Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Gaia

Porto Seguro Editore

Post raccomandati

Buongiorno ragazzi! Anche io, come alcuni di voi, ho ricevuto una proposta editoriale da parte loro. Alcuni hanno detto di averla ricevuta un mese dopo, altri due, con il mio ci hanno messo 5 mesi:yahoo:

Facendo domande chiare sul romanzo, avevo intuito l’avessero letto e addirittura consigliato di non continuare a aggiornarlo e darmi uno stop:D. Ho apprezzato molto.

Mi hanno dato una settimana per pensare alla loro proposta. Gradirei volentieri qualche dritta su questa casa editrice e, sopratutto, la vostra personale esperienza anche su come riuscire a farsi strada in questo nuovo mondo!

grazie sin da subito!!!

 

Il 14/1/2020 alle 14:51, Naif1988 ha scritto:

@LupoNon fanno promozione. Te la devi sbrigare da te. Ti organizzano una o due presentazioni all'inizio, al momento della pubblicazione del libro, e poi vai avanti da solo. Una volta al mese ne organizzano una collettiva dove presentano le nuove uscite e in cui ogni autore, compresi quelli che hanno già pubblicato con loro, ha uno spazio di pochi minuti per far conoscere il proprio libro. Una sorta di vetrina. Se hai bisogno di qualsiasi cosa per carità, loro ci sono, soprattutto se sei di Firenze. Ma per il resto non si differenziano dalle altre CE. Su Facebook pubblicizzano gli eventi e magari le recensioni che sei riuscito a farti fare da solo.

Nota: io dopo un anno devo ancora ricevere le royalties, loro di certo non si fanno sentire, per cui state attenti a quello che firmate e ponderate bene la situazione.

Ciao, ho letto la tua ultima "nota" e mi hai fatto decisamente preoccupare. Fortuna che non ho ancora avviato nessuna firma. Hai ottenuto qualche risposta in questi mesi?

 

Il 25/10/2019 alle 15:55, Annibale ha scritto:

"Ci piace pensare di non essere gli unici a voler cambiare qualcosa nel sistema dell’editoria italiana". Onestamente la mia esperienza non e' stata proprio positiva.

Si per carita' l offerta e' arrivata anche subito ma era evidente che nessuno aveva letto il manoscritto. Non solo, chiaramente mi e' stato detto che la casa editrice aveva spese e quanto altro e quindi mi avrebbe fatto degli sconti sui libri che avrei comprato e poi pensato a piazzare io stesso. Ho ritenuto non procedere

 

Ciao, ieri sono andato al colloquio e mi avevano detto che 150 copie me le potevano dare sia gratuitamente che pagate di tasca mia. La cosa mi fa un pò storcere il naso, vorrei capire meglio come funziona. La mia preoccupazione è che se rifiuto anche quest'ultima offerta non ne riceverò altre e a questo romanzo io c'ho messo circa tre anni per concluderlo/sistemarlo/rileggerlo/aggiungere 
L'unica sarebbe puntare in alto, ma noto con amaro dispiacere che non ti calcolano se non sei nessuno o non hai già un nome

 

Il 4/3/2020 alle 14:02, Antonio avallone ha scritto:

@Stevesteve, io sono uscito il 29 con loro. Fin qui tutto bene, il testo presenta qualche errore di battitura di troppo, non visto dall'editor, però tutto ok. Il libro su Amazon risulta ancora non disponibile così come tutti quelli pubblicati lo stesso giorno, mi hanno detto che è una situazione temporanea, speriamo bene. Per il resto mi sono trovato molto bene, loro sono molto pazienti e presenti.

 

Ciao, scusa per l'intromissione, ma sto ragionando su vari aspetti di questa casa editrice. Ora il libro è disponibile online? 
Sopratutto, visto che sembra che tu abbia avuto una buona esperienza con loro, hai dovuto comprare le tue copie che dovrai usare per farti pubblicità o ti sono state spedite gratuitamente?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao! Sì, la mia esperienza è stata abbastanza positiva nel complesso. Il libro ora si trova online su Amazon, ibs, sul loro sito e su vari altri. Per le copie personali puoi decidere di prenderle in conto vendita, ovvero te ne danno un tot. Se le vendi dai loro il guadagno ricavato dalla vendita dei libri, se non le vendi invece restituisci semplicemente i libri. Inoltre ti danno da contratto tre copie gratuite.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Gianfranco Micheletti , non solo non ti sei presentato in Ingresso come regolamento vorrebbe (qui trovi il link per farlo), ma stai spammando.

