Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Ospite Mirtillasmile

Premio Italo Calvino XXXI edizione [scad. 16/10/17]

Post raccomandati

Aggiungo, visto che non l'avevo fatto nel precedente intervento, che @maclover non risulta essere il doppio account di altri utenti, o lo Staff sarebbe intervenuto in tal senso.

Grazie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La butto così... Il Calvino dovrebbe modernizzarsi, ad esempio creando sottosezioni per genere con classifiche a sé e servendosi di lettori appassionati capaci di giudicare oltre il gusto personale. La quota di iscrizione, per rimanere alta, dovrebbe essere giustificata almeno con una pubblicazione edita da loro stessi. Il numero dei lettori dovrebbe corrispondere al numero degli iscritti, le retribuzioni possono essere detratte dalla quota di iscrizione. I tempi sarebbero brevi e le schede ben compilate. Però nella realtà non è così, quindi mi astengo dal continuare. Ah, la mia scheda è stata una mezza schifezza

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
2 ore fa, Christopher ha detto:

Da una parte c'è uno che mi perseguita, ora è arrivato pure il suo cane da guardia che risponde con lo stesso tono quindi magari sono pure la stessa persona. Dio me ne scampi, ne ho abbastanza. La chiudo qui.

 

 ora però la apro io. hai detto temo delle fesserie.

pretendo le tue scuse qui. 

da te. 

non da un mod o da uno staffer.

esigo le tue scuse.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Intervento di moderazione

@Enter

Il battibecco delle pagine precedenti, durato anche troppi post, deve essere considerato chiuso senza vincitori né vinti.

Se vuoi continuare a discutere esistono i mp. 

E vale per tutti

 

Vorrei evitare di assegnare richiami. Grazie. 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Il ragazzo ha insultato pubblicamenrte, e altrettanto pubblicamente deve porgere le sue scuse. 

non si accusa qualcuno di cose false, e non lo si insulta dicendo che è un cane. se lo avesse fatto via messaggio privato accettere questo iter. ma lo ha fatto in pubblivo, e in pubblico deve avere le palle di chiedere scusa. è così che funziona. 

potete chiudere tutti i topic che volete. 

ho messo in campo una mole di informazioni valide e attendibili, e l'ho fatto per contribuire al topic. 

non accetto che mi si insulti così. in poubblico, dopo quel che ho messo in campo.

lui ha insultato in pubblico. e se ha le palle in pubblico chiede scusa. poichè ha detto delle fesserie che non vanno bene,

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Enter credo che "il cane" fosse riferito a me. Non è un bel modo di argomentare, ma vabbe. 

Per me è finita con l'intervento dei mod e il loro chiarimento che @Christopher abbia fatto solo illazioni. 

 

Bau bau e buon weekend a tutti :)

 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@...

L'utente è stato bannato in via temporanea così avrà modo di riflettere se vuole rimanere in questo forum rispettando le regole oppure no. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Vorrei dire anch'io la mia, perché ritengo di essere la scintilla che ha scatenato la polemica. Volevo dei consigli e opinioni sul Calvino e mi sono sentito rispondere che, essendo lungo più di 1.000.000 di battute il mio lavoro e i miei soldi sarebbero serviti per il camino. Lo presa come battuta ma visto che Cristopher insisteva ho chiesto se parlava per esperienza diretta o era solamente rancoroso. 

Capisco che possa essere arrabbiato per come la sua amica è stata trattata ma i suoi interventi  mi sono sembrati a senso unico. Io mi sono iscritto ad un concorso letterario senza grandi ambizioni di vittoria ma per un giudizio imparziale e professionale del mio lavoro. Se avessi letto solo i commenti delatori  di Cristopher mi sarei disperato, perché nemmeno la scheda di valutazione secondo lui è seria.

Vogliamo parlare del concorso? L'unica che può dire qualcosa è mirtillasmile. Spero sarà così gentile da dirci quando e come le arriverà la scheda di valutazione. Io continuerò a seguire la discussione sperando di trovare persone che sapranno darmi impressioni e consigli utili sperando con tutto il cuore che Cristopher si sbagli.  

 

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Scusate gli errori di ortografia ma sto scrivendo con il telefonino e ho problemi con il compositore automatico...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Christopher
10 minuti fa, Renzo ha detto:

Se avessi letto solo i commenti delatori  di Cristopher mi sarei disperato, perché nemmeno la scheda di valutazione secondo lui è seria.

