Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Giuliano G.

La mia personale esperienza con KDP Select e Kindle Unlimited

Post raccomandati

Grazie @Giuliano G. intanto per la tua testimonianza, che ho trovato interessante ed esauriente.
Ti chiedo qualche delucidazione tecnica, per me che non sono informatico: tu hai semplicemente fatto il passaggio docx-pdf-kindle, o hai dovuto mettere mano al testo anche con HTML?

Ancora, il passaggio da e-book a cartaceo, richiede due formattazioni diverse del testo?
Grazie in anticipo per eventuali risposte.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Giuliano G. Mah. Consideratemi un inguaribile romantico. Per me la prima azione di marketing è la qualità del romanzo.

Senza quella, le altre sono inutili. Con la qualità, ben vengano.

Volendo fare una classifica, direi: visibilità (segnalazioni), prezzo, quarta di copertina, copertina, posizione in classifica (della serie "piove sempre sul bagnato").

Le recensioni le metterei all'ultimo posto. Le ragioni sono evidenti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie @Vainamoinen ,

mi fa piacere che tu abbia trovato utile la discussione. :)

 

Per trasformare un Doc in Kindle, a meno che non si tratti di un libro illustrato, non si deve passare dal PDF, altrimenti le pagine non potranno essere "fluide" (l'impaginazione che scorre in base alla dimensione del font scelta dall'utente, ecc.). Questo processo è invece fondamentale per la versione cartacea, in cui quello che vedi in PDF è quello che verrà stampato.

Per Kindle ci sono varie strade, io ho utilizzato l'applicazione offerta gratuitamente da Amazon (Kindle Create, la trovi qui: LINK - vedrai un avviso che dice che è disponibile solo per i libri in inglese ma in realtà credo sia una vecchia info, a me ha funzionato senza problemi), che consente di importare direttamente un file .docx e modificarlo utilizzando gli strumenti dell'applicazione, vedendo un'anteprima di come risulterà effettivamente su Kindle. Potrai anche scegliere i punti dove cambia capitolo (di default li crea dove hai inserito un salto di pagina in Word) e realizzare automaticamente l'indice dinamico.

Da questa applicazione viene creato un "pacchetto di pubblicazione" in formato .kpf che poi caricherai direttamente in KDP. Io ho avuto un problema relativo ai salti di paragrafo (che ho spiegato in questo post) e ho risolto sostituendo con un find/replace tutti i cambi di paragrafo in line break (nel search di Word cerchi ^p e lo sostituisci con ^l, usando i caratteri speciali di Word che consentono di fare questa operazione). Poi in Kindle Create ho aggiunto i cambi di paragrafo manualmente (i doppi a capo per intenderci). Un'operazione un po' tediosa che però nel frattempo consente di ricontrollare bene tutto.

 

In alternativa, in KDP puoi importare direttamente il file in vari formati (incluso Word) e lasciar fare al sistema la conversione. In questo caso dovrai formattare bene il file, io avevo problemi con l'indice dinamico in questo caso.

Ho anche provato a realizzare un ePub con Pages dal file di Word, teneva l'indice ma avevo problemi nell'anteprima di Amazon (in questo caso bisogna mettere mano all'HTML, rinominando il file .epub in .zip, unzippandolo e mettendo mano al codice per poi zipparlo nuovamente e rinominarlo in .epub. Una roba un po' da smanettoni O_-).

 

Buona giornata :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@camparino Sfortunatamente i commenti sono la prima cosa. Senza quelli, nemmeno si legge la preview. Più commenti positivi hai, maggiore è la possibilità che il libro venga preso.

 

La qualità del testo è secondaria. Non meno importante, sia chiaro, ma non incide sulle vendite. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Nuovamente grazie @Giuliano G. , hai anche anticipato la mia successiva domanda: il problema coi paragrafi. E non mi ero accorto dell'altra discussione...:s Proseguo di lì allora, anche perchè ho afferrato poco della tua spiegazione.
Invece per la versione stampata hai dovuto prendere accorgimenti particolari, oltre a quelli suggeriti da amazon? Ci sono "trappole nascoste"?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@camparino sono completamente d'accorto con te.

In un mondo super-saturo far arrivare il proprio lavoro (di qualsiasi tipo, non solo in ambito editoriale) agli occhi di chi potrebbe apprezzarlo è sempre più complicato e costoso. Credo che anche il migliore dei capolavori, in qualsiasi ambito "artistico", senza un piano di marketing adeguato rischi di finire nel nulla. Ci sono passato lavorando per gruppi musicali, videomaker e artisti di vario genere e ho potuto appurare che purtroppo ormai la sola qualità non basta.

