Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Rox027

Documenti falsi, dove trovarli

Post raccomandati

Spero non ci siano altre discussioni in merito, io non le ho trovate, in caso contrario fustigatemi pure.

 

Se io un personaggio di un mio racconto, una persona normale, con vita normale, amici normali, animali normali, avesse bisogno di passaporto e carte di credito false, cosa dovrebbe fare, a chi si dovrebbe rivolgere?

Si trovano falsari su internet? (no scherzo. Anzi sono seria).

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho visto, ma oltre a puzzare ovviamente di truffa dubito che permettano di passare i controlli in aeroporto e al mio personaggio quello serve...

In realtà si tratta di una parte molto, molto marginale della storia, appena accennata e forse neanche quello, ma vorrei sapere se è possibile o se devo inventarmi qualcos'altro.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Se mi trovassi in questa situazione, li ruberei a qualcuno che mi assomiglia o a cui potrei assomigliare (magari colorandomi i capelli). Alla carta d'identità poi non credo sia difficile sostituire la foto.

Una volta che hai una carta d'identità, anche in fotocopia, un codice fiscale e un indirizzo email puoi ottenere quasi tutto, in teoria. Non so quali controlli vengano fatti però. Per esempio, i conti correnti e le carte di credito le rilasciano a vista, ma non so se prima dell'attivazione definitiva controllino il numero della carta d'identità per vedere che sia valida.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Swetty!

Il mio dubbio è che ai controlli in aeroporto l'inganno venga scoperto.

Forse mi faccio troppi problemi io, visto che si tratta di un aspetto di un personaggio secondario che compare forse per mezza scena.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Se una persona "normale" ha bisogno di documenti falsi, è bene che cominci a uscire dalla "normalità", altrimenti non è credibile.

 

Per certa roba devi pescare nel torbido ma, giustamente, un comune mortale non sa neppure dove stia di casa il torbido. Quindi deve "darsi da fare", altrimenti rischi un escamotage tana-libera-tutti che farà sbellicare dalle risate chiunque (e maledirsi per aver comprato il romanzo).

 

P.S: com'è questo torbido? Non ne ho idea, ma tanto non ce l'ha neppure il lettore, quindi puoi sbizzarrirti (ma per carità evita i cliché).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Su un giornale tempo fa lessi di un truffatore che riusciva abbastanza facilmente a procurarsi documenti falsi, che però erano "veri".

Andava nei cimiteri di grandi città e si annotava le date di nascita di bambini morti che avevano pochi mesi di vita, andando indietro negli anni per il tempo che gli serviva da dichiarare come età. Poi andava nei rispettivi comuni e chiedeva un estratto di nascita di questi bambini. Con questo documento sembra che poi riuscisse a ottenere carta d'identità (ovviamente con foto del truffatore) e codice fiscale.

A un eventuale controllo i dati risultavano veri. Ora però non so se ci sia anche un controllo per sapere se i dati del propietario del documento corrispondano a qualcuno ancora in vita.

Questo truffatore  comprava materiale e stipulava rate che poi chiaramente non pagava.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Interessante. Non credo si verifichi l'esistenza in vita.  Mi chiedo dove però il truffatore  potesse richiedere la carta d'indentità: di norma è rilasciata dal comune di residenza. Ne sceglieva uno qualunque indicando un indirizzo fasullo? Mi sembra che l'anagrafe controlli la lista dei residenti all'atto della richiesta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Interessante. Non credo si verifichi l'esistenza in vita.  Mi chiedo dove però il truffatore  potesse richiedere la carta d'indentità: di norma è rilasciata dal comune di residenza. Ne sceglieva uno qualunque indicando un indirizzo fasullo? Mi sembra che l'anagrafe controlli la lista dei residenti all'atto della richiesta.

Si però se andava in una grande città poteva dire di essere in procinto di trasferirsi o  avere cambiato casa, al limite presentando un contratto d'affitto (fasullo) o altre storie che eventualmente sarebbero state comunque verificate in un secondo tempo (quando ormai il danno era fatto). Certo una cosa del genere non si può fare in un paese di mille anime ma in una metropoli, per quanto suddivisa in circoscrizioni, penso sia relativamente facile. Poi, chiaramente, occorre anche una notevole dose di faccia tosta  e spigliatezza per fare questi raggiri, nonchè fortuna.

