Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Gaia

Porto Seguro Editore

Post raccomandati

8 ore fa, Porto Seguro Editore ha scritto:

 

No Marta, nessun lato oscuro. Nessuno, ripeto, è mai stato obbligato ad acquistare copie, né mai lo sarà.

Ci sembra importante però includere lo scrittore nel processo di promozione del libro, sia proponendo presentazioni alle quali dovrebbe partecipare, sia chiedendogli impegno nel divulgare la pubblicazione del libro, cosa che dovrebbe interessare innanzitutto l'autore e che è richiesta da qualsiasi casa editrice, anche la più grande.

Naturalmente se, di fronte alle nostre minimali richieste di impegno (e in questo impegno non è assolutamente incluso l'acquisto di copie), si risponde che non si può garantire nulla, ma anzi, si avanzano più richieste alla casa editrice (riduzione del già esiguo termine di 5 anni, più copie omaggio ecc...) non c'è per noi un rapporto equilibrato fra editore e autore e, con dispiacere, dobbiamo rinunciare alla pubblicazione. L'editore si assume tutti i rischi del caso, ma l'autore che propone la sua opera dovrebbe crederci abbastanza da sperare che qualcuno la legga.

In effetti il conto vendita non è una richiesta d'acquisto, rileggendo il commento di @Fabio Gioiosa inizio a credere che si sia trattato più di un disguido fra le parti...

 

P.s. "lato oscuro" era per sdrammatizzare ovviamente 😬

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao @Marta96

sì, infatti, c'è stato un misunderstanding purtroppo, ma sarebbe stato sufficiente da parte dell'editore rispondermi semplicemente come mi sembra di aver fatto io: ho detto di avere pazienza e che avrei collaborato alla promozione del libro, ma non avendo esperienza e nemmeno il contratto non mi sentivo sicuro. La risposta è stata categorica o decidi adesso di acquistare 70 copie oppure non se ne fa niente. Ribadisco che probabilmente la richiesta di due copie in più in omaggio ha involontariamente causato incomprensione, ma non da parte mia solo da parte della CE.

  • Mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 30/7/2020 alle 16:56, CJasper ha scritto:

Spinto da alcuni post sponsorizzati visti su Facebook, ho mandato qualche mio scritto e ho effettuato un colloquio presso la nuova sede di Roma.

 

Come affermano molti in questo thread, le condizioni sono esattamente quelle che si possono vedere sul loro sito (che chiaramente ho vistato per il primo contatto) e i ragazzi in sede sono stati molto cordiali nello spiegarmi tutto per filo e per segno. Si vede che sono arrivati da poco a Roma ma sono ben organizzati, mi hanno subito elencato il loro modo di lavorare e le condizioni contrattuali. No, non è obbligatorio l'acquisto di tot copie e sinceramente trovo ragionevole partire con una tiratura limitata, dato che comunque non ho chissà quale seguito pregresso. Da quel punto di vista però si sono dimostrati disponibili per l'avvio del percorso d'immagine, parlandomi di presentazioni e tutto ciò che una CE fa di norma. Al momento non sono ancora certo di pubblicare con loro per via di motivi personali, ma se dovessi affidarmi al riscontro avuto con il colloquio direi che non poteva andare meglio di così.

Ciao, cosa intendi per "avvio del percorso d'immagine"? Ti hanno seguito pure per la promozione sui social?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Qualcuno di voi ha avuto esperienze negative dirette con loro? Leggo di molti che non si sono fidati a prescindere e hanno rifiutato la pubblicazione ma, tra quelli che hanno accettato, c'è qualcuno che può riferire se si è trovato male e perché?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 29/7/2020 alle 18:57, Porto Seguro Editore ha scritto:

 

Potete inviare il manoscritto anche se non aderente alle norme editoriali. In particolare i caporali (le altre sono principalmente regole di sintassi e grammatica italiana, che verranno comunque corrette in fase di editing e correzione di bozze), verranno eventualmente sostituiti dopo la valutazione del manoscritto da parte dell'editor assegnato.

 

 

Mi permetto di rispondere direttamente ai suoi dubbi.

Come si evince dal contratto, pubblicato per trasparenza sul nostro sito, si parte da 100 copie per la prima stampa, il che significa che potrebbero essere molte di più. Inoltre, la facilità e la velocità con la quale è possibile ottenere una ristampa garantiscono un pronto e sostanzioso rifornimento di copie. Inutile dire che abbiamo libri stampati in migliaia di copie, altri che sono arrivati a essere ristampati anche 6 o 7 volte. 100 è solamente il numero di partenza, non certo l'arrivo.

