Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Post raccomandati

Anzi, perché non date una possibilità a queste due case editrici, contattandole e chiedendo loro di rendere facoltativa questa pratica?
Fra l'altro, nel caso specifico della Diamond, mi pare che ci sia una dichiarazione esplicita di contrarietà all'editoria a pagamento, contrarietà che, ripeto, a me sembra rispettata, tanto che credo proprio invierò loro un mio manoscritto.
Vabbé, passo e chiudo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Signor Ford

No guarda, Ayame, che ho sentito poc'anzi, ha solo replicato il fatto che stiamo parlando di diversi anni fa, e che da alcuni anni il suo orientamento è semplice: che sia 1 centesimo o sia 1 milione di euro, se te li chiedono per pubblicare di EAP si tratta. Davvero ophelia, sembra che siamo io e te a dire e fare. Ma in realtà io modero e applico quello che il regolamento mi dice. dura Lex Sed Lex, come diciamo da secoli il WD è per tutti e ha delle linee chiare sulla sua gestione, ma non tutti sono per il WD. Per cui, se non sei d'accordo, non ci posso fare nulla. Per mio parere personale, l'importo non cambia la percezione che un autore debba pagare per essere reclutato/assunto/pubblicato. Se lo deve fare, si tratta di editoria a pagamento.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Signor Ford

E ti dirò di più: pensa che ho appena saputo di un editore non solo non chiede di comprare dal suo catalogo, ma adesso se gli mandi un manoscritto in valutazione, ti regala un ebook. Guarda un po' la differenza di punti di vista. E invece chiediamo di comprare un libro per essere valutati? Credo che la prospettiva cambi: i libri vanno comprati da lettori su loro libero arbitrio, non da aspiranti scrittori che sperano di diventare a loro volta autori.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

E ti dirò di più: pensa che ho appena saputo di un editore non solo non chiede di comprare dal suo catalogo, ma adesso se gli mandi un manoscritto in valutazione, ti regala un ebook. Guarda un po' la differenza di punti di vista. E invece chiediamo di comprare un libro per essere valutati? Credo che la prospettiva cambi: i libri vanno comprati da lettori su loro libero arbitrio, non da aspiranti scrittori che sperano di diventare a loro volta autori.

pregevole iniziativa! si può sapere CE anche in mess privato?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunitày. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×