Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

carlo alberto

Citare personaggi reali e attuali nel proprio libro

Post raccomandati

Mi accingo a pubblicare un racconto autobiografico. Che voglio mantenere autobiografico! perché così ha la sua credibilità. Quindi l'inserimento di note come "riferimenti a persone e luoghi sono puramente casuali" lo trovo un controsenso. D'altra parte non vorrei espormi alla reazione di persone terze raccontate, perfettamente individuabili, ancorché nel racconto cambiate di nome, perché a me referenti - non esco con uno pseudonimo, sarebbe cosa di poco coraggio -. Non c'è alcuna valenza diffamatoria nei racconti portati, ma questa la trovo un'interpretazione soggettiva: il mio 'raccontato' potrebbe avere pretese risarcitorie solo perché si dice che da piccolo era un po' discolo! D'altra parte la richiesta di 'permessi' è impraticabile e farraginosa. Come posso dunque salvarmi, uscendo sì con la pubblicazione identificata nei suoi contenuti autobiografici, con tutti i nessi che questo comporta, ma non esponendomi a una fila di pretese potenzialmente infinita?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Guarda, è un campo minato.

Gli elementi "diffamatori" sono abbastanza individuati dal Codice (quindi basta evitarli), ma c'è la questione "danni". Un esempio cretino: racconti una avventura sessuale con xxx e xxx (sposata) dice che hai messo in crisi il suo matrimonio.

Poi vedi bomber che raccontano tranquillamente le loro scopate con "nome e cognome" reale. Mah?

Io non sono un legale, ma un avvertimento tipo " fatti che potrebbero riferirsi a persone reali sono liberamente interpretati dalla fantasia dell'autore" potrebbe anche starci. Quanto valga in giudizio, non so..., ma almeno è qualcosa.

Personalmente starei alla larga.

Comunque augurissimi. 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi è successo di scrivere la biografia di alcune persone. Una di queste mi ha tranquillamente raccontato di un padre (già deceduto, episodio di almeno cinquant'anni fa) e "normalmente severo", che però in una certa occasione ha dato un pugno alla figlia (già grande fra l'altro). Io e questa persona abbiamo innocentemente inserito nella biografia questo episodio che, ripeto, ci sembrava del tutto conforme all'epoca e al contesto. Prima di pubblicare la biografia (che era su questa figlia, non sul padre) fortunatamente l'abbiamo fatta leggere ai parenti più stretti. Un'altra figlia ci ha chiesto che questo episodio fosse cancellato, perché comprometteva l'immagine di suo padre.

 

Questo per dire che ciò che a noi può sembrare di nessun rilievo (anche per chi l'ha vissuto!) ad altri può dare fastidio. Se ci fossero i presupposti per una denuncia o recriminazioni legali non lo so. Fatto sta che è sempre meglio non rischiare.

Potresti chiedere alle persone coinvolte di leggere il libro prima della pubblicazione? Altrimenti, pensi che siano riconoscibili da chiunque (in una situazione di paese per esempio) o solo da chi ti conosce veramente bene? In linea di massima, se non scrivi i nomi reali e confondi un po' le acque (magari cambi le descrizioni fisiche, o il mestiere che fanno, o il numero di figli e fratelli ecc. quando possibile perché non influiscono sulla storia) non dovresti avere problemi.

  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie, Lucilla, di questa tua valevole esperienza riportata. In effetti, ho sempre pensato che non c'è un'oggettività nell'interpretazione di elementi raccontati, quindi la tutela deve essere a priori del contenuto e a priori anche della possibilità, sempre remota, di far visionare e accettare il testo a interessati. Anche la modalità di cambiare nomi di persone e di luoghi la trovo un palliativo: se il testo è dichiarato autobiografico, senza pseudonimi dell'autore, e se inseririsco dei riferimenti riportanti all'autore (tipo "mia sorella"), ho poco da cambiare nomi: il riportarsi all'effettiva persona è automativo e ineluttabile. La soluzione che ho adottato è l'inserire una nota sulla pubblicazione, del tenore: "Questo racconto è tratto dalla storia vera vissuta dall'autore, interpretata attraverso gli occhi della sua sensibilità, della sua memoria, del suo senso della vita. I riferimenti a fatti e persone, quindi, sono derivati da libere interpretazioni degli accadimenti." Così, mi pare, si pone tutto il racconto non sotto la luce della storia, ché non è questa la valenza del racconto, ma dell'opinione, di cui, spero, c'è ancora libertà. Che ve ne pare?