Dai dati ISTAT 2018 più del 90% dei libri pubblicati in Italia arriva a vendere meno di 100 copie. Siamo assolutamente fieri del fatto che i nostri autori esauriscano la prima stampa e che il libro vada quindi riordinato in tipografia.

 

Infine, solo per chiarezza, ribadisco che Porto Seguro Editore non è una casa editrice a pagamento. A nessuno è mai stato chiesto di comprare delle copie, tantomeno 150. La possibilità esiste, come esiste in Mondadori o in qualsiasi altra casa editrice, ed è una clausola inserita in tutti i contratti di edizione a vantaggio dello scrittore che intenda acquistare delle copie. Quindi, nella nostra CE, non esiste alcun obbligo.

 

Rimaniamo comunque a disposizione per qualsiasi chiarimento, sia qui sul forum che ai nostri recapiti mail e telefonici.

 

Avrei da dissentire. Durante il colloquio mi è stato detto chiaramente che avrei dovuto prendere 50 copie (delle 100 stampate) comprate da me o in conto vendita. Questo mi sembra un obbligo, anche se in realtà poi avrei potuto tranquillamente non farlo dato che sul contratto non c'è alcuna menzione all'acquisto di copie. Ho preferito quindi pubblicare con un'altra CE.

  • Mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Lady M. benvenuta :) Ci piacerebbe che i nuovi utenti si presentassero in Ingresso prima di interagire nelle varie sezioni, ti lascio qui il link diretto per comodità. Cerca di quotare solo la frase o le frasi che sono di tuo interesse e non un post intero, per favore, questo per ragioni di ordine e spazio, niente altro. Buon proseguimento :flower:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, Lady M. ha scritto:

Avrei da dissentire. Durante il colloquio mi è stato detto chiaramente che avrei dovuto prendere 50 copie (delle 100 stampate) comprate da me o in conto vendita. Questo mi sembra un obbligo, anche se in realtà poi avrei potuto tranquillamente non farlo dato che sul contratto non c'è alcuna menzione all'acquisto di copie. Ho preferito quindi pubblicare con un'altra CE.


Lungi da me prender parte a qualcuno piuttosto che a qualcun'altro. Non ho mai avuto contatti con la suddetta CE, ma dove sarebbe l'obbligo nel conto vendita? Tecnicamente avresti potuto rispedire tutte e 50 le copie al mittente dopo 24 ore e avresti comunque adempito ai tuoi doveri. A maggior ragione se sul contratto non era riportato nulla.

  • Mi piace 2
  • Triste 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Nanny Sì, mi hanno chiamata ieri sera verso le 19:40 per comunicarmi che il mio scritto è stato ritenuto idoneo dalla sede di Firenze, pertanto abbiamo fissato un appuntamento per domani alla sede di Roma.
Anche te gli hai mandato il tuo lavoro? Hai avuto risposte?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
9 ore fa, Emanuela Marini ha scritto:

@Nanny .
Anche te gli hai mandato il tuo lavoro? Hai avuto risposte?

Sì, il 30 agosto ma non ho ricevuto risposta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho appena finito il collocquio. Sono sinceramente un po’ delusa dal fatto che mi ha detto di non aver letto il libro, ma solo una scheda di valutazione, e che in ogni modo se non acquisti o ti prendi l’onore di vendere personalmente cinquanta copie (anche senza il pagamento anticipato) loro non iniziano nessun rapporto lavorativo con te perchè vogliono vedere che tu ti impegni nella promozione. In ogni modo gli ho detto che ci penseró sù e nel frattempo mi consulteró in merito, siccome è da poco che ho iniziato a mandarlo da poco devo ancora fare esperienze.  

  • Confuso 1
  • Triste 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Emanuela Marini ha scritto:

Ho appena finito il collocquio. Sono sinceramente un po’ delusa dal fatto che mi ha detto di non aver letto il libro, ma solo una scheda di valutazione, e che in ogni modo se non acquisti o ti prendi l’onore di vendere personalmente cinquanta copie (anche senza il pagamento anticipato) loro non iniziano nessun rapporto lavorativo con te perchè vogliono vedere che tu ti impegni nella promozione. In ogni modo gli ho detto che ci penseró sù e nel frattempo mi consulteró in merito, siccome è da poco che ho iniziato a mandarlo da poco devo ancora fare esperienze.  

