Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Paola Orsini

Schena Editore

Post raccomandati

Nome: Schena Editore

Modalità di invio dei manoscritti: http://www.schenaeditore.it/catalogo/index.php?main_page=faq

Distribuzione: http://www.schenaeditore.it/catalogo/index.php?main_page=contact_us

Sito web: www.schenaeditore.it

Facebookhttps://www.facebook.com/Schena-Editore-198598356418/?fref=ts

 

P.S Hanno un ampio catalogo e pubblicano particamente tutto. Inoltre hanno numerose collane. Io ho mandato loro un messaggio su fb chiedendo se fossero interessati a pubblicare poesia. Poi ho chiesto quale politica editoriale seguono ossia se sono una NOEAP o meno. Hanno letto il messaggio ma non mi hanno ancora risposto. 

 

Modificato da ElleryQ

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salvea tutti, la redazione mi ha risposto molto cordialmente, ecco la loro replica:

"Buongiorno. Accettiamo ogni tipo di manoscritto, anche poesia. Chiaramente lo valuteremo dopo averlo letto. Siamo una casa editrice a doppio binario. Pubblichiamo con contributo, oppure no. Ci sono opere di cui ci innamoriamo fortemente ed in cui crediamo ed investiamo, ed altre che, anche se interessanti, per la loro natura e peculiarità, non possono avere la vendibilità sperata. In tal caso chiediamo un contributo, o meglio ancora cerchiamo uno sponsor."

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Hanno risposto anche a noi molto gentilmente e riassumo:

 

Accettano manoscritti di autori esordienti e pubblicano sia con contributo che senza. Si autodefiniscono "a doppio binario".
Non esiste una modalità di editing standard. Ovviamente di base c'è il processo che trasforma un testo scritto a casa da una persona che non fa questo lavoro, in un file assolutamente conforme e consono allo stile grafico del loro catalogo. A questo va aggiunta una mole di correzioni e di bozze che varia di volta in volta, ed una revisione stilistica e formale dei testi. Infine immagini, foto, copertina e tutto ciò che gli esperti di comunicazione e marketing presso la loro azienda possano ritenere importanti perché il libro funzioni.
Curano la distribuzione personalmente e capillarmente nelle regioni vicine, ma sono distribuiti a livello nazionale da LibroCo, che è convenzionato con il circuito di tutte le Mondadori d'Italia, e con Amazon. Ad ogni modo, sia in Italia che all'estero (poiché parte del catalogo è rivolto ad altre nazioni), possono spedire autonomamente e vendere attraverso lo store online.

Seguono l'autore sia durante la lavorazione del libro che successivamente al lancio della novità. Ne sostengono ogni iniziativa con la produzione di materiale pubblicitario, locandine per eventi, inviti, etc.

Cito testualmente: Un libro non è una pizza, non si sforna in un attimo e non si consuma in pochi minuti. Il suo successo si costruisce e si manifesta nel corso del tempo. Non è un caso che la nostra casa editrice abbia 70anni di attività alle spalle e che alcuni nostri titoli storici si vendano decennio dopo decennio, ristampa dopo ristampa.

 

Sposto in Doppio Binario.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

A me hanno proposto una pubblicazione con contributo. La seconda volta ho mando un altro testo e ho chiaramente specificato che non accettavo proposte con contributo. Infatti non mi hanno mai risposto :-)

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 17/3/2018 alle 14:09, Energie ha detto:

A me hanno proposto una pubblicazione con contributo. La seconda volta ho mando un altro testo e ho chiaramente specificato che non accettavo proposte con contributo. Infatti non mi hanno mai risposto :-)

 

Infatti. Ho proposto due testi in saga. Mi hanno scritto dopo meno di un mese, proponendomi la pubblicazione alle seguenti condizioni: acquisto di cento copie, prima tiratura di cinquecento senza royalties, che verranno riconosciute, nella misura del 10%, soltanto a partire dalla seconda tiratura. Sulla durata della cessione dei diritti e sulla modalità delle liquidazioni, nulla. *Editato dallo taff*. Rispondo che potrei anche accettare la seconda condizione (500 euro in più o in meno non cambiano la vita), ma non mi interessa essere pubblicato a pagamento. Mi rispondono a loro volta *Editato dallo taff*, che editing, correzione di bozze, stampa, promozioni, etc... sono costi difficilmente recuperabili su un autore sconosciuto, aggiungendo che posso sempre rivendere le mie cento copie.

