Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

angela1982

Ceccacci literary agency

Post raccomandati

Il 3/5/2019 alle 18:22, EvaK ha scritto:

I consigli per l’editing sono ridotti a un breve paragrafo, il linguaggio di chi ha redatto la scheda l’ho trovato spesso vago, generico, ambiguo, intriso di forte soggettività. 

 

Mi sono rivolto anche io a questa agenzia per una scheda di valutazione a pagamento, e come molti utenti non sono rimasto soddisfatto. In particolare riporto il commento di @EvaKperché ho trovato molte somiglianze con quanto è stato scritto sul mio romanzo. 

Al netto di alcuni suggerimenti che ho trovato positivi e che ho cercato di cogliere (asciugare la trama, far sentire più la voce di alcuni personaggi), anche a me la scheda è sembrata in molte parti troppo soggettiva, e in certi punti addirittura più mirata a "distruggere" che a cercare di fornire all'autore spunti utili per migliorare.

Due pagine della scheda sono occupate dal riassunto della trama, mentre i suggerimenti di editing si riducono a un paragrafo di poche righe. In particolare un punto mi ha lasciato parecchio perplesso: la frase "si riscontrano errori grammaticali ricorrenti". Ho ricontrollato più volte il testo e tolti pochi refusi, non ho trovato errori grammaticali (sono molto pignolo nelle riletture). 

Inoltre il testo in seguito è stato controllato ed editato da un editor professionista al quale mi sono rivolto, e nemmeno lui ha corretto errori grammaticali. Poiché la scheda non riporta esempi esplicativi, credo che il redattore abbia segnalato come grammaticali alcuni errori (sempre pochi, in realtà) messi di proposito nei dialoghi, perché pronunciati da personaggi con una bassissima scolarizzazione. Se così fosse, credo che la lettura del testo da parte dell'esponente dell'agenzia sia stata, su questo punto, abbastanza superficiale. 

Per quella che è stata la mia esperienza, non la consiglio.

  • Mi piace 4

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi pare di essere già intervenuta in merito ma perchè in casi del genere nessuno invia una mail o telefona per chiedere spiegazioni? Se chiamate l'idraulico per una perdita, lui la ripara ma dopo qualche giorno la perdita si ripresenta, non lo telefonate per avere spiegazioni o per farvi rifare il lavoro gratuitamente? Dovrebbe essere la stessa cosa con le agenzie: si chiede un servizio e se questo è scadente bisogna chiedere spiegazioni. E' anche possibile che l'agenzia demandi questo lavoro a qualche collaboratore esterno e non sappia che la qualità delle valutazioni è scadente, quindi anche l'agenzia potrebbe trarre un vantaggio dal vostro feedback.

  • Mi piace 2
  • Grazie 1
  • Non mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Lizina ha scritto:

Mi pare di essere già intervenuta in merito ma perchè in casi del genere nessuno invia una mail o telefona per chiedere spiegazioni? Se chiamate l'idraulico per una perdita, lui la ripara ma dopo qualche giorno la perdita si ripresenta, non lo telefonate per avere spiegazioni o per farvi rifare il lavoro gratuitamente? Dovrebbe essere la stessa cosa con le agenzie: si chiede un servizio e se questo è scadente bisogna chiedere spiegazioni. E' anche possibile che l'agenzia demandi questo lavoro a qualche collaboratore esterno e non sappia che la qualità delle valutazioni è scadente, quindi anche l'agenzia potrebbe trarre un vantaggio dal vostro feedback.

Non sono d'accordo. Se l'agenzia ha demandato il lavoro a collaborazioni esterne che poi non controlla, è la qualità dell'agenzia stessa ad essere scadente. Le spiegazioni, in questo caso, saranno anch'esse scadenti e, una volta pagato il prezzo, le probabilità di ottenere una nuova valutazione appaiono esigue. 

  • Mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Quota

Mi pare di essere già intervenuta in merito

 

@Lizina

Che sia inutile pagare una scheda di lettura a un agente letterario, lo avevamo già detto? 

Il cambiamento siamo noi, se ancora ci pieghiamo a questi sistemi, quando arriveremo davvero a collaborare con degli agenti letterari? I quali dovrebbero occuparsi della sola rappresentanza. 

Parliamo, invece, di questa "scheda di lettura"... Non serve prettamente all'autore, basti pensare che molti indicano che sia utile in fase di revisione, quindi, andrebbe sottoposta a un editor (questo nella logica che l'autore non può editarsi il testo in autonomia, ma occorre "un occhio esterno"). Un autore che si rivolge a un'agenzia letteraria ha solo bisogno di un "Sì" o un "No", per giudicare se il testo è rappresentabile. Un agente che vuole fare anche l'editor, magari a spese dell'autore, può lasciare delle perplessità, che ci devono far riflettere se proseguire o meno. Per questo io penso che le schede di lettura siano ancora compito degli editor, l'agente letterario deve solo valutare la commerciabilità di un'opera. 

  • Mi piace 13

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, TuSìCheVale ha scritto:

Che sia inutile pagare una scheda di lettura a un agente letterario, lo avevamo già detto? 

