Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   1 utente

Bill Denbrough

Riviste che pubblicano inediti di esordienti

Post raccomandati

2 ore fa, Silverwillow ha scritto:

Premetto che di solito i racconti in seconda persona non mi fanno impazzire,

Secondo me è in prima, non in seconda... Ogni tanto l’Io narrante usa il “tu” rivolgendosi al suo amante, ma fondamentalmente la narrazione resta in prima.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Si è in prima persona, credo sia stato un lapsus scrivere seconda (o sbaglio)?
Comunque hai proprio ragione sull'ultima parte, infatti è persino stata aggiunta dopo per raggiungere il limite di parole di un concorso al quale, alla fine, ho dimenticato di partecipare. Come intuibile la prima versione si fermava all'ultima stagione. Avevo pensato che potesse essere funzionale a dare la sensazione di eterno ritorno, ma effettivamente risulta solo ridondante. Lo penso anche io.  Grazie del tempo e del commento.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
10 ore fa, kjkj ha scritto:

Si è in prima persona, credo sia stato un lapsus scrivere seconda (o sbaglio)?

Non è un lapsus, quando il personaggio che racconta si rivolge a un "tu", come nel tuo caso, si parla di seconda persona. E' come se fosse una lettera immaginaria a qualcuno. Per farti un esempio :"La prima volta che t’incontrai " è in seconda persona; in prima sarebbe "La prima volta che lo incontrai". Di sicuro qui sul WD c'è qualche discussione che parla dei diversi punti di vista, ma ora non la trovo. Come dicevo, comunque, secondo me sei riuscita a usare questa tecnica particolare e non facile molto bene, quindi è un racconto ben riuscito.

10 ore fa, kjkj ha scritto:

Comunque hai proprio ragione sull'ultima parte, infatti è persino stata aggiunta dopo

Aggiungere cose per rendere un racconto più lungo è sempre un rischio. In ogni caso se te l'hanno accettato e pubblicato vuol dire che alla rivista è piaciuto;)

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Che ignorante, non ne avevo idea.

 

Sì, è piaciuto fortunatamente, ad essere onesta penso soprattutto d'aver azzeccato la persona giusta a cui mandarlo, comunque, in generale, essere prolissa è un mio problema. Grazie ancora del feedback e degli apprezzamenti; già sapere che qualcuno stia leggendo il mio racconto, è, devo dire, sia strano che piacevole.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 10/9/2019 alle 13:49, Silverwillow ha scritto:
Il 10/9/2019 alle 02:51, kjkj ha scritto:

Si è in prima persona, credo sia stato un lapsus scrivere seconda (o sbaglio)?

Non è un lapsus, quando il personaggio che racconta si rivolge a un "tu", come nel tuo caso, si parla di seconda persona. E' come se fosse una lettera immaginaria a qualcuno

 

Non credo a dire il vero che si possa parlare di un narratore in seconda. Tecnicamente un narratore in seconda persona non si rivolge a qualcuno, ma utilizza semplicemente la seconda persona. Intendo, il narratore sparisce, non esiste. Ad esempio "La stanza Profonda" di Vanni santoni è un romanzo interamente in seconda persona, nel senso che nelle intenzioni del narratore, il protagonista del romanzo sei TU lettore. 

 

In questo caso visto che il narratore almeno in un punto si auto-cita, dimostrando di essere, in quanto personaggio, la narrazione va considerata una particolare forma di prima persona con focalizzazione su un protagonista altro, a cui si rivolge. 

 

Lo spiega molto meglio di me qui Giulio Mozzi (punto 7): 

 

https://bottegadinarrazione.com/2017/12/15/dieci-considerazioni-sparse-utilissime-per-decidere-se-scrivere-il-vostro-romanzo-in-prima-terza-seconda-o-diciassettesima-persona/

 

Il racconto è bello, btw :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao @kjkj ho letto anche il tuo racconto, la scrittura rende bene il personaggio e la narrazione regge. Leggendolo mi sono ricordato del libro autobiografico della Bellocchio e il film Via da Las Vegas. Brava.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 9/9/2019 alle 15:30, simone volponi ha scritto:

Che significa?

Edgy è tipo alternativo, innovativo. Sono racconti un po' sperimentali e molto, molto contemporanei :)

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buongiorno,

 

mi intrometto nella discussione per chiedere informazioni su un paio di riviste che ho scoperto ultimamente: Nuovi argomenti e inutile.

 

Qualcuno ha provato ad inviare loro dei racconti?

