Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Steve666

Sangue: reazioni e dettagli medico-legali

Post raccomandati

Buongiorno a tutti. Ho un problema - dubbio e avrei bisogno di un parere tecnico (medico-legale) per non scrivere cavolate.

Purtroppo non ho mai sgozzato nessuno su di un prato innevato (per mancanza di neve, ovviamente!) e quindi ho alcuni dubbi riguardo alla "reazione" del sangue sulla neve.

Posto che in quanto liquido "caldo" dovrebbe sciogliere almeno in parte la neve su cui cade, i miei problemi iniziano riguardo al colore che dovrebbe assumere.

Il sangue tende a scurire con il tempo, ossidandosi... ma in quali tempistiche? E queste tempistiche vengono accelerate o rallentate dalla neve?
In pratica il sangue sul cadavere e quindi non a contatto con la neve dovrebbe scurirsi prima o dopo di quello che è invece caduto a terra? Sapete darmi anche delle tempistiche approssimative prima che il sangue coaguli e si solidifichi? Mi servirebbe per capire se si può risalire con precisione (più o meno) all'ora del decesso confrontando le due reazioni diverse.
Rispondendo a questo post mi risparmierete figuracce (sono in fase di revisione e non voglio scrivere stupidaggini!) e vi ringrazio anche a nome di colui/colei che non dovrò più usare come test alla prossima nevicata. :P

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sull'essiccazione del sangue trovi informazioni qui.

E in generale su problemi di medicina, legale e non, sgozzamenti e amenità varie, qua trovi una valanga d'informazioni.

Sulla colorazione che assume la neve qualcuno forse ti risponderà nel dettaglio.

Però, scusa eh, come si fa a occuparsi di certi argomenti se 

17 minuti fa, Steve666 ha detto:

Purtroppo non ho mai sgozzato nessuno

bisogna documentarsi: è la prima regola di uno scrittore.

Su, va' a sgozzare qualcuno! :lol:

  • Mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Adesso, Marcello ha detto:

Però, scusa eh, come si fa a occuparsi di certi argomenti se 

bisogna documentarsi: è la prima regola di uno scrittore.

SU, vai a sgozzare qualcuno! :lol:

Il problema è che il romanzo è ambientato durante la grande nevicata dell'87 (oltre 1 metro a Torino) e quindi ho bisogno che nevichi nuovamente, ma il mio editor non è persona così paziente. O sgozzo lei (ammesso mi voglia seguire in montagna, ma ne dubito sapendo le mie intenzioni) oppure devo rimettermi alle esperienze dei colleghi del forum. 
Per i link, grazie Marcello! :sss:

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il freddo ritarda (e può anche annullare) la coagulazione. In questo modo il sangue si cristallizza, e la neve rimane di un rosso vivo molto a lungo.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, Steve666 ha detto:

Posto che in quanto liquido "caldo" dovrebbe sciogliere almeno in parte la neve su cui cade, i miei problemi iniziano riguardo al colore che dovrebbe assumere.

Il sangue tende a scurire con il tempo, ossidandosi... ma in quali tempistiche? E queste tempistiche vengono accelerate o rallentate dalla neve?

 

Certamente dipende dalla quantità di sangue defluito. Se si tratta di discrete quantità (come nel caso dello sgozzamento) ci sarà un po' di scioglimento della neve (il sangue è caldo ma non bollente), ma dipende anche dalla temperatura esterna, per cui tra quella atmosferica e quella della neve il raffreddamento (cristallizzazione) sarà piuttosto veloce. Non so darti, però, le tempistiche precise.

Tieni conto che i campioni di sangue prelevati sulla scena di un crimine, se ancora allo stato liquido o semisolido vengono immediatamente congelati durante il repertamento, affinché conserivino il più possibile le proprietà, per cui l'essiccamento del sangue (a contatto con l'atmosfera esterna) viene di certo rallentato dalla neve (ma anche in questo caso non so darti delle tempistiche specifiche).

La traccia ematica semisolida viene prelevata con una spatola (o con pinzette se si tratta di piccole tracce), inserita in un contenitore sterile e congelata.

Se la traccia è secca, cito:

 

Cita

- quando la traccia si trova su superficie assorbente, ad  esempio tessuti, si preleva l’intera area interessata, includendo una parte non macchiata, in modo da consentire l’effettuazione di controlli negativi al momento dell’analisi biologica;

 

- se la traccia si trova su un substrato non assorbente, si procede attraverso una striscetta di carta bibula in precedenza imbevuta di soluzione fisiologica, o acqua distillata sterile che è fatta aderire alla traccia ematica, promuovendo così l’assorbimento del  materiale, si fa quindi asciugare all’aria e s’invia al laboratorio in buste di carta.

 

4 ore fa, Steve666 ha detto:

In pratica il sangue sul cadavere e quindi non a contatto con la neve dovrebbe scurirsi prima o dopo di quello che è invece caduto a terra? Sapete darmi anche delle tempistiche approssimative prima che il sangue coaguli e si solidifichi? Mi servirebbe per capire se si può risalire con precisione (più o meno) all'ora del decesso confrontando le due reazioni diverse.

 

Sì, è possibile risalire a un'ora abbastanza precisa, tenendo conto anche delle possibili variabili, perché il cadavere potrebbe essere vestito (allora il sangue potrebbe essere stato assorbito in parte dai tessuti) o completamente nudo. In ogni caso un medico legale sarà ingrado di risalire, con un'approssimazione abbastanza vicina alla precisione, all'ora del decesso. In condizioni normali il sangue fuoriuscito coaugula in 2-10 minuti, ma a 0 gradi congela, avendo una buona parte acquosa.

  • Mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×