 

 

Carissimo, non è questo il mio pensiero. Il mio era un unico commento riferito a un'unica osservazione a proposito dei tanti libri perfettamente editati che ormai arrivano al Calvino, poi la discussione è degenerata, ma tranquillo ora è tutto superato. Ci tengo a chiarire però, e l'ho fatto già in altri post in altre discussioni, che io faccio una distinzione: ci sono valutazioni serissime e altre meno, proprio perché ci sono diversi lettori. Non fare di tutta l'erba un fascio. Io semplicemente approvo il Calvino per molti aspetti e non per altri, perché secondo me in questi ultimi anni all'aumento del numero dei libri (è raddoppiato) non è seguito un proporzionale aumento del numero dei lettori. Ed è mia opinione che in molti non riescono a leggerli integralmente in tempo per la prima riunione di natale (15 in due mesi, fai tu), e quindi devono fare delle scelte e poi riprendono in mano quelli scartati a giochi fatti. Questo è quello che penso, ma non è un attacco al Calvino come premio, ma alla sua organizzazione degli ultimi anni. Prova ne è che a quasi un anno di distanza in moltissimi stanno ancora aspettando la scheda. E se leggi nelle altre discussioni del Calvino degli ultimi anni vedrai che ci sono molti commenti negativi sulle schede. Così come invece ce ne sono anche altre positive. Insomma dipende dal lettore. Ma come ho detto nell'altra discussione dedicata al Calvino tutto si risolverebbe se aumentassero il numero dei lettori, in modo tale che ogni lettore possa avere più tempo per valutare ogni singolo libro. Spero ti sia più chiara ora la mia posizione e ovviamente era una battuta quella del camino, non credevo di doverlo specificare. :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
16 ore fa, Gioderr ha detto:

La butto così...

...La quota di iscrizione, per rimanere alta, dovrebbe essere giustificata almeno con una pubblicazione edita da loro stessi.

 

Pensare che con l'esorbitante quota di iscrizione di 100€ possa essere garantita la pubblicazione di qualsiasi titolo, anche se una schifezza al di là dei "gusti personali", credo sia una aspettativa totalmente irrealistica. 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Vorrei dire la mia sul Calvino. Il premio è sicuramente prestigioso, la tassa di iscrizione decisa nel bene o nel male dall'organizzatore, preferenze e inciuci vari più o meno come in ogni concorso che si rispetti. Il problema è che forse il garantire una scheda (forse per giustificare la quota) aumenti a dismisura le aspettative dei partecipanti. Mi sembra infatti che a tali due paginette si dia un'importanza enorme senza tenere conto di molte variabili. Non sappiamo chi è che legge, non ne conosciamo gusti, livello culturale, genere di preferenza e svariati altri fattori che possono incidere sulla valutazione. Io non lo prenderei come un giudizio divino, invece vedo molti infervorarsi sulla fatidica scheda. Sarà pure il Calvino ma non mi curerei affatto di un giudizio negativo e prenderei anche come opinabili i vari appunti su personaggi e trama. Detto ciò se non facessero la scheda forse sarebbe meglio. In fondo ci sono molti che possono esprimere giudizi (a pagamento o gratuitamente) ed elargire consigli validi senza dover attendere quasi un anno quelli di uno sconosciuto selezionato dall'organizzazione del premio. Mi chiedo dopo venti pagine di strafalcioni e congiuntivi a casaccio, una trama noiosa di un autore autoreferenziale che fatica faranno a terminare il romanzo e che cosa avranno il coraggio di scrivere...

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@maclover guarda che ancora una volta hai capito male... Mica pubblicare tutti i libri... Solo quelli meritevoli... Ma divisi per genere... Posso dirti una cosa? A me il tono dei tuoi interventi non piace per nulla...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
15 minuti fa, Gioderr ha detto:

@maclover guarda che ancora una volta hai capito male... Mica pubblicare tutti i libri... Solo quelli meritevoli... Ma divisi per genere... Posso dirti una cosa? A me il tono dei tuoi interventi non piace per nulla...

Non ti tocca neppure il dubbio che forse ti sei espresso male tu?

hai scritto che per giustificare la quota (che tutti pagano) deve essere garantita la pubblicazione. 

