Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Post raccomandati

tumblr_os0j8pb7f41ws3y72o1_1280.jpg

 

Titolo: Sulle Sponde del Gange
Autore: Marcello Iori

Casa editrice: tramite Pod Ilmiolibro

Data di pubblicazione (o di uscita): Giugno 2017
Prezzo: 14,00 euro

Genere: Romanzo di formazione/narrativa generale

Pagine: 288

Quarta di copertina o estratto del libro: 

Francesco Forgione abita a Firenze, ha una bella casa che condivide con la fidanzata Erica, un lavoro sicuro ma ha deciso che la sua vita è un disastro. Cerca qualcosa, una meta, un significato diverso ai suoi giorni, e quando un vecchio amico di università gli propone un lavoro in India, a New Delhi, pensa di accettare, che fuggire dalla vecchia vita sia un passo verso la ricerca di una realizzazione personale.

Alberto Defoe, invece, abita in India da otto anni. È fuggito dall’Italia abbandonando l’università e la famiglia. Un figlio ingrato, per sua madre. Un figlio particolare, per suo padre. Un ragazzo dotato di straordinaria intelligenza e organizzazione, ma ribelle nei confronti della società.

Circondati da un'India sacra e profana, dai bei salotti dell'alta borghesia e le terre coltivate a riso e cotone, gli amici ritrovati si immergono in un lungo cammino che li porterà dalla perdizione alla scoperta della vera amicizia e del senso della vita, aiutati da una donna misteriosa e un saggio indiano che vive sugli altopiani del Kashmir. 

 

- la vita e la morte di un ragazzo che ha deciso di fare della sua vita un sogno da realizzare -

 

Al sito ilmiolibro (link sottostante) è possibile leggere un'anteprima della storia. 

 

Link all'acquisto: http://ilmiolibro.kataweb.it/libro/narrativa/334550/sulle-sponde-del-gange-2/

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Estratto dal romanzo

"Vuoi che ti dica che non ti amo più?".

"No... voglio che tu mi dica che sei davvero lì... che è stato bello finché siamo stati insieme. Ma che come un angelo che per un attimo è venuto sulla terra per accudire una povera fanciulla sconsolata, se ne è andato richiamato da Dio per portare la sua luce in un altro luogo, perché il suo compito qui era finito. Questo voglio sentirmi dire".

"Sono qui, ma sono anche lì. E non sono un angelo, un angelo non farebbe mai soffrire una persona a lui cara. Ma sì, è stato bello finché tra noi è durato. Sono solo un uomo che corre cercando di prendere un treno che viaggia ad alta velocità. Sono solo qualcuno che è entrato nella tua vita, e che ha gioito di quella vita, condividendo qualcosa di unico e magico. Questo non lo potrò mai dimenticare". 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×