Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

papavero

[Editor] Franco Forte

Post raccomandati

Non è sbagliato come suggerimento. Anch'io, nel dubbio, non mi sono fermato al lavoro svolto con Franco Forte, perché ho preferito sentire almeno un altro giudizio. Quanto ho fatto con Forte però, lo ribadisco, va oltre il singolo romanzo che gli ho affidato, perché mi ha dato delle armi tecniche in più, che prima non avevo, non conoscendole. Per un giudizio sono d'accordo con Nuwanda, non è male sentire più pareri, prima di decidere cosa fare. L'unica cosa che mi sentirei di aggiungere è che non bisogna però esagerare, perché troppi giudizi alla fine possono anche confondere, specie se non sono uniformi tra loro.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Nuwanda Guarda, fermo restando che Delos ha acquistato solo i diritti in ebook, lasciando liberi quelli sul cartaceo, direi che mi ha tolto le parole di bocca. Sto infatti valutando altre agenzie o CE a cui inviare il romanzo, specificando che è già stato editato e che una CE ne ha già acquistato i diritti in ebook. Magari queste informazioni lo fanno partire avvantaggiato, non so. Vedremo. Non credo siano queste cose a fare la differenza, comunque, ma tentare non nuoce. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Spiderlamb Sono d'accordo. Al di là del romanzo editato, ora so come scrivere "bene" fin dalla prima pagina e per le prossime volte. E devo ammettere che certi errori, sviste, passaggi poco chiari, errori di punto di vista, non sarei mai riuscito a coglierli se non attraverso questo editing.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Per chi ha già avuto modo di lavorare con Forte: chiamereste il suo editing vero e proprio? Perché da qualche esperienza letta nella discussione, ho avuto la sensazione che si tratti di una correzione bozze arricchita da un incontro durante il quale espone un tot di tecniche narrative. Ho tratto conclusioni errate? Mi interessa saperlo perché potrebbe essere una possibile strada da seguire, quella di un editing di Forte. Però ci tengo a capire se si tratti davvero di editing, perché a certe cifre mi aspetto quello.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 26/9/2016 alle 11:13, alex_gir ha detto:

avevo scritto in privato a beppe. io sono certo che forte sia un ottimo editor, quello che non condivido è il metodo. cioè lui si pone come se fosse una scuola di scrittura. non legge il testo prima. questo è basilare. secondo me noi aspiranti scrittori vorremmo che qualcuno leggesse il nostro testo e dicesse "secondo me è pubblicabile da una Ce free" non "io lavoro sullo scrittore". solo così sono disposto a spendere dei soldi per l'editing. io per lo meno ho trovato un editor così. ha letto prima il testo, interamente, a gratis. poi abbiamo deciso cosa fare. il suo editing è stato pazzesco, come quello di forte, il libro è cambiato radicalmente e anche la scrittura. adesso a giorni andrà in lettura da alcune ce importanti. senza nessuna garanzia di essere pubblicato, sia chiaro, però ci va. a me di forte poi non convinceva che presentasse il libro alla sua ce, francamente semisconosciuta, e per di più in ebook, che è un po la figlia bastarda dell'editoria cartacea. tutto qui. ma che con forte si migliori ne sono certo.

Ciao Alex_gir sono interessata anch'io a conoscere il recapito del tuo editor. Grazie :-)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, EvaF ha detto:

Ciao Alex_gir sono interessata anch'io a conoscere il recapito del tuo editor. Grazie :-)

Guarda Eva, digita su Google Franco Forte e troverai la sua pagina professionale dove troverai tutto, anche il recapito. Tieni presente che non sempre accetta di revisionare i lavori che gli sottopongono.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao @EvaF , ho visto che hai già inserito tre interventi sul forum, ma senza esserti prima presentata alla comunità.