Se non specifichi solo di quelli meritevoli, in italiano corrente l'unica interpretazione è che tutti debbano essere pubblicati. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Era un pensiero per allentare il tono delle discussioni precedenti e passare avanti, per quello ho concluso dicendo che la mia scheda è stata una mezza schifezza. Tu sei quello che mi suggeriva di indire un premio a mio nome per farci i soldi... Quello che dice che io faccio i conti in tasca al Calvino (tra l'altro lo paragoni a un privato cittadino e non dovresti). Loro sono esposti e dev'essere tutto cristallino, chiunque può ragionare sugli introiti e spero che lo facciano in molti, vuol dire che si prendono la briga di ragionarci su e decidere se iscriversi oppure no avendo il maggior numero di punti di vista possibili... Il modo che hai di porti lo trovo sgradevole, saccente, puntiglioso... Ma non voglio andare OT e non voglio proseguire in discussioni umorali. Buon Calvino a tutti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Gioderr

Se smentire illazioni vuol dire essere saccente, sono fiero di esserlo. 

Se far notare che certi ragionamenti sono fatti un tanto al chilo vuol dire essere puntigliosi, sì lo ammetto, lo sono. 

Se,in un thread dedicato al concorso, si legge l'azione di chi, escluso direttamente o per terza persona, lancia accuse alla trasparenza, ai lettori guidati solo dal proprio gusto personale, etc etc e controbattere vuol dire essere sgradevole, sono ben felice di esserlo. 

 

 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, heightbox ha detto:

Vorrei dire la mia sul Calvino. Il premio è sicuramente prestigioso, la tassa di iscrizione decisa nel bene o nel male dall'organizzatore, preferenze e inciuci vari più o meno come in ogni concorso che si rispetti. Il problema è che forse il garantire una scheda (forse per giustificare la quota) aumenti a dismisura le aspettative dei partecipanti. Mi sembra infatti che a tali due paginette si dia un'importanza enorme senza tenere conto di molte variabili. Non sappiamo chi è che legge, non ne conosciamo gusti, livello culturale, genere di preferenza e svariati altri fattori che possono incidere sulla valutazione. Io non lo prenderei come un giudizio divino, invece vedo molti infervorarsi sulla fatidica scheda. Sarà pure il Calvino ma non mi curerei affatto di un giudizio negativo e prenderei anche come opinabili i vari appunti su personaggi e trama. Detto ciò se non facessero la scheda forse sarebbe meglio. In fondo ci sono molti che possono esprimere giudizi (a pagamento o gratuitamente) ed elargire consigli validi senza dover attendere quasi un anno quelli di uno sconosciuto selezionato dall'organizzazione del premio. Mi chiedo dopo venti pagine di strafalcioni e congiuntivi a casaccio, una trama noiosa di un autore autoreferenziale che fatica faranno a terminare il romanzo e che cosa avranno il coraggio di scrivere...

Sinceramente io sono uno di quelli che non si fanno illusioni di poter vincere e che conta molto su una scheda valutativa fatta decentemente.  Il fatto che a seconda della lunghezza del manoscritto la tassa di iscrizione cambiava mi aveva convinto che avrebbero letto e giudicato il mio lavoro. Non ho idea di come vengano selezionati i lettori ma per riuscire a selezionare un vincitore degno, non possono essere dei dilettanti. Nessuna casa editrice prenderebbe in considerazione un vincitore di un concorso farlocco. Per quanto riguarda la seconda parte del tuo ragionamento, su grammatica, sintassi e storia mi sento abbastanza sicuro che il lettore possa arrivare fino in fondo. So quali sono i difetti e pregi del mio lavoro, uno dei principale è che forse è troppo "leggero" per il Calvino.  Ormai la tassa di iscrizione l'ho pagata e le copie sono pronte per la spedizione, avrei forse potuto aspettare un po e leggere meglio su questo forum prima di prendere la decisione.  Ora mi sembra di aver solamente buttato via inutilmente dei soldi. Tra un anno vi dirò come è andata e se 150 euro sono stati mal spesi per una scheda valutativa che non mi ha detto niente di nuovo rispetto a quello che già sapevo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@heightbox

ottimo intervento: il nocciolo della questione è proprio la gestione delle aspettative. 

Servirebbe prendere coscienza del fatto che ci sarà sempre qualcuno che preferirà cercare il complotto piuttosto che accettare che un altro possa aver fatto meglio.