Se devi rispondere a più persone, è bene usare il tasto "multi quote", per evitare di allungare inutilmente la discussione e di creare (per l'appunto) l'effetto spam.

Per stavolta unisco, ma ti chiedo cortesemente di fare più attenzione in seguito. Grazie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
5 ore fa, ElleryQ ha scritto:

@Gianfranco Micheletti , non solo non ti sei presentato in Ingresso come regolamento vorrebbe (qui trovi il link per farlo), ma stai spammando.

Se devi rispondere a più persone, è bene usare il tasto "multi quote", per evitare di allungare inutilmente la discussione e di creare (per l'appunto) l'effetto spam.

Per stavolta unisco, ma ti chiedo cortesemente di fare più attenzione in seguito. Grazie.

perdonami, non ne ero a conoscenza del fatto che dovessi presentarmi.

di nuovo, perdono ma ho abbastanza fretta, non era "spam" il mio, ma semplicemente ho chiesto info a riguardo della casa editrice, chiedo di nuovo scusa... 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
6 ore fa, Antonio avallone ha scritto:

Ciao! Sì, la mia esperienza è stata abbastanza positiva nel complesso. Il libro ora si trova online su Amazon, ibs, sul loro sito e su vari altri. Per le copie personali puoi decidere di prenderle in conto vendita, ovvero te ne danno un tot. Se le vendi dai loro il guadagno ricavato dalla vendita dei libri, se non le vendi invece restituisci semplicemente i libri. Inoltre ti danno da contratto tre copie gratuite.

Quindi, in caso io non riesca a vedere le copie, non c'è rischio che io rimanga indebitato (economicamente) a loro, giusto? è quella la cosa che mi preoccupa di più, non lavorando per me sarebbe un peso enorme pagare o comprare cose che non mi posso permettere

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
12 ore fa, Gianfranco Micheletti ha scritto:

perdono ma ho abbastanza fretta, non era "spam" il mio, ma semplicemente ho chiesto info a riguardo della casa editrice, chiedo di nuovo scusa... 

 

Però lo hai fatto nuovamente. I post a cui vuoi rispondere vanno inseriti in un unico messaggio, con il multi quote. Fretta o non fretta.

Grazie per la collaborazione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve! Dopo due mesi dall'invio di una raccolta poetica, mi hanno ricontattato telefonicamente per fissare un appuntamento, svoltosi ieri vicino ai Navigli a Milano, zona nella quale si accingono ad aprire una sede. Mi hanno fatto un'impressione molto positiva: garbati, affiatati, energici. Sono anche realistici, nel bene e nel male. Essendo una silloge, dicono anche che l'editing sarà alquanto veloce, il che mi sembra corretto. Sono anche disponibili al far aggiungere una prefazione nel caso si parli di poesia, un po' meno in ambito di prosa.

 

Inoltre, chiariscono che c'è una presentazione mensile a cui gli autori sono invitati per presentare il libro, più (circa) due presentazioni individuali iniziali. Insomma: sanno come muoversi, ma l'autore si deve impegnare, soprattutto sull'aspetto social e, ovviamente, sul passaparola. Molto probabilmente firmerò con loro il contratto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho ricevuto una proposta di pubblicazione da Porto Seguro. Mi dicono che dovrei comprare un certo numero di copie, anche se non è indicato sul contratto di edizione, e praticamente venderle porta a porta come se fossi un piazzista. Come la maggior parte delle piccole ce i libri li devono vendere gli autori. Ho risposto, grazie, no. Se sono io autore che devo vendere i miei libri, tanto vale ricorrere al self publishing.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
34 minuti fa, giovannalrs ha scritto:

Ho ricevuto una proposta di pubblicazione da Porto Seguro. Mi dicono che dovrei comprare un certo numero di copie, anche se non è indicato sul contratto di edizione, e praticamente venderle porta a porta come se fossi un piazzista. Come la maggior parte delle piccole ce i libri li devono vendere gli autori. Ho risposto, grazie, no. Se sono io autore che devo vendere i miei libri, tanto vale ricorrere al self publishing.