 

La questione delle recensioni è un'arma a doppio taglio, basti pensare alla guerra che si fanno tra loro i ristoratori e gli albergatori su TripAdvisor. Ci sono realtà che hanno fallito per una serie di recensioni negative, per giunta false. Allo stesso modo esistono veri e propri servizi che lasciano recensioni positive a pagamento.

La gente che in buona fede ignora questi meccanismi si affida al parere degli altri e talvolta incappa in spiacevoli sorprese.

Se fossi Amazon, consentirei di recensire solo ed esclusivamente a chi ha acquistato un prodotto. Credo che questo semplice accorgimento risolverebbe già da sé molti problemi.

Ho studiato tutte le varie iterazioni delle policy di Amazon e ho scoperto che per lo meno non si può creare un'utenza fasulla e recensire direttamente qualcosa, occorre aver speso un minimo di 50€ prima di poterlo fare. Questo per loro significa avere un minimo di tracciabilità di eventuali scorrettezze: devi registrare una carta di credito e su quella non puoi barare più di tanto, credo sia uno dei motivi per cui non accettano PayPal, dove è più facile "nascondersi" dietro a un account fasullo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
12 minuti fa, Vainamoinen ha detto:

Invece per la versione stampata hai dovuto prendere accorgimenti particolari, oltre a quelli suggeriti da amazon? Ci sono "trappole nascoste"?

 

@Vainamoinen trovi QUI i vari template da utilizzare in base al formato che sceglierai. Io ho scelto il formato 5x8", l'ho modificato un po' (ho cambiato il font, i margini e l'intestazione/piè di pagina) e personalmente non ho riscontrato particolari difficoltà.

Una volta creato il PDF e caricato in KDP potrai vedere un'anteprima interattiva dove dovrai anche dare la tua approvazione per la stampa. Da lì potrai anche scaricare una "print proof" in PDF da conservare.

Per la copertina KDP offre uno strumento interattivo, oppure puoi caricare direttamente la tua completa in PDF (ma in questo caso va fatto un calcolo per lo spessore della costa, mentre con il loro strumento viene calcolato automaticamente).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho letto con piacere il thread, ma resto convinto del fatto che KDP convenga di più ad Amazon che all'autore.

Che senso ha scalare la classifica dei libri gratuiti? Forse può aver senso avere la possibilità di far leggere il proprio testo e guadagnarci qualcosina, ma a conti fatti (esperienza personale), pubblicarlo (congiuntamente) anche su altri store (tipo con streetlib) rende molto di più (cosa che KDP ti impedisce di fare).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite cashh

Grazie Giuliano G. delle delucidazioni. Cosa ne pensi di AmazonCrossing? E' un'utopia entrare nella scuderia "Amazon", un suicidio letterario, un'opportunità, o cosa?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@GattoQuantico E' utilissimo. Se non sei uno che ci dà di auto vendita (ovvero che si compra giornalmente gonfiando le classifiche di vendita), vendi veramente e poi Amazon ti mette in cima alle classifiche di genere per popolarità. Nelle ultime settimane sono in prima pagina in Fantasciena e Avventura, e nelle ultime 48 ore sono primo in fantascienza sia ebook che libri. E come classifica vendita sono tipo 6000° e ho sotto tutti quelli anche in top 100. Quindi sì è utile per farsi vedere e per cominciare a vendere.

 

E finché vendo ci resto, spero per qualche altro giorno, anche se è dura.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@GattoQuantico Tu parli delle classifiche di vendita. E praticamente tutti coloro che stanno dall 101° posizione alla 2000° si auto comprano. Fai conto per tenere il 200° posto servono 8/10 pezzi al giorno, che diventano 5/6 dopo qualce settimana. Io parlo delle classifiche di popolarità per genere. Ora mi hanno levato il link, ma sono quelle che trovi seguendo la linguetta "categoria" in alto. Sono cose differenti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@cashh non ne so molto.

So che si può provare a sottoporre il proprio romanzo per farlo tradurre in inglese da loro ma poi non ho idea di come funzioni a livello di royalties, ecc.

Mi informerò!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, JPK Dike ha detto:

praticamente tutti coloro che stanno dall 101° posizione alla 2000° si auto comprano. Fai conto per tenere il 200° posto servono 8/10 pezzi al giorno, che diventano 5/6 dopo qualce settimana.