 

Io l'ho scritto più volte, in varie discussioni.

 

4 ore fa, TuSìCheVale ha scritto:

Un autore che si rivolge a un'agenzia letteraria ha solo bisogno di un "Sì" o un "No", per giudicare se il testo è rappresentabile.

 

Esattamente il mio pensiero.

 

4 ore fa, TuSìCheVale ha scritto:

Un agente che vuole fare anche l'editor, magari a spese dell'autore, può lasciare delle perplessità, che ci devono far riflettere se proseguire o meno.

 

Esatto. Soprattutto quando l'agente fa il furbo, proponendo un editing a pagamento come passaggio necessario per una "eventuale" offerta di rappresentanza, che ovviamente non arriverà mai. Perché un agente letterario degno di questo nome sa benissimo se desidera rappresentare un testo o un autore, a prescindere dall'editing.

  • Mi piace 4
  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

 

19 ore fa, TuSìCheVale ha scritto:

@Lizina

Che sia inutile pagare una scheda di lettura a un agente letterario, lo avevamo già detto? 

Il cambiamento siamo noi, se ancora ci pieghiamo a questi sistemi, quando arriveremo davvero a collaborare con degli agenti letterari? I quali dovrebbero occuparsi della sola rappresentanza. 

Parliamo, invece, di questa "scheda di lettura"... Non serve prettamente all'autore, basti pensare che molti indicano che sia utile in fase di revisione, quindi, andrebbe sottoposta a un editor (questo nella logica che l'autore non può editarsi il testo in autonomia, ma occorre "un occhio esterno"). Un autore che si rivolge a un'agenzia letteraria ha solo bisogno di un "Sì" o un "No", per giudicare se il testo è rappresentabile. Un agente che vuole fare anche l'editor, magari a spese dell'autore, può lasciare delle perplessità, che ci devono far riflettere se proseguire o meno. Per questo io penso che le schede di lettura siano ancora compito degli editor, l'agente letterario deve solo valutare la commerciabilità di un'opera. 

Non potrei essere più d'accordo con te. Solo che le agenzie che non chiedono soldi si contano ormai sulle dita di una mano monca e, dopo l'invio, non rispondono (quasi) mai neppure per un riscontro negativo. Siamo in un cul de sac. 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
58 minuti fa, crimorina ha scritto:

Non potrei essere più d'accordo con te. Solo che le agenzie che non chiedono soldi si contano ormai sulle dita di una mano monca e, dopo l'invio, non rispondono (quasi) mai neppure per un riscontro negativo. Siamo in un cul de sac. 

 

No! Se le agenzie non rispondono vuol dire che respingono le proposte e di certo non è pagando che si risolve la situazione. Se il manoscritto merita, non vi preoccupate che un operatore editoriale disposto a investire su di voi lo trovate e se non fosse così dai rifiuti si può sempre imparare qualcosa. Che l'unica situazione sia pagare è il punto dove siamo adesso, invertendo la tendenza, quindi, rifiutando a nostra volta le proposte, si potrebbe arrivare a dei giusti compromessi quando c'è davvero interesse.

  • Mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 15/9/2020 alle 14:28, TuSìCheVale ha scritto:

 

No! Se le agenzie non rispondono vuol dire che respingono le proposte e di certo non è pagando che si risolve la situazione. Se il manoscritto merita, non vi preoccupate che un operatore editoriale disposto a investire su di voi lo trovate e se non fosse così dai rifiuti si può sempre imparare qualcosa. Che l'unica situazione sia pagare è il punto dove siamo adesso, invertendo la tendenza, quindi, rifiutando a nostra volta le proposte, si potrebbe arrivare a dei giusti compromessi quando c'è davvero interesse.

Scusami, "no" che? :-) La penso come te, sono contrario pure io al pagamento. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, crimorina ha scritto:

Scusami, "no" che? :-) La penso come te, sono contrario pure io al pagamento. 

 

No, non siamo senza via di scampo. Se gli agenti letterari non sono disposti a fare "scouting", leggendo anche poche pagine di un romanzo, le "schede di lettura" a pagamento non sono la soluzione a questo problema. Se chiedono soldi, quindi, il mio consiglio è tentare altre strade, provando anche a rivolgersi direttamente agli editori. L'esperienza mi porta a pensare che il "problema" non sorge tanto "nella ricerca di un editore", ma in tutto quello che avviene "dopo"...

 

  • Mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
27 minuti fa, TuSìCheVale ha scritto:

 

No, non siamo senza via di scampo. Se gli agenti letterari non sono disposti a fare "scouting", leggendo anche poche pagine di un romanzo, le "schede di lettura" a pagamento non sono la soluzione a questo problema. Se chiedono soldi, quindi, il mio consiglio è tentare altre strade, provando anche a rivolgersi direttamente agli editori. L'esperienza mi porta a pensare che il "problema" non sorge tanto "nella ricerca di un editore", ma in tutto quello che avviene "dopo"...

