Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Federico72

[MI 96] Una notte, vicino alla Luna

Post raccomandati

3 minuti fa, dizigrino dice:

Tralasciando i problemi legati all'impaginazione che non credo dipendano da te

 

In effetti avevo controllato appositamente tramite la funzione di anteprima... boh!

 

3 minuti fa, dizigrino dice:

 

Perché "canina" e non "cagnetta" o "cagnolina"?

 

 

Ehm... sai com'è... qui in Toscana è normale dire così... mi è scappato...

 

3 minuti fa, dizigrino dice:

 

Nel complesso è comunque un testo piacevole anche se mi aspettavo un qualcosa a tema sportivo, avevo già in mente "Invito allo sport" di Morricone...non credo di aver capito le regole di questa competizione.

 

Se leggi questo post:

Vedrai che i concorrenti possono scegliere due tracce. Una era quella sullo sport, l'altra era quella legata ai cosiddetti creepypasta, racconti dell'orrore legati a personaggi della mitologia metropolitana e internettiana.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, dizigrino dice:

In bocca al lupo per la gara, devo confessare che invidio la vostra capacità di scrivere rapidamente rimanendo entro dei confini ben determinati, io non riuscirei assolutamente.

 

@Federico72

 

 

 

Altro che rapidamente! Ci ho messo tutto il pomeriggio, limando carattere dopo carattere! :bandiera:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
46 minuti fa, Federico72 dice:

l click della cornetta abbassata pose fine a quella breve conversazione.

frase inutile credo, potresti anche non metterla

52 minuti fa, Federico72 dice:

Sono un incubo, uno dei tanti di voi umani. Io, come i miei fratelli, ero quasi sparito, dimenticato. Il progresso ci aveva cancellati.

Nessuno credeva più in noi. Ma poi il progresso ci ha restituito ciò che ci aveva tolto: tutti parlano nuovamente di noi.

ripetizione fastidiosa

 

Ciao. Ho letto il tuo racconto e mi appresto ora a commentarlo per poi postare il mio. :) E’ la prima volta che ti leggo e inizio con il complimentarmi per la fantasia. Un buon racconto che si legge con estrema facilità. Devo ammettere che la prima parte mi è piaciuta di più, forse la terminologia medica utilizzata nel testo l’ha resa più corposa della seconda parte. I dialoghi credo siano un po’ spenti, e poi perché a uno dai il nome di Rossi e per l’altro utilizzi solo l’iniziale?

Una cosa che non mi convince è la telefonata del sig. Rossi che invita S. a un incontro urgente E’ che mi sembra improbabile, o forse poco credibile, che un uomo “ipnotizzato” da Slender Man possa fare una telefonata simile e poi ritrovarsi inebetito nella stalla con una mannaia in mano a macellare frattaglie. Se anche il signor Rossi fosse stato usato per attirare S. nella sua stalla, perché così voleva Slender Man, Il modo che hai utilizzato per portarcelo mi è sembrato banale.

Bello il finale, con una “ritrovata” Luna

Refusi non ne ho visti, a parte qualche accapo di troppo. Problemi con l’impaginazione?

Nell'insieme una buona prova. a rileggerci.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@acronimo4 Grazie per il tuo commento. L'apprezzo molto.

Il fatto della maggior corposità della fase iniziale rispetto a quella finale, è dato dall'avvicinarsi del limite degli ottomila caratteri. Via via che il traguardo

si avvicinava mi sono ritrovato a tirare un po' via...

Avevo percepito anch'io questo problema, anche se spero di averlo un po' riscattato con il finale a sorpresa (ma non troppo) in stile (si fa per dire)

Fredric Brown, uno dei miei autori preferiti.

 

Per la cosa dell'iniziale "S." è dovuta a rosicchiare caratteri. Inizialmente l'indagatore dell'incubo (ma nessuno di voi ha colto la citazione?) si chiamava Simone,

poi risparmiare quattro caratteri per svariate volte mi è stato troppo utile.

Per l'impaginazione non so come mai. Avevo controllato tramite l'anteprima, non so perché è venuto fuori questo scempio.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
28 minuti fa, dizigrino dice:

Se può consolarti, è da ieri che cerco un modo efficace per descrivere un gesto compiuto da un personaggio mentre parla (il gesto sarebbe grattarsi le parti basse).

Un componimento come il tuo potrebbe tranquillamente tenermi impegnato per due settimane.

@Federico72

Come ha detto giustamente @acronimo4 , però, il fatto di aver avuto relativamente poco tempo, e l'obbligo (per me è davvero una sofferenza) degli 8 mila caratteri, ha portato alla stesura di un testo, con vari punti deboli.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@camparino ciao!

