Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

JaV

Lorem Ipsum

Post raccomandati

Intervento Staff

 

@JaV 
I punti negativi sono un "diritto": chiunque può esprimere il proprio dissenso senza doversi giustificare scrivendo. L'anonimato dell'identità di chi assegna i punti è una precisa decisione dello Staff per evitare messaggi e/o reazioni di ripicca a punti negativi ricevuti.

Come ho detto più volte in giro per il forum, lamentarsi pubblicamente dei punti negativi non aiuta nessuno. Lo Staff vigila sugli usi eventualmente inappropriati e interviene sempre quando necessario. Invece di lamentarsi, basta segnalare allo Staff eventuali sospetti di abusi; la maggior parte delle volte provengono da singoli utenti che si divertono ad assegnarne a raffica (per quanto possibile, visto che c'è già un limite giornaliero).

 

Detto questo, passo al caso specifico. @Orfeo44 ha assegnato cinque punti negativi a @JaV senza senso apparente (quello assegnato al primo messaggio della discussione non ne ha affatto, e l'ho cancellato).

Per questo Orfeo viene sospeso dal sito per 30 giorni: non è l'atteggiamento corretto da tenere su questo forum.

Buon proseguimento a tutti.

  • Mi piace 9
  • Grazie 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

non ho mai messo un punto negativo e a dire la verità non ne conoscevo l'esistenza. però non capisco, lo definite un diritto e poi sospendete uno perchè ne ha messi cinque e e lo giudicate inappropriato. ma in base a cosa? capisco difendere una figura come JaV che è di sicuro una risorsa per un forum come questo ma mi sembra eccessivo. poi trovo ai limiti del fascismo definire uno strumento come anonimo ma che l'anonimato viene poi a cadere in modo così facile.

mi spiace perchè avevo letto finora con interesse questa discussione, mi autosospendo da sola :)

  • Mi piace 5
  • Non mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
17 ore fa, chiaraimpaz ha detto:

lo definite un diritto e poi sospendete uno perchè ne ha messi cinque e e lo giudicate inappropriato. ma in base a cosa?

 

Inserire una reazione di disapprovazione a qualcosa è un diritto, non si può essere tutti della stessa opinione, ma se qualcuno concentra tutti i punti "rossi" che ha a disposizione su una persona specifica, includendo in questo caso anche il post d'apertura dell'agenzia (che ha un valore puramente informativo e non esprime un'opinione), vuol dire che forse qualcosa che non va c'è. Per questo motivo è considerato comportamento inappropriato.

Se un utente ha qualche lamentela da esprimere nei confronti di un altro può farlo senza problemi in privato, assumendosene la responsabilità. Se ha un'opinione personale da esprimere verso qualcuno in quanto operatore editoriale, inoltre, può farlo liberamente nella sezione che riguarda quest'ultimo; del resto è a questo che serve il confronto tra le parti, punto di forza di questo forum.

 

17 ore fa, chiaraimpaz ha detto:

poi trovo ai limiti del fascismo definire uno strumento come anonimo ma che l'anonimato viene poi a cadere in modo così facile.

 

Un'osservazione un po' troppo estrema la tua, che richiederebbe un richiamo se non fosse che, a quanto vedo, sei un'utente abbastanza recente e con pochi contenuti, ma ti converrebbe rileggere con attenzione il regolamento; a maggior ragione perché è vietato rispondere all'intervento ufficiale di uno staffer.

In ogni caso, per fornire un chiarimento anche a questa tua obiezione, l'anonimato per i punti di disapprovazione sussiste sempre tra utenti, solo lo staff può verificare chi li attribuisce e di solito lo fa solo quando subdora una possibile irregolarità. Se poi questa non sussiste la cosa si chiude là, ma quando è palese che l'uso dei punti rossi rasenti (o costituisca) una personale ripicca, lo staff interviene (è parte dei suoi compiti) e lo fa a tutela di qualsiasi tipo di utente senza discriminazione di ruoli.

  • Mi piace 5
  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Daphneali non era assolutamente rivolto a te, ma al fatto che la mia domanda era stata vista come curiosità morbosa, non so perché hai estrapolato questo senso, e mi dispiace lo dico davvero.