 

Perché è più facile soddisfare il proprio ego lanciando accuse basate su mere supposizioni che non prendere coscienza che è un concorso e qualcuno vince e qualcuno perde...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@maclover chi lo dice che quei ragionamenti sono un tanto al chilo? Tu? Sei aggressivo nei toni come quelli che riversano il loro livore quando commentano una notizia su Facebook... questo è un gruppo chiuso, non un marasma dove tutti possono prendere in giro gli altri, da classici leoni da tastiera... l'ironia, gli attacchi personali, il sentirsi intelligente a tal punto da catalogare i ragionamenti degli altri a illazione, fa di te una persona saccente... scrivere che sono stato poco chiaro, con fare da maestrino, anziché chiedermi: "volevi dire questo?", oppure " cosa intendi con questa frase?", fa di te una persona puntigliosa. Tra l'altro non dovresti esserlo, visto che i tuoi appunti non sembrano essere così brillanti. Comunque direi di chiuderla, davvero. Buon week end

  • Non mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dovendo spedire le due copie stampate, qualcuno sa dirmi se è possibile spedire come piego di stampa? Penso che sarebbe molto più economico. Nelle istruzioni c'è scritto raccomandata senza ricevuta di ritorno o posta ordinaria. Il piego di stampa è paragonabile alla posta ordinaria? 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
On 7/25/2017 at 16:59, Gioderr ha detto:

Quest'anno hanno la redazione del Calvino hanno guadagnato più di sessantamila euro... gli anni scorsi pure... ecco svelato l'alto costo per tentare la fortuna... con la Cultura si mangia, eccome... oppure, anche quelli del Calvino "tengono famiglia"...

Ecco @Gioderr queste sopra, ad esempio, sono solo illazioni. 

 

Far passare il messaggio che quelli del Calvino "tengono famiglia" o che che "ci mangiano" senza fornire alcuna prova concreta è solo un'illazione atta a screditare.

Dire poi che "guadagnano" è ulteriormente sbagliato perché per calcolare il guadagno, ai ricavi (oltre sessantamila euro) serve sottrarre i costi. Nella mia saccente, partire da queste basi (sbagliate), vuol dire ragionare un tanto al chilo. 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Mirtillasmile

@Renzo io ti consiglierei pacco ordinario è economico e poi monitoralo  tramite il sito delle poste, così sai quando viene consegnato. Comunque devi sempre vedere il peso di quello che spedisci.

 

Non ti abbattere riguardo al Calvino e non scoraggiarti , ogni esperienza è a se. 

Fino ad ora, secondo me, l'unico difetto è l'eccessica lunghezza. 10 mesi sono troppi ma, ripeto, è un'opinione personale. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Tu dici che sessantamila euro, più i soldi pubblici che incassano non bastano per organizzare un concorso letterario? È un'illazione chiedersi perché la quota è salita all'improvviso del quaranta per cento? A me sembra che le idee che si discostano di una virgola dal tuo pensiero vengono catalogate come illazioni. Perché mai? Egocentrismo forse... brutta gente in questa discussione... ciao 

  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Gioderr

scrivere che "tengono famiglia" e "ci mangiano" è un'illazione , ovvero una tua supposizione arbitraria non suffragata dal alcun fatto.

Faresti più bella figura ad ammettere di aver esagerato sulla spinta delle emozioni anziché arrampicarti sugli specchi perché quelle che hai fatto, in pubblico, sono affermazioni molto gravi. 

 

Per finire, non ho scritto da nessuna parte che sessantamila euro più i fondi pubblici (quanti e se ne prendano non ne ho idea) non bastino ad organizzare il concorso. 

Ho scritto che confondere il ricavo con il guadagno è errato e se si parte da quella base si fa un ragionamento un tanto al chilo. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Voglio riprendere un interrogativo apparso in questo topic:

Come lavora il comitato di lettura?

Sul sito indicano le loro funzioni:

http://www.premiocalvino.it/come-lavoriamo/

 

Cita

Alla scadenza del bando, infatti, i manoscritti vengono ripartiti fra i Lettori, dieci o quindici a testa, e comincia la lettura in solitaria,

 

Cita

Al termine del primo giro di letture si svolge la prima riunione... e quindi si procede allo scambio dei manoscritti.

 

Cita

Dalla seconda riunione in poi cominciano le discussioni... si scambiano ulteriormente i manoscritti, fino a quando, per ogni lavoro, si riesce ad emettere un giudizio unanime (o quasi). In questo modo, via via che le riunioni del Lettori aumentano, diminuisce il numero dei manoscritti da scambiare e da giudicare, fino a quando la cerchia non si restringe a dieci o dodici testi ‘finalisti’.

 

Dopo quante riunioni un romanzo sia stato scartato o da quanti mani sia stato sfogliato, questo non ha importanza. Il punto è che non ha raggiunto quel "giudizio quasi unanime".

Riguardo al costo... diciamo che è regolato dalle "leggi del mercato", fortunatamente non si tratta di un "bene indispensabile" e molti esordienti sono diventati famosi senza il Calvino.