 

Ho letto il tuo racconto ed è molto scorrevole, la trama è molto intensa solo che a parer mio non trovo la giusta tensione che cercavo come nelle solite creepypasta anche se ammetto che quel "signor s." lascia pensare molto, allarga la fantasia al lettore e rende più la tensione che volevo. Mi piace la maniera, quasi di un medico, di descrivere le mutilazioni sul bestiame, ottime descrizioni che rendono assolutamente l'idea. 

 

In conclusione è nel complesso un bel testo e ti faccio gli auguri per il contest!:super:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Federico72 finalmente leggo quanto hai scritto! 

Dunque, fermo restando che credo tu abbia avuto problemi col layout di pagina in fase di pubblicazione, non ho null'altro da dire sulla lingua (anche io in realtà mi ero chiesta come mai avessi usato "canina" e non "cagnolina" ma ho trovato la risposta tra i commenti precedenti); né sullo stile che trovo fluido e scorrevole, preciso, quasi chirurgico nelle descrizioni in effetti.

Complimenti per la fantasia! Mentre leggevo ho colto riferimenti alle atmosfere del poliziesco, del thriller, ed ad uno stile nostalgico e malinconico, ma anche, con mia grande gioia a personaggi come Jack Lo Squartatore e, tra gli altri, a Dylan Dog! :D 

Non ho percepito il ritmo incalzante della tensione e dello shock finchè non hai presentato lo Slenderman ed il Chupacabras, e ad essere sincera ho adorato la spiegazione paradossale del mostro che si autodefinisce incubo creato e ricreato dagli umani attraverso il tempo. Geniale! 

La scena finale però per quanto macabra a me è sembrata dolce, perchè alla fin fine S. (che poi mi spiegherai perchè ne hai celato l'identità?) e Luna sono insieme, in una scena che per me ha dei rimandi a Tim Burton

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
On 25/3/2017 at 18:56, Federico72 dice:

S. osservò le tre carcasse, in preda alla pena e al disgusto. Odiava quei casi

Spero che S. sia vegetariano. :asd:

 

A parte scherzi, il racconto è interessante e ben scritto (la parte meglio riuscita è in quella in cui descrivi l'ingresso nell'oscurità, inquietante al punto giusto). La pecca che ho trovato è che secondo me la "spiegazione di tutto" è presentata alla fine in maniera troppo sbrigativa. Se avessi dato più spazio a tale rivelazione, dal mio punto di vista la storia ci avrebbe solo guadagnato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Marty12 L'identità in realtà era palese, inizialmente. Poi dovendo rosicchiare un po' di caratteri, ho pensato di tagliare il nome del personaggio (che era Simone) guadagnando ben 4 caratteri per varie volte in cui ho citato l'indagatore dell'incubo per nome. Poi tra l'altro, mi pare che questo espediente abbia anche circondato il protagonista di un alone di mistero, che forse gli ha anche giovato. (E, lo confesso, non voglio prendermi meriti che non ho, è stato un caso, ero alla disperata ricerca di caratteri da tagliare...) 

Grazie per i complimenti.

 

@Mundi Viator Purtroppo è un problema di cui mi ero accorto già in fase di scrittura e revisione. Purtroppo avevo già raschiato il fondo del barile dei caratteri sacrificabili.

La prima parte mi piaceva parecchio e non volevo snaturarla, ho preferito dare l'accelerata sul finale, piuttosto che riscrivere tutto daccapo. 

Ti confesso che per me la cosa più difficile di questa mia primo MI è stato proprio riuscire a imbrigliare la mia frenesia scrittoria nello strettissimo ambito degli 8000 caratteri.

Sono consapevole che per un contest come questo è inevitabile porre un limite del genere, per svariati motivi, ma per me è stata davvero dura. E quindi forse un allenamento più utile di quello che pensavo...

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Federico72 , questi non capiscono niente. Per me è chiaro che S. è scritto così per motivi di privacy e

On 25/3/2017 at 18:56, Federico72 dice:

«Pronto, parla S. S.»

è un caso di doppia privacy.

Secondo me, poi, l'a capo ogni tanto l'hai fatto apposta per aumentare la suspense, perché così uno non smette mai di chiedersi se andrai a capo o no e sta in tensione.

Buona anche l'idea, per te che sei toscano e dici 'hanina invece di cagnolina, di sbolognare Slender Man, S. e Luna ai modenesi, che se li sgrullino loro.