 

Ho espresso legittime preoccupazioni, pubblicamente ed educatamente, non capisco perché tutto questo astio.

 

È ovvio che sei libera di fare come meglio credi, dicevo solo che sul forum sarebbe stato utile agli utenti dire quello che poi ha detto @JaV né accuso l'agenzia in nessun modo, chiedo solo, se posso, chiarimenti all'interno del forum e quindi per la comprensione di tutti.

 

Io chiedo di nuovo scusa, sperando di non venire di nuovo letto come arrogante.

 

 

  • Mi piace 8

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Aggiungo un ultimo messaggio, senza menzioni né messaggi privati, ma per riassumere la questione, che potrebbe non essere chiara e facile da seguire visto il numero di botta e risposta, pubblicamente e spero a beneficio di tutti:

 

Un utente del forum ha ricevuto una proposta dall'agenzia che prevedeva la pubblicazione solo in digitale, e ha deciso di rifiutare.

 

Tutto qui, questo il fatto a grandi linee, solo un'informazione in più senza alcun giudizio e che ognuno, privatamente, potrà considerare come preferisce.

 

  • Mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Amici del Forum mi potete spiegare come si fa ad allegare il romanzo, una volta aperto il form? Non ci sono riuscito e mi è dispiaciuto tantissimo aver perso questa opportunità 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@blood Abbiamo provveduto a mettere online una versione semplificata, non basata su Dropbox. Riprova, e vedrai che tempo 5 minuti sarà tutto risolto

  • Mi piace 2
  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Riporto semplicemente la mia esperienza, senza fare polemiche e da persona matura, quale ambisco ad essere.

Ho inviato a settembre il manoscritto tramite il form che viene fornito a inizio mese (non in lettura 3mium quindi) e ho atteso, non senza impazienza, per i primi trenta giorni. Avevo inviato anche a un'altra agenzia poco prima, da parte della quale ho ricevuto un rifiuto.

Fino ad ora non ho avuto notizie invece dalla LI riguardo al romanzo, ma sinceramente, non me ne sono fatta un problema. Anzi, penso sia positivo non aver ricevuto risposta. Capisco l'impazienza e l'agitazione che seguono ad una decisione del genere e la prospettiva di poter avere un'opportunità con un'agenzia così giovane, ma anche, a quanto mi sembra, piuttosto professionale. Non penso sia da tutti avere un contatto costante su un forum da parte di un membro della stessa. Ma non credo sia normale trasferire quest'impazienza qui sul forum e annoiare chi sta lavorando per valutarci.

 

Se dovessi ricevere un rifiuto da parte dell'agenzia, nonostante abbia aspettato tutto questo tempo, non ne farò certo una colpa a loro e non verrò neanche a lamentarmi del loro operato qui sul forum, perché non penso mi abbiano fatto un torto nel farmi aspettare. Hanno sicuramente molto lavoro da fare e anzi, gli sono grata di aver dedicato del tempo, gratuitamente, al mio manoscritto. Di avergli dato una possibilità. Come l'hanno data ugualmente a ognuno di voi.

Credo che già avere un'opportunità del genere sia un privilegio per noi esordienti e mi sento infatti una privilegiata a non aver ancora ricevuto il tanto temuto rifiuto (che spero tanto di non dover ricevere xD). Che i tempi d'attesa per questo genere di cose sono lunghi, lo sappiamo tutti. E per chi non lo sapesse, dovrebbe farsene una ragione.

 

@konradin Sono pesantemente in disaccordo con ciò che hai detto riguardo alla valutazione di un'opera, e cioè che bastano due righe per capire se vale. Personalmente, non credo alla prima impressione. Molti libri che ho letto non mi hanno preso da subito, ma mi ci è voluto un po' per ingranare con la lettura. Perciò sono contenta che quest'agenzia si impegni a leggere il manoscritto per intero, prima di giudicarlo. Leggere solo alcune righe non avrebbe minimamente reso giustizia al mio.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Brava Ellywriter, complimenti. Io non sono così zen. Se mi viene detto "ti risponderemo tra un mese" e invece ne passano sei, non sono grato al karma per l'opportunità. Sono una formica che nel suo piccolo... 

