@Sinoe E' un caso? Cercavo una poesia da commentare e guarda un po' anche questa qui è tua. Mi sono ricordato dello stile peculiare, che a sto punto mi guardo bene dal riprendere, mi limito a prenderne semplicemente atto. Scrivi così perché così devi scrivere, e mi sta bene. Provo ad andare oltre. Questa poesia pare leggera. Sì, a primo impatto sembra anche lasciarti con un senso di freschezza come dopo il temporale estivo, ma in realtà dentro lo zaino la protagonista sembra avere uno o più macigni. Se ne sta andando via e porta con sé degli oggetti che le danno forza e sicurezza, ma non vuole essere seguita né ricordata. Evidentemente ha sulla coscienza un peso da non poter condividere con altri, neanche col figlio. Anzi, soprattutto con lui. Crede che andando via lascerà l'aria pulita e fresca, ma probabilmente ignora, o vuole ignorare, che chi se ne va non lascia altro che un vuoto incolmabile.
Questa ovviamente è la mia interpretazione e mi è piaciuta.
Ti rileggerò.