Invece, per la scheda di lettura, aggiungono:

 

Cita

A tutti gli autori, dunque, la redazione del Premio Calvino invierà un giudizio dell’opera presentata. In questo modo l’accesso al premio avrà un carattere non soltanto di competizione ma anche di valutazione, grazie alle indicazioni tecniche e stilistiche fornite dalla scheda di lettura. Indicazioni magari utili, in futuro, per la stesura di un altro testo, più maturo, da inviare ancora una volta al Premio Calvino.

 

Se avete qualcosa di diverso da produrre, saremo tutti lieti di prenderne visione.

Io avevo chiesto espressamente alla segreteria di poter far parte del comitato. Dopo un primo sbigottimento (strano che chi scrive decida poi di leggere anche i lavori altrui, avranno pensato) mi hanno indicato le diverse "difficoltà". Innanzitutto, le famose riunioni si svolgono in Piemonte e i viaggi non sono rimborsabili. In più, il comitato è composto da un gruppo di persone "fidate", dove non è possibile accedere tramite "concorso pubblico".

Qualcuno fa parte del comitato di lettura e può riportare un'esperienza in prima persona, riguardo l'iter di lavoro e la possibilità di una partecipazione attiva?

Grazie.

 

Modificato da Nuwanda

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Da come descrivono l'iter in teoria i romanzi vengono scambiati e letti più volte. Fatico a credere a questa versione dal momento che dopo averne letti quindici il giudice se ne vedrebbe arrivare altri e altri al terzo giro. Possibile? Se il primo lettore giudica un romanzo uno schifo e non viene passato ad altri come si può parlare di "giudizio unanime" se riferito a una sola persona? Dagli estratti di @Nuwanda non sono riuscito a capire come fanno. Credo sia più logico che ogni lettore segnali un paio di preferenze e che vengano affidate in seconda lettura ad altri. Sarebbe bello conoscerne i meccanismi. Forse solo il nostro finalista potrebbe ficcanasare ma credo che tutti noi potremmo tranquillamente passare comunque delle belle vacanze rimanendo nel dubbio.;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@maclover precisino saccente permalosetto... auguri ... la cosa grave non sono i guadagni di cui parli, sei tu che dici a me di fondare un premio, di rigirare le mie parole e di usare il primo post ( negli altri ho spiegato bene tutto il mio pensiero) per trarre un pensiero, parlare di cose gravi che ho scritto... si stranino... 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
8 minuti fa, heightbox ha detto:

Da come descrivono l'iter in teoria i romanzi vengono scambiati e letti più volte. Fatico a credere a questa versione dal momento che dopo averne letti quindici il giudice se ne vedrebbe arrivare altri e altri al terzo giro. Possibile? Se il primo lettore giudica un romanzo uno schifo e non viene passato ad altri come si può parlare di "giudizio unanime" se riferito a una sola persona?

 

Da quanto scrivono, ogni lettore a fine bando legge 10 o 15 romanzi, dopodichè:

 

Cita

Al termine del primo giro di letture si svolge la prima riunione, durante la quale ogni Lettore legge le schede di valutazione riferite ai propri manoscritti, e quindi si procede allo scambio dei manoscritti, sia sulla base delle schede di lettura presentate e sia sulla base degli specifici interessi (giallo, fantascienza e simili) o degli orientamenti (romanzo storico, racconti…) dei Lettori.

 

Si possono dedurre almeno due letture. Certo, ci saranno dei casi che non meritano di andare nemmeno oltre e il giudizio unanime è inutile, sempre tenendo in conto il "rapporto di fiducia". Si fidano molto delle loro "schede di lettura", le quali esprimono anche il parere del "Premio Calvino". Fornendo 10 - 12 testi finalisti alla giuria, in teoria questi dovrebbero poi sbrogliare il grosso della matassa. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Intervento di Moderazione:

 

@Gioderr @maclover

 

L'intervento di @Niko non è stato sufficiente? Limitiamoci a discutere del premio senza scendere sul personale. Se volete continuare a discutere, fatelo via MP. Ulteriori commenti in merito verrano puniti.

Vi ricordo anche il punto 1.2 del regolamento:

Cita

È bandito ogni atteggiamento o comportamento razzista, discriminatorio, apologetico, incitante all’odio, al razzismo e ogni atto contrario alla legge italiana, al buon senso e al buon gusto. Inoltre, non è tollerato un atteggiamento polemico, offensivo, ostile, denigratorio, provocatorio, petulante o sprezzante nei confronti degli utenti o dello Staff e del suo operato.

 

  • Mi piace 5

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×