Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Joyopi

Phoenix: Persecuzioni - Francesca Rossini [Comitato di lettura]

Post raccomandati

2.2.jpg

 

Titolo: Phoenix - Persecuzioni

Autore: Francesca Rossini

Editore: Lettere Animate

Genere: thriller romantico

Pagine: 262

Formato: ebook

 

Trama:

Persecuzioni è il secondo capitolo della saga "Phoenix" e un thriller a forti tinte rosa che segue le vicende dell'affascinante e enigmatico Clay Hobbs, agente della Cia, e soprattutto di Leila Laine, infermiera e madre sentimentalmente disastrata. I due ( già coinvolti insieme in numerose vicende nel primo capitolo della saga) si ritrovano dopo il ferimento di Clay in un'operazione. Un caso di rapimento di bambini li mette poi uno di fianco all'altro; è il ritorno di fiamma di un amore tanto passionale quanto problematico e tortuoso. Tra loro, infatti, si intromette l'agente federale Garrett, che con la sua galanteria riesce a conquistare Leila e a mandare in crisi le già precarie certezze di Clay, perseguitato dalle sue manie. Quando poi a essere rapito è il figlio di Leila, il rapporto tra i due diventa più profondo che mai.

Intorno ai due protagonisti ruotano le vicende di diversi personaggi, come il collega di Clay, Max, innamorato di Anne, una donna bellissima e apparentemente indifesa che nasconde dietro un viso d'angelo una doppia identità, oppure il dottor Golubev, impegnato in un terrificante progetto.

Il tutto con lo strisciante e minaccioso conflitto invisibile tra americani e sovietici come sfondo. 

 

Contenuti:

Persecuzioni non è solo una storia d'amore tormentata, tutt'altro. E nemmeno solo un thriller di spionaggio. È la storia di ossessioni e paure umane; è la storia di una madre senza anima gemella alle prese con le mille difficoltà di un divorzio e di un figlio da stringere a sé e da difendere. È la storia di una donna sotto il peso delle macerie di una relazione fallita, che però non subisce passivamente, anzi, trova nell'amore e nella disperazione la spinta per combattere contro forze più pesanti di lei. Le persecuzioni del titolo sono quelle che Leila, vera protagonista del romanzo, è costretta ad affrontare. Il mistero di chi voglia spingerla a impazzire, tra minacce, pedinamenti e violenze più psicologiche che fisiche, coinvolge il lettore in un vortice di suspense e mistero, immergendolo nel precario equilibrio della donna, a un passo dalla follia e dal baratro.

 

Ambientazione e personaggi:

Il romanzo è ambientato interamente negli Stati Uniti, durante gli ultimi anni della Guerra Fredda. Il lettore che si aspetta da un thriller ambientazioni esotiche e avventurose resterà deluso. Quasi tutte le scene del romanzo si svolgono tra le pareti di una casa, di un ospedale, di un ufficio e di un laboratorio, oppure nelle serene e vive strade dell'America di fine anni '80. Questo non implica necessariamente un difetto in tutto e per tutto: i personaggi e le vicende, così, appaiono più vicini e umani, inseriti come sono nel contesto più comune al lettore, ovvero quello cittadino e quotidiano. È pur vero, però, che una maggiore fantasia e precisione descrittiva negli ambienti avrebbe reso più affascinanti alcuni tratti, in cui il contesto risulta un po' piatto e non all'altezza dei personaggi.

È nei personaggi, infatti, che il romanzo dà il meglio di sé: spie, agenti, analisi, chimici, rapitori, ex-mariti. Tutti caratteri abusati e rischiosi, dai quali l'autrice però riesce (quasi sempre) a tirar fuori uomini (e donne) veri, con le loro fobie, aspirazioni e emozioni. Dopo non troppe pagine, subito dopo aver scavalcato l'ostacolo del facile stereotipo che pure è presente, è abbastanza facile sentire amichevoli e familiari le voci e i gesti dei personaggi, e fare il tifo per la loro felicità. Ovvia la maggior empatia nei confronti di Leila e Clay, ma l'abilità sta nel far affezionare il lettore ai personaggi secondari, cosa che accade in maniera spontanea e automatica per la maggior parte di essi.

 

Forma e stile:

L'autrice usa uno stile veloce e scorrevole. Le pagine corrono veloci anche grazie alla snella divisione in brevi capitoli che scandisce l'ordine cronologico delle diverse vite che si intrecciano. Ogni personaggio è seguito con una lente d'ingrandimento che ne indaga la quotidianità e la psicologia. L'alternanza equilibrata tra dialoghi rapidi e descrizioni accurate, tra scene di azione dal ritmo sostenuto e altre più introspettive e rallentate svolge il suo compito abbastanza bene. Non mancano poi un tocco di sensualità ogni tanto e focalizzazioni su sentimenti e emozioni, quasi mai cadendo negli eccessi dell'erotico e del melodramma.

Sui personaggi è compiuto con esito positivo il lavoro più arduo e minuzioso: ogni gesto, ogni interazione, è mostrato con chiarezza e precisione. Questo aspetto contribuisce alla buonissima caratterizzazione di ogni personaggio.

In definitiva, quello dell'autrice è uno stile moderno, adeguato al genere, basato su un registro essenziale e semplice. Senza eccessive pretese (per questo accomunabile ai tanti autori di thriller), non basato su picchi di eleganza ma sulla semplicità; migliorabile sì, ma già in grado di farsi leggere senza fatica.

 

Conclusioni:

Phoenix: Persecuzioni è un thriller che svolge bene il suo scopo: una buonissima opera di narrativa che mira a intrattenere e tenere il lettore con il fiato sospeso senza cadere in eccessi e senza particolari aspirazioni letterarie di livello troppo alto. Pur trattandosi di un secondo capitolo è un romanzo che vive in autonomia e che non implica necessariamente la conoscenza del precedente (cosa che però è consigliabile); anzi, potrebbe spingere il lettore amante del genere che non l'abbia ancora fatto (come chi vi scrive) a valutarne la lettura.

Si caratterizza per una trama avvincente e interessante, seppur con qualche piccolo punto piatto ogni tanto, e per una forte tinta rosa, con le donne e i sentimenti a farla da protagonisti. Questo aspetto riesce a dargli un'identità precisa e abbastanza originale e lo rende così una lettura consigliabile a tutti, soprattutto agli amanti del thriller soft che privilegia emozioni e sentimenti rispetto alla pura azione e alle strutture cervellotiche.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie!! Splendida recensione, che ha saputo descrivere alla perfezione il mio lavoro, centrandone perfettamente intenti , pregi e anche difetti. Che dire? Posso solo ripetere un sentito GRAZIE! :-)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×