 

 

Freme :D

  • Divertente 1
  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Ellywriter è vero anche quello che dici tu, soprattutto per i libri che sono già libri.

Per i manoscritti il discorso è diverso, e farsi un'idea in poche righe non è una cosa che dico io, ma è stato affermato da diversi editor, uno di questi, mi sembra, Mozzi.

Che con un primo giudizio si possa sbagliare è vero, e lo ammettono tutti.

Però io preferisco che venga data una lettura veloce a tanti autori che una approfondita a pochissimi. È un compromesso, ma dà possibilità a più persone, gli autori sono tanti, quelli bravi pochi, magari rimane fuori proprio quello bravo mentre l'editor si legge 500 pagine di nulla.

  • Mi piace 5

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ah ma scusa, ho letto da cellulare ed ero certo di aver letto "in lettura Tremium". Invece era uno degli invii mensili. Allora l'attesa ci sta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ci sono testi che risultano non solo impubblicabili, ma anche improponibili a una lettura da parte di un professionista. Sono d'accordo che non sempre un testo funzioni fin dal primo paragrafo, ma è altresì vero che un cattivo testo - dove per cattivo intendo proprio scritto male, magari anche scorretto dal punto di vista grammaticale - sia riconoscibile in una manciata di righe. Mozzi dice che a volte gli capitano testi che hanno una buona storia, ma che sono scritti in una maniera che rende molto difficile metterci le mani, a meno di non buttare via tutto e riscrivere da zero.

 

Volendo fare un parallelo con l'edilizia, preferireste una casa discretamente bella e completa, solida, ben verniciata, con gli impianti già in funzione, o una villa potenzialmente anche più bella ma che richiede un restauro lungo e costoso? Inoltre, credo che di ville "sgarrupate" agli agenti non ne arrivino moltissime; più spesso sono catapecchie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ragazzi, chiedo a tutti la cortesia di tronare in argomento. Meglio limitarsi alle esperienze, le riflessioni è possibile farle in "Consigli sulle agenzie" o "Varie ed eventuali". ;)

  • Mi piace 4

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, Axolotl ha detto:

Brava Ellywriter, complimenti. Io non sono così zen. Se mi viene detto "ti risponderemo tra un mese" e invece ne passano sei, non sono grato al karma per l'opportunità. Sono una formica che nel suo piccolo... 

 

 

Freme :D

Dovresti provarci, ad essere zen intendo. Ci guadagneresti solo e sempre tu ;)

E poi, a parte gli scherzi, non lo sono così tanto neanch'io...cerco solamente di non complicarmi la vita più di quanto non lo sia già.

 

2 ore fa, konradin ha detto:

@Ellywriter è vero anche quello che dici tu, soprattutto per i libri che sono già libri.

Per i manoscritti il discorso è diverso, e farsi un'idea in poche righe non è una cosa che dico io, ma è stato affermato da diversi editor, uno di questi, mi sembra, Mozzi.

Che con un primo giudizio si possa sbagliare è vero, e lo ammettono tutti.

Però io preferisco che venga data una lettura veloce a tanti autori che una approfondita a pochissimi. È un compromesso, ma dà possibilità a più persone, gli autori sono tanti, quelli bravi pochi, magari rimane fuori proprio quello bravo mentre l'editor si legge 500 pagine di nulla.

Ma infatti, non penso che mentre l'editore spenda del tempo a leggere 500 pagine si perda il miglior esordiente che gli possa capitare, o almeno non con il metodo che utilizza la Lorem Ipsum, che a quanto ho capito non esclude nessuno. Nel momento in cui non si riesca a inviare il manoscritto, c'è sempre il prossimo mese per farlo, e quello dopo ancora. Non è facile restare fuori in questo modo, no?

 

@Luca Trifilio Beh, una villa in rovina ha il suo fascino e, nonostante ci sia un bel po' di lavoro da fare per renderla di nuovo abitabile, potrebbe valerne la pena, chissà. Sta all'editore decidere cos'è meglio per l'agenzia in questo caso...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buongiorno @JaV,

 

volevo chiederti una cosa: lunedì vi ho inviato una mail per avere degli aggiornamenti sul mio romanzo, purtroppo però è da una settimana che ho dei problemi con la mail e non sono sicuro che vi sia arrivata.

