Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Ospite Alessandro Furlano

Dark Zone

Post raccomandati

2 ore fa, Francesca Pace ha scritto:

le valutazioni non sono un diritto dell'autore, noi le facciamo altri no, questo è quanto. Per poterne parlare seriamente dovreste conoscere i numeri, sono uscite circa 1000 valutazioni solo negli ultimi due slot di valutazioni. Credete che parlare di due casi possa fare testo in qualche modo?

 

Le valutazioni non sono un diritto degli autori, questo è vero, ma è un sacrosanto diritto degli autori quello di non essere preso in giro. E inviare schede di valutazione identiche, facendo un mero copia/incolla degli errori più comuni fra gli esordienti, per poi sparare nel mucchio sperando di azzeccare... non mi sembra un gesto rispettoso del lavoro altrui. 

Può capitare che qualche autore inesperto si bruci il libro perché prende sul serio la vostra "valutazione", così come può capitare che chi ha coscienza del proprio operato e ha ricevuto molti altri feedback oltre al vostro si renda conto che la vostra scheda non ha nulla a che fare con il suo testo. 

Purtroppo non si parla di soli due casi: io da sola ne ho contati almeno sette. Sette schede composte per metà dalla sinossi, e per l'altra metà di frasi identiche o con qualche parola diversa per variare un pochino. Parlo di testi diversissimi nello stile, nei contenuti e nel genere. 

Se io da sola in pochi giorni ho visto così tanti casi, significa che non si sta parlando di due schede isolate, ma di decine e decine. 

Che non abbiate tempo di fare valutazioni accurate è perfettamente normale e comprensibile. Infatti nessuno vi ha chiesto di farle, è stata una vostra scelta. Personalmente penso che sarebbe molto più onesto e rispettoso nei confronti degli autori mandare un semplice messaggio di rifiuto.

  • Mi piace 5
  • Confuso 1
  • Grazie 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
28 minuti fa, Fernando ha scritto:

Caro @cheguevara il paragone è calzante, come qualunque persona di buon senso e non prevenuta capisce perfettamente, perché sempre di denaro si tratta. Come è calzante la distinzione tra soggetti. La giurisprudenza non è un optional o la si conosce o si dicono stupidaggini. Non a caso lo staff di WD ha dichiarato che stanno analizzando il caso della DZ al pari di quello della Mondadori.

 

Ne approfitto anche per dire a @ElleryQ che un autore che ama il proprio lavoro e che si stima non invierà mai i propri testi ad una CE doppio binario perché nessuno dei lettori saprebbe mai se il suo romanzo è stato pubblicato perché ha pagato o perché qualcuno ci ha creduto. Proprio per questo la collocazione su doppio binario è considerata offensiva da una CE seria. Aggiungo, rimanendo in ambito legale che se tale collocazione, specie dopo queste ripetuti interventi, fosse non motivata o se derivante dall'applicazione di regole a macchia di leopardo (la DZ la punisco, con la Mondadori sto attento) rischia di essere interpretata, dalla giurisprudenza, come Diffamazione. 

 

Sono sicuro che gli amministratori e la figura del responsabile sono ben consapevoli di questo e che opereranno fornendo un'interpretazione più solida per decidere se una CE sia o meno a doppio binario.

 

Questa discussione non finirà mai. Fino ad ora mi sono mantenuto nei limiti di un civile dibattito, ma chi accusa altri di dire stupidaggini accampando di conoscere la giurisprudenza a sproposito mostra soltanto la propria presunzione. Il WD è un forum a cui non è obbligatorio partecipare e chi lo fa volontariamente è tenuto ad accettarne le regole o andarsene. La classificazione in free o DB o EAP (di cui, ripeto, per l'ennesima volta, non mi può fregare di meno, ma chissà perché la menzioni ogni volta che mi citi) viene decisa da un comitato e, qualsiasi sia, la diffamazione non c'entra un beneamato tubo (e sono ancora, per l'ultima volta, civile nell'esprimermi). Se a una CE non sta bene come sia stata classificata nel forum, può ottenere la cancellazione di se stessa e di tutte le discussioni che la riguardano, basta chiedere. Da ultimo, paragonare il concorso di Urania, per accedere al quale devi allegare un tagliando reperibile in un volume della collana, a quello DZ, dove devi allegare la prova di aver effettuato un bonifico non sta in piedi, anche e soprattutto perché (ribadisco il concetto già espresso e da te volutamente ignorato) la Mondadori continua ad accettare manoscritti - che vengano poi veramente visionati o meno, non interessa - , la DZ no.

Se devi ancora citarmi, lascia da parte, ti prego, la legge, che sicuramente dai prova di interpretare ad minchiam. 

  • Mi piace 3
  • Grazie 3
  • Non mi piace 5

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Intervento di moderazione

 

Avete espresso ampiamente e ripetutamente i vostri pareri, ora stiamo arrivando ai battibecchi e alle offese personali. Per evitare di dover iniziare a distribuire richiami chiudo temporaneamente la discussione. 

 

  • Mi piace 8
  • Grazie 5

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Questa discussione è chiusa.

×