 

@JPK Dike giusto per completezza d'informazione, io ultimamente gravito tra la 600esima e la 1.100esima posizione nella classifica globale degli eBook a pagamento vendendo 1-2 copie al giorno di media. Non mi sono mai comprato copie da solo (piuttosto investo quei soldi in campagne su FB) ma forse i periodi precedenti in cui ne vendevo 6-8 al giorno stanno ancora avendo il loro influsso sulla classifica. 

Studiando l'algoritmo di Amazon per un articolo che ho scritto per il portale È scrivere ho scoperto che tutte le vendite dello storico vengono tenute in conto per il ranking. Se vi interessa l'articolo è qui: Link

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@JPK Dike questo è quello che vedo in KDP in questo momento, fai pure le tue considerazioni:

 

kdpott.png

 

Anche le copie lette in KU hanno il loro peso sulla classifica.

Non capisco che senso possa avere comprarsi copie da soli. Non credo che essere in una posizione comunque molto indietro nelle classifiche possa risultare in un incremento sulle vendite. Penso che in verità le classifiche di Amazon le guardino più quelli che pubblicano rispetto a chi acquista...

Io personalmente preferisco spendere i miei soldi in campagne mirate su FB in modo da trovare nuovo pubblico piuttosto che buttare letteralmente dei soldi per comprarmi da solo. Poi magari qualcuno lo fa, forse perché è più facile rispetto a imparare come fare delle campagne pubblicitarie che convertano. Boh!

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite cashh

Ciao Ragazzi

scusate il ritardo nella risposta.

Vi ringrazio molto.

Siete utilissimi.

Anch'io ho la mia policy: e deriva dalle esperienze lette in questi forum.

Cashh

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Intervengo in questa discussione perché, dopo aver pubblicato 5 libri con 4 piccoli editori diversi con risultati deludenti (nessuna promozione, scarsa o nulla distribuzione, nessuna informazione sulle copie vendute, royalties mai pagate, ecc.), vorrei passare al self-publishing, in particolare con Amazon. La mia idea per ampliare il mercato sarebbe di tradurre il romanzo in inglese (che conosco molto bene) e pubblicarlo sulla piattaforma in entrambe le lingue. Sapete dirmi se è possibile? Grazie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Arya Stark Con Amazon sì, certo. Questa pagina della versione UK del sito afferma:

Cita

With KDP, writers become published authors. You upload your own content. Write your own sales copy. Decide how much your book should cost. And once published your book will appear on Amazon within two days. As an author, you can also distribute your book globally and publish your book in multiple languages. You keep your copyrights and derivative rights. You publish on your own schedule. Another win for KDP authors—you get paid royalties of up to 70%.

Ho evidenziato la parte che riporta quanto chiedi. Traduco anche per altri utenti eventualmente interessati: Come autore, puoi distribuire il tuo libro globalmente e pubblicarlo in più lingue.

:) 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Alle 2017/10/6 at 20:02, Giuliano G. ha detto:

@JPK Dike questo è quello che vedo in KDP in questo momento, fai pure le tue considerazioni:

 

kdpott.png

 

Anche le copie lette in KU hanno il loro peso sulla classifica.

Non capisco che senso possa avere comprarsi copie da soli. Non credo che essere in una posizione comunque molto indietro nelle classifiche possa risultare in un incremento sulle vendite. Penso che in verità le classifiche di Amazon le guardino più quelli che pubblicano rispetto a chi acquista...

Io personalmente preferisco spendere i miei soldi in campagne mirate su FB in modo da trovare nuovo pubblico piuttosto che buttare letteralmente dei soldi per comprarmi da solo. Poi magari qualcuno lo fa, forse perché è più facile rispetto a imparare come fare delle campagne pubblicitarie che convertano. Boh!

 

 

xD Non lo avevo visto. Ne hai venduti talmente tanti a persone vere, che da quando sei uscito, sotto Quali altri articoli acquistano i clienti, dopo aver visualizzato questo articolo? c'è il mio fisso da parecchi mesi xD

 

Dai via su. Non prendiamoci per le chiappette. Io non ho nulla in contrario ad autopomparsi la classifica comprandosi ebook e cartaceo. Per chi può permetterselo è un buonissimo modo per farsi vedere e restare in classifica. Ma il tuo è un libro di 302 pagine, e in kemp si traduce in circa 500 pagine. Quindi anche in Kindle unlimited ogni 500 pagine lette sono solo 1 lettura completa. E io sotto ne leggo quante? 12/13 letture? Vedo invece tanti abbandoni.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io al momento potrei spendere 3 euro al giorno e stare in top 2000 con i tre volumi.

