Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Cristiano Dotto

Voglio dipingere un Quadro

Post raccomandati

http://www.writersdream.org/forum/topic/23399-perdono-sfuggente/

 

 

Voglio dipingere un Quadro

 

 

Voglio dipingere questo quadro

che è il quadro

in cui ho visto tanta gente

che è la gente

di tutte le razze

e di tutte le religioni.

Ogni ceto sociale

mi ha donato un figlio suo

il proprio emblema

affinché lo inserissi

in questo quadro.

Turnisti di notte e turisti

Uomini d’affari e barboni

Li voglio tutti dentro

questa tela della notte.

Prostitute e travestiti

Eroinomani e ladroni

Li voglio rinchiudere tutti

dentro la cornice della strada.

Voglio dipingere questo quadro

perché dentro ad esso

nascosto in un angolo buio

ho visto anche me.

 

 

Roma, maggio 1989

  • Mi piace 1
  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho trovato azzeccati solamente gli ultimi due versi "nascosto in un angolo buio, ho visto anche me", il resto mi è sembrato un po' "stantio" e ripetitivo: questo, quello, quadro, gente, notte... sono parole ripetute spesso, (a tratti "incatenate", ma senza riuscire a suggerire un qualsivoglia ritmo. Ci sono casi in cui l'anafora è un ottimo modo per dare movimento al testo, o per mettere in evidenza una parola, ma in questo caso il testo non comunica nulla, a mio parere, forse anche a causa di questa ripetitività. :umhh:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Che dire, Manua, dovresti spiegarmi cosa intendi per anafora, perché io non ho una grande conoscenza delle figure retoriche e scrivo ciò che mi passa per la testa in quel momento. In questo caso tutto ciò che mi circondava e che durante quella notte mi stava saturando gli occhi e l'anima. Poi... ogni cosa può piacere o meno, per un motivo o per l'altro. Io stesso ammetto che spesso una poesia, come un quadro, una scultura, una chiesa, mi può piacere senza nessun motivo particolare, solo per l'impressione che mi dà. Vorrà dire che la prossima volta proverò a far di meglio  :huh:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao...Sono d'accordo in parte con Manua, troppe ripetizioni inutili come per esempio "Voglio dipingere questo quadro....che è il quadro" per me suona male... Leggi com'è scorrevole "Voglio dipingere questo quadro in cui ho visto tanta gente ecc"

l'anafora è una figura retorica che prevede la ripetizione di alcune parole all'inizio di più versi o di più frasi.(Quella più famosa ,classica è: per me si va nella città dolente /per me si va nell'eterno dolore/per me si fa fra la perduta gente. Dante Canto III)

Comunque sono d'accordo anche con te Cristiano che una poesia è intoccabile, può piacere o pure no. Per me la  poesia deve trasmettere qualcosa, la tua sento che vuole trasmettere ma è come se il vero messaggio è bloccato dalle parole stesse... Ti consiglio di essere più sciolto e quando inizi a scrivere, chiediti come faccio io : CHE COSA VOGLIO TRASMETTERE AGLI  ALTRI?

in bocca a lupo

FLO

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Floriana. Il fatto è che questa poesia l'ho scritta 25 anni fa, avevo quasi 23 anni e non avevo praticamente nulla da trasmettere al mondo. Solamente, scrivevo quello che mi passava per la testa. A dire il vero ho sempre vissuto la poesia come uno scatto fotografico, una cosa fatta per me stesso, per fissare un momento, una sensazione, un'impressione, e conservare il ricordo di quell'istante. In genere, perlomeno per ciò che concerne la poesia, non "inizio a scrivere", quindi non posso chiedermi "cosa voglio trasmettere agli altri?" Quando mi arriva la cosiddetta "ispirazione" scrivo. Scrivo quello che mi passa per la testa e poi lo metto insieme a tutto quello che ho scritto in precedenza, in ordine cronologico, come una sorta di diario della mia vita. E quando vado a rileggermi una poesia scritta venticinque anni fa riesco a rivivere perfettamente il momento in cui l'ho scritta: ricordo le immagini, i suoni e spesso perfino gli odori (dicono che non tutti riescono a ricordare gli odori, per me è una cosa inebriante).

