Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

HateQueen118

Tiratura minima

Post raccomandati

Salve a tutti! Che voi sappiate, l'editore è obbligato a specificare nel contratto la tiratura minima del libro, ossia il minimo numero di copie che verranno stampate? Se non lo fa, questa potrebbe essre una motivazione valida per liberarsi dal contratto?

(Inoltre, se l'autore si dimostra deciso a rompere il contratto, dimostrandosi anche disponibile a pagare una penale, e l'editore procedsse comunque con la pubblicazione senza avvisare l'autore, sarebbe legale?)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
57 minuti fa, HateQueen118 dice:

Che voi sappiate, l'editore è obbligato a specificare nel contratto la tiratura minima del libro, ossia il minimo numero di copie che verranno stampate? Se non lo fa, questa potrebbe essre una motivazione valida per liberarsi dal contratto?

 

Ciao @HateQueen118 , sì l'editore è tenuto a specificare la tiratura minima. Se il contratto di edizione rientra nella tipologia del contratto di "Edizione a termine", l’articolo 122 della Legge sul Diritto d’Autore (L. 22 aprile 1941, n° 633) specifica: “Il contratto di edizione a termine conferisce all’editore il diritto di eseguire quel numero di edizioni che stima necessario durante il termine, che non può eccedere venti anni, e per il numero minimo di esemplari per edizione, che deve essere indicato nel contratto, a pena di nullità del contratto medesimo". Qui il testo integrale.

 

1 ora fa, HateQueen118 dice:

se l'autore si dimostra deciso a rompere il contratto, dimostrandosi anche disponibile a pagare una penale, e l'editore procedsse comunque con la pubblicazione senza avvisare l'autore, sarebbe legale?

Assolutamente no, sarebbe una violazione del diritto d'autore. :o Venendo meno il contratto, rientreresti in possesso dei diritti di sfruttamento economico dell'opera.

In ogni caso avresti anche il diritto (morale e quindi inalienabile) al ritiro dell'opera:

 

Cita

e) Il diritto di ritiro dell'opera. L'art. 2582 del codice civile stabilisce che “l'autore, qualora ricorrano gravi ragioni morali, ha il diritto di ritirare l'opera dal commercio, salvo l'obbligo di indennizzare coloro che hanno acquistato i diritti di riprodurre, diffondere, eseguire, rappresentare o mettere in commercio l'opera medesima. Questo diritto è personale ed intrasmissibile.”

 

  • Mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, HateQueen118 dice:

Purtroppo tutto questo mi sta capitando davvero, ma se è come dici potrei uscirne sul serio!

 

Mi spiace che ti stia accadendo. :( In realtà non sono io a dirlo, è la legge a prevederlo, per cui sì, puoi decisamente uscirne. :)

Ti suggerisco di guardare con attenzione il link che ti ho inserito, perché riporta la normativa integrale. Se poi hai qualche amico consulente legale o mediatore civile, ti consiglio di parlargliene e di chiedere ulteriori riscontri.

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 21/2/2017 alle 01:54, ElleryQ ha scritto:

 

Ciao @HateQueen118 , sì l'editore è tenuto a specificare la tiratura minima. Se il contratto di edizione rientra nella tipologia del contratto di "Edizione a termine", l’articolo 122 della Legge sul Diritto d’Autore (L. 22 aprile 1941, n° 633) specifica: “Il contratto di edizione a termine conferisce all’editore il diritto di eseguire quel numero di edizioni che stima necessario durante il termine, che non può eccedere venti anni, e per il numero minimo di esemplari per edizione, che deve essere indicato nel contratto, a pena di nullità del contratto medesimo". Qui il testo integrale.

 

C'è un'altro problema su questo, alcune Case Editrici naturalmente mettono questa clausola sul contratto appunto per la legalità dello stesso, ma come ordini una copia del tuo libro, troverete NON DISPONIBILE e dopo una lunga attesa viene cancellato. Allora come sta la faccenda?

 

 

 

  • Confuso 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Se un contratto è nullo (mancanza di tiratura minima) o l'editore è comunque inadempiente, non dove pagare alcuna penale, contestate la nullità o l'inadempimento. Per quest'ultimo, a seconda del tipo di inadempimento, potete risolvere automaticamente il contratto o minacciare di farlo in giudizio.

Le penali sono normalmente previste per il recesso anticipato, nullità o inadempimento sono un'altra cosa ;)

  • Mi piace 2
  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×