Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Ospite

Gruppo editoriale YNDI Books (Lupieditore)

Post raccomandati

1 ora fa, ElleryQ ha detto:

Il link al sito (quello della CE), però, sembra non funzionare momentaneamente.

 

Li ho contattati su Facebook e mi hanno comunicato che a breve avranno un nuovo sito. :)

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buonasera a tutti! Ho appena ricevuto una mail da parte della Lupi Editore con una proposta di pubblicazione e un contratto in allegato... L'ho letto e riletto e sembra buono: non si parla di contributi da parte dell'autore da nessuna parte e la tiratura è piuttosto alta (4000 copie)... qualcun altro ha ricevuto una proposta simile in questi giorni? 

  • Confuso 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Francesca Moleskina Ti hanno chiesto contributi di qualche tipo?

 

Per lo Staff: perché questa casa editrice risulta ancora tra quelle da testare? Sulla loro pagina Facebook, nel post fissato in alto (Pubblica con noi - inviaci il tuo manoscritto), nel primo commento un utente domanda se chiedono contributi per la pubblicazione e loro rispondono con un secco "No".

 

Ma è normale, per una piccola, proporre una tiratura di quattromila copie? O_o

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
11 ore fa, Ngannafoddi ha detto:

@Francesca Moleskina Ti hanno chiesto contributi di qualche tipo?

 

Per lo Staff: perché questa casa editrice risulta ancora tra quelle da testare? Sulla loro pagina Facebook, nel post fissato in alto (Pubblica con noi - inviaci il tuo manoscritto), nel primo commento un utente domanda se chiedono contributi per la pubblicazione e loro rispondono con un secco "No".

 

Ma è normale, per una piccola, proporre una tiratura di quattromila copie? O_o

 

Nella mail hanno specificato che ci sono stati dei cambiamenti, che la casa editrice è cresciuta e che adesso fa parte del gruppo YNDY BOOK. 

Sul contratto non chiedono contributi, anzi, ribadiscono che tutte le spese sono a loro carico: sulla carta sembra un'ottima proposta.

Ho risposto alla mail e attendo ulteriori informazioni.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non hanno ancora creato un nuovo sito, ma hanno una sezione dedicata su quello della YNDY BOOK.

Eccola: http://www.yndy.it/pubblica-con-noi-2/pubblica-con-noi/

 

C'è scritto tutto, anche delle 4000 copie di tiratura per ogni nuovo contratto. Solo che non trovo il form che invitano a compilare... :grat:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho partecipato al concorso "Best seller nel cassetto " 2018  indetto da Lupi Editore. Avrei dovuto insospettirmi già prima di inviare il manoscritto. Infatti nessuna risposta alle innumerevoli richieste di informazioni . Solo dopo una telefonata alla libreria dell'editore ricevevo una telegrafica risposta tramite whats app. A insospettimi avrebbe dovuto anche contribuire la assoluta mancanza di professionalità che traspare sia al sito dell'editore ( o libreria) che dal profilo di wapp .  Già il faccione messo in bella mostra del sig. Lupi  dovrebbe dissuadere chiunque a dargli il minimo di fiducia ! Comunque decidevo di rischiare i 20 euro di iscrizione. Il termine di invio era fissato per il 31 agosto. Io la sera del 31 invio il manoscritto inedito. Il giorno seguente arriva una email di conferma dell'iscrizione. Il mattino del 4 settembre arriva una email chiaramente  prestampata in cui mi avvertono che l'opera non rientra nei finalisti ma la giuria l'ha considerata degna di pubblicazione.  Segue copia del contratto ecc. Insomma questi personaggi nel giro di 3 giorni hanno esaminato le opere e stilato la graduatoria. Incredibile !  Se ne evince che si tratta di una grande presa per i fondelli un finto  concorso che è in realtà uno specchietto per le allodole . Oltre tutto a leggere  le clausole del contratto ci sono molti punti oscuri, altro che pubblicazione gratuita.

  • Mi piace 4

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La tempestività ha fatto storcere il naso anche a me, ma Lupi ha risposto nel giro di un paio d'ore alla mail che gli ho mandato. 