Venendo alla storia, pur con la premessa che a il genere non mi fa sangue, l'ho trovata neanche eccessivamente sgradevole per eccesso di frattaglie. I tagli netti e chirurgici, infatti, ricordano un Jack lo Squartatore a caccia di costine e fiorentine di allevamenti biologici. Aspetto di vederti all'opera con un pezzo non credilapasta.

Comunque questo mi ha divertito e non mi sono spaventato troppo, per cui stanotte dormirò.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Federico72

Non so perché, ma, dopo aver letto il tuo racconto, mi è venuta voglia di una fiorentina.

 

On 25/3/2017 at 18:56, Federico72 dice:

Il click della cornetta abbassata pose fine a quella breve conversazione.

 

S. osservò perplesso il display.

Si chiese da chi il fattore avesse ottenuto il suo numero.

L’interesse per la scoperta fatta dall’anziano, però, lo spinse a rimandare quella futile domanda e a muoversi verso la campagna, nonostante l’ora.

Taglierei del tutto questo pezzo. Lo trovo inutile.

On 25/3/2017 at 18:56, Federico72 dice:

Il silenzio di quelle tenebre rendeva i battiti del suo cuore tambureggianti come non mai.

Finalmente, insieme a un sinistro rumore simile a quello di due mascelle alle prese con un pasto orridamente luculliano,

Due metafore in poco spazio con grande consumo di caratteri. Perché invece:

"Il silenzio lo rese fibrillante. All'improvviso un rumore di ossa spezzate"

Secondo me è più immediato e più incisivo.

On 25/3/2017 at 18:56, Federico72 dice:

l’oscurità parve squarciarsi,

Hai ripetuto la parola "oscurità" per tre volte in poco spazio.

On 25/3/2017 at 18:56, Federico72 dice:

Per movenze e ferocia nello spolpare il suo pasto, dava l’idea di un cane affamato, anche se brutalmente mutato.

Anche questa parte la considero inefficace. Capisco che tu abbia voluto descrivere il mostro, ma dai troppe informazioni al lettore e non gli permetti di farsi una sua idea.

Io avrei scritto: "Che cosa era? Troppo grosso per essere un cane, troppo brutale per essere vero."

On 25/3/2017 at 18:56, Federico72 dice:

Scodinzolando, faceva muovere una logora medaglietta appesa al suo collare.

Su di essa era inciso il nome Luna.

La parte migliore: dimostra il legame tra il protagonista e il suo nuovo padrone e chiarisce il titolo che rimane un mistero fino alla fine.

 

Fantasioso e inquietante. Più degno di King (IT) che di Brown per il legame di vecchia data tra S. e il mostro e per quel senso di destino ineluttabile che porta il personaggio a scontrarsi con il suo incubo infantile.

Una prova degna di nota che sarebbe interessante sviluppare più a lungo e più a fondo.

Alla prossima.

 

Edison

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Rica

@Federico72 Ciao!

 

Credo sia la prima volta che ti leggo. Sicuramente, è la prima volta che ti incontro in un MI. Quindi, benvenuto. :)

Con un primato tra l'altro: il primo a postare! Prometti bene per i prossimi... :asd:

Appena cominciata la prima riga, ho pensato al chupacabras! Ma non credevo andassi a parare lì! Mi hai ricordato, piacevolmente, tante cose... (parentesi).

 

Il racconto mi è piaciuto nell'idea della trama che hai voluto sviluppare. Scrivi con un ritmo molto buono e hai delle belle descrizioni. Gli ingredienti ci sono tutti e la ricetta funziona. Credo, però, tu possa tornarci su per eliminare alcune parti superflue, che poco aggiungono al racconto, anzi a volte distolgono.  Secondo me, puoi limarlo e tiragli fuori l'anima, che apparentemente sembra giacere sotto le molte informazioni che fornisci. La storia mi è piaciuta. Un'immaginazione fervida molto ben gestita. Hai avuto problemi di formattazione, ma non so proprio darti nessuna indicazione su questo. Bravo. A rileggerti.

 

Qualche nota:
 Sei talmente chirurgico nella descrizione che se mi hai detto poc'anzi l’epistrofeo,  non puoi spiegarmi cauterizzazione, quindi taglierei:

 come se fossero stati esposti a una temperatura elevata.


Tentò di trovare tracce ma - come sempre avveniva in quei casi - pareva che l'artefice di quella mattanza...

- Perché i trattini? Non potevi usare due virgole al loro posto?

 

durante un'escursione nel bosco con la sua canina, Luna,

- Qui mi sento chiamata in causa: ho un canino, come lo intendi tu, si chiama Morsi, e una nipotina di nome Luna! :asd: 

 

Entrati nel portale, esso era svanito.

- Un tipo... Quindi "egli", "lui"...