Questo è un paradosso che non mi stanco mai di rimarcare.

Uno dei compiti di una CE è promuovere il libro in ogni modo (non è che fanno un favore all'autore, sono loro a guadarci la percentuale maggiore. Più vendono, più incassano.).

Come dici tu, che senso ha affidarsi a una CE se poi non si preoccupa di uno degli aspetti vitali del commercio?

Mah...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buongiorno

dopo aver valutato altre tre proposte (free) ho firmato con questa CE per una raccolta di poesie, a questo punto, di prossima pubblicazione. 

 

Io non credo che sia sbagliato il concetto che l'autore debba impegnarsi a vendere il proprio libro.

Nessuno mi conosce, non posso sperare che qualcuno entri su Amazon e decida così acquistare perché si (magari!); e soprattutto non vedo nulla di scorretto nell'avere un tot di libri in c vendita da impegnarmi a smerciare, probabilmente sempre pronti nello zaino, visto che la classica situazione

 

"sai ho scritto un libro"

"che bravo, ma dove posso trovarlo?"

 

cambia non poco se mi trovo già con una copia pronta, rispetto al dover mandare la persona su qualche store online o sul sito della CE, cosa che poi probabilmente non porterà alla vendita del libro. 

 

Confermo quanto letto sopra, una presentazione multipla e altre due, una personale e una "mirata" sulla base del genere del libro. 

 

Ad ogni modo nessun obbligo acquisto ma proposta a prezzo scontato o, come detto, conto vendita, o anche nulla, ma ovviamente è preferibile anche per loro un aiuto da parte dell'autore, e anche questo mi sembra sensato. 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

 @giovannalrs anche a me avevano detto: puoi comprarle oppure te le spediamo gratuitamente... non lo so, sono stra confuso su questo! perché ci sono tanti che si sono trovati bene, e alcuni male con il rischio di pagamento. Io non voglio sborsare nemmeno un centesimo perché (non avendo un lavoro) non posso permettermelo!
 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 9/7/2020 alle 09:45, LorenzoG ha scritto:

Salve! Dopo due mesi dall'invio di una raccolta poetica, mi hanno ricontattato telefonicamente per fissare un appuntamento, svoltosi ieri vicino ai Navigli a Milano, zona nella quale si accingono ad aprire una sede. Mi hanno fatto un'impressione molto positiva: garbati, affiatati, energici. Sono anche realistici, nel bene e nel male. Essendo una silloge, dicono anche che l'editing sarà alquanto veloce, il che mi sembra corretto. Sono anche disponibili al far aggiungere una prefazione nel caso si parli di poesia, un po' meno in ambito di prosa.

 

Inoltre, chiariscono che c'è una presentazione mensile a cui gli autori sono invitati per presentare il libro, più (circa) due presentazioni individuali iniziali. Insomma: sanno come muoversi, ma l'autore si deve impegnare, soprattutto sull'aspetto social e, ovviamente, sul passaparola. Molto probabilmente firmerò con loro il contratto.

Ciao, come sta procedendo la cosa? Hai deciso di firmare? Sono presenti?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao ragazzi, ultimo aggiornamento e chiudo qui la storia Porto Seguro.

Avrò fatto una gran cavolata a non accettare, ma l'ho fatto viste le ultime discussioni lette e quindi ho preferito non andare oltre con il contratto. Molto gentili, disponibili, certo... ma la professionalità e le chiarezze sono alla base di chi vorrebbe far partire la propria casa editoriale (piccolo pensiero mio personale) 

Fine! buona continuazione ragazzi!!:bandiera:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non conosco questa CE, per lavoro sono mi trovo da due anni a Firenze e devo dire che sono molto attivi sul territorio come promozione, mi è capitato di leggere di diversi eventi organizzati da loro e volti alla promozione dei propri libri. 