C'è un punto nel contratto che assicura (cito testualmente): "Contratto editoriale senza contributo né acquisto copie obbligatorio. L'autore mette l'ingegno, noi investiamo su tutto". 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 6/9/2018 alle 11:23, UGE ha detto:

Ho partecipato al concorso "Best seller nel cassetto " 2018  indetto da Lupi Editore. Avrei dovuto insospettirmi già prima di inviare il manoscritto. Infatti nessuna risposta alle innumerevoli richieste di informazioni . Solo dopo una telefonata alla libreria dell'editore ricevevo una telegrafica risposta tramite whats app. A insospettimi avrebbe dovuto anche contribuire la assoluta mancanza di professionalità che traspare sia al sito dell'editore ( o libreria) che dal profilo di wapp .  Già il faccione messo in bella mostra del sig. Lupi  dovrebbe dissuadere chiunque a dargli il minimo di fiducia ! Comunque decidevo di rischiare i 20 euro di iscrizione. Il termine di invio era fissato per il 31 agosto. Io la sera del 31 invio il manoscritto inedito. Il giorno seguente arriva una email di conferma dell'iscrizione. Il mattino del 4 settembre arriva una email chiaramente  prestampata in cui mi avvertono che l'opera non rientra nei finalisti ma la giuria l'ha considerata degna di pubblicazione.  Segue copia del contratto ecc. Insomma questi personaggi nel giro di 3 giorni hanno esaminato le opere e stilato la graduatoria. Incredibile !  Se ne evince che si tratta di una grande presa per i fondelli un finto  concorso che è in realtà uno specchietto per le allodole . Oltre tutto a leggere  le clausole del contratto ci sono molti punti oscuri, altro che pubblicazione gratuita.

 

Ciao @UGE perdona il disturbo volevo chiederti un chiarimento, mi è arrivata una pubblicità con l'invito alla partecipazione al concorso "Best seller nel cassetto" 2018 indetto da Lupi editore, forse ne hanno indetto una nuova edizione differente perché questo scade il 31 dicembre ed è gratuito, dice chiaramente che tutte le opere verranno pubblicate su amazon in versione ebook con regolare contratto Lupieditore e royalty per autore. Incalza dicendo che ogni opera sarà contrattualizzata e riceverà durante tutto il periodo di gara le royalties pari al 15% del prezzo di copertina. Infine chi vincerà avrà regolare contratto per distribuzione cartacea anche quello gratuito. Messa in questa maniera mi sembrerebbe ben diverso da ciò che è capitato a te, forse hanno cambiato approccio?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Appunto! Sul contratto che mi hanno inviato viene specificato chiaramente che TUTTE le spese sono a carico della casa editrice e che l'autore non ha l'obbligo di acquistare copie... probabilmente adesso seguono una politica diversa.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve,

sono da due anni autrice della Lupieditore, e avendo letto questi commenti ci tenevo a chiarire. la confusione a mio avviso (fatta in primis dall'editore e gliel'ho anche esposto, seguendovi) è che l'editore ha ben tre realtà editoriali attualmente. la LUPIEDITORE è una casa editrice totalmente gratuita e non chiede alcun contributo di sorta. Dello stesso proprietario c'è EALAB che ha stessa distribuzione e tirature della lupi ma che è un laboratorio per emergenti e li c'è editing ed altri servizi con contributo. Infine Yndybook che crea ebook. Nel primo periodo di vita di queste tre entita essendo lo stesso proprietario in effetti le divisioni non erano ben chiare negli scrittori ma ora se andate su http://www.yndy.it/ nella sezione pubblica con noi la divisione e' netta e chiara anche se i siti sono ancora in costruzione

Spero di essere stata di aiuto

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 6/9/2018 alle 11:23, UGE ha detto:

Ho partecipato al concorso "Best seller nel cassetto " 2018  indetto da Lupi Editore. Avrei dovuto insospettirmi già prima di inviare il manoscritto. Infatti nessuna risposta alle innumerevoli richieste di informazioni . Solo dopo una telefonata alla libreria dell'editore ricevevo una telegrafica risposta tramite whats app. A insospettimi avrebbe dovuto anche contribuire la assoluta mancanza di professionalità che traspare sia al sito dell'editore ( o libreria) che dal profilo di wapp .  Già il faccione messo in bella mostra del sig. Lupi  dovrebbe dissuadere chiunque a dargli il minimo di fiducia ! Comunque decidevo di rischiare i 20 euro di iscrizione. Il termine di invio era fissato per il 31 agosto. Io la sera del 31 invio il manoscritto inedito. Il giorno seguente arriva una email di conferma dell'iscrizione. Il mattino del 4 settembre arriva una email chiaramente  prestampata in cui mi avvertono che l'opera non rientra nei finalisti ma la giuria l'ha considerata degna di pubblicazione.  Segue copia del contratto ecc. Insomma questi personaggi nel giro di 3 giorni hanno esaminato le opere e stilato la graduatoria. Incredibile !  Se ne evince che si tratta di una grande presa per i fondelli un finto  concorso che è in realtà uno specchietto per le allodole . Oltre tutto a leggere  le clausole del contratto ci sono molti punti oscuri, altro che pubblicazione gratuita.

Ero in giuria in quel concorso e non c'è nulla di poco chiaro. Partendo dal presupposto che un opera valida o meno si capisce da subito, gia dopo 20/30 pagine. L'editore ha segnalato i romanzi scartati proponendo una pubblicazione con EALAB un laboratorio editoriale. Detto questo ti posso garantire che non è nessuno specchietto per le allodole...a gennaio ci sarà la premiazione tutto nella massima trasparenza.  

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 19/7/2018 alle 17:53, SarahA. ha detto:

Io ho un'esperienza recentissima.

Ho proposto il mio manoscritto, che in tempi molto rapidi è stato giudicato pubblicabile, con relativa proposta a pagamento e cento copie omaggio all'autore. Ho rifiutato, spiegando di essere orientata verso la pubblicazione gratuita e mi sono arrivate altre due proposte: la prima, sempre a pagamento, ma con prezzo dimezzato e cinquanta copie omaggio all'autore; la seconda, pubblicazione non a pagamento del solo e-book su Amazon. Ovviamente ho declinato.

Questo il caso che dicevo prima, la confusione creata..le proposte a pagamento sono della EALAB (sempre di proprietà Lupieditore ma è un altra casa editrice che forma gli scrittori con corsi e altro

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@VERONICA INES Ciao.

Quando non ci sarà più alcun dubbio sul fatto che sia Free e non ci sarà tutta questa "confusione", provvederemo eventualmente a spostare la discussione o contattare nuovamente la Casa Editrice. Fino ad allora rimarrà in questa lista.

 

Riguardo alla tua iscrizione, sarebbe auspicabile presentarsi nella sezione "ingresso" prima di partecipare a discussioni su case editrici o qualsiasi altro argomento :) 

Inoltre ti ho appena cambiato il nick name eliminando il tutto maiuscolo.

Grazie e buon proseguimento.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ci ha scritto Jacopo Lupi, che con molta gentilezza ha fatto chiarezza sulla questione e riporto le sue parole:
 

Quota

 

Abbiamo creato un gruppo editoriale: YNDYBOOK dove c’è:

  1. Lupieditore (casa editrice non a pagamento che però pubblicherà esclusivamente narrativa, thriller, saggistica, solo 6 titoli l'anno)
  2. Ea Lab, altra casa editrice sempre di proprietà della lupieditore, dove pubblichiamo tutti i generi però previa affiliazione. 
  3. YNDI PRINT che si occuperà di print on demand
  4. A breve nascera yndy ebook (casa editrice non a pagamento che  pubblicherà esclusivamente ebook di formazione)

 

 

Rinomino la discussione, aggiorno le informazioni e sposto in Doppio binario, visto che ci sono possibilità di pubblicazione sia free che a pagamento :) 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io mi sono iscritto oltre 1 settimana fa al loro concorso "Fiumi di parole", ma nessuno ha risposto alle mie richieste di conferma iscrizione: mail e messaggi Facebook, totalmente ignorati!