Metti che il truffatore faccia gli occhi dolci all'impiegata dell'anagrafe... oggi molte cose si risolvono anche così, purtroppo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Interessante davvero Unius! Grazie

 Lieto di esserti stato utile. Occorre vedere bene tutti i pro e contro di questa situazione, che comunque credo accada  ancora ogni tanto. Ci vorrebbe una maggiore documentazione di riferimento, magari ricavandola da qualche atto giudiziario o denuncia relativa a falsificazioni del genere, dove sono spiegati anche i particolari specifici.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Caro Rox, provo a raccontarti una storia realmente accaduta che magari ti può essere utile. Una mia amica, trovandosi a svuotare i cassetti di un suo stretto parente morto prematuramente per un incidente, ha trovato una carta d'identità perfettamente nuova e in bianco. La persona che era mancata si occupava di armi e tiro agonistico, quindi possiamo supporre che fosse in stretto contatto con forze dell'ordine etc. e che in questo modo fosse venuta in possesso di tale documento. La mia amica, persona onesta e integerrima, ha preso la carta d'identità e l'ha fatta a pezzi. Ma se la mia amica fosse stata in qualche modo in contatto con il protagonista della tua storia... ?

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

In area Schengen viaggiando in treno e auto mi sarà capitato sì e no un paio di volte in tutti questi anni di essere fermato e/o sentirmi dire "favorisca i documenti".

Qualche volta alla frontiera con la Svizzera.

Se la storia è ambientata prima dell'avvento del passaporto con microchip e dei controlli a computer in tempo reale magari il tuo personaggio riesce a non essere sgamato. 

Attualmente una persona "normale" credo che farebbe molta fatica e dovrebbe sborsare un bel mucchio di soldi per arrivare ad avere un passaporto che gli consenta di eludere i controlli. In molti posti di controllo, inoltre, prendono la foto del viso e/o le impronte digitali e le confrontano con un archivio internazionale.

In USA e Giappone e UK ci sono chioschi automatici. Che, a volte, sono più lenti dei doganieri umani.  :asd: 

Magari puoi trarre ispirazione qui:

http://www.cbp.gov/travel/us-citizens/automated-passport-control-apc

http://www.gatwickairport.com/at-the-airport/flying-in/passport-control/

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Trovare un documento falso non è facile, soprattutto per chi vive una vita "normale", al di fuori dell'ambiente criminale.

Tieni presente che i documenti hanno caratteristiche particolari per cui, a volte e a un occhio esperto, non ci vuole molto per stabilire che è falso.

Per una carta di identità, ad esempio, ci sono almeno 4 modi per stabilirne l'autenticità: la carta, i codici numerici, i caratteri di stampa e i bolli.

Per citarne una, la carta ha al suo interno dei minuscoli filamenti colorati che con una semplice lampada UV (quella azzurra, per intenderci) risaltano in modo evidente.

Non è nemmeno possibile utilizzare una carta di identità o qualsiasi altro documento rubato perchè quando il vero titolare ne sporge denuncia esso viene inserito in una banca dati per le ricerche: un controllo informatico di pochi secondi farebbe emergere che proviene da un reato e quindi il possessore verrebbe arrestato con i conseguenti ulteriori controlli che ne derivano per stabilire la sua esatta identità.

E' possibile, come ti ha già detto Unius, utilizzare i nomi delle persone morte per richiedere l'emissione di un documento nuovo ma avrebbe vita breve visto i sistemi informatici oggi esistenti.

Il tuo personaggio potrebbe fare così: utilizzare il documento di una persona deceduta che non è stato distrutto o restituito all'ufficio emittente.

Ancora oggi, infatti, nonostante i sistemi informatici, le pubbliche amministrazioni non cancellano dagli archivi i documenti delle persone decedute e rimangono "validi" fino alla scadenza.

Per validi intendo che non sono da ricercare e per stabilire che il titolare è deceduto bisognerebbe fare esami più approfonditi che, in genere, richiedono tempo. 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Eccomi, scusate il ritardo!

Vi ringrazio tutti, mi avete dato molte idee. Non so come e se le userò, ma sono senza dubbio informazioni davvero interessanti!

Grazie ancora :flower:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×