Solo da qualche anno ho iniziato a proporre le mie cose pubblicamente e solo da qualche anno ho iniziato anche a chiedermi se una determinata forma possa suonare bene o meno anche agli altri, se possa piacere quello che ho scritto. Ma non per questo, comunque, mi metto a ragionarci prima. Ribadisco che tutto ciò riguarda la poesia, perché quando scrivo un racconto o un romanzo parto proprio da un concetto che voglio "assolutamente" trasmettere agli altri.

Purtroppo, proprio perché è una cosa molto personale, la poesia non è molto apprezzata dal grande pubblico (infatti la maggior parte delle case editrici non si interessa di poesia, perché sanno che il mercato è quasi inesistente).

Per quanto riguarda quelle ripetizioni, in quel momento mi sembrava suonassero bene, che rafforzassero il concetto appena espresso, ripeto, per me. Però, giustamente, non vuol dire che debbano essere piacevoli per chiunque. Se ho iniziato a pubblicare è anche per avere dei commenti, e, si sa, non sempre le idee degli altri concordano con le nostre, ma va bene così e sono tutte gocce di esperienza che vanno a riempire il mare della vita.

A presto ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non dirlo a me, ho quasi 300 poesie in un raccoglitore a far muffa! Anch'io avevo iniziato a scrivere poesie per solo immortalare un immagine, un affetto, un dolore ecct ...E poi è arrivata una "chiamata" ed ora scrivo racconti , romanzi ma PURTROPPO molto meno poesia. Però son d'accordo con te, la poesia è intoccabile, è lo specchio immortale di un poeta. buona giornata

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

non c'e'bisogno di scrivere una poesia sul voler dipingere un quadro. Quando scrivi una poesia tu dipingi un quadro e la tela sta nella testa del lettore. Premesso questo la poesia non mi e'piaciuta. Invece di scrivere "voglio dipingere un quadro" e'molto piu'evocativo a mio avviso descrivere semplicemente un'immagine con poche parole scelte bene il resto lo fa la mente del lettore.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Cristiano :-)

Hai sempre molto coraggio a trattare temi così importanti, perché come sappiamo sono tanto abusati. Tu li affronti in maniera semplice e rischiosa, proprio perché la semplicità associata ad un tema logoro, vaporizza l'originalità. il tuo componimento è al limite di questo rischio e forse l'avrebbe sorpassato se non fosse stato per la chiusa, che nonostante sia anche'essa un po' scontata come idea, si rivela una bella sorpresa, come un simpatico, inaspettato ospite ravviva una serata poco divertente. C'è chi si impegna molto per ottenere questi effetti con la chiusa ed è davvero difficile.

Quindi complimenti.

A rileggerci :-)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Simoanila. Coerente come sempre nel dare un parere oggettivo e ponderato.

Per il resto, è un'impressione mia oppure, come si dice da noi "Ciò che fa il gallo, fa anche la gallina?"

E di conseguenza "tutto il pollaio?"

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho avuto come l'impressione, non solo in questo caso, ma in varie discussioni, che si tenda, nel commentare, a subire l'influenza dei commenti precedenti e ad accodarsi, se così si può dire, nell'apprezzamento o meno di una poesia. Perciò, se il primo commento è positivo, la tendenza generale dei seguenti è la medesima, e così vale anche nel caso contrario.

L'ho notato solo io?