Purtroppo iniziò a pensare di aver perso la quota di iscrizione.

 

andrea

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Per correttezza e completezza di informazione, mi è arrivata conferma di partecipazione al concorso. Il 2 Gennaio mi è arrivata mail con la notizia di non aver raggiunto la fase finale; ma il mio lavoro è stato trovato interessante e mi hanno allegato proposta di contratto con EA Lab (ovviamente). Ad onore del vero, la proposta rispetto ad altre proposte a pagamento è anche interessante. Ed è ben confezionata. in modo elegante ti fanno capire che tu compri 100 copie del tuo libro (ma a un buon prezzo...diciamo a un prezzo scontato rispetto a quello di listino).

  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 3/1/2019 alle 06:38, finario ha detto:

Per correttezza e completezza di informazione, mi è arrivata conferma di partecipazione al concorso. Il 2 Gennaio mi è arrivata mail con la notizia di non aver raggiunto la fase finale; ma il mio lavoro è stato trovato interessante e mi hanno allegato proposta di contratto con EA Lab (ovviamente). Ad onore del vero, la proposta rispetto ad altre proposte a pagamento è anche interessante. Ed è ben confezionata. in modo elegante ti fanno capire che tu compri 100 copie del tuo libro (ma a un buon prezzo...diciamo a un prezzo scontato rispetto a quello di listino).

Ciao a tutti

Ho letto l'intera discussione in quanto ho partecipato al concorso del 31/08/18 "Parole in viaggio" con un testo edito (autopubblicato) e uno inedito. Dopo diverse email senza risposta, oggi giunge finalmente la risposta che non sono tra i finalisti (e hanno accorpato anche i finalisti di Fiumi di parole) però ritengono la mia opera valida per la pubblicazione a pagamento con ea libri (di cui non v'è traccia online) con pagamento di quasi 1000€. Meglio stare fermo? La faccenda mi puzza parecchio e quasi quasi chiamerei Pinuccio di striscia (sono pugliese) per farlo investigare, che dite?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sì, in sostanza la stessa proposta che hanno fatto a me.

Anche io ho rinunciato, nonostante ripeto, rispetto ad altre EAP è la meno peggio come proposta.

 

Comunque detto questo, a mio avviso trovano tutte le opere interessanti, tanto alla fine chi accetta gli paga le spese editoriali, quindi riduce il loro rischio di impresa.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@lamichael , grazie per la tua testimonianza sulla CE.

Potresti anche preserntarti in Ingresso, per cortesia? Di solito la nostra prassi richiede questo ai nuovi iscritti, come primissimo approccio al forum.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

c'è qualcuno che ha già pubblicato con EA LAB della Lupi editore? Ci si può fidare o meglio correre a gambe levate?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Qualche mese fa ho partecipato a un concorso per cui sono stato informato pochi giorni fa della mia esclusione dalla finale.

Peccato, mi dispiace.

Ma c’è un “MA” ! E come potrebbe non esserci il “ma”?

Ovviamente non sono in finale ma il “comitato di lettura” pensa che il mio cristallino talento meriti di essere promosso in ogni modo e in ogni dove e che la mia grandiosa opera diventerà un bestseller.

Mi accomodo sulla sedia per leggere meglio come Lupi Editore intende rendermi miliardario. Mi verso un bicchiere di Porto e mi arriccio i baffi.

Lupi Editore ha due case editrici. Una è troppo impegnata e pubblica solo sei titoli all’anno, quindi, dai, lascia perdere questa che è roba per bimbi grandi. 
MA… ma c’è la nuova casa editrice e, ovviamente, è una figata pazzesca.

EA Lab è proprio ciò che fa per me! Menomale che ci sono loro! Pensa un po’ che EA Lab parte con tirature di 2000, 3000, anche 4000 copie solo per me. Perché tanto loro sanno che almeno 1000 copie le vendiamo! Eccheccazzo, un talento fulgido, luminoso e cristallino come il mio vuoi che non venda almeno 1000 copie? Ma soprattutto, con una promozione e un editing fatto da Lupi Editore + Ea Lab, i miei sogni diventeranno realtà!

