Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

refusi

Uomini e dei

Post raccomandati

http://www.writersdream.org/forum/topic/28147-lallegra-giostrina/

 

 

Il filo

 

che sorreggeva la spada

 

si è spezzato da tempo

 

e la lama ha reciso

 

cadendo

 

ciò che rimaneva dell’uomo.

 

Rotolando nella botte

 

si è spenta

 

la lanterna

 

che un dì cercava.

 

Tantalo piegato

 

da fame e sete

 

mai finirà di pagare

 

per colpe non commesse.

 

Prometeo riverso

 

sulle proprie viscere

 

maledice il gesto

 

e il dono del fuoco,

 

e là sopra al monte

 

fra cespugli di rovo

 

in fiamme

 

un dio immaturo

 

a ritroso medita

 

la possibile castrazione di Adamo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Intervento Staff

 

1.11. Non è consentito l’utilizzo di font diversi da quello predefinito e preimpostato; è vietato altresì l’uso di colori, maiuscolo nei titoli e nei messaggi. È consentito l’uso del corsivo, del sottolineato e del grassetto nei post, in maniera moderata.

 

 

Ho sistemato io per questa volta. La prossima volta fai attenzione, per favore.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

http://www.writersdream.org/forum/topic/28147-lallegra-giostrina/

 

 

Il filo

 

che sorreggeva la spada

 

si è spezzato da tempo

 

e la lama ha reciso

 

cadendo

 

ciò che rimaneva dell’uomo.

 

Rotolando nella botte

 

si è spenta

 

la lanterna

 

che un dì cercava.

 

Tantalo piegato

 

da fame e sete

 

mai finirà di pagare

 

per colpe non commesse.

 

Prometeo riverso

 

sulle proprie viscere

 

maledice il gesto

 

e il dono del fuoco,

 

e là sopra al monte

 

fra cespugli di rovo

 

in fiamme

 

un dio immaturo

 

a ritroso medita

 

la possibile castrazione di Adamo.

 

Mi piace questo riprendere fonti mitologiche, meno questa disposizione fatta, secondo canoni fin troppo moderni, dei versi. Secondo me da rivedere, strozza troppo. Il componimento compendia, secondo una visione a posteriori, miti che hanno come tres d'union l'intervento divino a favore degli umani. E' questo il "Filo" che tanto spicca al primo verso e che si è spezzato a causa di scelleratezze umane. Per questo gli dei che ci hanno rimesso in proprio per favorire gli umani, si pentono del loro sacrificio. Insomma, gli esseri umani non si meritano nulla, tanto da far meditare "la castrazione di Adamo". Da Prometeo passi al Dio di Mosè (non vorrei sbagliarmi) definendolo immaturo, come se la nascita degli esseri umani sia stato il gesto impulsivo di un ragazzino. Immagine molto interessante. La ribellione, che anche viene trattata, viene quasi condannata da tutto il discorso.

Hai mischiato un sacco di roba, dalla mitologia classica al cristianesimo, tuttavia risulta una poesia sufficientemente gradevole. Rivedrei abbastanza questo modo di sistemare i versi che personalmente non mi piace. Il lessico è unitario e composito. Emozioni solo nel finale ma ci sono. Poesia niente male.

 

Johnny P. approva

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite ire70

Ciao Refusi! Grandioso finale  per questa poesia: un pentimento tardivo, una soluzione ultima. Che meritiamo tutta. (L'andamento molto spezzato dei versi mi rimanda visivamente 'un filo' per questo non lo cambierei per nulla, ma se non fosse intitolata così allora  spezzerei solo un po' meno). A rileggerti presto!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

StakaNiko - Chiedo venia, grazie - In passato ho pubblicato utilizzando per i copia e incolla il font Time new Roman spero sia rimasto il medesimo, in caso contrario ti sarei grato se mi informassi sull'uso corretto.

 

Simone, grazie per il commento.

 

 

Jhonny P. Grazie anche a te per il commento e la critica. Ecco ti ringrazio an che per quel tuo accenno ad un eccessiva modernizzazione del testo, io sono un vecchietto un po' all'antica e scrivo le cose così, come mi vengono di volta in volta, a seconda di quello che mi frulla in testa, il fatto di essere considerato moderno decisamente è consolatorio. Grazie.

 

 

Ciao Irene, mi ha fatto un immenso piacere leggere il tuo commento, era un po' che non ci si incontrava da queste parti e da tempo per quanto sia stato poco presente e per quanto cercassi, non mi è riuscito di leggere un tuo scritto, peccato. Sono poco presente perché non sono bravo a commentare e per questa ragione sono poche le poesie che potrebbero fornirmi la possibilità di un commento "intelligente" quindi evito anche se avrei parecchia cosucce da pubblicare. Ciao e grazie ancora, spero di poter leggere qualche cosa di tuo da poter commentare  :)

Grazie per le tue parole e per quanto riguarda la frammentazione, come detto sopra, mi è venuta così e non mi dispiaceva quindi non ci ho più messo mano per evitare danni. Ciao alla prossima, prima o poi ci sarà una prossima  :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Jhonny P. Grazie anche a te per il commento e la critica. Ecco ti ringrazio an che per quel tuo accenno ad un eccessiva modernizzazione del testo, io sono un vecchietto un po' all'antica e scrivo le cose così, come mi vengono di volta in volta, a seconda di quello che mi frulla in testa, il fatto di essere considerato moderno decisamente è consolatorio. Grazie.

 

Aspetta a dirlo  :asd: . Io intendevo che la disposizione dei versi ha un che di moderno, forse troppo moderno. Il resto è evidentemente nel tuo stile. Direi che magari è questo a stonare. Per il resto, come ho già detto, la poesia è apprezzabilissima.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Questa discussione è chiusa.

×