Emanuela, posso chiederti se ti hanno indicato la sede di Roma in quanto vicina a dove abiti o hai dovuto viaggiare?

Hai chiesto cosa sarebbe successo se non avessi venduto le 50 copie?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Nanny Presumo che mi abbiano ricevuto alla sede più vicina siccome il romanzo mi hanno detto che è stato letto a Firenze. 
Riguardo alla tua domanda, ti devo dire che personalmente non gliel’ho chiesto. Ho pensato di mio che siccome la prima tiratura è di cento copie se le compravo e loro riuscivano a vendere le altre cinquanta sarei passata alla seconda stampa, invece se le avessi prese in conto vendita nel caso in cui fossero rimaste invendute sarei rimasta sulla prima tiratura. Peró, riflettendoci meglio, non fila del tutto il mio pensiero, poichè loro avrebbero potuto avere altre richieste anche se io non fossi riuscita ancora a vendere le mie copie. Magari qualcun’altro del forum che ha esperienze con la casa editrice e sa dirci qualcosa in merito.

Nel frattempo tu avuto contatti?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
9 minuti fa, Emanuela Marini ha scritto:

@Nanny 

Nel frattempo tu avuto contatti?

No. Avevi ricevuto una mail di avvenuta ricezione del testo?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 29/7/2020 alle 18:57, Porto Seguro Editore ha scritto:

 

Potete inviare il manoscritto anche se non aderente alle norme editoriali. In particolare i caporali (le altre sono principalmente regole di sintassi e grammatica italiana, che verranno comunque corrette in fase di editing e correzione di bozze), verranno eventualmente sostituiti dopo la valutazione del manoscritto da parte dell'editor assegnato.

 

 

Mi permetto di rispondere direttamente ai suoi dubbi.

Come si evince dal contratto, pubblicato per trasparenza sul nostro sito, si parte da 100 copie per la prima stampa, il che significa che potrebbero essere molte di più. Inoltre, la facilità e la velocità con la quale è possibile ottenere una ristampa garantiscono un pronto e sostanzioso rifornimento di copie. Inutile dire che abbiamo libri stampati in migliaia di copie, altri che sono arrivati a essere ristampati anche 6 o 7 volte. 100 è solamente il numero di partenza, non certo l'arrivo.

Dai dati ISTAT 2018 più del 90% dei libri pubblicati in Italia arriva a vendere meno di 100 copie. Siamo assolutamente fieri del fatto che i nostri autori esauriscano la prima stampa e che il libro vada quindi riordinato in tipografia.

 

Infine, solo per chiarezza, ribadisco che Porto Seguro Editore non è una casa editrice a pagamento. A nessuno è mai stato chiesto di comprare delle copie, tantomeno 150. La possibilità esiste, come esiste in Mondadori o in qualsiasi altra casa editrice, ed è una clausola inserita in tutti i contratti di edizione a vantaggio dello scrittore che intenda acquistare delle copie. Quindi, nella nostra CE, non esiste alcun obbligo.

 

Rimaniamo comunque a disposizione per qualsiasi chiarimento, sia qui sul forum che ai nostri recapiti mail e telefonici.

 

Scusate se mi intrometto in questa discussione, ma mi sorge spontanea una domanda, visto che ci sono diatribe sul fatto di prendere in conto vendita o acquistare copie da parte degli autori, vi chiedo: ma se un autore trovasse delle librerie di appoggio che richiedessero i libri alla casa editrice per, mettiamo un firma copie (visto il covid), voi sareste d'accordo con questa formula? Grazie. cordiali saluti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Porto Seguro era una delle case editrici (in tutto una ventina) alle quali in primavera 2018 avevo inviato il file con il mio ultimo romanzo. Ricevetti otto risposte positive, ne scelsi una e in autunno 2019 pubblicai. Un mese priva dell'uscita del romanzo (editing appena terminato) mi giunse una telefonata da Porto Seguro. Il mio romanzo era piaciuto molto e... interruppi la mia interlocutrice per dirle che ne era imminante l'uscita con un altro editore. Aggiunsi che al momento dell'invio plurimo la loro casa editrice era fra quelle che avrei preferito, ma per farsi vivi e rispondere ci avevano messo quasi un anno e mezzo, dunque la prospettiva era sfumata. Comunque fui contento che il mio romanzo fosse piaciuto anche a loro.

 

 

  • Mi piace 1
  • Confuso 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×