Posso chiedere direttamente a te per avere degli aggiornamenti sul mio romanzo?

 

Grazie.

 

Albe7

  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@albe7

 

Non credo sia un problema legato alla tua mail. Anch'io mi trovo nella tua stessa situazione.

Magari non stanno controllando le mail, al momento. Spero di ricevere presto loro notizie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Allora evito di inviargliene. Se tutto tace vorrà dire che staranno lavorando e valutando. A me finora quest'agenzia ha dato un'impressione di grande serietà. Ho usufruito del servizio Lettura 3Mium lo scorso 22 gennaio e mi hanno risposto puntualmente dopo 3 giorni, come promesso. Mi è stato richiesto di inviargli il testo completo del mio romanzo, che ho subito provveduto a inviare il 26 gennaio, e mi hanno garantito un feedback entro 30 giorni. Per cui adesso aspetto il 26 febbraio con le dita incrociate :) 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
16 minuti fa, GioLeo82 ha detto:

Per cui adesso aspetto il 26 febbraio con le dita incrociate :) 

Qualche giorno in più... Ho letto che dicono 30 giorni lavorativi...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

GioLeo82,

 

ieri nel tardo pomeriggio (purtroppo l'ho letta solo in serata) JaV mi ha risposto, dandomi aggiornamenti sul romanzo; quindi secondo me puoi provare a mandargliela una mail.

 

Albe7

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
32 minuti fa, Rototom ha detto:

 

49 minuti fa, GioLeo82 ha detto:

Per cui adesso aspetto il 26 febbraio con le dita incrociate :) 

Qualche giorno in più... Ho letto che dicono 30 giorni lavorativi...

 

Bene: vorrà dire che aspetterò pazientemente fino al 9 marzo... anche se, spero, la mia storia possa folgorarli prima :)  Mi auguro almeno che leggano il mio romanzo fino all'ultima riga, finale compreso, visto che, come mi ha scritto uno dei miei beta reader (cito parola per parola il testo di uno dei suoi messaggi):

 

"Ho finito di leggere il tuo libro. Il finale è a dir poco pirotecnico, molto geniale e appassionante. Non c'è bisogno che ti dica che da lettore mi è molto piaciuto. Nei prossimi giorni mi mancherà e qualcosa rileggeró ancora."

 

Questo quanto mi ha scritto invece un altro beta reader: "Stanotte sono andato a letto alle 3 in quanto preso dalla lettura del tuo libro non mi sono accorto dell'orario..."

  • Confuso 3
  • Non mi piace 4

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@GioLeo82 , ti chiedo la cortesia di presentarti in Ingresso, come suggerisce il regolamento del forum. È un modo per conoscerci meglio e darti il nostro benvenuto. Ti chiedo inoltre la cortesia di limitarti alla tua sola esperienza con l'agenzia, è poco utile agli altri utenti allungare i post con osservazioni di natura non pertinente. Grazie.

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Oggi mi hanno risposto da Lorem Ipsum dicendomi che il mio romanzo "non è dispiaciuto affatto" ma non sono in grado al momento di prendere in carico nuovi autori.
Mi chiedo dunque cosa ci stiamo a fare qui tutti quanti: noi e loro.
Probabilmente potrebbe essere stata una risposta elegante per non andare su un rifiuto netto ma credo che un'agenzia non si faccia problemi a dire "no, questo testo non funziona".
Di sicuro da qui ricevono molte richieste di valutazione che però contengono in sé la remota speranza di essere rappresentati ma se ciò non è possibile, immagino che molti di voi trarranno le debite conclusioni.
Ecco, anche questa volta ho trovato il modo di rendermi invisa agli "addetti ai lavori".

  • Mi piace 10
  • Grazie 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, KatiaCecca ha detto:

Oggi mi hanno risposto da Lorem Ipsum dicendomi che il mio romanzo "non è dispiaciuto affatto" ma non sono in grado al momento di prendere in carico nuovi autori.
Mi chiedo dunque cosa ci stiamo a fare qui tutti quanti: noi e loro.
Probabilmente potrebbe essere stata una risposta elegante per non andare su un rifiuto netto ma credo che un'agenzia non si faccia problemi a dire "no, questo testo non funziona".
Di sicuro da qui ricevono molte richieste di valutazione che però contengono in sé la remota speranza di essere rappresentati ma se ciò non è possibile, immagino che molti di voi trarranno le debite conclusioni.
Ecco, anche questa volta ho trovato il modo di rendermi invisa agli "addetti ai lavori".