Il nostro Regolamento consiglia di farlo, per cui ti attendiamo in Ingresso (qui il link) per poterti dare il benvenuto ufficiale. ;)

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sì, @EvaF , in Ingresso devi cliccare sul pulsante rettangolare rosso con su scritto "Nuova discussione". :)

Se hai qualche difficoltà puoi contattarmi in privato, così consentiamo agli utenti di questo topic di proseguire con le testimonianze.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

conobbi franco nel lontano 2004, e partecipai a un suo corso di scrittura nel 2005 (rimanemmo chiusi in un agriturismo per una settimana, tipo grande fratello :P ).

per me fu un'esperienza illuminante, da cui nacque il mio primo romanzo che fu pubblicato da un editore piccino piccino senza alcuna distribuzione, e nonostante questo divenne un piccolo caso letterario da oltre 1500 copie vendute, con tanto di contratto di opzione da parte di una nota casa di produzione cinematografica (dopo un anno e mezzo il progetto naufragò, ma questa è un'altra storia...).

questo per dire che senza il corso, probabilmente quel romanzo non sarebbe nato, e io non avrei avuto una breve ma intensa carriera di pseudo scrittore.

con franco scrissi poi un manuale sui concorsi letterari, la cui tiratura di 1000 copie andò esaurita in circa un anno.

a mio parere franco è un editor eccellente, un vero professionista in un mondo in cui tanti si improvvisano editor senza conoscere le tecniche di scrittura... poi, è ovvio, non conosco i prezzi attuali, e ognuno fa i conti con il proprio portafogli.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 25/9/2016 alle 23:25, Beppecoraggio ha scritto:

@Boyle22 Franco Forte ha fatto un lavoro certosino sul mio testo e mi ha spiegato che il suo modus operandi consta di tre passaggi: una prima lettura totale per farsi un'idea, una seconda e ben più approfondita con cui sviscerare testo, contenuti, tecnica, punti di forza e debolezze e infine una terza dedicata a ortografia e grammatica. Mi ha restituito il manoscritto con tutte le correzioni, i suggerimenti, le modifiche e un vademecum delle tecniche da utilizzare, con richiami alle pagine in cui queste tecniche sono state usate (inconsapevolmente) talvolta bene o male, per capirne la differenza. 

Mi ha preso in carico a maggio e ha terminato tutto una settimana fa, quindi quasi cinque mesi ma considera che c'è agosto di mezzo.  

 

@Cerusico La mia esperienza con Franco Forte risale ad alcuni anni fa e rispecchia in gran parte quanto si è detto in questo filone di discussione, in particolare questo intervento di @Beppecoraggio, che riprendo qui per comodità. Ma, appunto, questo lavoro non può definirsi "editing", tutt'al più una revisione approfondita e professionale (per quanto, visti i costi, mi sarei aspettato un ufficio, anziché un bar come luogo della riunione e delle note a margine ben leggibili, anziché scritte in corsivo...).

L'editing è un lavoro di tipo diverso e dovrebbe iniziare subito dopo questa prima ricognizione, sia pure puntuale e prodiga di spunti su tecniche di scrittura di cui fare tesoro anche oltre l'esperienza della revisione. L'editing, dicevo, comporta un dialogo fra lo scrittore e l'editor, che suggerisce e indirizza, o, in certi casi, risolve in prima persona i punti critici, sciogliendo le catene che impedivano al testo di prendere quota. Si tratta di un lavoro che procede passo a passo fra editor e scrittore, in certi casi concordando delle scelte, in altri agendo forse in modo più categorico, ma sempre attivo. Per questo motivo l'editing comporta, inoltre, un rapporto personale, perché bisogna fare squadra, ciascuno dei due è coinvolto. Non a caso gli scrittori affermati hanno un loro editor di riferimento, con cui vanno più d'accordo eccetera.

Franco Forte non fa niente di tutto ciò. Si ferma alla revisione. Semmai rilegge e rivede, a distanza. Punto. Dire, come avete scritto voi in altri interventi: io ti do lo solo lo spunto, ma poi lo fai tu, sennò il testo diventa mio e non più tuo è troppo comodo e, nel migliore dei casi, un ragionamento che definirei più da scrittore che da editor, appunto. Però poi chiede compensi pari a un editing... è un libero mercato, ciascuno chiede le cifre che vuole, d'accordo, ma a me questo non sta bene. All'epoca mi rivolsi a lui, in parte anche condizionato da quanto avevo letto su questo Forum, ma forse senza tutti questi dettagli, oppure ho letto con superficialità io. Non ricordo. Non voglio, ora, recriminare, ma, almeno, adesso che ho chiara la distinzione fra le due cose, facciamo chiarezza.