 

Infatti. Penso anch'io che pagare per essere letti e ricevere una scheda il cui fine è quello di consigliarti di spendere altri soldi in un editing sia assurdo. Se l'opera è valida, un editore disposto a pubblicarla senza chiederti soldi o investimenti di vario genere, prima o poi, lo trovi. Il "dopo" è un'incognita: lo sapremo solo vivendo.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 15/9/2020 alle 06:23, Elegiac ha scritto:

Qualcuno ha avuto un riscontro ultimamente dei suoi servizi gratuiti?

Io ancora niente, quindi penso proprio di non essere rientrato nei tre gratuiti :(

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Anche a me piacerebbe capire come funzionano i meccanismi di valutazione e selezione nelle agenzie editoriali, devo dire che sfuggono completamente alla mia comprensione.

La mia esperienza con Ceccacci è stata questa: pago per una scheda che ricevo puntuale e ben argomentata. Alla fine il verdetto è che con un buon editing il romanzo potrebbe diventare un successo editoriale.

Sorpresa, chiedo come mai non mi propongono di fare l'editing insieme a loro (ero disposta a pagarlo) e poi di rappresentarmi. La risposta mi lascia di stucco: i motivi delle loro scelte non sono tema di discussione.

Capisco che l'agenzia rifiuti un testo perché non ci crede, non è nelle sue corde, non lo reputa adatto alle sue case editrici di riferimento. Ma quando ti lasciano intendere che intravedono un possibile successo e poi ti mollano senza darti una spiegazione rimani davvero disorientato. 

L'editing me lo sono fatta da sola con l'aiuto di un paio di schede a pagamento (la migliore è stata senz'altro quella di Ceccacci) e con il testo così rivisto sono arrivata attraverso altre vie a una CE cosiddetta "big".

Il mio romanzo è uscito da poco e vi aggiornerò se le previsioni di Ceccacci erano giuste (incrocio le dita!).

  • Mi piace 11

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
21 ore fa, Elisah15 ha scritto:

L'editing me lo sono fatta da sola con l'aiuto di un paio di schede a pagamento (la migliore è stata senz'altro quella di Ceccacci) e con il testo così rivisto sono arrivata attraverso altre vie a una CE cosiddetta "big".

Forse potrebbe essere interessante per gli utenti del forum sapere quali altre vie sono state percorse.

  • Mi piace 3
  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 15/9/2020 alle 06:23, Elegiac ha scritto:

Qualcuno ha avuto un riscontro ultimamente dei suoi servizi gratuiti?

Un'amica è riuscita a inviare il testo il primo settembre: è in attesa di risposta. Credo non abbiano fretta. Prima leggono e valutano i romanzi "a pagamento". Per queste valutazioni sono puntuali: un mese.

 

Il 5/10/2020 alle 22:49, Elisah15 ha scritto:

Anche a me piacerebbe capire come funzionano i meccanismi di valutazione e selezione nelle agenzie editoriali, devo dire che sfuggono completamente alla mia comprensione.

La mia esperienza con Ceccacci è stata questa: pago per una scheda che ricevo puntuale e ben argomentata. Alla fine il verdetto è che con un buon editing il romanzo potrebbe diventare un successo editoriale.

Sorpresa, chiedo come mai non mi propongono di fare l'editing insieme a loro (ero disposta a pagarlo) e poi di rappresentarmi. La risposta mi lascia di stucco: i motivi delle loro scelte non sono tema di discussione.

Capisco che l'agenzia rifiuti un testo perché non ci crede, non è nelle sue corde, non lo reputa adatto alle sue case editrici di riferimento. Ma quando ti lasciano intendere che intravedono un possibile successo e poi ti mollano senza darti una spiegazione rimani davvero disorientato. 

L'editing me lo sono fatta da sola con l'aiuto di un paio di schede a pagamento (la migliore è stata senz'altro quella di Ceccacci) e con il testo così rivisto sono arrivata attraverso altre vie a una CE cosiddetta "big".

Il mio romanzo è uscito da poco e vi aggiornerò se le previsioni di Ceccacci erano giuste (incrocio le dita!).

La tua esperienza mi lascia disorientata. Ma "le altre vie" quali sarebbero?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@La contessa di Castiglione chiediamo agli utenti la cortesia di raggruppare varie domande e risposte in un unico post, anziché due o più consecutivi, in modo tale da rendere più fruibili le discussioni e alleggerirne il numero di pagine. Questa volta ho unito io i messaggi :) 

Grazie per la collaborazione.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buongiorno a tutti! 

 

Qualcuno è riuscito a mandare il manoscritto ieri? essendo il primo del mese in teoria gli invii spontanei erano aperti.

Io il mio l'ho mandato e per ora non ho ricevuto nessuna mail di rifiuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
7 ore fa, Elegiac ha scritto:

@Giallo_F, io aspetto una sua risposta da mesi. Se li riceve e li legge, non lo so. Nel mio caso posso dirti solo che non favella.

Può darsi che, come Paggio Fernando, al momento stia ancora guardando!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Giallo_F ha scritto:

Si beh la speranza è l'ultima a morire... ma chi vive sperando??? :D 

Muore disperato. Così chiudiamo la fiera delle banalità e l' OT.

  • Divertente 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×