Mi spiace molto KatiaCecca e, se quanto ti hanno scritto fosse vero, mi spiacerebbe anche per quanti di voi hanno riposto le vostre speranze in quest'agenzia. Se al momento non sono in grado di prendere in carico altri autori come ti hanno scritto (cosa strana comunque, visto che sul loro sito ne hanno in elenco soltanto 11, semisconosciuti e che hanno pubblicato con CE altrettanto semisconosciute...) allora farebbero bene a interrompere immediatamente sia l'invito a spedirgli manoscritti, ancora presente sul loro sito, sia il loro servizio di valutazione a pagamento: perchè dover pagare per fargli leggere un estratto del vostro lavoro, nella speranza di ottenere la loro rappresentanza, se poi non prendono in carico nuovi autori? 

  • Mi piace 5
  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rispondo pubblicamente a @KatiaCecca - visto che lei per prima ha pensato di rendere di pubblico dominio quella che ritenevo essere una conversazione privata - e in qualche modo provo a fare chiarezza su quello che altrimenti rischia di essere un enorme equivoco.

Ho sostenuto più di una volta che prendere in carico un'autore implica un'enorme quantità di tempo, dedizione, passione, notti insonni, palpitazioni, incazzature, telefonate, delusioni, altalene dell'umore. Al momento abbiamo 12 testi inediti in cerca di un editore, e con questi andiamo ad affrontare la stagione delle fiere; Milano, Bologna, Londra e Torino. 4 fiere nell'arco dei prossimi 60 giorni, giorni nei quali dormirò molto raramente nel mio letto e ancora più raramente avrò occasione di sedermi alla scrivania a ragionare e progettare. Io non voglio cominciare il mio rapporto con un autore in queste condizioni. Non voglio cominciare il rapporto con un autore senza tempo, energie, lucidità a sufficienza per potermene occupare nel migliore dei modi. Non voglio che la prima domanda che mi faccia sia «scusa, ma io perché il mio libro non è nel catalogo per la Fiera?». Catia (non è un refuso) ha scritto un romanzo molto bello, ma di sicuro non un libro facile e probabilmente sarei felicissimo di poterla accogliere in Agenzia, quando avrò la possibilità di offrirle tutto il supporto che merita. Non le ho chiuso nessuna porta in faccia, non ho mascherato un rifiuto dietro parole di circostanza. Le ho semplicemente chiesto pazienza, con piena cognizione che probabilmente ciò implica dover rinunciare al suo libro, che certo troverà facile accoglienza altrove. Lo faccio per etica professionale, ma anche per una forma di rispetto verso l'autore e soprattutto verso i libri.

Perché teniamo aperte le selezioni? La risposta è molto semplice: primo, perché nel momento in cui avremo collocato uno o tutti i 12 inediti che oggi abbiamo in portfolio, ne avremo bisogno altrettanti + 1 per alimentare il nostro lavoro. In secondo luogo, perché credo che chi si espone al giudizio di un'agenzia (attraverso uno dei nostri servizi o tramite l'apertura mensile) non lo faccia soltanto con la finalità di ottenere la nostra rappresentanza, ma anche perché è attraverso il confronto con un lettore professionale che chi scrive riesce a oggettivizzare il proprio lavoro, a vederlo in una prospettiva differente, a migliorare davvero come autore. Anche capendo quale opera sia meglio lasciare in un cassetto, e su cosa invece valga davvero la pena di insistere.

  • Mi piace 9
  • Grazie 5
  • Non mi piace 5

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Bene, spiegazioni bellissime ma, concretamente, ciò non toglie che questo punto, per una questione di onestà e chiarezza, dovreste scriverlo anche sul vostro sito: "Ci scusiamo ma per il momento non siamo caso di prendere in carico nuovi autori. Comunicheremo quando sarà nuovamente possibile."

  • Mi piace 5
  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×