Se vi rivolgete a Franco Forte non otterrete un editing. Il fatto che altri editor professionisti operino in maniera simile vuol dire solo che, a fianco all'editing vero e proprio, offrono anche quest'altro tipo di servizio, che, in realtà, preluderebbe poi all'editing stesso. Che poi uno l'editing sia in grado di farselo da solo dopo una lunga chiacchierata con Forte non è cosa da escludere, ma credo limitata a pochi casi sporadici. Dopo la revisione di Forte e la vostra riscrittura consapevole dei suoi preziosi rilievi, probabilmente il testo necessiterà comunque di un editing (se volete affrontare un editore che non sia Delos). Non so se lui offra anche questo tipo di servizio, ma mi pare di aver capito che, dal suo punto di vista, sia più redditizio effettuare queste revisioni, cui si può dedicare nei ritagli di tempo e comunque "a senso unico", da professionista a dilettante, senza un vero e proprio scambio, che non accollarsi l'editing di un romanzo che, per quanto possa poi arrivare con lui a un prezzo più elevato, gli risulterebbe molto più oneroso. Proprio perché più coinvolgente, sul piano personale.

 

  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 9/2/2017 alle 23:19, Beppecoraggio ha scritto:

Eccovi un aggiornamento fresco di giornata:

dunque ho inviato il romanzo terminato a Franco Forte. Mi ha risposto dopo due giorni, scrivendomi che l'ha fatto valutare da tre esterni (non so chi) e il giudizio è stato più o meno unanime: positivo, nel senso che si tratta di un buon libro che però, visto l'argomento trattato (ahimè, lo sapevo comunque) non può trovare molto spazio nelle librerie. Mi è stato proposto quindi un contratto con Delos. Altro non so, perché ancora Forte deve inviarmi i dettagli della proposta, ma credo sia quella standard. La cosa positiva è che non chiede soldi per una seconda valutazione e devo riconoscere che la risposta è stata quella che mi aspettavo, in quanto sapevo benissimo che certi temi affrontati, avrebbero penalizzato il libro. Tuttavia ho in cantiere il suo seguito e con quello cercherò di non fare errori. Sono felice di aver imparato certe tecniche e conoscenze che posso mettere in pratica fin da subito, e che in certi casi fanno la differenza. 

 

@Beppecoraggio scusa, Beppe, ma questa mi sembra un po' una panzana... dopo tutto questo lavoro a un dato momento salta fuori che l'opera non troverebbe molto spazio nelle librerie per via dell'argomento... chi lo stabilisce? Franco Forte e i tre Saggi interpellati? Se l'argomento è così invalidante, poi, perché non dirlo subito? Magari l'esperienza ti sarà stata utile a maturare come scrittore, ma visto che prima di scrittore sei cliente, magari non a tutti va di ricevere lezioni di scrittura su un testo destinato a non vedere la luce in libreria!

Quanto poi al fatto che pubblicare in ebook per Delos ti dia lustro o ti possa aprire delle porte, come scrivi altrove, sono scettico ma facci sapere.. in questo campo c'è sempre da imparare.

 

A me pare che non esistano argomenti che precludano una tiratura o uno sbocco in libreria di per sé, ma dipenda poi da come vengano trattati, anche se è vero che alcuni possono risultare più ostici di altri. Ne so qualcosa. Comunque, dato che hai scritto tanto, vorresti metterci a conoscenza anche dell'argomento del tuo libro, a questo punto? Grazie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, johnnycombat ha scritto:

 

@Beppecoraggio scusa, Beppe, ma questa mi sembra un po' una panzana... dopo tutto questo lavoro a un dato momento salta fuori che l'opera non troverebbe molto spazio nelle librerie per via dell'argomento... chi lo stabilisce? Franco Forte e i tre Saggi interpellati? Se l'argomento è così invalidante, poi, perché non dirlo subito? Magari l'esperienza ti sarà stata utile a maturare come scrittore, ma visto che prima di scrittore sei cliente, magari non a tutti va di ricevere lezioni di scrittura su un testo destinato a non vedere la luce in libreria!