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Hi guys! Sto scrivendo una pseudo-biografia su un personaggio inventato ambientato nella società. Stavo pensando di utilizzare i nomi degli attualissimi (es: Caparezza) ma non sapendo di eventuali problemi legali al riguardo vorrei avere un parere magari da chi è più esperto. 

Grazie a tutti. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

E comunque devono esistere almeno una decina di discussioni in cui la domanda è sempre la stessa: posso citare Sean Connery, il negozio di caramelle sotto casa, il ristorante dove ho mangiato a Londra, una marca di detersivi... 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
4 minuti fa, Equus dice:

Pardon, l'ora è tarda e Claudio il Grigio ha il cervello offline. 

: Chessygrin :

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Andrea.Dee

Io comunque lavoro in una librerie, l'altro giorno mi è capitato sotto mano un libro di una delle piccole CE recensite quì. Era di uno che raccontava dei giornalisti sportivi fanfaroni che aveva incontrato nella sua vita. Poi voi vi preoccupate di citare il nome di un ristorante.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buongiorno a tutti. Sono nuova in questo sito, mi sono appena iscritta e in vita mia non ho mai aperto una discussione. In questi giorni navigavo in Internet perché sto scrivendo una storia, però c'è un dubbio che mi preme: posso inserire personaggi realmente esistiti, che hanno vissuto vicende storiche vere e documentate e molto drammatiche, in un racconto del tutto inventato, con ulteriori personaggi inventati ? Perché ho paura di avere problemi legali.  grazie mille

NoraLora

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
6 minuti fa, noralora dice:

Buongiorno a tutti. Sono nuova in questo sito, mi sono appena iscritta e in vita mia non ho mai aperto una discussione

Ecco, allora potresti aprirne una qui e presentarti agli altri utenti :), ne saremmo molto felici.

Quanto alla tua domanda, l'avrò letta ormai non so quante volte...

Posso usare nomi di persone, di locali, di marche commerciali, di strade e piazze... esistenti?

Ci sono parecchi topic del genere nella sezione e molti sono stati uniti e raggruppati fra loro: prenditi un po' di tempo per spulciare fra le varie domande e troverai già le risposte che cerchi. ;)

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

E intanto ti sposto nella sezione corretta, perché non mi ero accorto che averi aperto il topic in Ricerche.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
9 minuti fa, noralora dice:

La ringrazio infinitamente!

Ti ringrazio... 

Dammi del "tu", per favore! ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Vorrei ricordare, in questo contesto, il caso del  bravissimo Divier Nelli che ha combattuto per 12 anni per una querela per una persona citata in un suo romanzo. Un episodio legato al  fascismo. Un caso paradossale che ha coinvolto un bravo scrittore impegnato. Per fortuna dopo tantissimo ne è uscito bene, ma quanta fatica... http://reteversilianews.com/2016/11/prosciolto-lo-scrittore-divier-nelli-103391/

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao a tutti, sto scrivendo un romanzo su un gruppo musicale realmente esistente, e ho iniziato per gioco. Poi ho visto che la trama nasceva da sola e tutt'ora mi ci sto dedicando completamente, sono passati sette mesi e sono nel pieno della mia gioia creativa. Per necessita' ho dovuto persino intervistare delle persone per avere piu' informazioni e ispirarmi maggiormente; questa esperienza mi sta cambiando profondamente e mi sta aprendo ad altri orizzonti, ma sto trovando su internet delle informazioni contrastanti. Se io volessi pubblicare un libro su questo gruppo musicale, (ho preso molti spunti biografici reali, ma su tanti fatti ho manipolato la realta') loro potrebbero farmi causa? Il peggio che succede nel mio romanzo e' che un membro del gruppo lascia la moglie. Sono passibile di azione legale? Grazie per il vostro supporto. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@AmericanDreamer , ti consiglierei prima di tutto di presentarti nella sezione Ingresso, come richiesto da regolamento.

 

4 ore fa, AmericanDreamer ha detto:

loro potrebbero farmi causa? Il peggio che succede nel mio romanzo e' che un membro del gruppo lascia la moglie. Sono passibile di azione legale?

 

Se il tuo libro è una fan fiction e lo presenti in maniera esplicita come tale, specificando che alcuni fatti ed episodi narrati sono di pura fantasia, in teoria puoi farlo senza rischi. Ti consiglio, in ogni caso, di chiedere ulteriore conferma a un legale per tua maggiore tranquillità.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve ragazzi sono Dominik, sono appena arrivato in questa comunità. Ho una piccola domanda da porvi.Sto scrivendo un autobiografia completa della mia vita, tutto questo comprende gente reale che esiste, ho cambiato nomi e luoghi nel racconto. Ma i fatti corrispondono alla realtà, potrei avere problemi legali per questa cosa? Grazie per la vostra disponibilità.