Mi chiedo su quali basi, a parte quella che sembra una dichiarazione di parte, siano collocati tra le Ce a doppio binario. Io credo che, a meno che qualcuno (esordiente) possa dichiarare di aver pubblicato con loro senza anticipare danaro, vadano spostati tra le CE a pagamento. Con l'aggravante che si tratta di una CE solida, che opera da oltre 70 anni e che, quindi, dovrebbe essere capitalizzata a sufficienza per correre il rischio d'impresa. 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Discussione aggiornata.

 

Il 7/3/2019 alle 20:53, cheguevara ha detto:

Mi chiedo su quali basi, a parte quella che sembra una dichiarazione di parte, siano collocati tra le Ce a doppio binario. Io credo che, a meno che qualcuno (esordiente) possa dichiarare di aver pubblicato con loro senza anticipare danaro, vadano spostati tra le CE a pagamento.

 

Purtroppo, due sole dichiarazioni sono ancora scarse per affermare che la CE sia inequivocabilmente a pagamento, per cui attendiamo un po'.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, ElleryQ ha detto:

Discussione aggiornata.

 

 

Purtroppo, due sole dichiarazioni sono ancora scarse per affermare che la CE sia inequivocabilmente a pagamento, per cui attendiamo un po'.

Grazie. Però, l'accoppiamento del versamento in danaro all'esclusione dalle royalties della prima tiratura di 500 copie non l'avevo ancora visto da nessuna parte. Naturalmente, se serve, posso girare la mail con la proposta ricevuta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il ‎19‎/‎03‎/‎2019 alle 15:22, cheguevara ha detto:

Grazie. Però, l'accoppiamento del versamento in danaro all'esclusione dalle royalties della prima tiratura di 500 copie non l'avevo ancora visto da nessuna parte. Naturalmente, se serve, posso girare la mail con la proposta ricevuta.

Vedo che la discussione non ha avuto seguito. Prego chi ha avuto contatti e/o contratti con questa casa editrice di intervenire, chiarendo se siano a pagamento o meno. Nell'interesse di tutti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 24/4/2019 alle 07:27, cheguevara ha scritto:

Vedo che la discussione non ha avuto seguito. Prego chi ha avuto contatti e/o contratti con questa casa editrice di intervenire, chiarendo se siano a pagamento o meno. Nell'interesse di tutti.

 

Anche se con qualche mese di ritardo, oggi posso rispondere e condividere la mia personale esperienza con questa CE. Ho inviato la mia proposta il giorno 1 Ottobre 2019 e oggi, dopo 15 giorni, ho ricevuto un responso. 

 

Hanno ritenuto il mio lavoro consono alla pubblicazione  classificandolo solo come "corposo", giustamente credo, date le sue 310 cartelle. Nessun altro riferimento al manoscritto, comunque.  Editing, tiratura iniziale di 500 copie, 10% royalties, ma anche un vincolo che obbliga l'autore ad acquistare 50 copie a fronte di un "contributo" ('mmazza!) di 2000 euro più IVA al 4%. Se la matematica non è un opinione, quindi, 40 euro a copia... il che non so se dovrebbe farmi sentire particolarmente portato per la scrittura o più semplicemente particolarmente stupido. :pat:

 

Scherzi a parte, molto gentilmente e senza nessuna polemica declinerò la proposta, con un pizzico di rammarico in più questa volta perché, ahimè, dovrò andare a depennare dalla lista una realtà editrice pugliese e, purtroppo, non ce ne sono mote altre. Spero almeno di poter aiutare qualcuno avendo condiviso la mia esperienza.

:plata:
 

  • Mi piace 4

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
38 minuti fa, Obs Snow ha scritto:

 

Anche se con qualche mese di ritardo, oggi posso rispondere e condividere la mia personale esperienza con questa CE. Ho inviato la mia proposta il giorno 1 Ottobre 2019 e oggi, dopo 15 giorni, ho ricevuto un responso. 