Non ho mai proposto nulla di mio, ma a primo impatto mi sembrano molto trasparenti. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Porto Seguro Editore ho letto nelle vostre norme redazionali che chiedete i dialoghi tra caporali... è condizione tassativa? Si può mandare qualcosa in lettura e apportare questa modifica (di mio pugno, s'intende, non pretendo di oberarvi con una simile sciocchezza) nel caso riteniate il manoscritto interessante? Grazie della risposta

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao @D'anton , di solito chiediamo ai neo iscritti di presentarsi in Ingresso (questo è il link) agli altri membri della comunità, prima di interagire in altre sezioni. Ti attendiamo per conoscerti meglio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Con me sono stati molto chiari:

- stampano in prima istanza 100 copie.

- fanno una presentazione al mese con tutti gli autori stampati in quel mese (immagino una per città,  io parlo di Roma)

- la presentazione si fa in un locale in modo da non avere costi (il locale si rifà con le consumazioni), quindi è una specie di piccola festa in cui ci si aspetta che ogni autore porti persone. Ovviamente ora dovrà essere tutto allineato alle norme in vigore.

- l'editor assegnato sostiene l'autore in altre presentazioni individualli

- l'autore può comprare quanti libri vuole, anche zero, con lo sconto del 30%, oppure prenderne quanti vuole in conto vendita , quindi restituibili se invenduti, in tal caso con lo sconto del 15%.

- una volta stampati i libri vanno, come mi pare sia ormai uno standard, su tutte le piattaforme di vendita online.

 

Ci sto pensando, se pubblicare con loro, ma non trovo giusto che altri abbiano scritto che chiedono agli autori di comprare i libri perché le cose non stanno così. 

 

Stefano

-

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Stevesteve ha scritto:

Con me sono stati molto chiari:

- stampano in prima istanza 100 copie.

- fanno una presentazione al mese con tutti gli autori stampati in quel mese (immagino una per città,  io parlo di Roma)

- la presentazione si fa in un locale in modo da non avere costi (il locale si rifà con le consumazioni), quindi è una specie di piccola festa in cui ci si aspetta che ogni autore porti persone. Ovviamente ora dovrà essere tutto allineato alle norme in vigore.

- l'editor assegnato sostiene l'autore in altre presentazioni individualli

- l'autore può comprare quanti libri vuole, anche zero, con lo sconto del 30%, oppure prenderne quanti vuole in conto vendita , quindi restituibili se invenduti, in tal caso con lo sconto del 15%.

- una volta stampati i libri vanno, come mi pare sia ormai uno standard, su tutte le piattaforme di vendita online.

 

Ci sto pensando, se pubblicare con loro, ma non trovo giusto che altri abbiano scritto che chiedono agli autori di comprare i libri perché le cose non stanno così. 

 

Stefano

-

 

Chiedo da totale ignorante...100 copie non sono un po' pochine? Va bene essere umili e modesti, ma...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Alcuni editori propongono anche 50 copie come prima tiratura per un esordiente.

Ciò non significa che vada bene: secondo me se un editore crede in un'opera, dovrebbe anche stampare un numero di copie adeguato, altrimenti meglio rifiutare la pubblicazione.

Ovviamente questa è solo la mia opinione e ciascun editore si regola come meglio crede: sta poi all'autore accettare o meno.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 27/7/2020 alle 13:36, D'anton ha scritto:

@Porto Seguro Editore ho letto nelle vostre norme redazionali che chiedete i dialoghi tra caporali... è condizione tassativa? Si può mandare qualcosa in lettura e apportare questa modifica (di mio pugno, s'intende, non pretendo di oberarvi con una simile sciocchezza) nel caso riteniate il manoscritto interessante? Grazie della risposta

 

Potete inviare il manoscritto anche se non aderente alle norme editoriali. In particolare i caporali (le altre sono principalmente regole di sintassi e grammatica italiana, che verranno comunque corrette in fase di editing e correzione di bozze), verranno eventualmente sostituiti dopo la valutazione del manoscritto da parte dell'editor assegnato.

 

Il 28/7/2020 alle 17:58, mutantboy ha scritto:

 

Chiedo da totale ignorante...100 copie non sono un po' pochine? Va bene essere umili e modesti, ma...

 

Mi permetto di rispondere direttamente ai suoi dubbi.

