Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

elly87

Rice, Ann

Post raccomandati

E' stata citata la saga dei vampiri in perfetto Moccia Style, quindi credo sia doveroso chiedervi un parere su Ann Rice, che chiunque di voi conoscerà per aver visto il film con Tom Cruise e Brad Pitt (due brutti attori, insomma), "Intervista col vampiro", tratto dall'omonimo libro. Avete letto qualche suo libro? Cosa ve ne pare? Chi vuole può fare un paragone con Twilight & co, anche se io non ho letto la saga visto che sono Riceiana convinta e quella "roba" non voglio nemmeno toccarla! :(

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho letto solo le sue Cronache dei Vampiri, sebbene mi manchino i tre finali.

E devo dire che sono STUPENDI

Eccetto forse Memnoch il diavolo. Non che fosse brutto, ma molto pesante.

Confronti con Twilight non ne faccio perchè, a causa dei vampiri della Rice, mi sono rifiutata di leggerlo e vederlo al cinema.

E oddio non parlare di Tom Cruise!

Mi ha rovinato il personaggio di Lestat col suo metro e poco più di altezza! Proprio il contrario di Lestat.

E così Pitt che sarà bello, ma non adatto al personaggio di Louis

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Confronti con Twilight non ne faccio perchè, a causa dei vampiri della Rice, mi sono rifiutata di leggerlo e vederlo al cinema.

Bella lì!! :(

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La Anne mi è sempre piaciuta tantissimo, e trovo che scriva sempre delle cose splendide dal punto di vista formale, ma di recente mi hanno detto che si è un po' ammosciata in quanto a trama e intrighi- un po' ripetitivi.

Ho letto fino a memnoch, e già lì si intravede la svolta mistico-cristiana: chi non ha mai sognato di mettere Lucifero tra i suoi personaggi? XD beh, dopo aver riscritto la storia del mondo, trovo difficile in effetti dire qualcosa di più XD

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ma di recente mi hanno detto che si è un po' ammosciata in quanto a trama e intrighi- un po' ripetitivi.

Sì infatti io mi sono fermata alla storia di Marius, perchè ormai di sentire certe parti della sua storia non ne potevo piùXDXD

Memnoch è bello, ma certo quando ha fatto la svolta cristiana, ha appesantito i suoi libri, prima erano molto meglioXD

Bella lì!! ;)

e cavoli, vampiri che luccicano alla luce del sole e riescono a mettere incinta, mi rifiuto di leggerliXD

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite weltgeist

Vampiri Moccia style... :D elly mi hai letto nella mente...

Io son appassionata di letteratura sui vampiri da un bel po' di tempo, ma ormai, proprio come i miei amati vampiri, mi sono ritirata nell'ombra, nell'attesa che la vampiroteenager-mania svanisca :roll:

Secondo me, a buon ragione, la Rice è davvero la regina di questo genere!

E' vero, i suoi libri (ho letto le cronache dei vampiri) sono moooolto pesanti, filosofici, alcune parti deprimenti, ma è quello secondo me il vero mondo dei vampiri. Creature un po' dandy, un po' tenebrose, con tanti interrogativi esistenziali, e che se la prendon comoda a narrare le loro vicende, dopotutto hanno l'eternità a loro disposizione :roll:

Devo leggere ancora lo schiavo del tempo :mrgreen:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Già, la Rice è ancora un punto di riferimento, ma di recente filosofeggiavo e mi dicevo: non è che è stata lei in un certo senso a far iniziare la mania dei Vampiri "Umanizzati"? :D

Cioè, io voglio tanto tanto bene a Lestat, a Louis, e a tutti i personaggi tormentati e profondi della Rice, ma c'è da dire che dopo di loro i Vampiri hanno cominciato a perdere sempre di più il loro antico ruolo di mostri, per diventare sempre più non dandy pericolosi ed eleganti, ma bamboccioni in camicia settecentesca che non fanno nulla nella vita tranne amareggiarsi del loro destino...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho letto solamente Intervista col vampiro, ho appena incominciato Scelti dalle Tenebre e già la adoro (tale adorazione è raddoppiata, dato che il narratore di quest'ultimo è Lestat).

Per Natale, poi, i miei mi hanno regalato tutti i libri delle Cronache dei Vampiri (ovvero fino a Il vampiro di Blackwood), e insomma, ne avrò per un bel po'. XD

Mi piace molto come scrive. E ringrazio di aver letto Twilight e Co., perché se non lo avessi fatto dubito che avrei apprezzato le Cronache come le apprezzo ora.

E per inciso, forse è un'impressione mia, ma mi è sembrato di trovare molte strane "somiglianze" tra Twilight e Intervista.

Perfino certi aggettivi. Le risate "come campane d'argento" dei vampiri, ad esempio. Oppure il fatto che i vampiri "bambini" sono pericolosi e vanno eliminati. Non so, ripeto che forse è un'impressione mia, ma Twilight mi è sembrata un po' una scopiazzatura (fatta male). Non me ne vogliano i fan sfegatati della serie, sono solo miei pensieri, sia chiaro. ^^"

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
forse è un'impressione mia, ma mi è sembrato di trovare molte strane "somiglianze" tra Twilight e Intervista.

Effettivamente pare che, per scrivere Twilight, l'unica documentazione della Meyer siano state alcune scene del film "Intervista col vampiro".

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×