 

Puoi eliminare molti S. dalla scena della canina. Il soggetto è sempre lui, recuperi caratteri e alleggerisci la lettura. ;)

 

Scese le tenebre, mentre esaminava

- Scesero? Scese il buio?

 

La voce stanca dell’indagatore dell’incubo – come amava definirsi –

- Lo eliminerei, fa troppo Dylan Dog. Un personaggio connotato in questa espressione, al punto che potrebbe essere il suo secondo nome proprio.

 

Il click della cornetta abbassata pose fine a quella breve conversazione.

- Se pose fine, è abbassata. Recuperi caratteri e non ripeti il concerto due volte. Lo rendi, talaltro, più incisivo.

 

chupacabras

- pensa alla possibilità di metterlo in corsivo, in un'eventuale revisione. È un termine spagnolo, quindi lo puoi evidenziare con il corsivo.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
On 25/3/2017 at 18:56, Federico72 dice:

Entrati nel portale, esso era svanito

Una volta entrati, il portale scomparve. 

On 25/3/2017 at 18:56, Federico72 dice:

ma pieno di tutta la subdola malignità di cui trasudava il mondo.

Eviterei una generalizzazione su scala planetaria: il mondo è un complesso di contraddizioni e complementari. Semplicemente direi: "pieno di tutta la (subdola?) malignità del mondo" .

On 25/3/2017 at 18:56, Federico72 dice:

muovendo la mano destra verso la sua infallibile 44 magnum

Mi sono perso: da dove spunta il revolver?

 

Un racconto scritto rispettando le caratteristiche del genere. Non amo questo tipo di racconti (e non riesco a crederci che ne abbia scritto uno anch'io), dove le cose succedono e se azzardi un "Ma perché...?", la risposta più ovvia è: "Perché sì". Comunque, non sto a ripeterti quanto ti hanno già detto altri. In sintesi: qualche frase che avresti potuto omettere, 3 particolari che ti ho segnalato sopra, boa rispettata. Siccome è un racconto "Perché sì", non ti farò domande sulla trama. C'è ancora il problema degli accapo selvaggi, ma non ha a che fare con la storia. Avresti potuto fare di più, comunque la storia è più che dignitosa e si legge volentieri. Nell'insieme un buon lavoro.

 

A rileggerti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao @Federico72. Innanzitutto benvenuto al MI. Niente male il tuo battesimo di fuoco. Il racconto è ben scritto, rispetta secondo me tutti i canoni del genere horror, creepy ammetto non conosco affatto. La storia fila liscio, il personaggio del S., specie nella parte di chiusura mi ha inquietato abbastanza. Ho trovato però il finale leggermente frettoloso. So che hai combattuto contro il limite di caratteri e questo ha sicuramente influenzato l'andatura della storia. Tutto sommato però è una buona prova e il racconto si legge con piacere. La traccia e la boa rispettate. Non ho capito solo una cosa. Cosa volevi dire con: 

 

On 25/3/2017 at 18:56, Federico72 dice:

Scese le tenebre

 

A rileggerci.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
20 ore fa, Macleo dice:

e non mi sono spaventato troppo, per cui stanotte dormirò.

 

Evidentemente ho fallito... ;(  

(scherzo!)

 

15 ore fa, Rica dice:

- Perché i trattini? Non potevi usare due virgole al loro posto?

 

Misteri della mente umana... mi è venuto così! :P

 

15 ore fa, Rica dice:

Entrati nel portale, esso era svanito.

- Un tipo... Quindi "egli", "lui"..

 

Scusami Rica, qui mi riferivo propri al portale, ho usato volutamente esso, per far capire che mi riferivo a quello, invece che allo Slender man. In effetti però è stata una scelta poco azzeccata, sarebbe stato meglio avessi fatto come mi ha suggerito @Ljuset .

 

15 ore fa, Rica dice:

Scese le tenebre, mentre esaminava

- Scesero? Scese il buio?

 

@Emy@Rica

Qui intendevo "calata la notte", voleva essere il participio passato, non la terza persona singolare riferito a S. o la terza plurale scritta erroneamente

 

15 ore fa, Rica dice:

La voce stanca dell’indagatore dell’incubo – come amava definirsi –

- Lo eliminerei, fa troppo Dylan Dog.

 

Perdonami Rica, questo è un mio vezzo a cui non so resistere. Adoro seminare riferimenti a opere, personaggi (reali o fittizi che siano) ed eventi che ho apprezzato nella mia vita, nelle cose che scrivo. Era proprio riferito a D.D.!