  • Confuso 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Se il ristorante "Fritto misto" di Abbiategrasso, gestito da Paolo Bianchi, nel tuo romanzo diventa "La frittura" di Borgo Grasso, gestito da Mario Verdi, direi proprio di no, anche se qualcuno dovesse notare strane somiglianze nell'arredo dei due locali e nell'aspetto fisico dei titolari.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve a tutti.

Sto scrivendo un libro fantasy da un po' e uno dei personaggi è ispirato ad una persona reale. Per comodità chiamerò ora Alfa la persona reale e Beta il personaggio inventato.

Riguardo Alfa: ho conosciuto Alfa ormai quasi dieci anni fa, una ragazza di cui ero perdutamente innamorato e ossessionato. Faceva dei bei disegni e uno dei suoi soggetti ricorrenti era un animale antropomorfo che era una "visione" di se stessa. Nonostante amasse apparire come alternativa e intelligente, Alfa era però piuttosto schiva e indifferente, per qualche anno non mi rifiutò mai in modo secco e deciso. Una persona me la descrisse come "apparentemente alternativa, ma priva di sostanza". Il problema è che (quanto sono coglione) le diedi una bozza del libro da leggere, e anche se si era fermata alle primissime pagine, penso possa benissimo ripescarla e usarla come prova, poiché le avevo spiegato che avevo creato questo personaggio, Beta, che in tutti questi anni non ha mai cambiato nome perché è semplicemente perfetto.

Riguardo Beta: l'aspetto fisico di Beta non è descritto in dettaglio, ma se uno conosce Alfa probabilmente gli verrà in mente lei. Beta è però descritta come una ventenne che da ragazzina faceva di tutto per attirare l'attenzione, fino a costruirsi la "gimmick" di ragazza alternativa, sensibile, artistica e amata da tutti. è capace di trasformarsi nello stesso animale disegnato da Alfa. Ha rifiutato il protagonista che anch'egli ne era ossessionato per i miei stessi motivi.

Queste sono le cose in comune. Nel corso della storia Beta ammetterà però di non aver mai provato le emozioni che tanto fingeva, e questo le ha sempre fatto male.

Ora, mettiamo che il libro venga pubblicato e per sentito dire Alfa lo venga a sapere. il classico "Ogni riferimento a persone esistenti o a fatti realmente accaduti è puramente casuale" basterà a salvarmi da una ipotetica questione legale?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao @Darko94 , ci piacerebbe che i nuovi utenti si presentassero in Ingresso al resto della comunità, prima di postare in altre sezioni del forum.

Circa la tua domanda, è sempre bene verificare nella lista delle discussioni che non ve ne siano altre simili preesistenti, infatti unisco questa a un'altra precedente su un argomento analogo.

 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Mirtillasmile

Ragazzi rispolvero questa discussione modificandone un poco l'impostazione iniziale.

Si possono inserire nel proprio libro nomi e fatti relativi a personaggi famosi attuali? Es. se voglio mandare i miei personaggi al concerto di Giorgia a Milano, posso citare l'evento senza problemi, magari inserendo una nota esplicativa all'inizio?

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Mirtillasmile , se non accade qualcosa di terribile durante il concerto di Giorgia a Milano, o non dici che la cantante era stonatissima, o altre cose che possano denigrarla, puoi farlo senza problemi. ;)

  • Mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 31/3/2016 alle 00:14, Niko ha detto:

Se non fai diffamazione puoi citare chiunque.

 

Mi chiedevo se omettere ogni riferimento alle persone - lasciando però inalterati i fatti e perciò riconoscibili da chi ne era a conoscenza - può essere sufficiente a tutelarle e tutelarsi; cioè, per esempio, non solo cambiare le iniziali, ma non specificare il sesso della persona... in modo che solo chi ha il codazzo di paglia possa riconoscersi, e per tutti gli altri rimanga il legittimo dubbio su chi siano i personaggi di cui parlo nel libro.

Ps. è diffamazione riportare fatti realmente accaduti, ancorché diffamanti?

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
5 minuti fa, Mathiel ha detto:

Ps. è diffamazione riportare fatti realmente accaduti, ancorché diffamanti?

Sì.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×