O forse è solo una mia impressione?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Cristiano; -)

è un argomento che ho a cuore quest sai? Io non ho avuto la tua impressione, anzi; spesso ricevo commenti molto discordanti tra loro ai miei post. Comunque io per non sbagliare non leggo mai gli altri commenti prima di fare il mio, ho il terrore puro di essere condizionato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Cristiano perdonami ma ti e'tanto difficile pensare che forse se tutti scrivono che la tua poesia non sia il massimo diciamo.... magari e'vero? l'hai detto anche tu, questa poesia l'hai scritta in un momento in cui avevi poco da dare e cio'e'vero e si sente. Invece di postare vecchi lavori acerbi, posta quelli nuovi sicuramente saranno migliori e molto piu'interessanti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sinceramente io non mi stavo riferendo a questa poesia in particolare, infatti ho affermato di aver notato in giro molte poesie in cui i post seguono tutti la linea del primo commento, in positivo quanto in negativo. Poi, Cagliostro, io non ho detto che questa poesia fosse acerba perché non avevo nulla da dare, infatti una poesia non deve per forza dare qualcosa. E di cose recenti ne ho anche postate, ma evidentemente tu preferisci commentare solo le cose che non ti sono piaciute, infatti di tuoi commenti positivi, anche nelle altrui poesie, non ne ho notati (magari li hai postati nelle poche poesie che non ho letto). Così come non ho letto tue poesie su questo forum. Mi stavo infatti chiedendo se la poesia ti interessi veramente...  :umhh:

Non prendertela per questa considerazione, solo mi piacerebbe capire...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

certo che mi interessa, ne scrivo e ne ho scritte ma prima di postare qualcosa penso sempre che visto che di spazzatura ce n'e'tanta in giro invece di incrementare il mare di robaccia, preferisco pensarci 10000 volte piuttosto che postare roba scritta 20 anni fa' quando non avevo di meglio da fare.sbaglio?

ps Cristiano impara a leggere...se leggi bene il mio commento, puoi notare che io ho affermato che la tua poesia e'acerba, e sono stato gentile visto che e' solo un minestrone di luoghi comuni. Impara ad accettare le critiche.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

ragazzi, non sono un moderatore, però vi ricordo, da semplice utente, che in questo spazio si commentano le poesie, se avete qualcosa da chiarire o volete semplicemente discutere potete farlo tramite MP, messaggi personali... non è consentito iniziare discussioni quindi Cagliostro e Cristiano evitate di punzecchiarvi qui sopra, grazie. Un saluto e fate i bravi 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Njagan

Consiglio a entrambi di moderare i termini partendo dal presupposto che il lettore può esprimere il suo parere, e farlo in modi civili così come da regolamento e dal comune buon senso, e l'autore è tenuto a accettare le critiche non mettendo in dubbio la sincerità di chi si ferma a leggere.

Questo è un intervento di moderazione che richiede di tornare IT. Al prossimo messaggio non inerente alla poesia verrà assegnato un richiamo al suo autore.

Ricordo anche che, per quanto sia apprezzato l'intervento degli utenti all'interno dei topic, esiste il centro segnalazioni per allertare lo staff.

Grazie per l'attenzione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non per interferire, ma trovo che l'idea non sia male, peccato sia rimasta solo un idea.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Per quanto riguarda questa poesia, che ho postato anche in altri forum, sinceramente non l'ho mai sentita definire spazzatura o altro, come è stata definita da Cagliostro, anzi, ha sempre ricevuto commenti positivi, motivo per cui l'ho postata anche qui, come tante altre, per farla leggere ed eventualmente avere dei commenti. Ci sono stati vari commenti, civili, a cui civilmente ho risposto e con cui civilmente mi sono confrontato, spiegando il modo in cui è stata scritta questa poesia, e il mio modo di vedere e intendere lo scrivere. Ovviamente, come penso a chiunque, non amo che qualcuno stronchi un mio scritto così, a prescindere, perché non gli piace il titolo o una frase o una serie di immagini. Ma non per questo offendo la gente o quello che fa. Ho posto, sempre civilmente, un quesito a Cagliostro, e l'ho specificato che non era per polemizzare, ma solo per avere dei chiarimenti. Ma se la risposta è un insulto, allora non credo di aver più nulla da spartire con Cagliostro: io sono per il confronto, non per l'affronto.  ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Cristiano, c'è già stato un intervento di moderazione volto a interrompere la polemica fra te e Cagliostro, e questo doveva bastare.

Questo è il secondo, che spero vivamente sia sufficiente.

Al terzo ti avverto, scatta il richiamo.

  • Mi piace 1
  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Questa discussione è chiusa.

×