Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Talete

Appiattire il seno

Post raccomandati

So che è un quesito strano, ma non disponendo di un seno sono costretto a chiedere.

Il mio personaggio è costretto ad usare una pettorina rigida e attillata fatta per gli uomini, l'unico problema è che il mio personaggio è una donna.

Ora so che si può fasciare per nasconderlo, ma, e qui vengono le mie perplessità, è fastidioso? Fa male? Può limitare in qualche modo i movimenti? Quanto tempo lo si può tenere fasciato prima che dia problemi, ammesso che ne dia?

Altro cosa che mi stavo chiedendo è quanto lo si può appiattire? Insomma una seconda può arrivare a occupare lo spazio di un pettorale maschile? Questo tenendo conto che il pettorale in questione si troverebbe su un torso di dimensioni paragonabili a quelli dove si trova il seno. Credo di sì, ma già che ci sono preferisco andare sul sicuro.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Lem Mac Lem

Una seconda fasciata stretta diventa piatta come un'asse da bucato e non fa male. Il fastidio sparisce appena la ragazza si abitua, e se ha buone ragioni per fasciarsi, si abitua per forza; teoricamente se lo può tenere 24h, problemi non ne da (forse arrossamenti e irritazioni della pelle).

Hai presente Mulan del film Disney? Ecco, la fisionomia sarebbe all'incirca quella, sono stati abbastanza realistici: ragazza non certo maggiorata che si fascia stretta. Occorre vederla seminuda per capire che è una donna.

Se fosse una quinta non ci riuscirebbe, il seno si vedrebbe comunque, ma una seconda, se la fai fasciare e eviti magliettine attillate, è meno imponente del pettorale di un tizio che fa palestra.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Lem ti ha già risposto esaurientemente. Aggiungo solo un ulteriore esempio: Mulan va bene, ma qualcuno potrebbe contestare il fatto che si tratta di un (bellissimo :ohh:) cartone animato e non di attori in carne ed ossa. Un esempio più realistico potrebbe essere Shakespeare in Love in cui Viola De Lesseps (Gwyneth Paltrow) appunto si fascia il seno per travestirsi da maschio ed entrare così nella compagnia di attori di William: come Mulan, anche lei non ha una taglia spropositata che possa dare problemi e, fatto notevole per la nostra discussione, il travestimento rimane efficace anche per lo spettatore, cioè con fasciatura e un vestito non attillatissimo, la Paltrow sembra quasi davvero un ragazzino. Un altro travestimento famoso sta ne La Papessa: lì il personaggio però è aiutato dal fatto che gli abiti religiosi sono piuttosto ampi e larghi.

 

Un problema ulteriore cui dovresti pensare invece secondo me è la corporatura (e la barba e la voce). Ora, Mulan e Viola evitano il problema poiché passano per ragazzini (la prima come Ping, giovane figlio di Fa Zhou, la seconda come Thomas Kent, nipote della balia): questo giustifica sia la mancanza di barba sia la corporatura non ancora mascolina sia una voce ancora piuttosto acuta; il confronto tra Viola e il personaggio di Sam inoltre ci aiuta: come Viola si traveste da uomo infatti, Sam (dovendo recitare la parte di Giulietta) si traveste da donna: essendo ancora molto giovane, infatti, non ha la barba, ha una voce alta e ha una corporatura più esile rispetto agli uomini adulti.

 

Visti questi esempi insomma, la tua storia apparirebbe più verosimile insomma se il tuo personaggio si facesse passare comunque per un uomo ancora molto giovane. Il seno è il problema minimo, anzi: il pericolo di essere scoperti ogni qual volta ci si denuda parzialmente, potrebbe essere un vantaggio, ti darebbe facili momenti di vivace tensione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Lem Mac Lem

Uh giusto, Shakspeare in love, e dire che l'ho adorato quel film :ohh:

Comunque se la ragazza è carina appunto il problema è fingersi ragazzino, ma se comincia a non essere un musetto da baci, direi che se non si trucca, si fa un taglio di capelli maschile, e magari si inzozza un po' (dipende dal contesto sociale), può tranquillamente passare per un uomo che si rade.

Per la voce, stessa cosa. Una mia docente all'università era androgina per scelta, e occorreva controllare il nome per capire che era una donna. In completo doppiopetto, senza reggiseno - non era molto prosperosa di suo - e con i capelli con un taglio molto mascolino, dalla voce non si capiva. Lei evitava i falsetti e le risatine 'femminili', e probabilmente si era educata a tenere una tonalità il meno acuta possibile, e sembrava un uomo con una voce lievemente (ma proprio poco) più acuta del normale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Assegna al tuo personaggio una voce piuttosto profonda, da contralto "spinto" per intenderci. Ce l'ho di natura e, fin da ragazzina, al telefono vengo spesso scambiata per un maschietto! :asd: Ho però un aspetto "gentile", il travestimento avrebbe richiesto almeno la barba finta...

Modificato da sefora

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie per i consigli ragazzi, siete fantastici :ohh: Nessun problema di dolore, movimenti, tempo di utilizzo e respirazione? Perfetto. Sullo spacciarsi per un uomo il problema non sarebbe più di tanto il volto che rimarrebbe coperto, quanto per la voce, ma credo che allenandosi si potrebbe ovviare al problema, il tutto partendo da una voce abbastanza "neutra".

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Per la voce dipende anche dalla lingua che parlano. Alcune sono tendenzialmente più acute. Per esempio la voce di Hoffman in Tootsie appare credibile nella versione inglese, parodistica in quella italiana.

Sarà anche colpa del doppiatore, ma la mia impressione è che in inglese sia più difficile che in italiano distinguere le voci maschili da quelle femminili.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sarà anche che lui è Dustin Hoffman, e il doppiatore no?

Un film dove si vede bene il problema della voce è Victor Victoria. E anche quello del pomo d'Adamo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Giusto il pomo d'Adamo è un bel problema.

La voce invece si può modificare con esercizio e attenzione. In pratica con sforzi muscolari si tiene bassa la laringe scurendo la voce. Cantanti attori e imitatori ci riescono bene in genere.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite amleta

Credo che tu abbia bisogno di dati che vengono direttamente da questa esperienza fatta in prima persona. Ok, allora ti dico questo. Puoi appiattire anche una terza e una quarta. Si può usare anche una semplice panciera di quelle che vendono in farmacia. Non è vero che ci si abitua, anzi, e sai perchè? nessuno degli altri ti ha potuto dire che portare una cosa del genere che stringe, sotto le ascelle e sulla pancia, crea delle infiammazioni. Non è per nulla piacevole quindi. Se lo si fa è solo perchè ( come credo che abbia scelto il tuo personaggio) si odia la propria femminilità e si vuole cancellare del tutto questo segno che la caratterizza. Ricorda inoltre che non si può dormire con questa fascia messa perchè viene difficile respirare e quindi se una ragazza dovesse finire a letto con qualcuno non potrebbe dormire. Spero che la mia esperienza ti sia di aiuto. Inoltre si devono avere due fasce, come ricambio quando sudi e si sporca, specie d'estate. Questo è un altro particolare che nessuno ti poteva dire. 

Se vuoi altri particolari chiedi pure. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie mille, interessante la parte del sudore che immagino faccia aumentare le irritazioni, quindi mi chiedo, facendo attività fisica e quindi sudando per quante ore si può tenere una fasciatura prima che diventi insopportabile e si sia costretti a cambiarla?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×