Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Ospite Roberto

Castelvecchi

Post raccomandati

Dal sito ho visto che Castelvecchi ha un catalogo molto vario.

Mi chiedevo come mai i prezzi siano così alti. Un libro di 130 pagine lo si paga 14.50€, uno di 160 arriva a 17€.

È una curiosità mia, dato che è un editore piuttosto conosciuto e che tengo d'occhio da molto tempo :)

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
On 9/8/2017 at 13:54, maurice ha detto:

Dal sito ho visto che Castelvecchi ha un catalogo molto vario.

Mi chiedevo come mai i prezzi siano così alti. Un libro di 130 pagine lo si paga 14.50€, uno di 160 arriva a 17€.

È una curiosità mia, dato che è un editore piuttosto conosciuto e che tengo d'occhio da molto tempo :)

 

25 minuti fa, Monica Spatola ha detto:

@maurice ;)Stampano in Italia, se ti può aiutare. Ottima qualità. 

 

E vendono? Perché se tengono prezzi alti e vendono la cosa é di buon interesse per gli scrittori.

Qualcuno ha venduto con loro?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@egidiotello ti è arrivata la proposta? A me hanno inviato il Kit Autore, una mail con sette allegati. Secondo le loro indicazioni dovrei impaginare nuovamente il testo seguendo le loro norme redazionali. Occuparmi della sinossi, profilo bio, estratto/citazione e strillo o selling point (frase che serve a catturare il lettore). Sinceramente sono un po' perplessa. Mi danno sette giorni per inviare il tutto, pena slittamento dei tempi di pubblicazione. Sembra diano per scontato il fatto che io abbia già deciso di pubblicare con loro, quando in realtà così non è.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Scusa @magicasimon , se adesso stai parlando de "Il seme bianco" ed è da loro che hai ricevuto la proposta, è qui che dovresti continuare con la tua testimonianza. Pur essendo due CE collegate, cerchiamo di non confondere gli argomenti, visto che comunque continuano a rimanere operativamente distinte. :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La mia esperienza: simile a molte altre, certo, ma la tempistica in cui si sono svolti gli eventi a me lascia pensare (a niente di buono).

Ad un mese abbondante dall'invio mi avvisano che non riescono ad aprire i file che gli ho inviato O_- (normalissimi file word). Converto il tutto in pdf e inoltro di nuovo il mio romanzo. Dopo circa due settimane l'ormai consueta (mi par di capire leggendo i post precedenti) risposta "di rimbalzo" verso Il Seme Bianco (la cui politica, di cui si disquisisce ampiamente nel tread ad essa dedicato, non mi attira affatto). Au revoir.

 

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite masterofnumbers

Mi è arrivata una mail in cui mi si diceva che il manoscritto, seppur con delle buone potenzialità, non rientrava nella loro linea editoriale però mi offrivano una proposta free con la CE il Seme bianco (con cui evidentemente devono collaborare). 

Mah, un po' come quando ci provi con una tipa e questa ti "crossa" a un'amica:lol:.... eh grazie mille ma nel frattempo ho già firmato con un altro Editore:P

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

buongiorno a tutti,

esperienze recenti con quest'editore? pare che i trenta giorni siano tassativi ma almeno nel mio caso nessuno si è fatto sentire...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho mandato loro gli estratti secondo le loro richieste alla fine di settembre 2017. Agli inizi di dicembre mi hanno scritto chiedendomi il manoscritto integrale, che gli ho subito inviato. Ho aspettato un paio di mesi e gli ho telefonato: mi hanno detto di essere un po' in ritardo con le letture e di riprovare in seguito. Riprovo dopo quattro mesi dall'invio, e nessuno sa niente. Aspetto ancora un paio di mesi e cerco di avere una risposta, che sia negativa o positiva ormai poco importa, ma il direttore editoriale risulta sempre occupato, in riunione, fuori sede o in altre faccende affaccendato. Morale della favola: ho smesso di sperare di avere una risposta, e ovviamente anche di chiamarli. Un vero peccato.

  • Triste 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviai sia a loro che alla casa editrice il Seme Bianco, gli ultimi mi rifiutarono, loro mi proposero di pubblicare con loro. Mai capito il senso.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho inviato una mail con manoscritto e materiale relativo il 10 settembre. Sul sito è scritto che, in caso positivo, l'autore riceve una risposta entro un mese. Voi cosa ne pensate?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

leggendo questa discussione mi pare di capire che ci sia stato un periodo in cui indirizzavano spesso sul Seme Bianco, ora non rispondono neanche più, è corretto? Qualcuno ha risposte recenti?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Questa casa editrice mi ha risposto dopo ca. 3 mesi. Ne apprezzo la gentilezza. Mi hanno effettivamente indirizzato al Seme Bianco.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho inviato direttamente il manoscritto al Seme Bianco, senza passare per Castelvecchi. Erano le undici e mezza di sera. Alle due e mezza del pomeriggio seguente mi è arrivata una mail dalla direzione editoriale che accettava il mio manoscritto e mi preavvisava che nei giorni successivi avrei ricevuto il kit dell'autore. Quaranta minuti dopo mi è arrivata un'altra mail con un link a WeTransfer da cui scaricare il kit.

Ho avuto un moto di sconforto, ma mi sono fatto forza lo stesso e l'ho scaricato. Ho letto il contratto, ma non ho trovato cenni alla tiratura iniziale o all'editing. Inoltre, nel kit è presente un template Word in A4 per impaginare il proprio manoscritto (con preghiera di fermare tutto e contattare immediatamente la direzione se la lunghezza del testo, una volta inserito, supera le 260 cartelle). Infine, in un altro documento Word l'autore è pregato di scriversi la quarta di copertina. Ahimè.

Ma la vera domanda è: Castelvecchi è consapevole di tutto ciò?

  • Mi piace 2
  • Confuso 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunitày. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×