 

15 ore fa, Rica dice:

chupacabras

- pensa alla possibilità di metterlo in corsivo, in un'eventuale revisione. È un termine spagnolo, quindi lo puoi evidenziare con il corsivo.

Non ho capito se mi sconsigli o meno di farlo... non è già in corsivo, nel mio testo?

 

 

@Edison  Grazie per l'accuratissima revisione. Non sto a quotare tutti i passaggi. Ho apprezzato moltissimo gli spunti che mi hai dato, mi saranno utili per il prossimo MI!

 

15 ore fa, Ljuset dice:

Mi sono perso: da dove spunta il revolver?

 

Bhè è pur sempre un collaboratore esterno della polizia... tu andresti alle 3 di notte in una stalla dove ventiquattro ore prima hanno mutilato tre mucche, senza prendere un minimo di precauzioni? :lol:

Grazie anche a te per i commenti e gli spunti.

 

@Emy Grazie anche a te, Emy, per il tuo dubbio ti ho risposto poco più su insieme a Rica.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
5 minuti fa, Federico72 dice:

Evidentemente ho fallito

e invece, alla fine per colpa tue ieri non ho dormito. 

Stanotte vengo a tagliarti le orecchie con un bisturi laser e le do da mangiare al mio immondo cane Ayrton. E non scherzo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, Macleo dice:

e invece, alla fine per colpa tue ieri non ho dormito. 

Stanotte vengo a tagliarti le orecchie con un bisturi laser e le do da mangiare al mio immondo cane Ayrton. E non scherzo.

 

Se è quello della foto profilo è proprio bellino... altro che immondo!

Mi fa piacere vedere altri amanti dell'animale migliore del mondo...

E niente niente che tu sia un fan del grandissimo, povero, Senna?

Comunque grazie doppiamente per la precisazione... scusami se sogghigno, pensandoti a rigirarti stringendo il cuscino, mentre fai incubi sul chupacabras che

ti solletica le dita dei piedi prima di papparsele!:D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Rica

@Federico72

15 minuti fa, Federico72 dice:

Scusami Rica, qui mi riferivo propri al portale, ho usato volutamente esso, per far capire che mi riferivo a quello,

 

15 minuti fa, Federico72 dice:

Qui intendevo "calata la notte", voleva essere il participio passato, non la terza persona singolare riferito a S. o la terza plurale scritta erroneamente

 

Non l'avrei capito senza la tua spiegazione, e avrei continuato a considerarlo un refuso. Scusa. Anche per il chupacabras, ho ricontrollato ora e è corsivo! Secondo me, mi si erano incrociati gli occhi causa letture continue...:eheh:     A presto! Salud!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sì, è quello della foto. L'ha chiamato così l'allevatrice il cui padre era, tra l'altro, l'elicotterista di Senna. Comunque per casa ci sono 3 cani, 2 pappagallini e una coniglia. La bestia più feroce è mia moglie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Federico72

Molto molto bello, mi è piaciuto.

Un thriller/horror con tutti i crismi, scritto bene, scorrevole, con una trama lineare ma ben costruita, ovviamente nei limiti obbligati del poco spazio e tempo a disposizione. Qualche difettuccio, ma più che accettabile e giustificato.

Buona la caratterizzazione del protagonista, con la storia della cagnetta, e la scena che ci presenta il cattivo con la bestia.

Sul finale hai dato il meglio: è terribile quanto poetico, per certi versi; la povera cagnolina (diventata una orripilante creatura demoniaca) mi ha quasi fatto tenerezza.

Per me è un lavoro più buono, l'ho apprezzato parecchio.

A rileggerti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Federico72

Veramente un bel racconto mi ha lasciato sul filo del rasoio tutto il tempo.

Ho adorato il finale, come leggevo in un'altro messaggio non sono stata l'unica.

É stato molto dolce farli riunire, anche se in un quadro un pò buio.

Bravo in bocca al lupo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Federico72 Siccome hai già elencato le varie limitazioni da affrontare nella composizione del racconto che spiegano alcuni cali e accelerazioni di ritmo, mi limito ad esprimere la curiosità stilistica che mi ha suscitato il tuo racconto. Mi ha ricordato moltissimo atmosfere e circostanze lovecraftiane. Ho apprezzato la possibilità che mi hai offerto di valutare come potrebbe funzionare un loro trasferimento su un ambiente più contemporaneo e vicino a noi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ti ringrazio, @BiancaB apprezzo molto il tuo passaggio e le parole che mi hai dedicato.

Quanto alle atmosfere lovecraftiane, sono un amante del padre di Chulhu. E pensare di aver in qualche modo richiamato il suo stile durante la tua lettura, è molto gratificante.

Grazie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×