Quanto poi al fatto che pubblicare in ebook per Delos ti dia lustro o ti possa aprire delle porte, come scrivi altrove, sono scettico ma facci sapere.. in questo campo c'è sempre da imparare.

 

A me pare che non esistano argomenti che precludano una tiratura o uno sbocco in libreria di per sé, ma dipenda poi da come vengano trattati, anche se è vero che alcuni possono risultare più ostici di altri. Ne so qualcosa. Comunque, dato che hai scritto tanto, vorresti metterci a conoscenza anche dell'argomento del tuo libro, a questo punto? Grazie.

 

Ciao Johnny, visto che il mio post è abbastanza vecchiotto, a distanza di più di due anni riporto l'aggiornamento più attuale, sia in fatto di editing che di Delos, e ci tengo a chiarire che sto parlando di esperienze a livello personale, riferibili quindi solo a me stesso:

 

1) Sì, l'editing per me è stato utile. Nel mio caso non mi sento di parlare di banale revisione o correzione di bozze, in quanto ho avuto scambi di pareri e opinioni con Franco nei mesi successivi, al punto che il mio testo è stato totalmente rivoltato fino a diventare un'altra cosa.

 

2) Ritengo che tra gli editori digitali Delos sia uno di quelli più importanti, in quanto il romanzo riferito al mio post del 2017, dopo essere stato pubblicato in ebook e aver vissuto due anni sotto il marchio Delos, a maggio scorso è stato acquistato da Newton Compton, che lo pubblicherà (cartaceo e digitale) nel febbraio 2020. Stessa cosa con il secondo ebook Delos Digital (uscito nel 2018), che a novembre scorso è stato pubblicato in cartaceo da Weird Book, il quale a sua volta ha "attinto" da Delos. Tutto questo è accaduto senza che io abbia fatto alcunché, tranne ovviamente una forte attività di promozione dei miei libri.

 

3) Sono d'accordo con te sul dubbio che il mio romanzo non fosse adatto alle librerie. Come è facile intuire, Franco "tira l'acqua al suo mulino", ed essendo proprietario di una CE digitale, ha spinto verso quella direzione. Newton Compton poi ha infatti dimostrato il contrario. 

 

4) Tornando sull'editing: il mio nuovo lavoro di editing sul testo attuale che adesso uscirà con Newton (seguito quindi da un loro editor interno) si è rivelato poca cosa in quanto, a detta loro, il testo era già di buon livello, e questo conferma l'efficacia del primo editing con Franco. Ti assicuro che la mia editor in Newton è considerata una delle migliori in Italia, quindi non posso che fidarmi. 

 

Questo al momento è quanto posso riportare della mia esperienza editing e Delos Digital.

Spero sia utile. 

 

 

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
11 ore fa, johnnycombat ha scritto:

@Beppecoraggio grazie per il contributo.

Mancano ancora indicazioni sul genere e tipo di scrittura, però.

Non vuoi soddisfare la mia curiosità? Vorrei sapere a che livello vola uno che ce l'ha fatta ;)


Prima di tutto buon anno!!!

 

 Venendo a noi: il mio romanzo è un thriller e quando scrissi che trattava un argomento particolare, tale forse da precludermi le librerie, in realtà intendevo una cosa diversa. 
 

Intendevo che ci sono scene di violenza piuttosto cruda, che magari avrebbero penalizzato il testo. Inoltre, siccome segue la scia di un filone cinematografico che i più hanno definito horror (anche se non lo è), e l’horror in Italia non funziona, avevo fatto due più due e dato ragione a Franco.

 

 In realtà, ripeto, si tratta di un thriller d’azione, adrenalinico, che in due anni di Delos ha ricevuto un ottimo riscontro dal pubblico, sia come giudizi che come recensioni su siti, blog e store on linee.

 

 Spero di aver soddisfatto la curiosità 😉.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×