Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Dale

Edizioni del Gattaccio

Post raccomandati

[Dal 17 ottobre 2017 le Edizioni del Gattaccio non chiedono più nessun contributo per leggere i manoscritti.]

 

Nome: Edizioni del Gattaccio

Generi trattati: Romanzi e raccolte di racconti; saggistica sociale, psicologia, storia, attualità; tesi di laurea; racconti di viaggio e di vita lontana da qui; leggende dello sport; testi teatrali e poetici.

Modalità di invio dei manoscrittihttp://edizionidelgattaccio.it/proponi-un-testo/

Distribuzione: non pervenuta

Sitohttp://edizionidelgattaccio.it/

Facebookhttps://www.facebook.com/edizionidelgattaccio/

Dalla loro presentazione: "cerchiamo romanzi e raccolte di racconti; saggistica sociale, psicologia, storia, attualità; tesi di laurea; racconti di viaggio e di vita lontana da qui; leggende dello sport; testi teatrali e poetici. Soprattutto: uno stile innovativo. Meglio quindi tu dia anche un’attenta occhiata al nostro catalogo: http://edizionidelgattaccio.it/le-collane/"

Li conosco perché fanno alcuni corsi di scrittura creativa all'Università Statale di Milano. Mi sembrano seri e simpatici, ma per proporre loro un romanzo ti chiedono di iscriverti alla loro associazione con 10 euro di contributo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ha risposto molto gentilmente Luciano Sartirana, il Direttore editoriale. Riassumo:


Accettano esordienti: più della metà dei loro autori lo sono.
Gli autori non danno alcun tipo di contributo, se non impegnarsi insieme alla CE nella promozione on e off line del libro. Gli autori ricevono la loro quota di diritti d'autore (15% sul prezzo di copertina) sul venduto.
I testi che scelgono di pubblicare passano per le fasi di correzione bozze, editing, impaginazione e stampa a carico della CE.

Servizi editoriali di ogni tipo al di fuori da libri che pubblicano sono a pagamento. 
Per la distribuzione lavorano con: alcune librerie amiche, con contatto diretto, cui riconosciamo il 35% di sconto; un distributore nazionale, Libro Co. Italia, con sede vicino a Firenze; acquisto diretto dal sito (la maggior parte delle entrate); eventi e presentazioni.
L'autore è seguito e promosso tramite presentazioni dal vivo, campagne on e off line sia con annunci a pagamento che in libera comunicazione, comunicati stampa, partecipazione a fiere dell'editoria ed eventi pubblici; e un continuo confrontarsi personale e individuale riguardo le cose da fare.

 

 

Chiederò conferma riguardo questo punto:

On 6/9/2017 at 11:31, Dale ha detto:

per proporre loro un romanzo ti chiedono di iscriverti alla loro associazione con 10 euro di contributo.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ci hanno confermato per richiedono la quota associativa nel momento in cui si invia un manoscritto da valutare.

La discussione viene spostata quindi in "A pagamento": siamo consci che il loro contributo è di 10 euro, e che quindi non ha niente a che fare con i contributi di acquisto copie da centinaia o migliaia di euro, quindi è stata inserita una specifica nel primo messaggio.

 

Li abbiamo invitati sul forum e qualora accettassero potranno spiegare in prima persona il perché del contributo (si può condividere o meno la scelta, l'importante è rispettarla).

Buon proseguimento.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La Casa Editrice ci ha contattato per assicurarci che dal 17 ottobre non chiederanno più un centesimo per leggere i manoscritti.

Sposto la discussione in "da testare" e dal 17 ottobre saranno spostati in Free.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao, nessuno ha notizie recenti da questa CE? Sembrano interessanti. Io ho inviato oggi il manoscritto e credo acquisterò un libro in catalogo per farmi un'idea migliore. Comunque ho apprezzato molto sul loro sito il fatto che pubblichino un estratto del libro, così chi lo acquista può farsi preventivamente un'idea dello stile. Almeno per quel che riguarda la poesia che interessa a me. Trovo questa politica sinonimo di estrema buona fede in ciò che fanno, per questo spero proprio che mi accettino 😉

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho avuto a che fare con il direttore editoriale per alcuni chiarimenti. È stata un'esperienza poco piacevole. Nelle risposte, la persona è risultata aggressiva e arrogante in maniera del tutto ingiustificata (nota personale: avere un ruolo in una piccola casa editrice non rende Einaudi o infallibili).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 4/10/2019 alle 14:56, La*cla ha scritto:

Oh @Ludwig von Drake mi spiace...avresti voglia di spiegare perché? Tipo hai avuto un rifiuto o ti hanno sottoposto una bozza di contratto e volevi dei chiarimenti?

La discussione concerneva l'editing di un testo di una terza persona.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×