premonitore è uno di quelli che prediligo (c'è un racconto di King che ho trovato splendido,  "il Sogno di Harvey", nel suo crescendo rapido ed incalzante...) e credo che nel tuo racconto ci sia tutto il potenziale per uno sviluppo maggiore (se dovessi effettivamente svilupparlo fammi un fischio!). Mi è piaciuto il tuo saper rendere le sensazioni confuse e i ricordi che si accavallano, ed il rapido dimenticare i dettagli che si verificano invariabilmente dopo un sogno (anche se vissuto come perfettamente vivido).   

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Alle 8/11/2017 at 21:10, Letiziadilorenzo ha detto:
Alle 8/11/2017 at 21:10, Letiziadilorenzo ha detto:

Ok, è un sogno premonitore. Quando sogno con questa intensità, e mi sembra di sentire suoni, odori, provo emozioni, e so che da sveglia ricorderò tutto, è perché è un sogno lucido premonitore. Non sono mai belli ma devo viverlo. Ecco. Stavolta riguarda me. Mi vedo dall'esterno, sono io. Sta' calma.

Ciao Letizia, mi piace lo stile colloquiale con cui inizi il racconto.

Proverò a darti qualche spunto.

Iniziamo: toglierei la "e" dopo la virgola, prima di "mi sembra". Metterei un punto dopo "Provo emozioni". In sostanza, spezzerei il periodo in due. 

Poi: "non sono mai belli, ma devo viverlI".

Alle 8/11/2017 at 21:10, Letiziadilorenzo ha detto:

Calmati, cerca di memorizzare più che puoi. Domattina sarò stanchissima, mi succhiano la vita...

Secondo me, in questo caso la seconda singolare non ci sta bene. Mi suona meglio un: "Devo stare calma e cercare di memorizzare più che posso".

Alle 8/11/2017 at 21:10, Letiziadilorenzo ha detto:

sembro venir fuori da una grossa fatica

Non mi piace come espressione.

 

Alle 8/11/2017 at 21:10, Letiziadilorenzo ha detto:

Stringo un bambino, un neonato, allora è vero che sono incinta, i miei sospetti della vita vera sono fondati. 

Metterei un punto dopo "neonato"

 

Alle 8/11/2017 at 21:10, Letiziadilorenzo ha detto:

E lui mi guarda e fa le bolle con la bocca.

Molto bella questa immagine

 

Alle 8/11/2017 at 21:10, Letiziadilorenzo ha detto:

E se lo chiamassi come il nonno defunto, o non è forse un tristo presagio?

La scriverei così: Potrei chiamarlo come il nonno defunto, ma cambio idea: temo sia un triste presagio.

 

Alle 8/11/2017 at 21:10, Letiziadilorenzo ha detto:

Ma chi è il padre? Ma il mio fidanzato attuale è il padre? Ma lui lo sa?

Toglierei tutti e tre i "ma" con cui inizi le domande.

 

Alle 8/11/2017 at 21:10, Letiziadilorenzo ha detto:

Stacco l'orecchio e torno a guardarlo, il bambino s..

Metterei anche qui un punto dopo "guardarlo".

 

In conclusione, il racconto ha uno stile diretto - parli con il lettore come se fosse un tuo amico, e questo per me è un punto a favore. 

Secondo me ci sono un po' di cosette da rivedere. Prova a riscriverlo tenendo a mente i vari consigli che hai ricevuto da chi mi precede e vedi un po' come ti viene.

La parte della riscrittura è quella più tosta, ma di solito ne vale la pena.

A rileggerti

Ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×