In quanto tempo, tendenzialmente, comunicano un interesse per il racconto?

Pareri generali sulle riviste (qualità, diffusione, etc.)?

 

Grazie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 21/9/2019 alle 09:57, Cardiopalma ha scritto:

Buongiorno,

 

mi intrometto nella discussione per chiedere informazioni su un paio di riviste che ho scoperto ultimamente: Nuovi argomenti e inutile.

 

Qualcuno ha provato ad inviare loro dei racconti?

In quanto tempo, tendenzialmente, comunicano un interesse per il racconto?

Pareri generali sulle riviste (qualità, diffusione, etc.)?

 

Grazie.

 

Io inviai a inutile e il team era stato ultradisponibile. Fanno anche "audioracconti", che penso sia molto interessante.

Non mi hanno più risposto quindi suppongo di non essere piaciuto, ma ho comunque un ottimo ricordo della loro professionalità.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il 26 Agosto ho inviato un mio racconto (che avevo inserito anche in Officina) a "Risme" e, ieri, mi hanno risposto che lo pubblicheranno nel numero che uscirà a Marzo 2020.

L'ho inviato solo a loro pertanto non ho altri feedback, mentre un altro mio testo è stato rifiutato, in precedenza, da altre riviste.

 

 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 24/9/2019 alle 11:04, Davide 1976 ha scritto:

Complimenti @Sjø

I numeri di Risme che ho letto avevano racconti splendidi! 

Confermo, Risme gran bella rivista. 

Complimenti @Sjø

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@AndreaA ho letto il tuo racconto su Risme.

Molto ben scritto.

TI sei spinto molto avanti con la personalità della protagonista, fra freddezza della pazzia e fanatismo religioso, ma potrebbe essere verosimile: bravo!

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, Sjø ha scritto:

@AndreaA ho letto il tuo racconto su Risme.

Molto ben scritto.

TI sei spinto molto avanti con la personalità della protagonista, fra freddezza della pazzia e fanatismo religioso, ma potrebbe essere verosimile: bravo!

 

Grazie, è un confine, quello pazzia/salute, che mi stimola sempre molto. In realtà anche il romanzo sta in equilibrio lì sopra anche se si tratta di una comunità e non di un singolo. Scarico sempre Risme, quindi ti leggerò ;)... aggiornaci!

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao a tutti, 

mi piacerebbe poter pubblicare qualche mio racconto, ma sistematicamente tutti i canali a cui mi approccio (concorsi, riviste, blog e persino questo forum) accettano storie con un numero di caratteri abbastanza limitato (almeno per i miei standard).

Come posso fare secondo voi? Conoscete qualche anima pia che accetterebbe racconti un po' più corposi?

Ragazzi credetemi, il mio racconto più piccolo è di 30.000 caratteri (spazi inclusi), sotto i 20.000 non riesco a far morire nessuno!

Help!

 

 

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Per chi ama la fantascienza, mi hanno segnalato Prisma, che vorrebbe essere una pubblicazione periodica di una casa editrice nata da meno di un anno. Prisma, come la definiscono loro stessi, può essere considerata "A metà strada tra antologia e rivista letteraria" ed è da poco uscita la prima edizione. 

 

Cercano racconti di fantascienza tra le 10 e le 35 cartelle, inediti. 

Fonti ben informate dicono che, in questo periodo, sono anche alla ricerca di grafici/illustratori. 

 

Altre informazioni le trovate qui

 

Non so né se era già stata segnalata né se era questo il thread giusto per farlo. 

Credo di sì, in caso contrario mi scuso. 

 

 

 

  • Grazie 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
53 minuti fa, Eudes ha scritto:

Per chi ama la fantascienza, mi hanno segnalato Prisma, che vorrebbe essere una pubblicazione periodica di una casa editrice nata da meno di un anno. Prisma, come la definiscono loro stessi, può essere considerata "A metà strada tra antologia e rivista letteraria" ed è da poco uscita la prima edizione. 

 

Cercano racconti di fantascienza tra le 10 e le 35 cartelle, inediti. 

Fonti ben informate dicono che, in questo periodo, sono anche alla ricerca di grafici/illustratori. 

 

Altre informazioni le trovate qui

 

Non so né se era già stata segnalata né se era questo il thread giusto per farlo. 

Credo di sì, in caso contrario mi scuso. 

 

 

 

Ho avuto modo di leggere e fare una piccola recensione al primo numero. Ottima qualità, alto livello. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×