Con 6 euro starei appena sopra top 1000.

Con 9 al giorno sare con i tre volumi in posizione 900 circa.

 

E così via. Se avessi diversi soldini da spenderci, potrei tenerli anche in top 300 senza grossi pateni. Visto anche che poi il 30% mi ritornerebbe indietro.

 

Io chiedo solo di non prenderci in giro.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

JPK Dike io sapevo che la lettura delle pagine non corrisponde a persone singole . Mi spiego meglio: se ho un libro da 200 pagine e in un giorno hanno letto con Kemp 200 pagine  non è un'unica persona che l'ha letto ma diverse persone che ne hanno letto varie pagine, o due persone che hanno letto cento pagine l'uno e vai così' d'esempio.

Se il lettore chiude il dispositivo kindle e riprende la lettura del libro il giorno dopo le nuove pagine lette da lui non verranno conteggiate, ecco perché il numero delle letture è così sfasato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
12 minuti fa, naty ha detto:

JPK Dike io sapevo che la lettura delle pagine non corrisponde a persone singole . Mi spiego meglio: se ho un libro da 200 pagine e in un giorno hanno letto con Kemp 200 pagine  non è un'unica persona che l'ha letto ma diverse persone che ne hanno letto varie pagine, o due persone che hanno letto cento pagine l'uno e vai così' d'esempio.

Se il lettore chiude il dispositivo kindle e riprende la lettura del libro il giorno dopo le nuove pagine lette da lui non verranno conteggiate, ecco perché il numero delle letture è così sfasato.

 

Parlavo infatti di letture complete facilmente identificabili. I picchi da 500/1000 sono letture complete. Lo spezzettamento è da considerare invece come abbandono. Non possiamo averne la sicurezza, ma i lottri kindle unlimited hanno l'abitudine di scaricare tot libri e leggerli tutti. Poi si ricollegano e ne scaricano nuovi. Questo determenina quasi sempre che una lettura completa venga registrata tutta insieme in un giorno.

 

Il contatore delle pagine si aggiorna solo e soltanto quando i lettori si collegano con il dispositivo ad amazon.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Arya Stark Non solo è possibile, ma, secondo me, è anche un'ottima idea. Tieni conto che il tuo romanzo pubblicato in inglese sarà reperibile sui 13 siti Amazon in tutto il mondo in versione ebook. Il cartaceo, invece, lo vendono "solo" su 7 delle loro piattaforme. [Questo se intendi avvalerti di KDP per tutto, mentre forse con Createspace c'è qualche differenza.]

Al momento di compilare i moduli relativi alle questioni burocratiche, ricordati di spuntare la casella che dice che disponi dei diritti globali (worldwide) e fai molta attenzione anche alle informazioni che fornirai ad Amazon per quanto riguarda l'aspetto della fiscalità. Tra Italia e USA vige un trattato sulla doppia imposizione, per cui da italiani abbiamo il diritto di farci pagare le royalties generate sul .com per intero. Se commetti errori in fase di compilazione, rischi che Amazon ti trattenga una quota del 30% da versare al fisco americano (che non è dovuta). 

E mi raccomando l'editing, se non vuoi ritrovarti con recensioni negative dovute a errori formali anziché al contenuto: in base alla mia esperienza, sono necessarie come minimo due revisioni a lavoro di traduzione ultimato, di cui la seconda possibilmente a qualche distanza dalla prima.

Good luck!

 

P.S. Adoro il tuo nick e il tuo avatar: Arya Stark è il mio personaggio preferito di Game of Thrones. <3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
6 ore fa, JPK Dike ha detto:

 

xD Non lo avevo visto. Ne hai venduti talmente tanti a persone vere, che da quando sei uscito, sotto Quali altri articoli acquistano i clienti, dopo aver visualizzato questo articolo? c'è il mio fisso da parecchi mesi xD

 

Dai via su. Non prendiamoci per le chiappette. Io non ho nulla in contrario ad autopomparsi la classifica comprandosi ebook e cartaceo. Per chi può permetterselo è un buonissimo modo per farsi vedere e restare in classifica. Ma il tuo è un libro di 302 pagine, e in kemp si traduce in circa 500 pagine. Quindi anche in Kindle unlimited ogni 500 pagine lette sono solo 1 lettura completa. E io sotto ne leggo quante? 12/13 letture? Vedo invece tanti abbandoni.

 

Ripeto quel che ho già detto tre mesi fa: sei libero di pensarla come vuoi.