Come si evince dal contratto, pubblicato per trasparenza sul nostro sito, si parte da 100 copie per la prima stampa, il che significa che potrebbero essere molte di più. Inoltre, la facilità e la velocità con la quale è possibile ottenere una ristampa garantiscono un pronto e sostanzioso rifornimento di copie. Inutile dire che abbiamo libri stampati in migliaia di copie, altri che sono arrivati a essere ristampati anche 6 o 7 volte. 100 è solamente il numero di partenza, non certo l'arrivo.

Dai dati ISTAT 2018 più del 90% dei libri pubblicati in Italia arriva a vendere meno di 100 copie. Siamo assolutamente fieri del fatto che i nostri autori esauriscano la prima stampa e che il libro vada quindi riordinato in tipografia.

 

Infine, solo per chiarezza, ribadisco che Porto Seguro Editore non è una casa editrice a pagamento. A nessuno è mai stato chiesto di comprare delle copie, tantomeno 150. La possibilità esiste, come esiste in Mondadori o in qualsiasi altra casa editrice, ed è una clausola inserita in tutti i contratti di edizione a vantaggio dello scrittore che intenda acquistare delle copie. Quindi, nella nostra CE, non esiste alcun obbligo.

 

Rimaniamo comunque a disposizione per qualsiasi chiarimento, sia qui sul forum che ai nostri recapiti mail e telefonici.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
18 ore fa, Porto Seguro Editore ha scritto:

 

Potete inviare il manoscritto anche se non aderente alle norme editoriali. In particolare i caporali (le altre sono principalmente regole di sintassi e grammatica italiana, che verranno comunque corrette in fase di editing e correzione di bozze), verranno eventualmente sostituiti dopo la valutazione del manoscritto da parte dell'editor assegnato.

 

 

Mi permetto di rispondere direttamente ai suoi dubbi.

Come si evince dal contratto, pubblicato per trasparenza sul nostro sito, si parte da 100 copie per la prima stampa, il che significa che potrebbero essere molte di più. Inoltre, la facilità e la velocità con la quale è possibile ottenere una ristampa garantiscono un pronto e sostanzioso rifornimento di copie. Inutile dire che abbiamo libri stampati in migliaia di copie, altri che sono arrivati a essere ristampati anche 6 o 7 volte. 100 è solamente il numero di partenza, non certo l'arrivo.

Dai dati ISTAT 2018 più del 90% dei libri pubblicati in Italia arriva a vendere meno di 100 copie. Siamo assolutamente fieri del fatto che i nostri autori esauriscano la prima stampa e che il libro vada quindi riordinato in tipografia.

 

Infine, solo per chiarezza, ribadisco che Porto Seguro Editore non è una casa editrice a pagamento. A nessuno è mai stato chiesto di comprare delle copie, tantomeno 150. La possibilità esiste, come esiste in Mondadori o in qualsiasi altra casa editrice, ed è una clausola inserita in tutti i contratti di edizione a vantaggio dello scrittore che intenda acquistare delle copie. Quindi, nella nostra CE, non esiste alcun obbligo.

 

Rimaniamo comunque a disposizione per qualsiasi chiarimento, sia qui sul forum che ai nostri recapiti mail e telefonici.

 

 

Grazie mille per la risposta, è sempre molto proficuo avere i propri dubbi chiariti dai diretti interessati.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Spinto da alcuni post sponsorizzati visti su Facebook, ho mandato qualche mio scritto e ho effettuato un colloquio presso la nuova sede di Roma.

 