E chi vende meno di 1000 copie è solo perché non ci ha creduto fino in fondo, certo. Naturalmente.

Tutti quelli che ci hanno creduto hanno venduto migliaia di copie, sono ricchi, scrivono dalle Bahamas, hanno visto le loro opere tradotte in tutto il mondo e alcuni le hanno viste diventare film (ditemi quali, almeno so cosa non guardare).

Ah, addirittura due autori hanno registrato “vendite da capogiro”. A che cifra mi viene il “capogiro”? Io direi almeno mille miliardi di milioni, però, bo, forse è un po’ soggettivo.

E poi… e poi il mio libro sarà un bestseller. Tutti i libri pubblicati da Lupi Editore e da Ea Lab diventano best seller. Suvvia, un po’ di immaginazione! Basta credere nel progetto, no?


Un libro è come un figlio, va accudito con tutte le proprie forze fino a quando non è in grado di badare a se stesso, ma per arrivarci serve tanto lavoro.

E quindi, scrittore mio dal talento di giada, accudisci il tuo romanzo… “dacci solo quattro monete e ti iscriviamo al concorso per la celebrità”

Devo contattarli. E infatti nell’email ci sono tutti i recapiti del caso. Non poteva mancare il momento “se decidi di non pagarci, lo fai solo perché non ti interessa diventare miliardario”:


Siamo interessati a trasformarti in un autore Bestseller quindi contattaci in qualsiasi caso, anche se deciderai di non voler investire su te stesso e sul tuo futuro da autore, ti daremo comunque tutti i consigli utili per seguire un altro percorso, perché noi crediamo nei libri e nei sogni dei loro autori e li aiutiamo a realizzarli!

 

Grazie Jacopo, avevo bisogno del tuo attestato di stima e delle tue belle parole, ma 959.70€ preferisco spenderli in vino. Almeno da ubriaco posso sognare di essere miliardario, esattamente come se pubblicassi qualcosa con dei cancri dell’editoria come le case editrici a pagamento.

  • Mi piace 3
  • Triste 1
  • Divertente 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Strano: a me La Lupi Editore (non EA Lab) ha fatto una proposta di pubblicazione e inviato un contratto, ma non mi ha chiesto di sborsare un euro. Ho letto e riletto i termini per accertarmi che non ci fossero clausole poco chiare: vi farò sapere se ci saranno sviluppi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, Francesca Moleskina ha detto:

Strano: a me La Lupi Editore (non EA Lab) ha fatto una proposta di pubblicazione e inviato un contratto, ma non mi ha chiesto di sborsare un euro. Ho letto e riletto i termini per accertarmi che non ci fossero clausole poco chiare: vi farò sapere se ci saranno sviluppi.

Non è strano, questa CE è effettivamente doppio binario (binario a pagamento e binario free).

Visto che finora abbiamo avuto le esperienze delle richieste a pagamento, è ottimo che tu condivida i termini di quella free, per avere un quadro completo :) 

Grazie mille :D 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Vorrei aggiungere che dopo aver ricevuto la classifica dei finalisti per i concorsi "Fiumi di parole" e "Parole in viaggio", sul loro sito facebook indicano che per problemi burocratici devono annullare gli ultimi tre concorsi e ne rifaranno uno che include tutti i concorsi (e non si capisce come sia possibile farlo) e quindi siamo tutti di nuovo in gara.

Inoltre a domanda esplicita "Quanto tempo ho per dare risposta alla possibilità di pubblicare a pagamento", rispondono con un semplice "quando ne avrà voglia siamo qui". E questa è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Quindi tra email senza risposta, risposte di tre parole (sempre rigorosamente tutto in maiuscolo), concorsi i cui risultati escono per email ma non sul blog o su altri siti, proposte tutte uguali ma sempre a pagamento, hacker che chiedono soldi e problemi burocratici, concluderei che la EA Lab è meglio lasciarla perdere proprio. Spero che almeno la Lupi Editore sia seria... In bocca al lupo ai "fortunati".

  • Confuso 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunitày. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×