Io, a distanza di tre mesi, resto della mia idea: auto-comprarsi per restare alti nelle classifiche è una strategia di marketing da dementi. E ad ogni modo sarebbe un escamotage che può dare frutti solo a breve termine, perché se non ti compra nessuno tranne te stesso mi spieghi a cosa può servire? Solo ad appagare la propria autostima?

Dal messaggio di ottobre a cui hai risposto solo ora, il mio romanzo ha altalenato tra la posizione 200 e la 2000, vendendo circa 500 copie in tutto (di cui quasi 200 cartacee, quindi fuori classifica Kindle). Se avessi seguito la tua strategia oggi sarei sotto un ponte.

Quello che ho fatto, invece, è stato lavorare quotidianamente sui social (investendo anche in ads) e sbattermi come un pazzo per chiedere recensioni a blogger e siti. Ho fatto giveaway, promozioni, booktrailer, mi sono inventato storie parallele e ho anche dato vita al mio protagonista, che interagisce con i lettori attraverso Fb. In una parola: ho LAVORATO. 

Se hai voglia fatti un giro sui miei social e guarda tu stesso, magari capirai che esistono anche strade alternative e che non è sempre saggio fare di tutta l'erba un fascio. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
12 ore fa, JPK Dike ha detto:

 

Parlavo infatti di letture complete facilmente identificabili. I picchi da 500/1000 sono letture complete. Lo spezzettamento è da considerare invece come abbandono. Non possiamo averne la sicurezza, ma i lottri kindle unlimited hanno l'abitudine di scaricare tot libri e leggerli tutti. Poi si ricollegano e ne scaricano nuovi. Questo determenina quasi sempre che una lettura completa venga registrata tutta insieme in un giorno.

 

Il contatore delle pagine si aggiorna solo e soltanto quando i lettori si collegano con il dispositivo ad amazon.

 

@JPK Dike , vorrei capire dove hai trovato questa informazione: "i lettori kindle unlimited hanno l'abitudine di scaricare tot libri e leggerli tutti. Poi si ricollegano e ne scaricano nuovi. Questo determina quasi sempre che una lettura completa venga registrata tutta insieme in un giorno."

Come specificato da Amazon, nel caso l'utente legga restando scollegato da Internet (o dall'USB per i vecchi dispositivi senza WiFi o 3G) con il Kindle, le pagine lette verranno conteggiate tutte insieme solo quando si ricollegherà, e questo ovviamente può rappresentare dei picchi. Consideriamo anche che una percentuale degli utenti usa le app per tablet e smartphone invece di un Kindle fisico, quindi in teoria sono connessi costantemente a WiFi o rete mobile. Per questi utenti il conteggio delle singole pagine è sempre immediato e anche questi potrebbero rappresentare le giornate con poche pagine lette, non necessariamente degli abbandoni, per esempio.

 

Monitorando l'andamento delle classifiche in relazione al numero di pagine KU lette al giorno a me è sembrato di capire che le giornate con i picchi di lettura più alti possono rappresentare anche diversi utenti che stanno iniziando contemporaneamente il romanzo. Lo dico perché in quelle giornate ho notato salti anche di 100 posizioni in classifica senza una singola copia Kindle venduta (quindi, in teoria, solo dovuti all'inizio di lettura di un utente in KU).

Informandomi per scrivere l'articolo sulle classifiche di Amazon che ho già citato (lo trovate QUI), inizialmente pensavo bastasse il download della copia da parte di un utente KU per avere un riscontro in classifica (come riportato da QUESTO ARTICOLO del 2016, pubblicato su selfpublishingadvice.org), invece scrivendo al supporto di Amazon per chiedere info in merito ho ricevuto questa risposta:

“Le classifiche Amazon Bestseller vengono influenzate da parte di un utente Kindle Unlimited (KU) una volta che il cliente inizia effettivamente a leggere il libro e ci sono pagine registrate come lette.”

 

Concludendo, dall'idea che mi sono fatto monitorando con attenzione gli andamenti, anche per questo argomento non esiste una "regola fissa". Possiamo solo fare supposizioni e, per quanto mi riguarda, le supposizioni lasciano sempre un po' il tempo che trovano.

 

Buona giornata

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@JPK Dike Ti chiedo di moderare i toni. Stai mostrando un atteggiamento sprezzante e provocatorio nei confronti di @Giuliano G., e ciò non è tollerabile. Se la discussione continua su questa strada dovrò prendere provvedimenti.

Questo è un richiamo informale, ma il prossimo non lo sarà.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×