 

Hanno ritenuto il mio lavoro consono alla pubblicazione  classificandolo solo come "corposo", giustamente credo, date le sue 310 cartelle. Nessun altro riferimento al manoscritto, comunque.  Editing, tiratura iniziale di 500 copie, 10% royalties, ma anche un vincolo che obbliga l'autore ad acquistare 50 copie a fronte di un "contributo" ('mmazza!) di 2000 euro più IVA al 4%. Se la matematica non è un opinione, quindi, 40 euro a copia... il che non so se dovrebbe farmi sentire particolarmente portato per la scrittura o più semplicemente particolarmente stupido. :pat:

 

Scherzi a parte, molto gentilmente e senza nessuna polemica declinerò la proposta, con un pizzico di rammarico in più questa volta perché, ahimè, dovrò andare a depennare dalla lista una realtà editrice pugliese e, purtroppo, non ce ne sono mote altre. Spero almeno di poter aiutare qualcuno avendo condiviso la mia esperienza.

:plata:
 

A questo punto, mi chiedo cosa ancora aspettiamo per collocare questa CE al posto che le compete, tra quelle a pagamento.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buongiorno a tutti,

 

vorrei chiedere ai più esperti un opinione. Anni fa ho vinto un concorso che comportava la pubblicazione con questa casa editrice. Mi chiedevo se fosse possibile ri-pubblicare il libro con un’altra casa editrice, considerato che da bando, loro possiedono solo i diritti della prima edizione. Vi copio qua ciò che era scritto sul bando ufficiale:

 

“Diritti d'autore: la partecipazione al concorso costituisce espressa autorizzazione alla pubblicazione dell'opera da parte di Schena Editore, nonché la cessione alla stessa Casa Editrice dei diritti di autore (relativi alla prima edizione) a titolo gratuito, a fronte delle copie omaggio ricevute all'atto della premiazione. Il rapporto tra autore ed editore sarà sancito da formale contratto di edizione.”

 

Qualcuno può assicurarmi che ho totale libertà di ri-pubblicazione con altri per una seconda edizione?

 

Grazie mille per l’aiuto!

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Nel messaggio sopra, il punto esclamativo è accidentale. Mi è scappato. Per favore, ignoratelo. Chiedo scusa a tutti. Il “Grazie” sembra un imperativo così. Scusate.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, Blue5now ha scritto:

“Diritti d'autore: la partecipazione al concorso costituisce espressa autorizzazione alla pubblicazione dell'opera da parte di Schena Editore, nonché la cessione alla stessa Casa Editrice dei diritti di autore (relativi alla prima edizione) a titolo gratuito, a fronte delle copie omaggio ricevute all'atto della premiazione. Il rapporto tra autore ed editore sarà sancito da formale contratto di edizione.”

 

Qualcuno può assicurarmi che ho totale libertà di ri-pubblicazione con altri per una seconda edizione?

 

Il contratto a edizione è in genere valevole per una sola edizione, salvo diverse disposizioni contrattuali, però scade quando tutte le copie di quella edizione sono esaurite. Diversamente ha durata massima ventennale.

Inoltre è importante il numero delle copie, che dev'essere indicato sul contratto. In caso contrario, nel contratto "a edizione" la mancanza del numero di copie non rende nullo il contratto, perché s'intende che la tiratura sia di 2000 copie.

 

Quota

Art. 122.

Il contratto di edizione puo' essere " per edizione " o " a termine ".

Il contratto " per edizione " conferisce all'editore il diritto di eseguire una o piu' edizioni entro vent'anni dalla consegna del manoscritto completo.

Nel contratto devono essere indicati il numero delle edizioni e il numero degli esemplari di ogni edizione. Possono tuttavia essere previste piu' ipotesi, sia nei riguardi del numero delle edizioni e del numero degli esemplari, sia nei riguardi del compenso relativo.

Se mancano tali indicazioni si intende che il contratto ha per oggetto una sola edizione per il numero massimo di duemila esemplari.

 

Credo ti convenga chiedere chiarimenti direttamente all'editore.

 

P.S.: il punto esclamativo singolo è ammesso, è l'abuso a non essere consentito (tre punti esclamativi, per esempio). ;)

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Insisto con lo Staff perché questa CE venga collocata nel luogo che le compete, cioè tra quelle a pagamento. Grazie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@cheguevara , come spiegato, non possiamo basarci su così poche tertimonianze (tre al momento). Non forniscono una sufficiente statistica per smentire il dobbio binario. L'unica cosa che al momento ho potuto fare è stato inviare una nuova mail con questionario informativo, per chiedere loro se le politiche editoriali fossero nel frattempo cambiate; ma se dovessero ancora una volta definirsi Doppio Binario non possiamo far altro che accettare la loro dichiarazione. Sta a un sufficiente numero di testimonianze smentirla.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×