Come affermano molti in questo thread, le condizioni sono esattamente quelle che si possono vedere sul loro sito (che chiaramente ho vistato per il primo contatto) e i ragazzi in sede sono stati molto cordiali nello spiegarmi tutto per filo e per segno. Si vede che sono arrivati da poco a Roma ma sono ben organizzati, mi hanno subito elencato il loro modo di lavorare e le condizioni contrattuali. No, non è obbligatorio l'acquisto di tot copie e sinceramente trovo ragionevole partire con una tiratura limitata, dato che comunque non ho chissà quale seguito pregresso. Da quel punto di vista però si sono dimostrati disponibili per l'avvio del percorso d'immagine, parlandomi di presentazioni e tutto ciò che una CE fa di norma. Al momento non sono ancora certo di pubblicare con loro per via di motivi personali, ma se dovessi affidarmi al riscontro avuto con il colloquio direi che non poteva andare meglio di così.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Avevo inviato il mio romanzo a questa casa editrice l'11 luglio 2020, dopo solo una decina di giorni (precisamente il 21 luglio) sono stata contattata telefonicamente per fare un colloquio conoscitivo. Il 29 luglio mi sono recata nella loro sede di Firenze e abbiamo parlato della pubblicazione, sono stati disponibili a rispondere a qualsiasi tipo di domanda, molto alla mano e tranquilli, e limpidi soprattutto. Due giorni dopo ho firmato un contratto con loro (potete trovarlo anche sul sito), anzi mi hanno dato pure la possibilità di aggiungere un particolare al contratto, cosa che hanno fatto istantaneamente. Adesso è iniziata la fase di editing, poi verrà deciso titolo e copertina, se tutto andrà bene potrà uscire a Settembre (ma comunque da contratto entro tre mesi deve uscire). Vi aggiornerò sul loro lavoro una volta che il libro sarà pubblicato! Per adesso super consigliata, si stanno anche espandendo, apriranno a Bologna, Padova e Pietrasanta (oltre a gli uffici già a Roma, Firenze e Milano), consiglio per chi cerca lavoro in questo campo anche di inviare il curriculum perchè stanno assumendo. E' una realtà molto giovane e fresca ma efficiente. Inoltre godono di un'ampia distribuzione. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao a tutti,

premetto che ho letto tutti i commenti ed ero estremamente felice di esser stato contattato dalla CE. Riassumo la mia esperienza:

 

sono alle prime armi e in punta di piedi ho inviato il mio manoscritto, con estrema felicità dimostrata anche in un incontro che la CE ha voluto fare con me settimana scorsa, ho espresso dubbi circa il contratto di 5 anni proponendo di farne soli 3. Avuta conferma ho poi accettato il contratto( è disponibile sulla sito della CE a tutti) chiedendo gentilmente, al posto delle 3 copie gratuite previste dal contratto, se ci fosse la possibilità di riceverne 5. Credo di aver esagerato con le richieste.

Sono stato contattato oggi telefonicamente, accusato di fare troppe pretese, tra le altre cose, mi è stato detto che la CE non è una ONLUS. Durante le telefonate e anche durante l'incontro  mi è stato richiesto di acquistare o  ricevere in conto vendita almeno 70 copie, io senza esperienza di scrittore e tanto meno di venditore ho risposto che mi sembrava prematuro, mostrando forse troppa umiltà. Il contratto non era ancora stato firmato,  la copertina e l'editing erano ancora da valutare e non si era ancora stato fissato il prezzo del libro. Insomma senza aver fatto ancora nulla, alla fine sono stato messo davanti al bivio: o acquisti almeno 70 copie oppure non andiamo avanti. Non mi sono sentito di promettere l'acquisto, mi è stato detto che non ero pronto e quindi ci siamo salutati con un freddo arrivederci.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
20 ore fa, Marta96 ha scritto:

Quindi hanno lasciato la via del free per passare al lato oscuro? :(

 

No Marta, nessun lato oscuro. Nessuno, ripeto, è mai stato obbligato ad acquistare copie, né mai lo sarà.

Ci sembra importante però includere lo scrittore nel processo di promozione del libro, sia proponendo presentazioni alle quali dovrebbe partecipare, sia chiedendogli impegno nel divulgare la pubblicazione del libro, cosa che dovrebbe interessare innanzitutto l'autore e che è richiesta da qualsiasi casa editrice, anche la più grande.

Naturalmente se, di fronte alle nostre minimali richieste di impegno (e in questo impegno non è assolutamente incluso l'acquisto di copie), si risponde che non si può garantire nulla, ma anzi, si avanzano più richieste alla casa editrice (riduzione del già esiguo termine di 5 anni, più copie omaggio ecc...) non c'è per noi un rapporto equilibrato fra editore e autore e, con dispiacere, dobbiamo rinunciare alla pubblicazione. L'editore si assume tutti i rischi del caso, ma l'autore che propone la sua opera dovrebbe crederci abbastanza da sperare che qualcuno la legga.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×